Archivi della categoria: Senza categoria

POLITICA-STRUTTURA E SOCIALIZZAZIONE DELLE PERDITE

di Alessandro Pascale e Roberto Sidoli

 

Nel capitalismo di Stato contemporaneo assume ormai un ruolo sempre più importante la praxis e la regola antiliberista della privatizzazione dei profitti e della socializzazione delle perdite a favore dei grandi monopoli privati. Si tratta di un segmento della sfera politica borghese nella quale emerge con particolar evidenza, a partire dal 1929, la funzione concreta assai rilevante svolta da quest’ultima in qualità di “espressione concentrata dell’economia” (Lenin, 1921) e della politica-struttura, intesa come l’insieme delle azioni materiali degli apparati statali che modificano e influenzano in prima persona, in modo più o meno costante e con effetti sensibili, proprio il processo di produzione delle variegate formazioni economico-sociali di matrice capitalista.

A tal proposito l’inizio del 2020 ha mostrato una vera e propria orgia di aiuti statali e parastatali (quali le banche centrali degli USA, dell’Europa e del Giappone) a favore delle grandi imprese private, dei “too big to fail” delle metropoli imperialistiche, demolendo e ridicolizzando – come durante la gravissima crisi economica e finanziaria del 2007-2009 – per l’ennesima volta la logora favoletta relativa alle presunte virtù taumaturgiche del libero mercato e della sua presunta “mano invisibile”. Molto visibile e concreta, viceversa, si è rilevata la “mano” e la pratica politico-economica dell’amministrazione Trump, a favore della finanza e dei grandi trust statunitensi.

 

– NEGLI USA

 

Secondo Fabio Scacciavillani, professore di economia e commercio alla Luiss di Roma, il ruolo della banca centrale negli USA è di «garantire i profitti della Borsa», piuttosto che di «assicurare la stabilità dei prezzi». Scrivendo il 15 aprile segnala l’immissione nei mercati di circa 1,6 trilioni di dollari fino a quella data, una cifra destinata a raggiungere e probabilmente superare i 2 trilioni. La parte più furba della borghesia ne ha approfittato per inserire una serie di obbligazioni spazzatura per alleviare i propri conti. In pratica la Fed partecipa al salvataggio delle aziende in crisi con denaro pubblico. Quanto era stato preconizzato in maniera celata qualche settimana prima, candidamente perfino in un sito come Wallstreet.it («l’impressione è che è più probabile che, messi alle strette dalla situazione di breve, politici e banchieri centrali facciano troppo, piuttosto che troppo poco»)[1], diventa così realtà empirica. Altro che impedire che le piccole aziende chiudano… Si è parlato del «più grande bailout della storia». Per Scacciavillani «è il vecchio schema di privatizzazione dei profitti e socializzazione delle perdite», di cui approfittano in particolar modo le compagnie petrolifere, già favorite da una «politica monetaria dissennata» tesa a garantire «l’indipendenza energetica americana».[2]

Nel calderone dei regali di Stato non potevano infatti non rientrare le big companies del petrolio. Ha aperto le danze la richiesta pubblica fatta alla CNN da Mike Sommers, CEO della più grande lobby americana del settore, la American Petroleum Institute. Sommers ha auspicato che anche le industrie dell’Oil & Gas «abbiano accesso alla liquidità di cui hanno bisogno per sopravvivere alla crisi». Trump non si è tirato indietro, terrorizzato dai dati che parlano di 533 compagnie che rischiano di fallire di qui ad un anno. Il Segretario dell’Energia Dan Brouillette e il collega del Tesoro Steven Mnuchin erano in realtà già al lavoro da tempo sul progetto di includere le lobby del petrolio nel programma di prestiti CARES, valutando ulteriori supporti futuri.[3]

Per quanto notevoli in riferimento ai numeri europei, si perdono come gocce nel mare i 19 miliardi di dollari annunciati in aiuto al settore agricolo, che a inizio maggio aveva già perso un valore di 5 miliardi di dollari per frutta e verdura fresca invenduta.[4] Essi appaiono una misura ad hoc per prevenire il malcontento delle campagne, per quanto si possa immaginare che i maggiori beneficiari saranno le “multinazionali del cibo”.

Ad essere “salvati” sono anche i colossi dei trasporti aerei, evidentemente strategici per ragioni militari. Il segretario di Stato Steven Mnuchin riesce perfino a ringraziare i «dieci colossi americani» che hanno accettato denaro pubblico. Alle multinazionali vengono posti vincoli sociali propedeutici a mantenere «l’importanza strategica dell’industria aerea»: «i fondi a disposizione devono essere usati per pagare i dipendenti e alle compagnie che li accettano è vietato effettuare forti tagli dell’occupazione o dei salari fino a settembre. American Airlines dovrebbe ricevere 5,8 miliardi di dollari mentre la SouthWest 3,2 miliardi».[5] Il complesso di aiuti per il settore ammonterebbe per ora a circa 25 miliardi di dollari, il 30% dei quali sotto forma di prestiti a tasso agevolato, il che lascia pensare che la quota maggiore consista di sussidi a fondo perduto, nonostante il Sole 24 Ore paventi la possibilità di una partecipazione del governo nel capitale attraverso la vendita obbligata di pacchetti azionari, a titolo di “garanzia”.[6]

 

– IN EUROPA

 

Anche in Europa il grande ritorno sulla scena dello Stato, violando ogni sorta di precetto del liberismo, si concretizza spesso e volentieri in una serie di regali alle multinazionali. In Francia si stanziano 7 miliardi di euro alla compagnia aerea Air France, ma quasi la metà (3 miliardi) sono «di sovvenzioni pubbliche dirette», mentre i restanti 4 sono «prestiti bancari garantiti dallo Stato». Non si parla per ora di un corrispettivo aumento nella quota societaria della proprietà statale, nonostante Air France faccia parte del gruppo Air France-KLM, di cui lo stato francese e quello olandese possiedono ciascuno una quota del 14%. Nell’aiutare Renault con 5 miliardi il ministro dell’economia Bruno Le Maire ha escluso categoricamente la possibilità di una nazionalizzazione. Lufthansa, la grande compagnia tedesca, è una multinazionale in realtà «impegnata in trattative serrate con i governi dei Paesi principali in cui ha sede (Germania, Austria, Svizzera e Belgio) per ottenere un supporto finanziario che assicuri la solvibilità del gruppo nel breve termine». Tutto ciò avviene con il pronto benestare dell’Unione Europea, in passato strenua oppositrice degli “aiuti di Stato”.[7]

 

– IN ITALIA

 

E in Italia? Le misure in progetto non vertono solo sugli aiuti alle aziende ma, come è sotto gli occhi di tutti, l’accelerazione sulla fase 2 e sulla prossima riapertura di tutte le attività è dovuta alle pressioni di Confindustria e delle varie organizzazioni padronali e commerciali. Diverse analisi hanno già messo in luce il pericolo di speculazioni da parte di banche e grandi imprese. Tale ad esempio la disamina delle parole di Carlo Messina, CEO della banca Intesa-Sanpaolo[8], che tra le priorità pone la necessità di evitare un cambio strutturale di sistema, con un’invadenza eccessiva del “pubblico”, ossia dello Stato, nella partecipazione diretta delle attività economiche. Il ministro dell’Economia Gualtieri (area PD) ha risposto prontamente, mettendo sul piatto «750 miliardi di garanzie», per alcuni dei quali si parla di «trasferimenti a fondo perduto alle imprese».

Gualtieri nega ogni possibile intromissione dello Stato: «non c’è nessuna intenzione di nazionalizzare le pmi [piccole e medie imprese, ndr] o intervenire nella loro governance».[9]

 

-CONCLUSIONI

 

I tempi che stiamo vivendo sono inediti nella storia dell’Italia repubblicana, accomunabili forse, per il livello di crisi economica, politica e sociale, solo al secondo dopoguerra, quando il popolo italiano, non senza grosse interferenze straniere, ha fatto in maggioranza la sua scelta di campo aderendo al sistema capitalistico, all’integrazione della propria economia in quella dell’Europa occidentale e all’adesione del blocco nord-atlantico della NATO. La maggior parte del popolo italiano ha cioè accettato, più o meno consapevolmente, per tutto il periodo repubblicano successivo al 1947, di entrare a far parte come alleato subalterno, con pesanti limitazioni della sovranità nazionale, all’imperialismo occidentale. Seppur modificandosi nel tempo su aspetti marginali, questi capisaldi strutturali della strategia nazionale sono rimasti intatti.

L’Italia ha saputo cioè trovare un proprio posto a livello internazionale, sfruttando gli spazi offerti anzitutto dai cosiddetti “30 gloriosi”, il grande boom industriale del trentennio 1945-73, all’insegna di un compromesso sociale sempre più avanzato nei propri territori interni (il famoso “accordo” tra Capitale e Lavoro sulla base delle costituzioni antifasciste), che mantiene in essere una posizione neocolonialista nella sua propensione internazionale (si veda come esempio l’azione svolta dall’Agip in Angola).[10] Un social-imperialismo in piena regola…

Un modello peraltro che si riscontra anche nel resto dell’Occidente, che condivide negli anni ’70 il timore per i primi segni di cedimento della propria influenza mondiale. A risultare ostacoli sempre più pericolosi sono gli sviluppi della decolonizzazione mondiale, sostenuta dall’URSS e dal blocco socialista e la conseguente costruzione di un vasto campo avverso all’imperialismo. Il passaggio al neoliberismo che avviene in tutto l’Occidente si coniuga con un rilancio della guerra fredda nei confronti dell’URSS, verso cui è intensificata un’offensiva totale. La finanziarizzazione estrema della società, che ha portato alla rottura degli accordi tra Capitale e Lavoro, è stata una fase dell’offensiva finale dell’imperialismo, che posto di fronte al rischio di soccombere ha messo in campo tutte le sue armi, attuando le premesse di una possibile rinnovata gestione autoritaria della crisi.

L’improvvisa caduta dell’URSS, avvenuta per decisive degenerazioni interne, ha consentito la nascita di un polo imperialista europeo (1992, UE, Maastricht) a guida sempre più germano-centrica, che intende ritagliarsi un suo posto da protagonista sui mercati mondiali, rimanendo politicamente ancorata agli alleati USA. Senza poter ricostruire l’evoluzione delle relazioni internazionali degli ultimi 30 anni, ci si può chiedere quale sia diventato il ruolo dell’Italia nel “sistema-mondo”. Da 5^ potenza economica mondiale ancora negli anni ’80, essa vive ancora progressi economici negli anni ’90, seppur sempre più marginali, per finire in una condizione di stagnazione negli ultimi 20 anni, durante la quale sono stati consegnati in tutto l’Occidente migliaia di miliardi di soldi pubblici alle banche. Chi era ricco è diventato ancora più ricco. Chi lavora per un padrone si è mediamente impoverito, a favore di una piccola élite di miliardari, un 5% che controlla peraltro la principale parte della struttura industriale, finanziaria e culturale (si pensi a chi possiede i giornali e le televisioni). Il fatto che questo impoverimento sia avvenuto in coincidenza con il passaggio all’euro è uno dei motivi che hanno accelerato il processo, ma non è quello essenziale. Il dato più importante è capire che quel 5% è riuscito a convincere milioni di lavoratori che l’impresa capitalistica sia l’unico modello possibile, naturale, ideale, quello più razionale e funzionante.

Il fatto che oggi il primato economico mondiale sia ormai assunto chiaramente dalla Repubblica Popolare Cinese, ossia da un paese guidato da un Partito Comunista che asserisce di stare costruendo un “socialismo dalle caratteristiche cinesi”, ci deve far pensare forse che a garantire un sistema più razionale di sviluppo sociale, oltre che di progresso economico, sia un sistema alternativo all’imperialismo selvaggio che ha portato al dominio delle multinazionali e delle banche.

Il regime capitalistico sta perdendo sullo scenario globale. I lavoratori italiani devono capire che il sistema capitalistico è la vera causa del degrado morale, culturale e sociale di questo Paese, e che un’alternativa completa è possibile: l’alternativa del socialismo, dell’organizzazione, della pianificazione, del passaggio ad un modello in cui l’economia è davvero al servizio dell’uomo, e non viceversa. Il modello cinese, vincente, non è che una variante di un principio di fondo che deve tornare a circolare nella mente dei lavoratori: è più efficiente un sistema che non si fondi sul profitto di un privato, ma di tutta la collettività. Le aziende devono appartenere allo Stato o quanto meno (soluzione attualmente in uso in Cina) lo Stato controllato dall’avanguardia politica dei lavoratori deve avere un controllo macro-economico in grado di attuare una vera e propria “politica industriale”. Certamente è essenziale che le grandi aziende e gli istituti finanziari strategici siano controllati subito per la soddisfazione dei bisogni primari del popolo. L’Italia è un paese ricco, dotato di un imponente tessuto industriale, tecnologico, finanziario, sociale e culturale. Se oggi le cose vanno male, è perché quel 5% che dirige il sistema, la borghesia, non sta più spartendo la torta. Di fronte alla nave che affonda, non esita a farsi conti off-shore all’estero e salvare il proprio interesse particolare, disinteressandosi totalmente della collettività. Il borghese di fronte alla situazione di crisi non si chiede come può aiutare, ma come può guadagnarci sopra.

A noi lavoratori non può interessare che ora, nel momento in cui i padroni sono in crisi, sia garantito denaro liquido “a fondo perduto”. Abbiamo visto su tutti i tg come questi “imprenditori” siano risultati completamente incapaci di offrire rapidamente una risposta alle necessità sanitarie del paese; così come si è visto il lavoro professionale ed il supporto svolto dalla sanità privata…

Signore e signori, la crisi del Covid-19 ha mostrato tutti i limiti di questo sistema. Il capitalismo ha fallito. Questa crisi è il secondo segnale d’allarme dopo quello del 2007-2008. Il terzo segnale, a fronte di una malattia più mortale, potrebbe essere fatale a noi e ai nostri cari. Invece di 130 mila morti (che cresceranno), potrebbero diventare milioni, se non ci saremo assicurati nel frattempo un sistema più capace di intervenire e risolvere la crisi. Deve essere chiaro che un partito diverso al potere non avrebbe potuto fare granché di diverso nella situazione data, sottostante cioè alla struttura attuale del paese e ai vincoli cui si è imposto. Occorre indirizzare un cambio di sistema in direzione della profonda razionalità e convenienza del socialismo.

Nel frattempo, anche senza essere comunisti, si può riflettere se sia giusto che vengano dati contributi a fondo perduto a questi sfruttatori e incapaci. A chi ha rischiato scegliendo nella vita di fare l’imprenditore, ossia il padrone non solo di se stesso ma anche di altri, si può dare anche il massimo supporto economico possibile al fine di salvaguardare i posti di lavoro e l’integrità dell’azienda, ma lo Stato, e i lavoratori stessi, devono pretendere di partecipare di una quota di proprietà della società, e magari all’amministrazione della stessa, anche solo per controllarne le attività. Questa rivendicazione deve costituire una tappa indispensabile in un programma minimo per chi dovrà tornare a lavorare sotto un padrone, sia quest’ultimo piccolo, medio o grande.

Il programma massimo è costruire uno Stato italiano socialista. Una società in cui le principali aziende e banche siano controllate dal “pubblico”, da un ceto politico che sia diretta e genuina espressione del popolo e della classe lavoratrice più consapevole del proprio ruolo e delle proprie responsabilità storiche. Evidentemente non ci sono al momento le condizioni soggettive per richiedere tanto.

Oltre un terzo degli italiani ha ormai capito che all’Italia converrebbe approfondire le proprie relazioni con la Cina e la Russia, mettendo da parte l’alleanza con gli USA. Oltre la metà è stata gravemente delusa dal comportamento dell’Europa e nutre tuttora incertezza su strumenti come il MES e il “Recovery Fund”, parole i cui veri significati sono a molti ignoti. Sono primi passi importanti su cui occorre innestare motivi nuovi. La crisi economica verrà fatta pagare a qualcuno.

Occorre ricordare che il sistema capitalistico utilizza le sue crisi periodiche per rafforzarsi, o meglio: i fenomeni di concentrazione del grande capitale industriale e finanziario si accresceranno ancora di più, ed è estremamente probabile che la crisi sarà fatta pagare ai lavoratori. La cricca del 5% borghese vede già la crisi come una possibilità per arricchirsi ulteriormente, come peraltro espresso candidamente perfino da Urbano Cairo, patron di La7. La “politica”, cioè il governo borghese attuale, è evidentemente insufficiente per attuare una politica improntata verso il socialismo. Il movimento comunista può risorgere se i suoi dirigenti sapranno muoversi in maniera intelligente, ma sicuramente poco potrà cambiare se prima non si muoveranno i lavoratori.

Ai lavoratori sta la responsabilità di attivarsi, protestare anzi tutto dentro se stessi e chiedersi: è giusto che vengano usati soldi pubblici, cioè anche miei, per salvare delle aziende private senza nulla in cambio? No, non è giusto. È solo introiezione del punto di vista borghese.

Una volta risolto il problema con noi stessi, potremo provare a convincere gli altri della bontà dei nostri ragionamenti. Fino a quel momento tanto atteso, aspettiamoci la solita socializzazione delle perdite, accompagnata dalla permanente privatizzazione dei profitti.

 

[1]     M. Tessa, Anthilia: “Fed sfodera l’atomica, a questo punto il rischio è che si faccia troppo”, Wallstreetitalia.com, 24 marzo 2020.

[2]     F. Scacciavillani, La Fed fa Indigestione di Obbligazioni Spazzatura, Immoderati.it, 15 aprile 2020.

[3]     M. Orloles, Tutti i piani allo studio di Trump per non far affondare l’industria Usa del petrolio, Startmag.it, 22 aprile 2020.

[4]     Redazione Agricolae.it, USA, filiera in crisi. Agricoltori gettano latte, frutta e verdura, soppressi suini e polli. Trump: pronti aiuti per 19 mld, Agricolae.it, 4 maggio 2020.

[5]     Redazione La Stampa, Coronavirus, così Trump salva le principali compagnie aeree americane, La Stampa (web), 15 aprile 2020.

[6]     Redazione Lagenziadiviaggi.it, Usa, il super fondo di Trump salva 10 compagnie aeree, Lagenziadiviaggi.it, 16 aprile 2020.

[7]     M. Tropeano, Coronavirus, da Parigi 12 miliardi di aiuti per salvare Renault e Air France, La Stampa (web), 25 aprile 2020; Redazione Il Post, L’Unione Europea ha autorizzato aiuti di stato per 7 miliardi dal governo francese ad Air France, Ilpost.it, 4 maggio 2020.

[8]     Ex OPG Napoli, Farsi commissariare dalla Troika. Il sogno dei banchieri italiani, Sinistrainrete.info, 30 aprile 2020.

[9]     Redazione Rainews, Coronavirus, Gualtieri: “Per il Dl imprese sul tavolo 750 miliardi di garanzie”, Rainews.it, 5 maggio 2020.

[10]   Su questo e altri aspetti storici, si rimanda ai contenuti di A. Pascale (a cura di), Storia del Comunismo, Intellettualecollettivo.it-La Città del Sole, 2019.

Nuovo libro. “Servizi segreti, guerre economiche e politica-struttura”

 

“Servizi segreti, guerre economiche e politica-struttura”

 

di Daniele Burgio, Massimo Leoni e Roberto Sidoli

 

Indice

Politica-struttura del Ventunesimo secolo: Amazon, Google, Palantir e la CIA.

CIA, droga e profitti.

Echelon, lo spionaggio economico e l’Europa.

La Cia e Internet.

Alcuni cenni di storia dello spionaggio economico.

Lo scontro tra Cina e Stati Uniti per il primato tecnologico mondiale.

La guerra dei chip tra Pechino e Washington.

La sfera politica cinese e il primato nelle blockchain.

Occhio per occhio, chip per chip: la Cina impone PC e software nazionali negli uffici pubblici

Spionaggio economico e politico: l’“operazione Rubicone”

 

 

Politica-struttura del Ventunesimo secolo: Amazon, Google, Palantir e la CIA

A volte si tende a separare l’attività di spionaggio dall’economia, dai profitti e dall’azione delle multinazionali: un errore che non era certo stato commesso da Norman Mailer nel suo geniale libro “Il fantasma di Harlot”, opera nella quale lo scrittore statunitense ventilava a livello narrativo (e forse non solo narrativo…) che nella CIA di Langley si fosse formato un nucleo e un gruppo interno supersegreto il quale, attraverso l’uso selettivo delle informazioni via via ottenute dall’agenzia, operava da decenni in campo finanziario acquisendo ingenti profitti equivalenti a miliardi di dollari.

Passando dalla letteratura alla realtà storica, il tandem “economia-spionaggio” è emerso più volte nel corso degli ultimi due millenni: si parte dal trafugamento delle preziose uova di seta cinesi da parte dei monaci cristiani per conto dello stato bizantino, sotto il regno di Giustiniano e durante il sesto secolo, per arrivare mano a mano alla sottrazione ai cinesi dei loro segreti tecnologici nel processo di produzione della porcellana, furto avvenuto agli inizi del diciottesimo secolo, giungendo poi senza soluzione di continuità al nostro terzo millennio. Proprio negli ultimi decenni è venuta alla luce, con tutta evidenza, l’importanza e la diffusione di quella particolare e specifica regione del grande continente della politica-struttura, inteso come “espressione concentrata dell’economia” (Lenin, 1921) e che comprende al suo interno anche tutte le interazioni tra le attività statali di intelligence e la praxis multiforme dei processi produttivi, specialmente di natura tecnologica.[1]

I servizi segreti statunitensi ad esempio si interessano in prima persona da molti anni e condizionano, direttamente e in modo sensibile seppur occulto, alcune sezioni significative dell’hi-tech americana, costituendo pertanto un altro esempio concretissimo di politica-struttura (includente ovviamente anche tasse, moneta, dazi, aziende pubbliche, salvataggi di imprese private con denaro pubblico, salvataggio dei sistemi produttivi nazionali in caso di epidemie, collassi finanziari e così via).

A tal proposito va rilevato come Andrea Muratori, all’inizio del 2010, avesse ben sottolineato l’alleanza creatasi tra importanti segmenti degli apparati statali degli USA e la gigantesca corporation Amazon, notando che “con un fatturato di oltre 177 miliardi di dollari nel 2017 e più di mezzo milione di dipendenti in tutto il mondo, Amazon rappresenta uno dei più importanti colossi dell’economia globale contemporanea. Gestisce non solo un business di e-commerce senza paragoni in Occidente, a livello globale paragonabile solo a quello della cinese Alibaba, ma anche una mole immensa di dati, che hanno contribuito a renderla un attore importante nel campo del cloud storage.

La società di Jeff Bezos, in una fase che vede l’economia interessata da una transizione verso tecnologie di frontiera come l’intelligenza artificiale e il 5G, gioca un ruolo importante nella “guerra dei dati” che si sta scatenando tra Stati Uniti e Cina (come insegna il caso Huawei) e al tempo stesso amplifica la sua proiezione nel campo della gestione di servizi tradizionalmente pubblici in diversi paesi del mondo, rafforzando in questo modo tanto il suo business quanto la sua base di dati a disposizione…

Tutto parte dagli Stati Uniti. Paese alla cui strategia mondiale Amazon, come gli altri giganti del web, è intrinsecamente collegata. Come ricordato da Limes, “tramite la controllata Amazon Web Services (AWS), nel 2013 Amazon ha siglato un contratto da 600 milioni di dollari con la CIA per fornire un servizio cloud che è utilizzato dalle 17 agenzie della comunità di intelligence. E proprio la AWS è favorita per l’assegnazione del gigantesco programma di cloud computing del Pentagono, la Joint Enterprise Defense Infrastructure (JEDI), dal valore di 10 miliardi di dollari”, che Google ha abbandonato a seguito delle proteste dei dipendenti.

Donald Trump ha più volte attaccato Bezos, la massiccia elusione fiscale della sua società e la linea editoriale del giornale da lui posseduto, il Washington Post, ma la sua amministrazione non ha affatto intenzione di privarsi dei servizi di Amazon. Anzi, recentemente il Guardian ha rivelato come la direttrice del dipartimento per le relazioni governative della multinazionale di Seattle, Anne Rung, avrebbe contattato esponenti del General Services Administration (GSA), una sorta di Consip a stelle e strisce, per gestire la creazione di un portale online per gli acquisti destinati alle istituzioni federali.

Secondo il quotidiano britannico, questo porterebbe Amazon in una posizione dominante nella gestione di un mercato da 53 miliardi di dollari che, unito al delicato affare con il Pentagono e ai consistenti rapporti con la Cia, ne farebbe una proiezione diretta degli apparati federali”.[2]

Siamo dunque in presenza di una continua simbiosi e di una cooperazione particolarmente solida tra Amazon e la comunità dell’intelligence statunitense, visto che già nel 2013 l’agenzia di Langley aveva stipulato alla luce del sole un contratto di appalto del valore di 600 milioni di dollari proprio con l’azienda diretta da Jeff Bezos.

“Ma il binomio Bezos-Amazon, aggiunge “Dedefensa”, ha un tratto assai particolare, ovvero «la sua relazione estremamente forte e pubblicamente ostentata con la Comunità di sicurezza nazionale (CSN), e in particolare la comunità dell’intelligence». La sua collaborazione con la CIA è ormai palese, rileva il blog, dopo il contratto firmato nel 2013 tra Amazon e l’agenzia di Langley: 600 milioni di dollari, con i quali Bezos ha comprato il “Washington Post”, da allora divenuto «l’organo officiale della sicurezza nazionale (in particolare della CIA) e, durante la campagna Usa-2016, l’organo anti-Trump», in nome della posizione assunta dalla stessa Central Intelligence Agency. Una vera e propria luna di miele, con la CIA che «afferma apertamente la sua soddisfazione per questa cooperazione». Da registrare anche una visita ad Amazon altamente mediatizzata dal segretario alla difesa, James Mattis, «che ci permette di comprendere che anche il Pentagono amoreggi con Bezos». Ovvero: «Non si lavora più in segreto, come accadeva prima dell’affare Snowden». Secondo le fonti citate da “Dedefensa”, «Bezos ha trasformato la sua società in un organo semi-ufficiale dell’apparato di informazione militare americana». Amazon e la CIA hanno appena annunciato il lancio di un nuovo sistema di cloud “regione segreta”, nel quale la società ospiterà dei dati per la CIA, l’NSA, il Dipartimento della difesa e altre agenzie di informazione militare”.[3]

A questo punto diventa ancora più interessante rilevare come non solo Amazon e Jeff Bezos, ma anche Google e Zuckerberg abbiano via via intessuto come minimo delle ottime relazioni con la Central Intelligence Agency.

A tal proposito il giornalista Ernesto Carmona, ancora nel 2009, era arrivato addirittura fino a sostenere che Facebook risultava “il miglior risultato di intelligence che sia mai stato raggiunto, grazie alla più grande banca mondiale di dati sensibili. Se i media hanno celebrato Mark Zuckerberg come il bambino prodigio che, a soli 23 anni, si è trasformato in un multimiliardario grazie al successo della sua creatura, nessuno ha prestato attenzione all’investimento da 40 milioni di dollari effettuato dalla CIA, partner-ombra di Facebook, per creare la più importante rete sociale del web. Un patrimonio inestimabile di informazioni, che i servizi segreti americani hanno contribuito in modo decisivo a sviluppare.

Ernesto Carmona, di “Argenpress”, rivela interessanti retroscena attraverso un ampio servizio ripreso dall’osservatorio “Megachip”. «Quando il delirio facebook-cia speculativo di Wall Street ha fatto credere agli improvvidi che il valore di Facebook ammontava a 15 milioni di dollari – scrive Carmona – nel 2008 Zuckerberg è diventato il miliardario “che si è fatto tutto da solo”, il più giovane della storia della “graduatoria” della rivista Forbes, con 1.500 milioni di dollari».

All’epoca, il capitale di rischio investito dalla CIA sembrava avere ottenuto ottimi rendimenti, ma nel 2009 il “valore” di Facebook si è adeguato al suo valore reale e Zuckerberg è scomparso dalla graduatoria Forbes. «La bolla Facebook – aggiunge Carmona – si è gonfiata quando William Gates, il titolare di Microsoft, vi acquisiva nell’ottobre 2007 una partecipazione dell’1.6%, per un ammontare di 240 milioni di dollari», inducendo a ritenere che, se l’1% di Facebook corrispondeva a 150 milioni di dollari, allora il valore del 100% doveva ammontare a 15 miliardi di dollari. Un «sotterfugio», che si spiega con l’interesse della CIA nello sviluppo di Facebook.

La CIA ha investito in Facebook molto prima che il social network diventasse leader nel mondo, sostiene in un’inchiesta il giornalista britannico Tom Hodgkinson del “Guardian”, anche se «la propaganda corporativa» ha trasformato Facebook in sinonimo di successo, di popolarità e di buoni affari. «Facebook si presenta come un inoffensivo sito web di relazioni sociali, che facilita i rapporti interpersonali». Un boom, come dimostrano le cifre dichiarate, che parlano di 300 milioni di utilizzatori.

Un facile espediente per «costruirsi una nuova immagine senza contenuti», cercando di darsi importanza e “fingere di essere qualcuno” nel supermercato virtuale del web? Un innocuo strumento per ritrovare vecchi compagni di scuola o, magari, per promuovere campagne civili? Facebook, scrive il giornalista spagnolo Pascual Serrano, è stato utilizzato dal governo della Colombia per coordinare la giornata mondiale contro le Farc, ed è molto evidente che sia stato utilizzato dalla CIA. Per Walter Goobar, di “MiradasAlSur.com”, «si è trattato in realtà di un esperimento di Mark Zuckerberg di “manipolazione globale», che la CIA «non usa solo per reclutare agenti e compilare informazioni, ma anche per allestire operazioni sotto copertura».

A grandi linee, aggiunge Carmona, Facebook è uno strumento di comunicazione che consente di contattare amici e familiari, archiviando reti di indirizzi. Per istituzioni come il ministero americano della sicurezza, dopo l’era Bush, Facebook è una miniera di informazioni sulle amicizie dei suoi utilizzatori. I dati personali approdano sui dischi rigidi dei computer dei sistemi di sicurezza USA. «Il sistema Beacon di Facebook – spiega Carmona – realizza elenchi di utenti e associati, includendovi anche coloro che non si sono mai iscritti o quelli che hanno disattivato la loro registrazione».

Facebook si dimostra più pratico e rapido degli InfraGard, ossia le 23.000 micro-cellule di commercianti che informano l’FBI sui profili psico-politici della loro clientela. Dopo il dicembre 2006, sostiene Carmona, è stata la CIA ad utilizzare Facebook per reclutare nuovi agenti, senza sottoporsi alle regole d’ingaggio federali. «Non è necessario ottenere un qualsivoglia permesso per poterci inserire in questa rete sociale», ha dichiarato l’intelligence statunitense.

Secondo Tom Hodgkinson, l’investimento della CIA in Facebook si spiega anche con l’entusiasmo per l’alta tecnologia scatenatosi dopo l’11 settembre 2001, certificato dall’apertura del fondo di capitali “In-Q-Tel”. Per il reporter inglese, i collegamenti di Facebook con la CIA passano attraverso Jim Breyer, uno dei tre associati-chiave che nell’aprile 2005 hanno investito nel social network 12,7 milioni di dollari. Già presidente di NVCA (National Venture Capital Association), che investe su giovani talenti, Tom Hodgkinson Breyer è associato anche al fondo di capitali Accel Partners ed è membro dei consigli direttivi di giganti come Wal-Mart e Marvel Entertainment.

«La più recente tornata di finanziamenti di Facebook – rivela Hodgkinson – è stata condotta da una compagnia finanziaria denominata Greylock Venture Capital, che vi ha impegnato 27,5 milioni di dollari. Uno dei più importanti associati di Greylock si chiama Howard Cox, che è un altro ex-presidente di NVCA, che inoltre fa parte del consiglio direttivo di In-Q-Tel». Ci crediate o meno, conclude Hodgkinson, In-Q-Tel è «un fondo di capitali a rischio della CIA».

Creato nel 1999, la sua missione è quella di «individuare e di associarsi a società che sono intenzionate a sviluppare nuove tecnologie, per sostenere l’apporto di nuove soluzioni necessarie all’Ufficio Centrale d’Informazione CIA», come annunciato già nel 1998 dal direttore della centrale di intelligence, che identificava la tecnologia come prerogativa strategica per migliorare le missioni, sulla base di dati e analisi: «I responsabili della Direzione di Scienza e Tecnologia hanno elaborato un piano radicale per creare una nuova struttura d’impresa con il compito di consentire un accresciuto accesso dell’Agenzia all’innovazione del settore privato».[4]

Seppur in modo più cauto anche Bruno Saetta ha evidenziato che fin dal 2004 «scorrendo l’elenco degli altri investitori di Facebook notiamo la Greylock Partners. Uno dei soci della Greylock è Howard Cox, il quale lavorava nel Ministero della Difesa Usa e per un certo periodo è stato nel Business Board del Pentagono. Inoltre è membro del consiglio della In-Q-Tel.

La In-Q-Tel, un nome decisamente sconosciuto ai più, è il braccio imprenditoriale della CIA. Fondata dall’Agenzia americana nel 1999 per evitare la burocrazia degli appalti pubblici, agisce sotto forma di suo investitore, così i servizi segreti possono gestire l’outsourcing per la ricerca.

La In-Q-Tel consente alla CIA di tenersi al passo con i tempi dal punto di vista tecnologico, senza dover assumere uno stuolo di scienziati. Molti di noi usano tutti i giorni uno dei prodotti nei quali ha investito la In-Q-Tel, cioè il software della Keyhole Inc., e che noi oggi conosciamo come Google Earth. Google acquisì la Keyhole nel 2004, e per un certo periodo la CIA, tramite In-Q-Tel, ha posseduto azioni di Google per un totale di 2,2 miliardi di dollari.

In una brochure della In-Q-Tel leggiamo: “governments are increasingly finding that monitoring social media is an essential component in keeping track of erupting political movements, crises, epidemics, and disasters, not to mention general global trends”. Si tratta di tenere d’occhio le idee che sono più condivise in rete per anticipare il sorgere di movimenti politici. Bisogna trovarsi pronti prima di un altro Occupy!

È l’ennesima teoria della cospirazione mondiale? Nulla di tutto ciò. Non diremo che Facebook fu un’operazione della Cia né che Zuckerberg è un agente dell’agenzia americana. In rete ci sono numerosi articoli che mettono alla berlina questa tesi, ma il punto è che ridendone non si coglie il nucleo del problema. Gli intrecci tra le società che operano in rete e che di fatto la controllano, la gestiscono, la plasmano, sono molto più forti di quanto si creda: sempre le stesse società e gli stessi uomini!».[5]

Sempre riguardo all’affascinante materia dell’interconnessione ormai consolidatasi da molti anni tra grandi multinazionali occidentali, sfera politica e apparati statali delle metropoli imperialiste, è emerso inoltre dai documenti diffusi da Wikileaks che ancora all’inizio del 2017 «la CIA è in grado di installare dei software malevoli (i cosiddetti “malware”) negli smartphone, nei computer e nelle smart tv collegate al web, e di superare i sistemi di crittaggio di servizi di messaggistica come Signal, WhatsApp e Telegram. Il portavoce della CIA Dean Boyd ha detto che l’agenzia non farà commenti sull’autenticità dei documenti».[6]

È risaputo che secondo la valutazione effettuata da Bloomberg nel 2019 Bill Gates, il fondatore di Microsoft, e Jeff Bezos risultavano essere i due uomini più ricchi del mondo, con patrimoni stimati rispettivamente in 110 e 108,7 miliardi di dollari, mentre le due aziende da loro fondate risultavano rispettivamente al 22° e 8° posto nella classifica Fortune 500 del 2018: e visto che proprio alla fine del 2019 si è verificato un duro scontro tra Amazon e Microsoft, avente per oggetto, guarda caso, l’assegnazione di una maxi commessa di ben dieci miliardi di dollari da parte del Pentagono, tutti i dati portano a concludere che ormai da decenni si è creata una particolare simbiosi – a volte conflittuale – tra alcune delle più grandi imprese e gli apparati pubblici del capitalismo di stato occidentale.[7]

Ancora una volta emerge dunque la politica-struttura, e cioè la politica intesa e considerata come “espressione concentrata dell’economia”.

Inoltre servizi segreti, sfera statale ed economia si connettono strettamente e ormai da decenni anche nel campo strategico dei Big Data e del processo, su scala planetaria, di raccolta di informazioni da parte di grandi società private appoggiate dai poteri pubblici occidentali: aziende con un giro d’affari diventato, già all’inizio del 2015, superiore alla cifra astronomica di 100 miliardi di dollari, a partire dalla multinazionale Palantir nata grazie ai finanziamenti della CIA, creando dunque un altro particolare intreccio tra affari e servizi di intelligence, tra le grandi imprese private e gli apparati statali delle principali metropoli occidentali.

In un articolo del 2015 è stato già descritto, in modo intelligente e dettagliato, «un settore che impiega, secondo dati del 2010, circa 854 mila persone, con 10 mila centri di lavoro, oltre 2 mila partner industriali del Governo e un fatturato stimabile in 100 miliardi di dollari l’anno secondo le valutazioni più “caute”, ma che potrebbe essere tranquillamente quantificabile in cifre vicine ai mille miliardi di dollari l’anno. È il business dell’antiterrorismo in America. L’11 settembre 2001 ha segnato l’inizio, oltre che della intensa lotta al terrorismo da parte di Washington, anche del proliferare di una nuova miriade di società, piccole o grandi, nate appositamente per fornire all’intelligence a stelle e strisce il supporto logistico e di armamenti necessario per combattere al-Qaeda e i talebani prima, il terrorismo in generale poi. Un settore industriale che, anno dopo anno, è cresciuto sempre più fino a divenire immenso, come lo ha descritto l’inchiesta del Washington Post, diventata poi un bestseller intitolato “Top Secret America”. I numeri esposti sono proprio quelli riportati da quest’inchiesta e da Austen Givens, professore dell’università di Utica che ha pubblicato l’anno scorso un libro sull’argomento, intitolato “The Business of Counterterrorism”. Naturalmente vanno presi con le pinze, dato che si sta parlando di argomenti segretissimi e senza alcun dato ufficiale…

È evidente che chi investe (e guadagna) di più con la lotta al terrorismo sono innanzitutto i giganti dell’intelligence: il Pentagono, che ha un bilancio da oltre 495 miliardi di dollari, il ministero per la Sicurezza, il ministero della Giustizia, che controlla l’FBI, e altre agenzie d’intelligence, in primis CIA e NSA. Come ha però spiegato Arturo Zampaglione per Affari&Finanza – La Repubblica, non mancano gli esempi di imprese private che navigano letteralmente nei dollari grazie a questo fruttuoso business. A partire dalla Palantir, società di estrazione ed elaborazione dati che ha raggiunto (notizia di pochi giorni fa) la valutazione record per il settore di 15 miliardi di dollari, portando il patrimonio personale del suo co-fondatore e chief executive Alex Karp al di sopra del miliardo di dollari. Nonostante la Palantir sia praticamente sconosciuta, ha raggiunto un valore pari a quello dell’intera FCA (Fiat Chrysler Automobile). E i soldi che entrano nella Palantir escono, per la maggior parte, dalle casse dello Stato, che è il principale cliente della società di Karp: elabora analisi di big data fondamentali per la lotta al terrorismo. La Palantir ha alle proprie dipendenze circa 1.200 tra ingegneri e informatici, che accumulano e analizzano ogni tipo di informazione: dalle transazioni bancarie di tutto il mondo alla quantità di pioggia caduta in una determinata zona. Elaborando i dati con software appositi, si creano poi dei piani di studio e analisi che possono risultare utilissimi agli agenti americani…

Karp è indubbiamente un genio, perché ha saputo individuare il settore in cui investire prima di tutti gli altri, creando un impero senza precedenti. Ad appena 46 anni può vantare già un fatturato annuo da 1 miliardo di dollari. A differenza di tanti suoi colleghi manager, ha un dottorato in filosofia, che gli ha aperto gli occhi (o almeno così dice) per i suoi successivi lavori, prima nella gestione di patrimoni privati e poi nell’intelligence. Per fondare la Palantir, però, ebbe bisogno dell’aiuto di un nome molto noto nella Silicon Valley: Peter Thiel, inventore dell’innovativo metodo di pagamento PayPal e grande investitore in progetti innovativi. Per dare il via alla loro azienda ricevettero anche 2 milioni di dollari da una società di venture capital chiamata In-Q-Tel. Quest’ultima, però, non è una società d’investimento come le altre: è la società creata appositamente dalla Cia nei primi mesi del 2000 per finanziare start-up che fossero in grado di migliorare le capacità tecniche dell’intelligence nel campo del software, delle infrastrutture e della scienza dei materiali. Insomma, una società appositamente nata per fare investimenti letteralmente “sicuri”, cioè nel campo del miglioramento della sicurezza nazionale. Seppur sottostia al diritto privato, la In-Q-Tel resta sotto il controllo di Langley ed è dichiaratamente una società non profit: tira fuori denaro senza pretesa che le rientri. Non è quindi un caso che la Palantir abbia, come principale cliente, proprio la CIA, oltre che altre agenzie d’intelligence americane. Recentemente, però, s’è anche aperta al settore dei privati…

Sebbene nell’ultimo decennio siano nate in tutta l’America piccole società specializzate nel lavoro d’intelligence come la Palantir, le fette più consistenti delle commesse del settore sono ancorate a multinazionali ben note: General Motors, Lockheed Martin e, soprattutto, Booz Allen Hamilton. Quest’ultima è una società di consulenza che, oramai, ottiene il 99% del proprio fatturato dal Governo».[8]

Il potente e ricco “business dell’antiterrorismo” si connette e si collega dunque con altri anelli di una lunga catena politica – intesa, con Lenin, come espressione concentrata dell’economia – che porta via via da Amazon, Palantir e Google fino all’intelligence americana e a Langley, fino agli apparati statali e al denaro pubblico dell’imperialismo statunitense del Ventunesimo secolo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Cia, droga e profitti.

Emergono due cerchi concentrici di matrice politico-economica a livello mondiale.

L’economia illegale (e paralegale: paradisi fiscali, elusione ed evasione fiscale su scala internazionale ecc.) rappresenta infatti da alcuni decenni un settore e un primo “cerchio” come minimo importante all’interno del processo globale di produzione capitalistico; dentro al continente variegato dell’economia illegale il traffico di droga a sua volta costituisce la “merce numero uno” a partire dalla metà degli anni Settanta; e la dinamica di produzione e vendita di stupefacenti su scala planetaria da molto tempo viene in buona parte monitorata e controllata, più o meno direttamente, dalla CIA e dagli apparati repressivi statunitensi.

Come prova concreta a tale particolare e sanguinoso settore di politica-struttura dell’ipermoderno capitalismo di stato occidentale non troviamo solo il fatto incontestabile per cui le due principali aree geopolitiche di produzione delle droghe pesanti, ossia Colombia (cocaina) e Afghanistan (eroina), da molti decenni rientrano nella sfera di influenza statunitense subendo una costante e capillare presenza della CIA e del Pentagono: nel caso afghano almeno dal 1979, attraverso l’appoggio finanziario e militare agli  (allora…)  anticomunisti amici di Langley e a “combattenti della libertà” quali ad esempio Osama bin Laden, in quello colombiano invece con vicende ricordate in un recente e istruttivo film che ha avuto come protagonista Tom Cruise, pellicola intitolata non a caso Barry Seal-una storia americana.

La rilevante ma misconosciuta interconnessione politico-economica che ha per oggetto i servizi segreti di Langley e il lucrosissimo, oltre che iperpolitico spaccio illegale di stupefacenti a livello planetario, è stata attestata nel suo processo di crescita pluridecennale, anche da fonti di prova incontestabili.

Nell’ottimo articolo intitolato “Il business della droga e la complicità con la CIA” si è infatti sottolineato che “sulla scia della Seconda Guerra mondiale, le élite politiche statunitensi e britanniche si ritrovarono ad affrontare la minaccia del socialismo su scala globale. Nonostante le incombenti perplessità circa il futuro, decisero di reagire mobilitando risorse – pubbliche e nascoste – al fine di implementare un programma di “Roll Back” atto a invertire l’avanzata comunista mondiale. Un vero e proprio blocco sulla strada della mobilitazione anti-comunista era rappresentato dal fatto che la maggior parte della popolazione statunitense era diffidente verso un progetto di politica estera di così ampia portata. Per lo statunitense medio il mondo era rappresentato unicamente dall’America del Nord e l’interesse per la politica estera era minimo. A causa di questo radicato isolazionismo, negli Stati Uniti, agli esordi della Guerra Fredda, spese governative ingenti nella politica estera erano fuori questione. Inoltre la Cia, principale fonte economica nel reame della politica estera americana, rappresentava, per la maggioranza degli americani nell’epoca post-bellica, un’agenzia come un’altra, mentre in realtà questa stava diventando un protagonista chiave. Pur perseguendo l’impegno di portare a termine massicce operazioni mondiali, la Cia chiese alla Casa Bianca una licenza per inserirsi in fonti di finanziamento alternativi.

La droga figurava come il business più remunerativo tra quelli più noti. La natura criminale del business dettava quindi le regole del gioco. Mentre alcuni dei guadagni erano effettivamente utilizzati a supporto di operazioni sotto copertura, altri Lucky Luciano erano deviati verso l’arricchimento personale di agenti e dirigenti dell’agenzia, oppure rimanevano nelle mani di gruppi finanziari con potere di lobby nell’amministrazione statunitense. Di conseguenza, la complicità nel business della droga iniziò a diffondersi verso il livello più alto dell’establishment nordamericano… Il primo caso rappresentante le connessioni tra la Cia e il business della droga risalgono al 1947, anno in cui Washington, preoccupata dell’ascesa del movimento comunista nella Francia post-bellica, si associò con la nota e spietata mafia corsa nella lotta contro la sinistra. Dal momento che il denaro non poteva essere riversato nella sgradevole alleanza attraverso canali ufficiali, una grossa fabbrica di eroina venne istituita a Marsiglia con l’assistenza della Cia, che alimentava l’affare. L’iniziativa imprenditoriale impiegava abitanti del posto, mentre la Cia organizzava il ciclo degli approvvigionamenti, ed il terrore fisico e psicologico contro i comunisti in Francia alfine impedì loro di raggiungere il potere.

Successivamente lo schema adottato è stato replicato nel mondo. All’inizio degli anni ’50 la Cia dirigeva un network di fabbriche di eroina nel Sud Est Asiatico e con parte dei guadagni sosteneva Chiang Kai-shek, che combatteva contro la Cina comunista. La Cia iniziò quindi a patrocinare il regime militare in Laos, rafforzando i propri legami nella regione del Triangolo d’Oro comprendente Laos, Thailandia e Birmania, paesi che hanno contribuito per il 70% della fornitura globale di oppio. La maggior parte della merce era diretta a Marsiglia e in Sicilia per il trattamento effettuato dalle fabbriche gestite dalla mafia corsa e siciliana. In Sicilia, l’associazione criminale che gestiva diverse fabbriche di droga era stata fondata da Lucky Luciano, un gangster americano nato in Italia portatovi dopo la Seconda Guerra Mondiale. Le informazioni non classificate non lasciano alcun dubbio circa il lavoro che Luciano svolgeva per l’intelligence americana. L’uomo è stato, senza grosse motivazioni, rilasciato dalla prigione americana nel 1946 prima di aver scontato la sua condanna; l’associazione criminale William Colby italiana che operava sotto il controllo statunitense condivideva i guadagni con i patroni americani, i quali utilizzavano il denaro per portare avanti una guerra segreta contro il partito comunista italiano.

La Cia continuò a prelevare denaro dal Triangolo d’Oro durante la Guerra del Vietnam. La droga proveniente da questa regione veniva trafficata illegalmente negli Stati Uniti e distribuita a basi militari americane all’estero. Ne deriva che molti dei veterani della Guerra del Vietnam sono rimasti segnati non solo dalla guerra, ma anche dall’uso di narcotici. Le attività legate al traffico della droga portate avanti dalla Cia dovevano rimanere segrete, ma evitare di venire a conoscenza di azioni così gravi era difficile. Uno scandalo enorme scoppiò infatti negli anni ’80 coinvolgendo la banca Nugan Hand di Sydney, con filiali registrate alle isole Cayman, e il precedente direttore della Cia William Colby avente funzione di consigliere legale. La Cia ha utilizzato la suddetta banca per operazioni di riciclaggio di denaro sporco nella gestione dei proventi derivanti dal traffico di droga e armi in Indocina. La geografia dei traffici di droga appoggiati dalla Cia si ampliò costantemente. Negli anni ’80, lo scambio “armi per droga” è stato replicato per finanziare i Contras del Nicaragua; ma dopo essere stato scoperto, il Comitato delle relazioni estere del Senato americano ha dovuto aprire un’inchiesta. Una frase del rapporto del Senato sul famoso accadimento affermava: «I decisori statunitensi non erano immuni all’idea che i soldi della droga fossero una soluzione ideale al problema del finanziamento del Contras».

Questa dichiarazione, in linea generale, potrebbe dimostrare che le attività della Cia erano strettamente collegate alla politica estera americana. Il business della Cia nel narcotraffico si è diffuso senza precedenti quando gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica entrarono indirettamente in conflitto in Afghanistan. La comunità dell’intelligence americana finanziò generosamente i Mujahiddin, in parte con i soldi derivanti dal narcotraffico. Gli aerei statunitensi che consegnavano armi alla nazione rientravano carichi di eroina. Secondo giudizi indipendenti, all’epoca, circa il 50% del consumo di eroina negli Stati Uniti proveniva dall’Afghanistan. “La mafia, la Cia e George Bush” di Pete Brewton (New York: S.P.I. Books, 1992) offre una serie di dati concreti che provano i legami esistenti tra il direttore della Cia e il presidente americano Bush e la mafia. Lo stesso presidente, in certe fasi della sua carriera, combinò la propria funzione pubblica con la politica e il business della droga. L’establishment americano ha concluso che la droga, oltre ad essere stata impiegata per circostanze politiche, potrebbe tornare utile nel raggiungimento di obiettivi geopolitici di lungo termine.

Quando Paul Bremer divenne capo di Baghdad con un’autorità che nemmeno Saddam Hussein si sognava, non fece alcun tentativo per innalzare una barriera contro l’ondata del narcotraffico che travolse l’Iraq. Inoltre è importate notare che il business della droga, durante il governo di Saddam, era un problema inesistente nel paese. «Questa è la panacea di ogni rivolta. Drogateli, rendeteli dipendenti come pesci affamati. In seguito, dopo aver preso il controllo della loro radio e televisione, storditeli con la propaganda». Baghdad, la città che non aveva mai visto l’eroina fino a marzo del 2003, ora è sommersa di stupefacenti, inclusa l’eroina. Secondo un rapporto pubblicato dal giornale “The Indipendent” di Londra, i cittadini di Baghdad si lamentavano che la droga, come l’eroina e la cocaina, erano smerciate per le strade delle metropoli irachene. «Alcune relazioni suggeriscono che il traffico di droga e armi era sostenuto dalla Cia, al fine di finanziare le sue operazioni segrete internazionali», scrive Brenda Stardom. Nel suo rapporto, un abitante di Baghdad spiegava: «Saresti stato impiccato, per il traffico di droga. Ma ora si può ottenere eroina, cocaina, qualsiasi cosa». I civili tossicodipendenti non hanno nessuna volontà di resistere, mentre la trionfante Washington, che ottenne le risorse del paese, è incurante del fatto che questa gente è condannata all’estinzione.

L’operazione anti-terroristica lanciata immediatamente dopo il dramma dell’11 settembre è giunta a conclusione in Afghanistan 11 anni dopo. Washington tratta la questione come un successo, ma evitare l’opinione pubblica genera gravi effetti collaterali. L’Afghanistan è stato abbandonato in uno stato di distruzione, con interi villaggi annientati, migliaia di persone decedute, prigionieri, campi di concentramento e rifugiati in tutto il paese. Sconfiggere il business della droga era l’obiettivo più pubblicizzato dell’intera “guerra al terrore” americana, ma il risultato e gli obiettivi della campagna erano completamente diversi. Nelle mani della coalizione occidentale, l’Afghanistan si è trasformato nel principale produttore mondiale di droga. Gli Usa e il business della droga si sono intrecciati sin dalla fine del secondo conflitto mondiale. Per Washington, la droga è stata a lungo un elemento strutturale della politica estera, oltre all’enorme mercato nero mondiale che alimenta l’economia “legittima” dell’Occidente… Un dollaro destinato al commercio della droga rende fino a 12.000 dollari, nella migliore delle ipotesi. Il costo dell’eroina afghana aumenta nettamente man mano che ci si sposta a nord del paese – in Pakistan ammonta a circa 650 dollari al chilo, 1.200 in Kyrgyzstan, raggiungendo i 70 dollari al grammo nella città di Mosca. Un chilo di eroina equivale a 200.000 dosi, e una dipendenza disperata inizia dopo 3 o 4 dosi.

Il capitale “legittimo” sarebbe temporaneamente insostenibile senza il trascinante mercato nero globale. Entrambi i componenti dell’economia mondiale sono incentrati sugli Stati Uniti. Washington è consapevole che la produzione di droga può essere messa in atto solo dopo aver soddisfatto il requisito principale, cioè che gli utili finali non creino un effetto a cascata sul produttore. Diversamente, il mercato nero si sgretolerebbe all’istante. La mafia che gestisce il traffico di droga “in linea” riesce ad ottenere il 90% dei ricavi dall’eroina. Accanto ad altri soggetti coinvolti nel traffico, coloro che lavorano la materia prima ricevono il 2% del guadagno, gli agricoltori di papavero il 6% e i commercianti d’oppio il 2%. La produttività del mercato nero utilizza anche aree coltivate a prezzi marginali. Promuovere un conflitto armato nella zona agricola è il modo più semplice per attenuare i costi richiesti dagli agricoltori, considerando che le armi sono la merce con più alto valore equivalente. La formula è che più sanguinoso è il conflitto e più alti sono i ricavi dalle vendite di armi e droga. L’instabilità, associata al controllo del disordine, rappresenta il motore del mercato nero. I due fattori armonizzano la domanda e l’offerta, Soldati Usa nei campi di oppio in Afghanistan tuttavia per assottigliare i costi e non avere difficoltà occorre diffondere aspirazioni separatiste. Il comandante della situazione dovrebbe impegnarsi con gruppi etnici, clan o fazioni religiose piuttosto che con enti statali.

L’Afghanistan ha distribuito un totale di circa 50 tonnellate di oppio durante la metà degli anni ’80, ma la cifra è balzata a 600 tonnellate entro il 1990, un anno dopo il ritiro dei sovietici. Dopo aver sequestrato il 90% del territorio afgano e preso controllo della coltivazione di papavero locale, i Talebani si sono scrollati di dosso la presa della Cia e del Dipartimento di Stato americano, causando la perdita della quota statunitense dei circa 130 miliardi di dollari di profitto che la mafia poteva ottenere se le forniture venivano incanalate con successo in Asia centrale. Riprendere il controllo della produzione di eroina dal potere dei Talebani era l’obiettivo fondamentale dietro la campagna statunitense in Afghanistan. Al momento la missione è compiuta, gran parte dell’eroina viene acquistata e trasmessa dalla Cia e dal Pentagono ad altri paesi. Dopo aver costruito le basi militari in Kyrgyzstan, Uzbekistan e Tagikistan e insediato il governo di Hamid Karzai, Washington ha aperto nuove rotte di approvvigionamento, eliminando i concorrenti e facendo sì che la capacità degli stabilimenti di trasformazione dell’oppio in eroina non siano mai privi di lavoro. Al momento, l’Afghanistan rappresenta il 75% del mercato globale di eroina, l’80% del mercato europeo e il 35% del mercato statunitense. Circa il 65% del rifornimento di droga dell’Afghanistan attraversa l’Asia centrale post-sovietica, e anche se questa disposizione sarà leggermente modificata, il traffico persisterà anche dopo il ritiro della coalizione occidentale dall’Afghanistan.

L’alleanza criminale tra la Cia e i Talebani è un fatto noto e non svanirà. Attualmente, i gruppi criminali albanesi del Kosovo possiedono un ruolo di primo piano nel commercio internazionale della droga. L’indipendenza del Kosovo dalla Serbia ha permesso agli Stati Uniti di pianificare un nuovo punto di appoggio per il business della droga, con particolare riguardo all’Europa. Oltre un milione di albanesi risiedono in Europa occidentale e la maggior parte di loro sopravvive grazie a diversi affari illegali, soprattutto quello della droga. Senza dubbio, gli Stati Uniti hanno deliberatamente presentato all’Europa un problema che d’ora in poi aumenterà. Secondo l’agenzia anti-narcotici russa, circa 100.000 persone in tutto il mondo – più di quante uccise dall’esplosione nucleare che distrusse Hiroshima – muoiono ogni anno a causa degli stupefacenti provenienti dall’Afghanistan. In questo contesto, in Russia, il bilancio è di circa 30.000 vittime. L’agenzia russa sul controllo della droga afferma che la produttività è raddoppiata negli ultimi dieci anni e ad oggi il 90% delle dosi di droga consumate globalmente – Droga in Russiaun totale di 7 miliardi – rappresentano eroina. La tossicodipendenza sta invadendo l’odierna Russia e nel mix con l’abuso di alcool sta mettendo in pericolo l’esistenza stessa della nazione.

La Russia è molto attiva nell’incoraggiare la lotta internazionale contro la droga – il ministro degli esteri Sergej Lavrov, per esempio, ha ricordato al forum anti-droga 2010 che il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite osserva il problema della droga come una minaccia alla pace e alla sicurezza globale. Il suo punto di vista era che il mandato della coalizione in Afghanistan dovrebbe essere aggiornato per includere delle misure ben più robuste, incluso lo sradicamento dei campi di oppio e lo smantellamento delle fabbriche di droga. I passi per contrastare la produzione di stupefacenti in Afghanistan dovrebbero essere altrettanto decisi di quelli scattati in America Latina contro il traffico di cocaina, afferma Lavrov, sottolineando anche che un coordinamento in tempo reale tra la Russia e la Nato, lungo il confine con l’Afghanistan, potrebbe essere di grande aiuto. Mosca ha mandato per anni segnali in merito, ma l’atteggiamento della Nato sembra essere impassibile. Il capo dell’agenzia russa del controllo della droga Viktor Ivanov ha affermato nel 2010 che la Russia ha fornito delle informazioni riservate agli Stati Uniti e all’amministrazione afghana riguardo 175 stabilimenti di droga in Afghanistan, eppure nessuno di questi è stato smantellato. I fondi continuano quindi ad accumularsi sui conti bancari di coloro che gestiscono questi traffici ed è chiaro che questa condizione richiede un fronte anti-narcotico molto più ampio. Mosca perderà solo tempo e vedrà sempre più russi morire se attende una mossa dell’Occidente per sottoscrivere tali iniziative. È giunto il momento di adottare misure drastiche contro coloro che diffondono la morte confezionata in dosi”.[9]

 

 

 

Echelon, lo spionaggio economico e l’Europa.

“Sapere è potere”: e proprio il servizio di spionaggio satellitare Echelon, gestito principalmente dall’imperialismo USA e dai suoi alleati anglofoni, ha fornito per decenni al Grande Fratello di Washington miriadi di informazioni, anno dopo anno, sull’intero pianeta e anche sul suo alleato-concorrente europeo, ivi comprese ovviamente le aziende europee in competizione con quelle americane.

Già nel 2013 era infatti emerso che “il presidente americano Barack Obama probabilmente non è l’unico imbarazzato dallo scandalo Datagate: anche i leader delle istituzioni europee hanno qualcosa da nascondere. Bruxelles, infatti, è a conoscenza delle attività della National security agency (Nsa) da 13 anni.

Cioè dal 5 luglio del 2000, quando al parlamento europeo fu istituita un’apposita commissione temporanea per appurare l’esistenza del programma Echelon, l’antesignano di Prism, il meccanismo di sorveglianza rivelato dalla talpa Edward Snowden. Certo, aver scoperto le cimici americane nelle proprie ambasciate non è un affare di poca rilevanza, ma il sistema di spionaggio nel suo insieme era già noto.

Il 21 luglio 2001 la commissione presieduta da Carlos Coelho, deputato portoghese del Partito popolare europeo, presentò infatti una relazione la cui conclusione era che «non si può nutrire alcun dubbio sull’esistenza di un sistema di intercettazioni delle comunicazioni a livello mondiale cui cooperano in proporzione gli Stati Uniti, il Regno Unito, il Canada, l’Australia e la Nuova Zelanda nel quadro del patto Ukusa».

La relazione, approvata con 367 voti a favore, metteva in guardia le istituzioni europee, compreso il Consiglio e la Banca centrale europea, dalla minaccia dello spionaggio americano.

Sottolineava la problematicità della posizione di Londra, membro dell’Unione, ma complice degli Stati Uniti nella raccolta di informazioni riservate. Chiedeva alla Commissione europea di affrontare il caso aprendo un negoziato con gli Usa. E sottolineava la reticenza dei leader Ue rispetto alle denunce presentate dagli europarlamentari.

«NON SE NE FECE NULLA»

«Era una relazione che già diceva tutto. Ma al tempo se ne fece poco nulla», ha raccontato a Lettera3.it l’ex europarlamentare e senatore Giuseppe Di Lello, già magistrato del pool antimafia di Antonino Caponnetto, uno dei due italiani che di quella commissione facevano parte: «Quando ho letto sui giornali di Snowden mi sono messo a ridere», ha aggiunto. «Vedrà che anche stavolta non succederà nulla».

OBAMA CYBER SECURITY

Il primo a rivelare all’europarlamento il sistema di spionaggio ai danni dei cittadini europei fu il giornalista investigativo Duncan Campbell.
Incaricato di un report sulla Valutazione delle tecnologie del controllo politico, Campbell spiegò già nel 1997 l’esistenza del cosiddetto ‘patto Ukusa’, su cui si fondava il programma di spionaggio Echelon.
Il parlamento ordinò allora ulteriori indagini.

EDWARD SNOWDEN

Nei quattro anni successivi, venne fuori che la rete delle intercettazioni era citata in diversi documenti ufficiali: nella relazione dell’intelligence inglese del biennio 1999-2000, in una pubblicazione del 2000 dell’ufficio del primo ministro neozelandese, nelle dichiarazioni del direttore dei servizi segreti australiani, nella relazione del comitato parlamentare di sicurezza canadese.
Ma soprattutto si scoprì che alcuni governi europei erano coinvolti nel sistema di spionaggio Echelon, uno dei nomi con cui venne chiamato il piano di intercettazione internazionale.

LE BASI DI ASCOLTO

Tra le stazioni di spionaggio dagli Usa figuravano infatti tre basi europee: due in Inghilterra e una in Germania.
…

SPIONAGGIO STATI UNITI

E infine: «La Germania concede agli Stati Uniti d’America l’uso del proprio territorio, a Bad Aibling, al fine esclusivo di effettuare captazioni satellitari».
Secondo le testimonianze raccolte, la stazione tedesca avrebbe addirittura servito due padroni: gli americani e i russi. Ma, stando alla relazione, gli americani avevano deciso di chiuderla nel 2002. Due anni dopo la base tornò sotto l’amministrazione tedesca. Anche per questo oggi Berlino potrebbe risultare immune dallo scandalo.

INTOCCABILE LA SICUREZZA NAZIONALE

Le rivelazioni contenute nella relazione, insomma, spiegavano che due importanti stati europei partecipavano alla raccolta di informazioni contro gli interessi dei loro stessi cittadini. Ma gli eurodeputati potevano fare poco: formalmente, il programma di intercettazione degli stati Ue era mirato alla difesa della sicurezza nazionale e la Comunità europea non poteva contestare violazioni dei trattati europei.

[…] LA DIPENDENZA DAGLI USA

La relazione segnalò infatti che l’arretratezza nei mezzi tecnologici della Ue, e la mancata volontà di investire denaro per creare l’apparato integrato necessario, avrebbe consegnato l’Europa all’America per lungo tempo.
«Già dal punto di vista tecnologico e di bilancio sarà nell’interesse dell’Unione europea mantenere stretti rapporti con gli Stati Uniti nel campo della raccolta di informazioni».
Il messaggio era passato. «Gli Stati Uniti fecero capire: spiano tutti, spiate anche voi», ha concluso Di Lello. Oggi i leader europei chiedono pubblicamente spiegazioni, ma dovrebbero darle ai loro elettori”.[10]

Ripetiamo dunque che sapere è potere, anche in campo politico-economico e nella variegata regione della politica-struttura.

 

 

 

 

La CIA e Internet.

“Sapere è potere”, ormai è sicuro: e non a caso fin dal 2017 è venuto alla luce che lo spionaggio economico, politico e militare della CIA a vantaggio degli interessi strategici dell’imperialismo statunitense ha fatto si che “smartphone e smart-tv vengono usate per spiarne” i possessori: la Cia ha dunque, da anni, una serie di sistemi e programmi per sorvegliare chiunque.  WikiLeaks ha pubblicato 8.761 file dalla divisione della Central Intelligence Agency che sviluppa software e hardware per sostenere le operazioni di spionaggio.

Base a Francoforte e decine di hacker al lavoro per sviluppare Il programma segreto basato su ‘malware’ e cyber-armi con l’obiettivo di permettere agli 007 Usa di controllare gli smartphone – che montino sistemi operativo iOs o Android non fa differenza – e persino i televisori Samsung, trasformati in microfoni segreti per captare conversazioni in salotto.

[…] Dai documenti filtrati in quest’ultima ondata, anticipati per l’Italia da Repubblica, provenienti da “una rete isolata e ad alta sicurezza per il cyber-spionaggio del quartier generale della Cia a Langley, in Virginia”, emerge che il consolato americano a Francoforte viene usato come base segreta dagli hacker della Cia per tutte le operazioni riguardanti l’Europa, il Medio Oriente e l’Africa.

Sette anni dopo le rivelazioni di Chelsea Manning e quattro dopo quelle di Edward Snowden, l’intelligence americana rischia di trovarsi in una nuova bufera per i suoi programmi di sorveglianza, anche perché Wikileaks avverte che quanto pubblicato è solo “la punta dell’iceberg” che sarà svelato in sette ondate di documenti nella “più importante fuga di dati di intelligence della storia”.

Una conferenza stampa di Julian Assange sul piano “Vault 7” è stata rinviata in seguito a un attacco hacker contro le piattaforme del sito. Il fondatore di Wikileaks, ospitato nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra da quando la Svezia ne ha chiesto l’estradizione per un caso di violenza sessuale, ha definito queste nuove rivelazioni “eccezionali sul piano legale, politico e giudiziario”.

Nella prima puntata, ribattezzata “Anno Zero”, sono stati rivelati i sistemi di ‘hacking’ dell’agenzia e viene spiegato che la Cia ha a disposizione centinaia di milioni di codici per il controllo a distanza che offrono a chi ne entra in possesso possibilità immense per lo spionaggio.

L’elenco dei dispositivi violati

iOS (iPhone, iPad)

Android

OSX (tipo iMac e MacBook)

Windows pc

Linux pc

Router

Samsung smart TV.

Secondo il Guardian, proprio a causa della perdita di controllo di questo immenso archivio di dati, una persona è entrata in possesso dei file che sono stati consegnati a Wikileaks. Pare che l’archivio circolasse tra gli hacker e i contractor del governo americano in modo non autorizzato”.[11]

Ancora una volta analizziamo la connessione diretta tra sfera politica, apparati statali, servizi segreti e processo produttivo.

Politica-struttura, in estrema sintesi.

 

 

Alcuni cenni di storia dello spionaggio economico

La simbiosi e la connessione tra spionaggio e processo di produzione risulta di durata plurimillenaria, visto che questo importante e plurisecolare settore della politica-struttura (politica da intendersi come “espressione concentrata dell’economia”) e che risale addirittura a 1500 anni orsono.

Infatti Paolo Preto, nel suo eccellente libro “I servizi segreti di Venezia”, ha notato che “lo spionaggio economico, commerciale e industriale è vecchio come il mondo, forse addirittura anteriore allo spionaggio militare. I segreti dell’allevamento del baco da seta e della produzione della porcellana, ambedue sottratti ai cinesi, l’uno dai bizantini, l’altro tra il 1712 e il 1722 dal gesuita francese d’Entrecolles (e poi a sua volta oggetto di rocamboleschi trafugamenti a catena in Francia, Inghilterra, Germania, Italia), sono due esempi emblematici dello spionaggio industriale in età medievale e moderna…

Nelle società europee del Cinquecento, Seicento e Settecento lo spionaggio industriale assolve la funzione fondamentale, osserva Bergier, di incentivo al progresso scientifico e alla nascita dell’industria, perché mette in circuito tecniche ed esperimenti altrimenti tenuti gelosamente racchiusi in cerchie ristrette di artigiani protetti dalle patenti di privilegio. Cipolla osserva che “nell’Europa pre-industriale la propaganda delle innovazioni tecnologiche avviene” non tanto con l’informazione scritta quanto “con la migrazione di individui che per un verso o per l’altro decidevano di emigrare”; un bell’esempio di sviluppo industriale fondato sulle innovazioni tecnologiche è quello delle cartiere toscane, tra Seicento e Settecento, rinvigorite dall’apporto di segreti produttivi sottratti ai più avanzati concorrenti di Amsterdam, Genova, Marsiglia. Anche i diplomatici si dedicano talvolta allo spionaggio industriale, come quel Nicolas Mesnager che approfitta delle lunghe trattative che conducono alla pace di Utrecht (1713) per sottrarre un nuovo sistema per tingere seta e lane. Un po’ ovunque nell’Europa dei “lumi” ministri riformatori e società di promozione scientifica inviano negli stati ritenuti più progrediti nelle singole branche produttive spie tecnologiche, sotto le vesti di colti viaggiatori in viaggio d’istruzione; qualche esempio: il ministro spagnolo marchese de la Ensenade verso la metà del secolo manda in vari paesi alcuni commissari di artiglieria ad acquisire tecniche metallurgiche; gli ufficiali piemontesi Nicolis di Robilant e Carlo Antonio Napione compiono, rispettivamente nel 1749-52 e 1787-92, viaggi “mineralogici”; Marsilio Landriani nel 1787-88, per incarico della Società patriottica di Milano, compie un lungo viaggio in Francia, Inghilterra e Scozia a carpire segreti di macchine e prodotti chimici, oltreché a conoscere scienziati, tecnici, esperti di agricoltura e medicina; Giovanni Fabbroni invece fallisce nel 1779 nel suo tentativo di sottrarre a una grande fabbrica di Higgins il prezioso segreto dell’“olio di vetriolo”, così utile per l’industria tessile e metallurgica. L’Italia, proprio all’antivigilia della rivoluzione industriale, è vittima di una celebre azione di spionaggio inglese: tra il 1716 e il 1717 sir John Lombe, camuffato da operaio, si introduce in un setificio piemontese e ruba il segreto dei mulini per la seta. I casi di sottrazione di tecnologie nel Settecento sono numerosi un po’ in tutta Europa, soprattutto in Inghilterra.

Tutta la storia del commercio veneziano è tessuta di episodi di spionaggio di singoli mercanti, attentissimi a cogliere su ogni piazza notizie utili per i loro affari; talvolta, come nel caso già ricordato di Lunardo di Ca’ Masser (1504), le informazioni servono a tutta la comunità mercantile e alla Repubblica nel suo complesso.

L’arte della seta e quella della pannina sono oggetto dell’interesse veneziano negli anni centrali del Seicento: nel 1668 Francesco Giavarina è mandato segretamente a Monaco di Baviera per assumere informazioni su una progettata fabbrica di pannine d’oro e di seta: l’anno dopo l’ambasciatore d’Inghilterra è invitato a trovare operai abili nella produzione di pannina, calze e cardellami per inviarli a Venezia; negli ultimi anni del secolo, il 16 marzo 1697, Iseppo de Roy, mercante di Anversa, ottiene il privilegio di produrre nuove manifatture di seta, azze e stami d’Angora […].

Ancora l’arte della seta è protagonista nel 1727-1732 di due tentativi di pirateria industriale, anche questa volta a danno di Bologna: Ludovico Aureli e Domenico Tattini, accordatisi preventivamente coi cinque savi alla mercanzia, spediscono a Venezia macchinari, lavoratori e un falegname per aprire una fabbrica di veli “alla bolognese” ma poi li recuperano e vengono graziati; nel 1732 il “filatogliere” Alessandro Cappelli si trasferisce da Bologna a Venezia, chiama l’abile “increspatore” Pietro Lambertini e viene condannato a morte in contumacia  e alla “pittura infame”: il Lambertini, rientrato in patria, ci riprova nel 1755 e viene arrestato. Nel settembre 1737 un suddito veneto dà accurate notizie agli Inquisitori su un filatoio di seta per orsogli e una grande tintoria di Lubiana; il 7 dicembre 1744 il residente a Napoli dà un giudizio poco favorevole sul segreto o arcano di quattro famiglie fiorentine per perfezionare la tintura e migliorare la qualità”.[12]

Spionaggio statale e produttivo: un binomio e un tandem poco conosciuto, ma non certo privo di importanza.

 

 

Lo scontro tra Cina e Stati Uniti per il primato tecnologico mondiale.

Nell’ultimo secolo ha assunto un’importanza sempre crescente l’alleanza e la simbiosi tra apparati statali/finanziamenti pubblici e grandi imprese nel – decisivo e fondamentale, in ultima istanza – settore della ricerca tecno-scientifica, generando e riproducendo pertanto una nuova area di intervento per la politica-struttura, intesa e valutata in senso leninista come “espressione concentrata dell’economia”.

Lo scontro planetario ormai in atto all’inizio del terzo millennio tra la Cina (prevalentemente socialista) e l’imperialismo statunitense per il primato in campo tecnologico e scientifico costituisce un caso particolarmente illuminante di politica-struttura, che ha costretto anche i circoli dirigenti statunitensi “liberisti” a prendere ormai coscienza della necessità di aumentare il  finanziamento pubblico statunitense per la ricerca e lo sviluppo dall’attuale 0,7% del prodotto interno lordo americano ad almeno l’1,1%, alla faccia dei sostenitori della decrepita teoria della presunta “evaporazione” dello stato.

A tal proposito il lucido ricercatore anticomunista Matteo Cavallito ha sostenuto, con evidente preoccupazione, che “tra Cina e Stati Uniti sarebbe ormai in corso una vera e propria «guerra fredda tecnologica», un nuovo conflitto non meno rilevante rispetto alla competizione economica e militare. Ma anche uno scontro asimmetrico in cui Pechino, almeno per ora, sembra avere a disposizione un vantaggio significativo sul fronte dell’AI, l’intelligenza artificiale. «Gli avanzamenti tecnologici cinesi sono impressionanti» spiega Martin Ji, Senior Portfolio Analyst di ClearBridge Investments, una società affiliata all’asset manager Legg Mason. Ma quel che più conta è che «la Cina appare sempre più in grado di sviluppare prodotti e soluzioni domestiche».

Un fattore da non sottovalutare in caso di ulteriore recrudescenza della guerra commerciale tra i due giganti in fuga sul gruppo degli attardati inseguitori europei (la riflessione è nostra). La corsa parallela all’innovazione, insomma, come la vecchia sfida spaziale tra USA e URSS, strategia decisiva nello scontro fisiologico tra superpotenze. Dalla fu cortina di ferro alla futura «cortina di silicio», per citare ancora Ji, il passo potrebbe essere davvero breve.

[…] Al centro dell’attenzione c’è il settore dell’intelligenza artificiale, il comparto guida dell’Hi-Tech del futuro prossimo su cui la Cina sembra avere da tempo un basilare vantaggio competitivo. Il fatto è che questo tipo di tecnologia può essere pensato come un motore estremamente potente che migliora le proprie prestazioni nutrendosi di enormi quantità di carburante. La benzina, in questo caso, è costituita dai dati e la capacità di raccolta di questi ultimi diventa decisiva. Negli ultimi anni sistemi di monitoraggio della popolazione sperimentati su larga scala hanno consentito alla Cina di accumulare una quantità impressionante di informazioni destinata a crescere, presumibilmente in modo esponenziale nei prossimi anni. E quindi…

«Questa enorme raccolta di dati inoltre alimenta i progetti di intelligenza artificiale cinesi» sostiene ancora Martin Ji, «mentre le leggi sulla privacy limitano sotto quest’aspetto le possibilità di Europa e USA»…

[…] È in questo quadro che l’analista di ClearBridge Investments immagina un futuro da guerra fredda in campo tecnologico. Due nazioni contrapposte che si sfidano creando «due sfere di dominio tecnologico separate e parallele». La lotta è già cominciata, il caso Huawei è storia nota. Solo che qui si va oltre, in una corsa accelerata verso l’innovazione da alimentare a colpi di miliardi. Centinaia di miliardi.

Secondo Adam Segal, uno degli autori dello studio a cura del Council on Foreign relations, intervistato dalla CNBC, sia il Congresso sia la Casa Bianca «sono sempre più consapevoli della necessità di fare di più». Segal, in particolare, ha proposto l’aumento del finanziamento federale per la ricerca e lo sviluppo fino a quota 1,1% del Pil contro lo 0,7% attuale. Dati alla mano un incremento annuale di oltre 80 miliardi di dollari”.[13]

Ormai il sorpasso epocale della Cina sugli Stati Uniti in campo tecnologico sta ormai diventando una realtà concreta e tangibile nella “politica-struttura” proiettata su scala internazionale.

 

 

La “guerra dei chip” tra Pechino e Washington

Il ruolo centrale assunto, seppur in ultima istanza, dal livello di sviluppo della scienza e tecnologia come minimo nell’ultimo secolo è stato evidenziato anche dai grandi successi ottenuti negli ultimi anni dalla dirigenza e dagli apparati statali cinesi nel colmare il gap che divideva la gigantesca nazione asiatica dagli Stati Uniti, nello strategico settore dei chip, ossia dei microcircuiti elettronici.

A tal proposito l’insospettabile e anticomunista Federico Giuliani ha lucidamente notato, nel giugno 2019, che nel corso degli ultimi anni i nuclei dirigenti politici ed economici degli USA “hanno studiato l’economia della Cina, con un occhio di riguardo per i settori sensibili che in un futuro non troppo lontano potrebbero trasformare il Dragone nel nuovo padrone del mondo. Hanno pesato i progressi di Pechino in campo tecnologico e capito che i cinesi sono molto più avanti in temi cruciali come ad esempio lo sviluppo delle reti 5G. Hanno infine scoperto i punti deboli del sistema commerciale cinese e intrapreso una guerra dei dazi per ostacolare la crescita esponenziale del Dragone. Eppure, nonostante la fatica, una Trade War in corso e minacce più o meno tangibili, gli Stati Uniti sono di nuovo al punto di partenza. Merito dei cervelloni di Xi Jinping, che hanno trovato il modo di eludere le trappole preparate da Trump.

Un piano da rifare…

Dunque gli Usa hanno pensato bene di applicare una serie di tariffe su buona parte del Made in China, ma anche di impedire alle aziende statunitensi di fare affari con Pechino. Huawei, ad esempio, necessita di particolari chip prelevati da imprese statunitensi e utilizza il sistema operativo Android; senza i nostri chip e il nostro ingegno – hanno pensato dalla Casa Bianca – i device del gigante di Shenzen diventerebbero inutili e addirittura non potrebbero più essere prodotti. Riequilibrare il disavanzo commerciale e stroncare sul nascere la concorrenza: il piano dell’amministrazione Trump sembrava reggere, e in effetti ha retto fino a poche settimane fa.

La Cina ha però trovato il modo non solo di bypassare la spada di Damocle delle tariffe, spostando le sue aziende di produzione in altri Stati asiatici limitrofi, ma anche di potenziare la propria industria così da non dover più dipendere da agenti esterni. Prendiamo nuovamente il caso Huawei: come riporta Nikkei Asian Review, Pechino è pronto a produrre il primo chip autarchico. Un’azienda cinese fondata nel 2016 sta per diventare il primo produttore di massa cinese di chip di memoria che andranno a sostituire quelli precedentemente importati dagli Stati Uniti. Il nuovo gioiellino della Cina è Changxin Memory Technologies, che negli ultimi mesi ha ridisegnato i suoi chip di memoria ad accesso casuale dinamici (Dynamic random-access memory, DRAM) evitando violazioni di brevetti altrui. Per il momento Changxin deve ancora fare affidamento a fornitori di attrezzature e progettazione americane, ma l’azienda è adesso salva da ogni potenziale accusa statunitense di furto di proprietà intellettuale. In un secondo momento Changxin inizierà a produrre i chip a Hefei, nella Cina orientale; qui la società ha investito 8 miliardi di dollari per la costruzione di un moderno impianto di produzione”…[14]

diventa sempre più evidente la simbiosi su scala planetaria tra il processo di innovazione tecnologico e il flusso materiale finanziario, materiale proveniente dagli apparati statali…

 

 

 

La sfera politica cinese e il primato nelle blockchain.

 

Grazie all’interconnessione creatasi tra sfera politica, apparati statali, ricerca scientifica e pratica produttiva la Cina prevalentemente socialista ha raggiunto ormai il primato nel settore delle blockchain scavalcando gli USA. La giornalista S. Faenza ha notato che la Cina ha raggiunto il “primato in termini di brevetti relativi all’uso della tecnologia Blockchain superando anche gli Stati Uniti.

Il quotidiano finanziario cinese il Nikkei, ha riportato il 20 novembre, che diverse società cinesi hanno presentato un totale di 7.600 domande negli ultimi nove anni. Un dato che pone la Cina al primo posto nel settore, e che presenta un numero di brevetti pari al triplo rispetto alle aziende degli Stati Uniti.

In totale, le domande nel settore della blockchain sono state 12 mila sino al 2018 sommando quelle degli USA, Cina, Corea del Sud, Germania e Giappone. Queste richieste di brevetto sono relative all’uso della blockchain e della sua tecnologia, e la Cina da sola rappresenta comunque il 60% delle domande.

Nel mese di ottobre il presidente della Cina, Xi Jinping, ha esortato il paese ad accelerare l’uso di tecnologie blockchain, come uno degli elementi principali nel settore dell’innovazione. Il presidente cinese ha sottolineato che il loro impiego è uno strumento importante per promuovere la trasformazione industriale e l’innovazione tecnologica.

Edith Cheung, uno dei partner del fondo venture capitalist la Proof of Capital, ritiene che la Cina molto probabilmente potrà distribuire la sua nuova valuta nei prossimi 6 o 12 mesi. Secondo Cheung, le altre potenze dovrebbero prepararsi a rispondere a ciò, in quanto la Cina spera di diventare il primo paese del mondo a emettere un’incarnazione digitale di una valuta nazionale”.[15]

 

 

Occhio per occhio…

Il giornalista Dado Ruvic ha descritto quello che diventa nel campo del software il colpo più duro del 2019 “per le multinazionali statunitensi come HP, Dell e Microsoft, in risposta a quella che è diventata una vera e propria guerra fredda commerciale e tecnologica tra Washington e Pechino.

La Cina ha ordinato che tutte le apparecchiature informatiche e i software stranieri vengano rimossi dagli uffici governativi e dalle istituzioni pubbliche entro tre anni, riporta il Financial Times, che dichiara una esclusiva ottenuta da informatori provenienti da agenzie governative cinesi.

La direttiva del governo sarà probabilmente un duro colpo per le multinazionali statunitensi come HP, Dell e Microsoft, ma rispecchia i tentativi di Washington di limitare a sua volta l’uso della tecnologia cinese negli Stati Uniti. Ora la guerra commerciale tra le due superpotenze rischia di trasformarsi anche in una guerra fredda tecnologica.

L’amministrazione Trump aveva vietato alle società statunitensi di intrattenere rapporti commerciali con la società cinese di telecomunicazioni Huawei all’inizio di quest’anno e, a maggio, Google, Intel e Qualcomm avevano annunciato che avrebbero congelato la cooperazione con la stessa.

Escludendo la Cina dal know-how occidentale, l’amministrazione Trump ha chiarito che la vera battaglia avrebbe riguardato quale dei due Paesi avrebbe ottenuto il vantaggio tecnologico per i prossimi due decenni.

Questa è la prima direttiva pubblica nota di Pechino che stabilisce obiettivi specifici che limitino l’uso cinese della tecnologia straniera, sebbene faccia parte di una mossa più ampia all’interno della Cina per aumentare la sua dipendenza dalla tecnologia domestica.

Il Financial Times ha anche riferito nel dettaglio che la direttiva comporterebbe la sostituzione di circa 20 – 30 milioni di componenti hardware, e che questo lavoro inizierà già nel 2020. Il 30% delle sostituzioni dovrebbe avvenire entro il prossimo anno, il 50% nel 2021 e il restante 20% nel 2022.

L’ordine sarebbe arrivato dall’ufficio centrale del partito comunista cinese all’inizio di quest’anno, hanno rivelato le fonti del giornale britannico, pur rimanendo anonime”[16].

[…]

Economia, tecnologia e apparati statali. Ancora una volta, politica-struttura, politica intesa con Lenin come “ espressione concentrata dell’economia”.

 

 

 

 

 

Spionaggio economico e politico: l’“operazione Rubicone”

Rispetto all’interconnessione creatasi da secoli tra politica internazionale, economia e spionaggio anche verso paesi “amici”, Paolo Gilardi ha notato ancora all’inizio del 2020 che “Si dice in giro che, durante il Word Economic Forum di Davos, le alte sfere economiche e governative facessero gli scongiuri affinché le conclusioni di un’inchiesta della quale si sapeva non fossero rivelate in un momento in cui la Svizzera si trovava in casa i dirigenti – “cornuti”, vedremo poi il perché – di mezzo mondo. Invece la bomba è scoppiata solo pochi giorni fa.

E seppur risparmiate dal doversi giustificare o scusare davanti alla platea del WEF, le autorità svizzere si apprestano ad affrontare gli effetti di una deflagrazione che potrebbero essere deterrenti.

“Ma fino a che punto la Svizzera si è compromessa nella vicenda della Crypto la cui tecnologia informava i servizi segreti americani?” si chiede in prima pagina una delle testate della grande borghesia, Le Temps del 12 febbraio. Il giorno prima, infatti, un pool di giornalisti di investigazione aveva rivelato che i servizi segreti di più di un centinaio di paesi sono stati sistematicamente fatti cornuti – e più che verosimilmente con la benedizione delle autorità politiche e militari elvetiche – dalla ditta Crypto SA.

Codice? Rubicone

Con base in quel paradiso fiscale che è il canton di Zugo, la Crypto SA vende nel mondo intero sofisticati sistemi di criptaggio.

Dall’inizio degli anni cinquanta però, le sue macchine di codifica sono state, all’insaputa dei loro acquirenti, attrezzate con un accesso segreto riservato alla CIA, alla NSA ed al servizio segreto dell’allora Repubblica federale tedesca, il BND. Ciò significa che l’insieme dei sistemi di criptaggio dei paesi dotati della tecnologia della Crypto era accessibile ai servizi statunitensi e tedeschi. CIA, NSA e BND erano addirittura diventati proprietari della Crypto SA, coperti evidentemente da prestanomi locali, il 4 giugno del 1970 per la modica somma di 25 milioni di franchi. E se il BND si ritirerà dall’affare all’inizio degli anni Novanta, dopo la riunificazione tedesca, la CIA resterà proprietaria sino alla separazione della ditta in due entità nel 2018.

Soprannominata “Rubicone”, l’operazione ha così permesso ai servizi segreti, statunitensi in primis, di accedere a tutti i segreti del centinaio di paesi clienti della Crypto SA.

Fra questi, certo, tanti stati “amici” quali il Vaticano, ma anche paesi più sensibili. Così, ad esempio, la macchina svizzera era stata comprata dal governo di Salvador Allende all’inizio dell’esperienza di Unidad Popular, un’esperienza che gli USA di Nixon e Kissinger ostacoleranno sin dall’inizio e contribuiranno a rovesciare nel settembre del 1973. È più che probabile che la conoscenza delle comunicazioni interne cilene rappresentò un aiuto forse non secondario…

Fu dotata della tecnologia made in Zugo anche l’Argentina di Videla, ciò che permise ai servizi statunitensi – i documenti pubblicati lo proverebbero – di essere perfettamente al corrente delle torture e esecuzioni perpetrate dal regime, senza però che la CIA le denunciasse, anzi…

Trasmise invece un certo numero di informazioni ad un “governo amico”, quello di Margareth Thatcher, impegnato nella guerra delle Malvine contro, proprio, l’Argentina e che permisero il successo di alcune operazioni belliche britanniche, in particolar modo in mare.

Poker truccato

L’interesse della cosa salta agli occhi: giocare a poker conoscendo le carte in mano dell’avversario dà una superiorità evidente. Ed è così che, durante la crisi dell’ambasciata statunitense in Iran nel 1979-80, i negoziatori dell’allora presidente statunitense Jimmy Carter avevano una superiorità assoluta sul regime iraniano, conoscendone le strategie grazie alla macchina della Crypto SA, anche se, in quell’occasione, la superiorità non permise loro di ottenere la liberazione degli ostaggi prima dell’elezione presidenziale persa poi contro Ronald Reagan.

D’altronde, sembrerebbe che gli Iraniani qualche cosa l’avessero intuita, poiché Hans Bühler, il cittadino svizzero rappresentante della Crypto in Iran, fu arrestato e detenuto in quel paese, accusato di spionaggio, per quasi un anno. Si noti che la cauzione di un milione di dollari per la sua liberazione fu pagata, e non a caso,…dal governo della Repubblica federale tedesca.

Queste pratiche truccate furono denunciate una prima volta nel 1978 da un impiegato della Crypto SA, poi licenziato; ma le autorità svizzere non prestarono soverchia attenzione a quella denuncia. Forse perché la cosa non era per loro nuova nella misura in cui, come afferma l’allora responsabile dei servizi tedeschi, “gli Svizzeri sono assai professionali, sanno benissimo di cosa si tratta”. E se una scheda della polizia federale svizzera resa pubblica dall’investigazione giornalistica conferma che “BND e CIA sono in grado di ascoltare”, risulta evidente che le autorità nulla fecero per impedirlo.

E nulla fecero quando, nel 1993, l’esercito federale jugoslavo scoprì l’imbroglio ed ottenne da Crypto SA la modifica e la messa in sicurezza dell’apparecchiatura. Come non agirono quando, nel 1994, accusata di spionaggio da un giornalista, Crypto SA smentì la cosa in una dichiarazione televisiva che suscitò – così scrisse la CIA – “la fierezza dell’agenzia per la prestazione offerta”.

Deflagrazione deterrente…

Nel momento in cui fa correre molto inchiostro la polemica sulle possibili utilizzazioni spionistiche della tecnologia dell’operatore cinese Huawey, il fatto che una serissima ditta svizzera si sia fatta vettore di spionaggio potrebbe avere serie ripercussioni per un’industria di precisione largamente dipendente dalle esportazioni.

Sul piano politico poi, i danni potrebbero essere immensi. E questo non solo perché la Svizzera non ha saputo rispettare un accordo internazionale firmato nel 2014 che la obbliga a verificare la conformità delle merci “sensibili” prodotte nel paese; ma è soprattutto la credibilità internazionale del governo che è in gioco. In effetti, quale credito accordare ad un mediatore (è la Svizzera, ad esempio, a far da intermediario tra Stati Uniti ed Iran, così come lo fu tra USA e Cina popolare fino al 1972, è a Ginevra che si svolgono sovente negoziati cruciali promossi dal governo svizzero) che tollera e copre il doppio gioco?

Contrariamente a quanto pretendono le autorità, qui non si tratta di “vecchie storie, reliquie della guerra fredda”, non fosse altro perché è solo nel 2018 che la CIA si è ritirata dall’operazione Rubicone, cioè quasi trent’anni dopo la fine della guerra fredda.

La linea di difesa del governo è per il momento fondata sul diniego: “non sapevamo”, dice e scrive il Consiglio federale. Smentito tuttavia categoricamente dai documenti resi pubblici dalla stampa. In uno di questi – che caratterizza l’operazione Rubicone come “il più lungo e più importante progetto di spionaggio dalla fine della seconda guerra mondiale”-, la CIA lascia chiaramente intendere che Kaspar Villiger, ministro della difesa negli anni Novanta e membro del Partito liberal radicale, il PLR, era perfettamente informato.

D’altra parte, risulta che due membri del consiglio di amministrazione della Crypto SA, membri pure loro del PLR, intrattenevano rapporti molto stretti con lo stesso Villiger.

Limitare i danni?

È probabilmente nell’intento di circoscrivere l’incendio che, cosciente della portata dirompente dello scandalo, l’establishment politico sembra risolversi a ricorrere ad un’arma istituzionale alla quale si è fatto ricorso per solo quattro volte nella storia del paese, cioè la costituzione di una commissione parlamentare d’inchiesta incaricata di scoprire la verità sulla vicenda.

Nel 1989 un’analoga commissione parlamentare d’inchiesta, creata per far luce sulle collusioni del marito della ministra della giustizia con ambienti mafiosi, levò il velo su uno scandalo ben più grande, la sorveglianza della popolazione da parte della polizia politica – a livelli da STASI – e l’esistenza di due strutture militari clandestine imbricate con la rete Gladio.

Trent’anni dopo, non c’è ragione di escludere che, con in ballo come allora i servizi segreti dei leader del cosiddetto “mondo libero”, ben altri scheletri escano dagli armadi nei giorni a venire…”.[17]

 

1]P. Preto, “I servizi segreti di Venezia”, p. 381, ed. Il Saggiatore

[2]A. Muratori, “Ecco il vero mondo di Amazon: dalla Cia alle nuove attività in Italia”, in it.insiderover.com

[3]“Amazon è partner CIA, di Bezos anche il Washington Post”, in http://www.libreidee.org

[4]“Facebook, capolavoro del suo azionista-ombra: la Cia”, in http://www.libreidee.org

[5]B. Saetta, “Facebook connection: il braccio della CIA e la sorveglianza digitale”, in valigiablu.it

[6]“Cosa dicono i documenti di Wikileaks sulla CIA”, in http://www.ilpost.it

[7]“Bill Gates supera Jeff Bezos, è l’uomo più ricco al mondo”, in http://www.repubblica.it

[8]“Chi fa i soldi con l’antiterrorismo Il grande business dell’intelligence”, primabergamo.it

[9]“Il business della droga e la complicità con la CIA”, in www. vietatoparlare.it

[10]G. Faggionato, “Il segreto di Pulcinella: da Echelon a PRISM, l’Europa sapeva dello spionaggio USA (con l’aiuto di Londra e Berlino), in http://www.dagospia.com

[11]“Wikileaks: così la Cia usa internet per spiarci”, in http://www.agi.it

[12]P. Preto, “I servizi segreti di Venezia”, pp. 381-382, ed. Il Saggiatore

[13]M. Cavallito, “Tra Cina e USA è guerra tecnologica. E Pechino sta vincendo sull’AI”, in http://www.valori.it

[14]F. Giuliani “Guerra tecnologica, Pechino colpisce gli USA: nasce il primo chip cinese”, in it.insiderover.com

[15]S. Faenza, “La Cina ha il primato di brevetti nel campo della blockchain”, in http://www.criptovalutenews.com

[16]D. Ruvic, “Occhio per occhio, chip per chip: la Cina impone PC e software nazionali negli uffici pubblici”, in it.sputniknews.com/

[17]P. Gilardi, “Crypto, che bomba!”, in http://www.sinistrainrete.info

 

Politica-struttura: Amazon, Google, Palantir e la CIA.

 

 

A volte si tende a separare l’attività di spionaggio dall’economia, dai profitti e dall’azione delle multinazionali: un errore che non era certo stato commesso da Norman Mailer nel suo geniale libro “Il fantasma di Harlot”, opera nella quale lo scrittore statunitense ventilava a livello narrativo (e forse non solo narrativo…) che nella CIA di Langley si fosse formato un nucleo e un gruppo interno supersegreto il quale, attraverso l’uso selettivo delle informazioni via via ottenute dall’agenzia, operava da decenni in campo finanziario acquisendo ingenti profitti equivalenti a miliardi di dollari.

Passando dalla letteratura alla realtà storica, il tandem “economia-spionaggio” è emerso più volte nel corso degli ultimi due millenni: si parte dal trafugamento delle preziose uova di seta cinesi da parte dei monaci cristiani per conto dello stato bizantino, sotto il regno di Giustiniano e durante il sesto secolo, per arrivare mano a mano alla sottrazione ai cinesi dei loro segreti tecnologici nel processo di produzione della porcellana, furto avvenuto agli inizi del diciottesimo secolo, giungendo poi senza soluzione di continuità al nostro terzo millennio. Proprio negli ultimi decenni è venuta alla luce, con tutta evidenza, l’importanza e la diffusione di quella particolare e specifica regione del grande continente della politica-struttura, inteso come “espressione concentrata dell’economia” (Lenin, 1921) e che comprende al suo interno anche tutte le interazioni tra le attività statali di intelligence e la praxis multiforme dei processi produttivi, specialmente di natura tecnologica.[1]

I servizi segreti statunitensi ad esempio si interessano in prima persona da molti anni e condizionano, direttamente e in modo sensibile seppur occulto, alcune sezioni significative dell’hi-tech americana, costituendo pertanto un altro esempio concretissimo di politica-struttura (che comprende al suo interno tasse, moneta, dazi, aziende pubbliche, salvataggi di imprese private con denaro pubblico, salvataggio dei sistemi produttivi nazionali in caso di epidemie, collassi finanziari e così via).

A tal proposito va rilevato come Andrea Muratori, all’inizio del 2010, avesse ben sottolineato l’alleanza creatasi tra importanti segmenti degli apparati statali degli USA e la gigantesca corporation Amazon, notando che “con un fatturato di oltre 177 miliardi di dollari nel 2017 e più di mezzo milione di dipendenti in tutto il mondo, Amazon rappresenta uno dei più importanti colossi dell’economia globale contemporanea. Gestisce non solo un business di e-commerce senza paragoni in Occidente, a livello globale paragonabile solo a quello della cinese Alibaba, ma anche una mole immensa di dati, che hanno contribuito a renderla un attore importante nel campo del cloud storage.

La società di Jeff Bezos, in una fase che vede l’economia interessata da una transizione verso tecnologie di frontiera come l’intelligenza artificiale e il 5G, gioca un ruolo importante nella “guerra dei dati” che si sta scatenando tra Stati Uniti e Cina (come insegna il caso Huawei) e al tempo stesso amplifica la sua proiezione nel campo della gestione di servizi tradizionalmente pubblici in diversi paesi del mondo, rafforzando in questo modo tanto il suo business quanto la sua base di dati a disposizione…

Tutto parte dagli Stati Uniti. Paese alla cui strategia mondiale Amazon, come gli altri giganti del web, è intrinsecamente collegata. Come ricordato da Limes, “tramite la controllata Amazon Web Services (AWS), nel 2013 Amazon ha siglato un contratto da 600 milioni di dollari con la CIA per fornire un servizio cloud che è utilizzato dalle 17 agenzie della comunità di intelligence. E proprio la AWS è favorita per l’assegnazione del gigantesco programma di cloud computing del Pentagono, la Joint Enterprise Defense Infrastructure (JEDI), dal valore di 10 miliardi di dollari”, che Google ha abbandonato a seguito delle proteste dei dipendenti.

Donald Trump ha più volte attaccato Bezos, la massiccia elusione fiscale della sua società e la linea editoriale del giornale da lui posseduto, il Washington Post, ma la sua amministrazione non ha affatto intenzione di privarsi dei servizi di Amazon. Anzi, recentemente il Guardian ha rivelato come la direttrice del dipartimento per le relazioni governative della multinazionale di Seattle, Anne Rung, avrebbe contattato esponenti del General Services Administration (GSA), una sorta di Consip a stelle e strisce, per gestire la creazione di un portale online per gli acquisti destinati alle istituzioni federali.

Secondo il quotidiano britannico, questo porterebbe Amazon in una posizione dominante nella gestione di un mercato da 53 miliardi di dollari che, unito al delicato affare con il Pentagono e ai consistenti rapporti con la CIA, ne farebbe una proiezione diretta degli apparati federali”.[2]

Siamo dunque in presenza di una continua simbiosi e di una cooperazione particolarmente solida tra Amazon e la comunità dell’intelligence statunitense, visto che già nel 2013 l’agenzia di Langley aveva stipulato alla luce del sole un contratto di appalto del valore di 600 milioni di dollari proprio con l’azienda diretta da Jeff Bezos.

“Ma il binomio Bezos-Amazon, aggiunge “Dedefensa”, ha un tratto assai particolare, ovvero «la sua relazione estremamente forte e pubblicamente ostentata con la Comunità di sicurezza nazionale (CSN), e in particolare la comunità dell’intelligence». La sua collaborazione con la CIA è ormai palese, rileva il blog, dopo il contratto firmato nel 2013 tra Amazon e l’agenzia di Langley: 600 milioni di dollari, con i quali Bezos ha comprato il “Washington Post”, da allora divenuto «l’organo officiale della sicurezza nazionale (in particolare della CIA) e, durante la campagna Usa-2016, l’organo anti-Trump», in nome della posizione assunta dalla stessa Central Intelligence Agency. Una vera e propria luna di miele, con la CIA che «afferma apertamente la sua soddisfazione per questa cooperazione». Da registrare anche una visita ad Amazon altamente mediatizzata dal segretario alla difesa, James Mattis, «che ci permette di comprendere che anche il Pentagono amoreggi con Bezos». Ovvero: «Non si lavora più in segreto, come accadeva prima dell’affare Snowden». Secondo le fonti citate da “Dedefensa”, «Bezos ha trasformato la sua società in un organo semi-ufficiale dell’apparato di informazione militare americana». Amazon e la CIA hanno appena annunciato il lancio di un nuovo sistema di cloud “regione segreta”, nel quale la società ospiterà dei dati per la CIA, l’NSA, il Dipartimento della difesa e altre agenzie di informazione militare”.[3]

A questo punto diventa ancora più interessante rilevare come non solo Amazon e Jeff Bezos, ma anche Google e Zuckerberg abbiano via via intessuto come minimo delle ottime relazioni con la Central Intelligence Agency.

A tal proposito il giornalista Ernesto Carmona, ancora nel 2009, era arrivato addirittura fino a sostenere che Facebook risultava “il miglior risultato di intelligence che sia mai stato raggiunto, grazie alla più grande banca mondiale di dati sensibili. Se i media hanno celebrato Mark Zuckerberg come il bambino prodigio che, a soli 23 anni, si è trasformato in un multimiliardario grazie al successo della sua creatura, nessuno ha prestato attenzione all’investimento da 40 milioni di dollari effettuato dalla CIA, partner-ombra di Facebook, per creare la più importante rete sociale del web. Un patrimonio inestimabile di informazioni, che i servizi segreti americani hanno contribuito in modo decisivo a sviluppare.

Ernesto Carmona, di “Argenpress”, rivela interessanti retroscena attraverso un ampio servizio ripreso dall’osservatorio “Megachip”. «Quando il delirio facebook-cia speculativo di Wall Street ha fatto credere agli improvvidi che il valore di Facebook ammontava a 15 milioni di dollari – scrive Carmona – nel 2008 Zuckerberg è diventato il miliardario “che si è fatto tutto da solo”, il più giovane della storia della “graduatoria” della rivista Forbes, con 1.500 milioni di dollari».

All’epoca, il capitale di rischio investito dalla CIA sembrava avere ottenuto ottimi rendimenti, ma nel 2009 il “valore” di Facebook si è adeguato al suo valore reale e Zuckerberg è scomparso dalla graduatoria Forbes. «La bolla Facebook – aggiunge Carmona – si è gonfiata quando William Gates, il titolare di Microsoft, vi acquisiva nell’ottobre 2007 una partecipazione dell’1.6%, per un ammontare di 240 milioni di dollari», inducendo a ritenere che, se l’1% di Facebook corrispondeva a 150 milioni di dollari, allora il valore del 100% doveva ammontare a 15 miliardi di dollari. Un «sotterfugio», che si spiega con l’interesse della CIA nello sviluppo di Facebook.

La CIA ha investito in Facebook molto prima che il social network diventasse leader nel mondo, sostiene in un’inchiesta il giornalista britannico Tom Hodgkinson del “Guardian”, anche se «la propaganda corporativa» ha trasformato Facebook in sinonimo di successo, di popolarità e di buoni affari. «Facebook si presenta come un inoffensivo sito web di relazioni sociali, che facilita i rapporti interpersonali». Un boom, come dimostrano le cifre dichiarate, che parlano di 300 milioni di utilizzatori.

Un facile espediente per «costruirsi una nuova immagine senza contenuti», cercando di darsi importanza e “fingere di essere qualcuno” nel supermercato virtuale del web? Un innocuo strumento per ritrovare vecchi compagni di scuola o, magari, per promuovere campagne civili? Facebook, scrive il giornalista spagnolo Pascual Serrano, è stato utilizzato dal governo della Colombia per coordinare la giornata mondiale contro le Farc, ed è molto evidente che sia stato utilizzato dalla CIA. Per Walter Goobar, di “MiradasAlSur.com”, «si è trattato in realtà di un esperimento di Mark Zuckerberg di “manipolazione globale», che la CIA «non usa solo per reclutare agenti e compilare informazioni, ma anche per allestire operazioni sotto copertura».

A grandi linee, aggiunge Carmona, Facebook è uno strumento di comunicazione che consente di contattare amici e familiari, archiviando reti di indirizzi. Per istituzioni come il ministero americano della sicurezza, dopo l’era Bush, Facebook è una miniera di informazioni sulle amicizie dei suoi utilizzatori. I dati personali approdano sui dischi rigidi dei computer dei sistemi di sicurezza USA. «Il sistema Beacon di Facebook – spiega Carmona – realizza elenchi di utenti e associati, includendovi anche coloro che non si sono mai iscritti o quelli che hanno disattivato la loro registrazione».

Facebook si dimostra più pratico e rapido degli InfraGard, ossia le 23.000 micro-cellule di commercianti che informano l’FBI sui profili psico-politici della loro clientela. Dopo il dicembre 2006, sostiene Carmona, è stata la CIA ad utilizzare Facebook per reclutare nuovi agenti, senza sottoporsi alle regole d’ingaggio federali. «Non è necessario ottenere un qualsivoglia permesso per poterci inserire in questa rete sociale», ha dichiarato l’intelligence statunitense.

Secondo Tom Hodgkinson, l’investimento della CIA in Facebook si spiega anche con l’entusiasmo per l’alta tecnologia scatenatosi dopo l’11 settembre 2001, certificato dall’apertura del fondo di capitali “In-Q-Tel”. Per il reporter inglese, i collegamenti di Facebook con la CIA passano attraverso Jim Breyer, uno dei tre associati-chiave che nell’aprile 2005 hanno investito nel social network 12,7 milioni di dollari. Già presidente di NVCA (National Venture Capital Association), che investe su giovani talenti, Tom Hodgkinson Breyer è associato anche al fondo di capitali Accel Partners ed è membro dei consigli direttivi di giganti come Wal-Mart e Marvel Entertainment.

«La più recente tornata di finanziamenti di Facebook – rivela Hodgkinson – è stata condotta da una compagnia finanziaria denominata Greylock Venture Capital, che vi ha impegnato 27,5 milioni di dollari. Uno dei più importanti associati di Greylock si chiama Howard Cox, che è un altro ex-presidente di NVCA, che inoltre fa parte del consiglio direttivo di In-Q-Tel». Ci crediate o meno, conclude Hodgkinson, In-Q-Tel è «un fondo di capitali a rischio della CIA».

Creato nel 1999, la sua missione è quella di «individuare e di associarsi a società che sono intenzionate a sviluppare nuove tecnologie, per sostenere l’apporto di nuove soluzioni necessarie all’Ufficio Centrale d’Informazione CIA», come annunciato già nel 1998 dal direttore della centrale di intelligence, che identificava la tecnologia come prerogativa strategica per migliorare le missioni, sulla base di dati e analisi: «I responsabili della Direzione di Scienza e Tecnologia hanno elaborato un piano radicale per creare una nuova struttura d’impresa con il compito di consentire un accresciuto accesso dell’Agenzia all’innovazione del settore privato».[4]

Seppur in modo più cauto anche Bruno Saetta ha evidenziato che fin dal 2004 «scorrendo l’elenco degli altri investitori di Facebook notiamo la Greylock Partners. Uno dei soci della Greylock è Howard Cox, il quale lavorava nel Ministero della Difesa Usa e per un certo periodo è stato nel Business Board del Pentagono. Inoltre è membro del consiglio della In-Q-Tel.

La In-Q-Tel, un nome decisamente sconosciuto ai più, è il braccio imprenditoriale della CIA. Fondata dall’Agenzia americana nel 1999 per evitare la burocrazia degli appalti pubblici, agisce sotto forma di suo investitore, così i servizi segreti possono gestire l’outsourcing per la ricerca.

La In-Q-Tel consente alla CIA di tenersi al passo con i tempi dal punto di vista tecnologico, senza dover assumere uno stuolo di scienziati. Molti di noi usano tutti i giorni uno dei prodotti nei quali ha investito la In-Q-Tel, cioè il software della Keyhole Inc., e che noi oggi conosciamo come Google Earth. Google acquisì la Keyhole nel 2004, e per un certo periodo la CIA, tramite In-Q-Tel, ha posseduto azioni di Google per un totale di 2,2 miliardi di dollari.

In una brochure della In-Q-Tel leggiamo: “governments are increasingly finding that monitoring social media is an essential component in keeping track of erupting political movements, crises, epidemics, and disasters, not to mention general global trends”. Si tratta di tenere d’occhio le idee che sono più condivise in rete per anticipare il sorgere di movimenti politici. Bisogna trovarsi pronti prima di un altro Occupy!

È l’ennesima teoria della cospirazione mondiale? Nulla di tutto ciò. Non diremo che Facebook fu un’operazione della CIA né che Zuckerberg è un agente dell’agenzia americana. In rete ci sono numerosi articoli che mettono alla berlina questa tesi, ma il punto è che ridendone non si coglie il nucleo del problema. Gli intrecci tra le società che operano in rete e che di fatto la controllano, la gestiscono, la plasmano, sono molto più forti di quanto si creda: sempre le stesse società e gli stessi uomini!».[5]

Sempre riguardo all’affascinante materia dell’interconnessione ormai consolidatasi da molti anni tra grandi multinazionali occidentali, sfera politica e apparati statali delle metropoli imperialiste, è emerso inoltre dai documenti diffusi da Wikileaks che ancora all’inizio del 2017 «la CIA è in grado di installare dei software malevoli (i cosiddetti “malware”) negli smartphone, nei computer e nelle smart tv collegate al web, e di superare i sistemi di crittaggio di servizi di messaggistica come Signal, WhatsApp e Telegram. Il portavoce della CIA Dean Boyd ha detto che l’agenzia non farà commenti sull’autenticità dei documenti».[6]

È risaputo che secondo la valutazione effettuata da Bloomberg nel 2019 Bill Gates, il fondatore di Microsoft, e Jeff Bezos risultavano essere i due uomini più ricchi del mondo, con patrimoni stimati rispettivamente in 110 e 108,7 miliardi di dollari, mentre le due aziende da loro fondate risultavano rispettivamente al 22° e 8° posto nella classifica Fortune 500 del 2018: e visto che proprio alla fine del 2019 si è verificato un duro scontro tra Amazon e Microsoft, avente per oggetto, guarda caso, l’assegnazione di una maxi commessa di ben dieci miliardi di dollari da parte del Pentagono, tutti i dati portano a concludere che ormai da decenni si è creata una particolare simbiosi – a volte conflittuale – tra alcune delle più grandi imprese e gli apparati pubblici del capitalismo di stato occidentale.[7]

Ancora una volta emerge dunque la politica-struttura, e cioè la politica intesa e considerata come “espressione concentrata dell’economia”.

Inoltre servizi segreti, sfera statale ed economia si connettono strettamente e ormai da decenni anche nel campo strategico dei Big Data e del processo, su scala planetaria, di raccolta di informazioni da parte di grandi società private appoggiate dai poteri pubblici occidentali: aziende con un giro d’affari diventato, già all’inizio del 2015, superiore alla cifra astronomica di 100 miliardi di dollari, a partire dalla multinazionale Palantir nata grazie ai finanziamenti della CIA, creando dunque un altro particolare intreccio tra affari e servizi di intelligence, tra le grandi imprese private e gli apparati statali delle principali metropoli occidentali.

In un articolo del 2015 è stato già descritto, in modo intelligente e dettagliato, «un settore che impiega, secondo dati del 2010, circa 854 mila persone, con 10 mila centri di lavoro, oltre 2 mila partner industriali del Governo e un fatturato stimabile in 100 miliardi di dollari l’anno secondo le valutazioni più “caute”, ma che potrebbe essere tranquillamente quantificabile in cifre vicine ai mille miliardi di dollari l’anno. È il business dell’antiterrorismo in America. L’11 settembre 2001 ha segnato l’inizio, oltre che della intensa lotta al terrorismo da parte di Washington, anche del proliferare di una nuova miriade di società, piccole o grandi, nate appositamente per fornire all’intelligence a stelle e strisce il supporto logistico e di armamenti necessario per combattere al-Qaeda e i talebani prima, il terrorismo in generale poi. Un settore industriale che, anno dopo anno, è cresciuto sempre più fino a divenire immenso, come lo ha descritto l’inchiesta del Washington Post, diventata poi un bestseller intitolato “Top Secret America”. I numeri esposti sono proprio quelli riportati da quest’inchiesta e da Austen Givens, professore dell’università di Utica che ha pubblicato l’anno scorso un libro sull’argomento, intitolato “The Business of Counterterrorism”. Naturalmente vanno presi con le pinze, dato che si sta parlando di argomenti segretissimi e senza alcun dato ufficiale…

È evidente che chi investe (e guadagna) di più con la lotta al terrorismo sono innanzitutto i giganti dell’intelligence: il Pentagono, che ha un bilancio da oltre 495 miliardi di dollari, il ministero per la Sicurezza, il ministero della Giustizia, che controlla l’FBI, e altre agenzie d’intelligence, in primis CIA e NSA. Come ha però spiegato Arturo Zampaglione per Affari&Finanza – La Repubblica, non mancano gli esempi di imprese private che navigano letteralmente nei dollari grazie a questo fruttuoso business. A partire dalla Palantir, società di estrazione ed elaborazione dati che ha raggiunto (notizia di pochi giorni fa) la valutazione record per il settore di 15 miliardi di dollari, portando il patrimonio personale del suo co-fondatore e chief executive Alex Karp al di sopra del miliardo di dollari. Nonostante la Palantir sia praticamente sconosciuta, ha raggiunto un valore pari a quello dell’intera FCA (Fiat Chrysler Automobile). E i soldi che entrano nella Palantir escono, per la maggior parte, dalle casse dello Stato, che è il principale cliente della società di Karp: elabora analisi di big data fondamentali per la lotta al terrorismo. La Palantir ha alle proprie dipendenze circa 1.200 tra ingegneri e informatici, che accumulano e analizzano ogni tipo di informazione: dalle transazioni bancarie di tutto il mondo alla quantità di pioggia caduta in una determinata zona. Elaborando i dati con software appositi, si creano poi dei piani di studio e analisi che possono risultare utilissimi agli agenti americani…

Karp è indubbiamente un genio, perché ha saputo individuare il settore in cui investire prima di tutti gli altri, creando un impero senza precedenti. Ad appena 46 anni può vantare già un fatturato annuo da 1 miliardo di dollari. A differenza di tanti suoi colleghi manager, ha un dottorato in filosofia, che gli ha aperto gli occhi (o almeno così dice) per i suoi successivi lavori, prima nella gestione di patrimoni privati e poi nell’intelligence. Per fondare la Palantir, però, ebbe bisogno dell’aiuto di un nome molto noto nella Silicon Valley: Peter Thiel, inventore dell’innovativo metodo di pagamento PayPal e grande investitore in progetti innovativi. Per dare il via alla loro azienda ricevettero anche 2 milioni di dollari da una società di venture capital chiamata In-Q-Tel. Quest’ultima, però, non è una società d’investimento come le altre: è la società creata appositamente dalla CIA nei primi mesi del 2000 per finanziare start-up che fossero in grado di migliorare le capacità tecniche dell’intelligence nel campo del software, delle infrastrutture e della scienza dei materiali. Insomma, una società appositamente nata per fare investimenti letteralmente “sicuri”, cioè nel campo del miglioramento della sicurezza nazionale. Seppur sottostia al diritto privato, la In-Q-Tel resta sotto il controllo di Langley ed è dichiaratamente una società non profit: tira fuori denaro senza pretesa che le rientri. Non è quindi un caso che la Palantir abbia, come principale cliente, proprio la CIA, oltre che altre agenzie d’intelligence americane. Recentemente, però, s’è anche aperta al settore dei privati…

Sebbene nell’ultimo decennio siano nate in tutta l’America piccole società specializzate nel lavoro d’intelligence come la Palantir, le fette più consistenti delle commesse del settore sono ancorate a multinazionali ben note: General Motors, Lockheed Martin e, soprattutto, Booz Allen Hamilton. Quest’ultima è una società di consulenza che, oramai, ottiene il 99% del proprio fatturato dal Governo».[8]

Il potente e ricco “businness dell’antiterrorismo” si connette e si collega dunque con altri anelli di una lunga catena politica – intesa, con Lenin, come espressione concentrata dell’economia – che porta via via da Amazon, Palantir e Google fino all’intelligence americana e a Langley, fino agli apparati statali e al denaro pubblico dell’imperialismo statunitense del Ventunesimo secolo.

 

[1] P. Preto, “I servizi segreti di Venezia”, p. 381, ed. Il Saggiatore

[2] A. Muratori, “Ecco il vero mondo di Amazon: dalla CIA alle nuove attività in Italia”, in it.insiderover.com

[3] “Amazon è partner CIA, di Bezos anche il Washington Post”, in http://www.libreidee.org

[4] “Facebook, capolavoro del suo azionista-ombra: la CIA”, in http://www.libreidee.org

[5] B. Saetta, “Facebook connection: il braccio della CIA e la sorveglianza digitale”, in valigiablu.it

[6] “Cosa dicono i documenti di Wikileaks sulla CIA”, in http://www.ilpost.it

[7] “Bill Gates supera Jeff Bezos, è l’uomo più ricco al mondo”, in http://www.repubblica.it

[8] “Chi fa i soldi con l’antiterrorismo Il grande business dell’intelligence”, primabergamo.it

Collettivismo, proprietà e fraternità (I)

Collettivismo, proprietà e fraternità (I)

Luigi Ferrari

 

  1. Dichiarazioni di intenti

Ricevo un cortese invito dal gruppo di studiosi, formato da Daniele Burgio, Massimo Leoni, Roberto Sidoli e altri, ad occuparmi, dal mio punto di vista, della loro teoria dell’”effetto sdoppiamento”, da loro elaborata in una successione di scritti.

Ho già avuto modo di esprimere verbalmente la mia consonanza con molte di quelle tesi, non mi è dunque difficile accettare l’incitamento a portare un mio contributo.

L’effetto sdoppiamento, in somma sintesi, riguarda la biforcazione che si è verificata già in epoche molto antiche tra popolazioni che hanno diviso, al loro interno, i surplus della produzione (essenzialmente agro-pastorale) sulla base di rapporti di produzione collettivistici, cioè egualitari e solidali e popolazioni che hanno percorso la via classista, fondata sul privilegio e sulla disuguaglianza.

Nella mia riflessione, soprattutto sulla nascita dell’individualismo borghese (Ferrari 2016), ho ripetutamente mostrato il parallelismo tra i quadri mentali individualistici e lo sviluppo del modo di produzione borghese. In quel contesto, ho contrapposto la struttura del modo di produzione agrario tradizionale signorile-feudale al capitalismo, segnalando la sopravvivenza di forme economiche e rapporti di produzione collettivistici precapitalistici anche ben addentro l’era dell’egemonia borghese (e perfino oggi). Il mio intento di allora era dimostrare che “la mente” attuale, pur nell’era dell’egemonia individualistica, non può essere capita senza coglierne la natura incoerente e composita di individualismo/collettivismo, in stretta correlazione al conflitto tra classismo e collettivismo, che ha percorso tutta la nostra storia. La mia tesi è che il nostro passato occidentale per secoli ha mantenuto ampie strutture produttive, modi di appropriarsi dei surplus e un universo normativo (giuridico, etico e teologico) collettivisti/comunistici, pur in una società medioevale gerarchica a dominanza classista. Credo di condividere questo modello di spiegazione dialettico con Burgio, Leoni e Sidoli, almeno là dove Sidoli afferma:

 

“… l’effetto sdoppiamento e la tendenza socioproduttiva e politico-sociale “rossa”, collettivistica […] non cessarono di esercitare la loro influenza sul processo storico su scala planetaria […] sebbene in Eurasia dopo il 2000 a.C. l’egemonia politica ed economica sia stata detenuta quasi sempre dalla “linea nera”, ossia dall’esito classista, patriarcale e militarista […] in questi ultimi sei millenni la tendenza socioproduttiva collettivistica è riapparsa carsicamente [mia sottolineatura] nel processo socioproduttivo del genere umano …” (Galli et al. 2019, pp. 33-34).

 

Dunque il mio intento è, qui e ora, approfondire questa contraddittoria e conflittuale mescolanza di forme economiche opposte, tenendo conto dell’”anello” di dipendenze circolari tra modi di produzione e ideologie/mentalità, per cui i primi scolpiscono la soggettività umana che, a sua volta, retroagisce sui modi di produzione rafforzandoli conservativamente o demolendoli attraverso vari tipi di rivoluzioni. Più precisamente, nello spirito del lavoro di Burgio, Leoni e Sidoli, mi soffermerò, prima di tutto, sul collettivismo contraddittorio della società ebraica antica, che ha modellato la nostra tradizione ebraico-cristiana, col fine di mostrare, in una seconda parte, implicazioni e sviluppi moderni.

Aggiungo che Burgio, Leoni e Sidoli – mi pare – vogliano anche far progredire o, quantomeno, approfondire il contributo di Marx ed Engels. Essi, infatti, alla luce delle recenti acquisizioni storico-archeologiche, pongono al centro il superamento della visione della nascita delle attuali classi come un passaggio totalizzante, che non ha lasciato più spazio alcuno alle varie forme dei rapporti di produzione comunistici originari. Gli studiosi hanno cioè voluto “correggere” Marx ed Engels (o piuttosto la loro vulgata), affermando come i due modelli: quello collettivistico e quello classista siano stati, in realtà, compresenti e in conflitto ben oltre l’era antica.

Burgio, Leoni e Sidoli si sono anche chiesti se questa “correzione” finisca per essere in antitesi col marxismo. In merito, il collega Giorgio Galli ha espresso parere negativo, vedendo una coerenza superiore.

Concordo pienamente.

Ma aggiungo che potrei anche essere in grave dissenso se questa verifica, per così dire, di ”ortodossia” nasconda, in realtà, una visione statica del pensiero di Marx ed Engels, da accettare o rifiutare in blocco. Credo che questa impostazione, che cela malamente un’angoscia di difesa, ci riporti alla sterilità della Guerra Fredda, vinta dagli antagonisti del marxismo anche perché essi hanno messo in quarantena questo pensiero, riuscendo a stringerlo in una difesa astiosa e senza sviluppo. Il marxismo oggi è in affanno (pur essendo globalmente in ripresa) per la soffocazione generata dal lunghissimo scontro tra i blocchi. La Guerra Fredda ha raggelato quel piano di sviluppo delle ricerche scientifiche sull’uomo e la società, che Marx ed Engels avevano intrapreso come motore propulsore del socialismo scientifico. Non credo che Burgio, Leoni e Sidoli – come del resto essi stessi dichiarano – si preoccupino di fare una difesa miope di Marx, nel senso di ribattere colpo ideologico su colpo ideologico. Ho bensì l’impressione di vedere in loro la volontà di portare avanti il programma di ricerca, che è stato uno dei più importanti di Marx scienziato; il quale – ricordiamo – diceva di sé: “io non sono marxista!” proprio per indicare la sua esecrazione per ogni forma di “imbalsamazione” e santificazione del sapere.

Ma, in ogni caso e lo ripeto, il contrasto con Marx qui non si dà.

 

  1. Marx ed Engels studiosi del collettivismo originario

Si deve preliminarmente sgombrare il campo da un equivoco. È noto che il centro del lavoro scientifico di Marx è la comprensione del capitalismo, ma ciò non deve affatto far ignorare il grande interesse del pensatore per le forme economiche collettivistiche precapitalistiche.

Nel 1842 nel poco noto scritto “Dibattiti sulla legge contro i furti di legna” Marx si misura col millenario diritto consuetudinario di libero utilizzo dei beni comuni (diritto di legnatico, cioè di raccolta libera della legna secca, caduta al suolo: elemosina della natura, secondo Marx) e con il forte sforzo di trasformarlo in un reato grave che ledeva i proprietari dei boschi. In questo lavoro, comparso sulla Gazzetta renana, Marx si misura con l’ancor viva sopravvivenza di forme economiche collettivistiche precapitalistiche e con l’interesse della classe proprietaria alla loro completa soppressione. Marx, in quell’epoca, era “… ancora permeato di hegelismo” e “riteneva che lo stato avesse il dovere di garantire il diritto in sé e non gli interessi privati.” (Cornu 1955, p. 401), ma la questione gli aveva svelato un conflitto profondo tra due sistemi di rapporti di produzione (e di pensiero/mentalità) che nessuno stato era in grado di comporre, se non – come puntualmente succedeva – schierandosi e ponendosi al servizio della classe dominante. Più tardi, così si esprime Marx in una lettera a Engels, assolutamente centrale per la comprensione dell’epistemologia marxiana:

 

Accade nella storia dell’umanità quel che accade nella paleontologia. Cose evidenti non sono esaminate per una certain judicial blindness [ndr. cecità dovuta a stereotipi e pregiudizi] neanche alle menti più notevoli. Più tardi, venuto il momento, ci si stupisce che le cose non viste manifestino ancora dappertutto le loro tracce. La prima reazione alla Rivoluzione francese e l’illuminismo ad essa connesso era naturale: vedere tutto medioevale, romantico; e persino gente come Grimm non ne va esente. La seconda reazione è – e corrisponde alla tendenza socialista benché questi eruditi non abbiano idea di esservi legati – di gettare lo sguardo, al di là del Medioevo, sul primo evo di ogni popolo. Allora sono sorpresi di trovare nelle cose più antiche le cose più recenti, di trovarvi persino egalitarians to a degree che farebbe inorridire Proudhon.

Quanto siamo presi noi tutti da questa judicial blindness! Perfino nella mia regione, sullo Hunsrücken l’antico sistema tedesco è perdurato fino a questi ultimi anni. Ricordo che mio padre me ne parlava nella sua qualità di avvocato.” (lettera di Marx a Engels del 25 marzo 1868, sta in. Togliatti P. et al., 1951, vol. V, p. 165)

 

Marx, nell’articolo del 1842, pur con forti intonazioni anti-proprietarie[1] mostra ancora una forma di  judicial blindness, cioè di perplessità derivata dai lati tuttora irrisolti del suo hegelismo, i quali ancora lo attardavano a cercare nello stato un’impossibile sintesi profonda (qui è il punto!) non solo tra interessi particolari contrapposti, ma tra interi modi di produzione. Per tutta la vita successiva, Marx, anche se a fasi alterne, cercherà, con le conoscenze storico-antropologiche del tempo, di non cadere nella judicial blindness per evitare di liquidare l’immenso (non uso a caso questo termine) patrimonio del collettivismo storico arcaico.

Dunque nel 1842, in Germania, esistevano ancora vaste sopravvivenze collettivistiche medioevali, ma l’impresa capitalistica stava velocemente ricostruendo tutto il panorama sociale e mentale, ponendo in modo martellante la questione dei rapporti tra gli esseri umani. Marx aveva capito che il passato, davanti ai vasti orrori della prima industrializzazione e della ristrutturazione dell’agricoltura, si andava caricando di una sempre maggiore attrattività nostalgica. Dunque nel Manifesto del partito comunista, senza equivoci, sbarra la strada al recupero – si badi bene: reazionario e nostalgico – del collettivismo precedente; ma la questione rimaneva aperta perché il collettivismo storico profondo, rimaneva, come appena detto, una risorsa e, in ogni caso, rappresentava un roccioso riferimento nella mente occidentale, col quale si dovevano fare obbligatoriamente i conti.

In più, Marx ha l’esigenza, per così dire opposta, di sbarrare la strada anche alla perdita della memoria di altri modi di produzione possibili, che era diventata l’ideologia ufficiale della nascente scienza sociale ed economica borghese. Del resto, è noto che – di lì a poco – l’affermazione dell’economia neoclassica borghese si è accompagnata, essendone anzi fondata, a un’ideologia scientifica (o meglio scientista) di una naturalità dell’essere umano, per cui l’economia più avanzata era spiegabile così come quella dell’uomo della pietra, con le stesse leggi. Beninteso, pure leggi di scambio, in cui le classi, per i neoclassici, non hanno nessuna rappresentanza.

Secondo Hobsbawm (1964) Marx si interessò della storia delle società pre-capitalistiche in due fasi distinte della sua vita:

  1. il decennio 1850-60 con, tra l’altro, l’importante e centrale contributo dei quaderni IV e V nei Grundrisse;
  2. il decennio 1870-80 con una crescita di interesse per l’evoluzione storica della servitù della gleba.

Proprio nei Grundrisse troviamo un passaggio illuminante della centralità delle forme economiche pre-capitalistiche per i contemporanei, che ben illustra la doppiezza della questione delle forme collettivistiche antiche. Vale la pena leggere qualche passo.

 

Presso gli antichi non troviamo mai un’indagine su quale forma della proprietà fondiaria eccetera sia la più produttiva, crei la massima ricchezza. La ricchezza non si presenta come scopo della produzione, sebbene Catone possa benissimo chiedersi quale coltivazione dei campi sia la più redditizia, oppure Bruto possa addirittura prestare il suo denaro all’interesse più alto. L’indagine è sempre volta a stabilire quale modo della proprietà crei i migliori cittadini. La ricchezza appare come fine a se stessa solo presso i pochi popoli dediti al commercio – che monopolizzano il mestiere dei trasporti – che vivono nei pori del mondo antico come gli ebrei nella società medievale […] Perciò l’antica concezione secondo cui l’uomo, quale che sia la sua limitata determinazione nazionale, religiosa, politica, è sempre lo scopo della produzione, sembra molto elevata rispetto al mondo moderno, cui la produzione si presenta come scopo dell’uomo e la ricchezza come scopo della produzione. […]”

 

Conclude Marx:

 

Perciò da un lato l’infantile modo antico si presenta come il momento più elevato. Dall’altro esso lo è effettivamente  [mie sottolineature] ogni qual volta si cerca una forma compiuta e una delimitazione data. Esso è soddisfazione da un punto di vista limitato; mentre il mondo moderno lascia insoddisfatti, o, dove esso appare soddisfatto di sé, è volgare.” (Marx 1939, pp. 466-467)

 

In sostanza, qui Marx esprime sia la centralità del senso umano dell’attività economica, tenuto ben presente nell’antichità e che deve essere positivamente recuperato. Al contempo, però, Marx rimarca anche la forte e sinistra fascinazione che i sistemi economici precapitalistici possono avere sull’uomo contemporaneo, soprattutto nel loro lato collettivistico. In definitiva, dobbiamo, infatti, riconoscere che tutte le forme ideologiche più aggressivamente reazionarie hanno, in qualche modo, cercato di recuperare tratti (certo, quelli più deteriori) del collettivismo gerarchico antico[2].

Marx tornò sulla proprietà comune nella sua Per la critica dell’economia politica sottolineando come non potesse essere considerata solo una peculiarità russo-slava, ma riguardasse in pratica la storia umana nel suo complesso (1859, pp. 13n-14n). Il tema del furto dei beni demaniali e, in generale, della proprietà comune venne poi ripreso nel primo libro de Il capitale (1867; capitolo 24), definito da Marx il seguito  di Per la critica dell’economia politica.

Hobsbawm (1964) si diffonde nel mostrare l’elaborazione concettuale sulle forme economico-sociali precapitalistiche di Marx ed Engels, col ricorso alle fonti rappresentate da Hegel, gli economisti classici, Maurer, nonché Morgan e Kovalevskij.

Sappiamo anche degli interessi di Marx per le vicende algerine (si veda Galli et al. 2019 e anche Musto 2018, pp. 176 e succ.), ma non dobbiamo dimenticare anche gli approfondimenti di Engels che ispirarono Marx. Engels si applicò allo studio della arcaica coltivazione in comune e della storia dello sviluppo della proprietà fondiaria in Germania, anche in considerazione del fatto che, come egli stesso afferma, “… era necessario conquistare gli operai agricoli e i contadini” agli ideali del partito socialista tedesco (Engels 1952, p. 157; Engels scrive il saggio “La marca” intorno al 1882).

Purtroppo, per evidenti motivi di spazio, non possiamo riprendere questa importante letteratura. Concludiamo con quello che si può considerare il culmine di questa riflessione di lungo periodo, quanto meno perché viene redatto pochi anni prima della scomparsa del pensatore tedesco (Marx muore il 14 marzo 1883)

Viene molto citato lo scambio epistolare tra Vera Zasulich e Marx nel 1881 e su di esso vale la pena soffermarsi.

In sostanza la Zasulich, passata alla militanza marxista, chiedeva a Marx se la comune russa (mir) fosse destinata, o no, a perire con l’avanzata del capitalismo in Russia e quanti secoli sarebbero stati eventualmente necessari ai russi per raggiungere il livello dei paesi occidentali. Alla base del quesito c’era una questione interpretativa del modello esplicativo de Il capitale. Si trattava cioè di comprendere se i sistemi socio-economici fossero destinati a succedersi in sequenza, secondo un ordinamento ferreo: prima i vari modi di produzione pre-capitalistici, poi il sistema signorile-feudale (che includeva formazioni collettiviste come il mir), poi ancora il capitalismo e, infine, il socialismo-comunismo.

Marx fu tratto in grave imbarazzo dalla richiesta di chiarimenti. Ci sono arrivate ben quattro minute prima della versione finale della risposta alla Zasulich. La risposta fu tardiva; tra l’altro, Marx curiosamente si scusò del ritardo parlando di problemi nervosi ricorrenti acuitisi in quelle settimane.  L’imbarazzo e i freni psicologici a rispondere sono chiari e comprensibili, soprattutto a partire dai quesiti della Zasulic, che furono posti a Marx in modo drammatico. Il nocciolo della questione era, sul piano pratico, se le avanguardie russe, prima di costruire la società socialista, dovessero succedersi inerti poiché la società russa non era ancora passata attraverso l’era del capitalismo. Marx evidentemente non voleva dare l’impressione che i militanti marxisti russi fossero destinati per intere generazioni a non vedere nemmeno la possibilità di una rivoluzione. C’era un vasto e via via più interessante potenziale attuale di trasformazione nella società russa, certo carente di lucida capacità analitica, ma che richiedeva un grande rispetto e, per questo, giustificava forme di prudente doppiezza teorica, già esercitata in altri contesti. In più e al contempo, la sopravvivenza su tale scala di strutture collettivistiche non poteva certo essere liquidata con poche battute e con qualche distratto schema teorico. In tutta l’elaborazione della risposta riscontriamo un tentativo molto partecipato di pensare al mir come a una sopravvivenza peculiare, recuperabile alla fase del socialismo/comunismo, facendo tesoro dei progressi delle forze produttive occidentali, ma senza doverne assumere i rapporti di produzione capitalistici. La risposta finale fu, tuttavia, del tutto interlocutoria: ne Il capitale – dice Marx – mancano argomenti decisivi a favore o contro la comune Russa. Tuttavia, egli non chiude la porta a quest’ultima possibilità. La subordina, però, al contesto internazionale e alla forza del capitalismo di deviare o, all’opposto, di rafforzare la trasformazione socialista in Russia.

Com’è noto, questa risposta ha lasciato insoddisfatti molti commentatori (poteva essere altrimenti?),  ne sono conseguite diverse interpretazioni pro o contro la tesi del recupero del mir.

Sono convinto, forse in disaccordo con Burgio, Leoni e Sidoli (ma la questione va approfondita), che Marx non vedesse molto ottimisticamente il futuro progressivo del mir per almeno tre distinte ragioni che esporrò in ordine di importanza crescente.

  • Marx, in realtà, in quegli anni ha un’idea più precisa, almeno rispetto alla risposta sibillina alla Zasulich. Mi riferisco, in primo luogo alla lettera di Marx alla redazione della rivista russa Otiecestvennye Zapiski del novembre 1877 (Marx K. e Engels F. (1971), pp. 155-158.). Il tema è, appunto, il mir dal punto di vista, più o meno, della lettera della Zasulich. Scrive un Marx che non vuole essere frainteso: “Sono arrivato a questo risultato: se la Russia continua a camminare sul sentiero percorso dopo il 1861, essa perderà la più bella possibilità che la storia abbia mai offerto a un popolo, e subirà tutte le fatali peripezie del regime capitalista.”. Marx è convinto che non esista nessuno schema teorico rigido[3], ma è consapevole che la Russia sia ormai molto avanti nella sua trasformazione capitalistica e che quindi non possa essere più considerata un’avanguardia vera e propria del processo rivoluzionario a partire dal mir. Questa argomentazione trova come suo complemento la prefazione all’edizione del Manifesto del 1882: “La sola risposta [ndr. al quesito sul potenziale rivoluzionario del mir] oggi possibile è questa: se la rivoluzione russa servirà di segnale a una rivoluzione operaia in Occidente, in modo che entrambe si completino, allora l’odierna proprietà comune russa potrà servire di punto di partenza per un’evoluzione comunista.” [Marx e Engels 1882, p. ]
  • Marx aveva l’acuta percezione – dopo numerose “false partenze” rivoluzionarie (il ’48, la Comune di Parigi, ecc.) – dell’impossibilità di accorciare i tempi di una trasformazione sostanziale e definitiva della società, compresi gli aspetti mentali, condizione questa ineludibile per una rivoluzione veramente compiuta. Già nel 1853 Engels, che sarà più ottimista di Marx, affermava … “Io ho quasi il presentimento che un bel giorno il nostro partito, grazie alla incertezza e alla fiacchezza di tutti gli altri partiti, dovrà assumere per forza il governo. Engels paventa una situazione in cui si debbano fare in tempi prematuri … “esperimenti e salti comunistici” e conclude: “E allora si perderà la testa, speriamo solo physiquement parlant, subentrerà una reazione e, fino al momento in cui il mondo sarà in grado di formulare su tutto quanto un giudizio storico, non solo si passerà per belve, cosa che sarebbe del tutto indifferente, ma anche solo per bête, e questo è molto peggio” (lettera a Weydemeyer del 12 aprile 1853 in Marx e Engels 1950, 616) . Come Hobsbawm (1978) sottolinea, dopo la crisi capitalistica mondiale del 1857, Marx ed Engels smisero di ritenere imminente una rivoluzione davvero vittoriosa, nonostante un ottimismo di fondo, soprattutto di Engels. Mi pare che non esistano prove o solo indizi storici che ci sia stato un cambiamento di opinione, meditato e soprattutto basato su dati di fatto, per la Russia degli anni ’80, per quanto essa fosse piena di fermenti interessanti. È più probabile che Marx (ed Engels) vedesse nel destino della Russia un passaggio nel capitalismo, troppo poco contrastato da forze rivoluzionarie “immature” e forse fosse convinto di una fine del mir ben prima che una forza rivoluzionaria, giunta finalmente a maturazione, lo potesse proporre come modello.
  • Al di là dell’analisi di dettaglio delle singole opere o della corrispondenza (sempre opinabili), è l’impianto generale della riflessione matura di Marx a parlare senza equivoci. Egli mantenne sempre un ordine sistematico di priorità nel suo impegno analitico e dunque nei suoi scritti, speculare alla centralità percepita delle grandi forze della storia. Il capitalismo aveva già completamente rivoltato il genere umano e la sua vita associata e moltissimi altri cambiamenti sarebbero seguiti. Marx aveva compreso a fondo il destino egemonico del capitalismo e ne Il capitale non parla tanto della realtà a lui contemporanea, piena di porosità e sopravvivenze medioevali/antiche, come gli aveva fatto notare il padre. Un vero coacervo di “imperfezioni” capitalistiche, come si capisce! L’alto livello di astrazione dell’opera matura è esattamente la conseguenza della messa tra parentesi delle forme pre-capitalistiche, allora sì sovrabbondanti, ma recessive e destinate all’estinzione. Il capitale è, però, un’opera oltremodo concreta se rapportata all’oggi e dunque solo oggi essa è realmente comprensibile, anzi tutto perché solo ora è del tutto aderente ai fatti come si manifestano nella società. Questo inveramento differito (Ferrari 2019) non lascia molto spazio al collettivismo arcaico anacronistico, ma, assai più che ai tempi di Marx, pone al centro dei nostri destini il collettivismo, senza ulteriori specificazioni. Da ciò anche la scelta di concentrare i suoi sforzi di comprensione sul capitalismo.

Si può allora concludere che i temi della biforcazione sono secondari? Direi proprio di no.

Lo stesso Marx del 1881, nonostante tutte le sue prodigiose intuizioni sul futuro egemonico del capitalismo, rimase profondamente dubbioso sul peso da assegnare alle forme economiche collettiviste precapitalistiche, proprio perché sapeva che un loro certo ruolo sarebbe stato inevitabile. Non si tratta solo, come si è detto, di rammentare la storicità dei modi di produzioni, contro l’idea sbagliata dell’ineluttabile naturalità dello stato attuale delle cose. Il problema è che gran parte della nostra mentalità – molto più di quanto si sia disposti a credere – origina da quel collettivismo che tuttora, in forme trasfigurate, influenza profondamente ogni critica del capitalismo contemporaneo. Inoltre, il passato ha comunque qualcosa da insegnare nella costruzione positiva del collettivismo moderno.

Per questo motivo, si deve tornare criticamente ai temi sui quali hanno lavorato Burgio, Leoni e Sidoli. Non ripeterò la massa di osservazioni di questi studiosi; cercherò, piuttosto, di approfondire aspetti, da loro lasciati in ombra, a partire dalla nostra tradizione ebraico-cristiana con il fine di fare ulteriore chiarezza sul tema.

 

  1. L’inizio: il collettivismo biblico

La nostra tradizione ebraico-cristiana, nella quale è maturato il collettivismo socio-produttivo e mentale occidentale (almeno fino al socialismo scientifico), nasce, con tutta evidenza, dalla storia profonda dei popoli che hanno dato origine alla nazione di Israele (o etnia israelita, intesa – secondo la narrazione della tradizione – come discendenza da Giacobbe). Per la sua enorme rilevanza religiosa, questa storia è stata oggetto di attenzioni per millenni, ma, al contempo, ha subito tutte le distorsioni, i tabù e le idiosincrasie di un tema, insieme, scientifico e di fede[4]. Finkelstein e Silberman (2001), due storici e archeologi israeliani, ai quali prevalentemente ci ispireremo in questa parte, osservano che ci sono voluti molti secoli perché si separasse l’approccio religioso da quello storico nello studio della storia di Israele, a partire dalla fonte storica privilegiata: la Bibbia.

Facendo un passo indietro, dal XVII secolo, probabilmente proprio per un rinnovato fervore religioso, gli studi storici e linguistici della Bibbia sono diventati più rigorosi e più precisi di quanto fossero in precedenza, quando l’Antico Testamento era ritenuto, appunto per fede, un testo da leggersi “immediatamente” come storico. Ne seguì l’evidenza di una serie di sconcertanti incongruenze che hanno cominciato a sollevare dubbi sull’affidabilità storica della narrazione biblica se priva della mediazione di interpretazioni e senza la tolleranza per approssimazioni e imprecisioni. Molto più tardi e in anni recenti, si è sviluppato un forte interesse archeologico per la storia antica di Israele. Anche qui c’è stato un passaggio di mentalità di formidabile importanza. Gli archeologi, in un primo tempo, erano partiti dallo studio della Bibbia per cercare, negli scavi, conferme o smentite religiose. Scriveva l’archeologo biblico (domenicano) De Vaux: “Se la fede storica di Israele non è fondata sulla storia, tale fede è erronea, e pertanto lo è anche la nostra fede” (Finkelstein e Silberman 2001, p. 48). Il risultato è stato un sconcertante affastellarsi di dubbi e smentite. Solo in anni recentissimi l’archeologia biblica si è affrancata da questa super centralità della Bibbia e si è passati a studiare la storia antica di Israele come quella di qualsiasi altro popolo. Entro questa prassi rinnovata, la Bibbia è stata trattata come una fonte storica articolata e complessa, certo del tutto centrale, ma da affiancare alle altre e, semmai, da comprendere sul piano storico nelle sue distorsioni, silenzi e iperboli narrative.

La separazione di fede e scienza è stata forse meno traumatica di quanto per secoli si è paventato e oggi ci consente comunque di guardare alla storia profonda di tutta l’area del Medio-Oriente (dunque non solo di Israele) con più chiarezza.

È ora pressante una precisazione preliminare: è impensabile, in questa sede, uno studio storico anche minimamente esauriente; l’obiettivo può essere solo la focalizzazione su alcuni temi che hanno rilevanza per il nostro intento centrale. Anche così, però, è necessario (lo si vedrà bene nel seguito) un telegrafico cenno al senso teologico del complesso delle Scritture e dunque della nostra tradizione ebraico-cristiana.

 

3.1 Il quadro teologico

Se vogliamo cercare di capire gli effetti di sdoppiamento nella società ebraica antica e poi nell’Occidente, bisogna partire, come hanno fatto, Sidoli, Leoni e Burgio (2012) dalle Scritture, che, però, – è ovvio, ma non dobbiamo mai dimenticarlo – sono prioritariamente testi religiosi che, in quanto tali, devono dare un senso complessivo, cioè un quadro teologico esplicativo di riferimento dello stare nel mondo degli uomini. Cogliere questo quadro significa evitare errori interpretativi della narrazione propriamente storica complessiva, della quale, per altro, è ricchissima la Bibbia.

Per affrontare il nostro compito utilizzerò lo schema (riadattato) di spiegazione circolare, descritto nel primo capitolo del mio volume: L’ascesa dell’individualismo economico (2016, p. 56). Nello schema, la storia materiale (con i vincoli delle forze produttive di lungo periodo) scolpisce l’assetto mentale delle popolazioni, che, a sua volta, modella la storia sociale, istituzionale e teologica, la quale retroagisce sulla struttura mentale, che, infine, riproduce o innova le forze produttive. Il cerchio così si chiude: si è partiti dalle forze produttive e ad esse si ritorna. Nello schema, però, è legittimo partire da ogni altro punto/livello del “cerchio”, poiché ogni punto della spiegazione circolare è, al contempo, effetto del punto/livello precedente e causa del successivo. In termini marxiani: struttura e sovrastruttura sono un tutt’uno, un insieme organico di interdipendenze circolari.

Poiché le Sacre Scritture per millenni sono state una ricapitolazione unificata di tutti i quadri mentali occidentali e dunque sono la fonte centrale (sebbene certo non unica) della nostra ricostruzione, iniziamo il percorso esplicativo circolare dal livello teologico.

In estrema ed eroica sintesi, la storia teologica della nazione di Israele in primis e poi – nel cristianesimo – dell’intera umanità è la storia di un mancato riconoscimento pieno e fedele di Dio da parte dell’uomo. I popoli ebraici di Israele e Giuda (i due stati della Palestina che, per secoli, hanno composto quella che potremmo definire la “grande Israele”) lungo tutta la loro storia, secondo la Bibbia, sono sempre periodicamente rovinati nell’idolatria. La Rivelazione e il Patto non hanno, infatti, mai evitato del tutto la frana teologica e morale nei culti, e nei costumi degenerati dei popoli idolatri circostanti, considerati da Dio ormai del tutto perduti. Veicolo fondamentale (ma non unico) di questa deviazione dal cammino di perfezione è stata, secondo la Bibbia, la mescolanza etnica. Dio ha punito l’idolatria e il sincretismo religioso, con tutte le altre colpe, con flagelli che hanno colpito il popolo eletto (guerre civili, invasioni e scorrerie sanguinarie di egizi, assiri, babilonesi …):

 

(Deuteronomio 4, 24) “[24]Infatti il Signore tuo Dio è un fuoco divoratore, è un Dio geloso”.

 

Per la tradizione ebraica, Dio ha cessato di parlare a Israele con gli ultimi profeti. Da quel momento, il popolo eletto ha dovuto fare a meno dell’intervento, punitivo o salvifico, diretto di Dio nella storia, annunciato/spiegato dai profeti. Per questo “silenzio”, Israele ha dovuto accettare la sfida di rafforzarsi e di raggiugere autonomamente l’elevatezza agognata[5].

Non si deve mai dimenticare che l’ebraismo e il cristianesimo si fondano su una teologia, per così dire, del perfezionamento/santificazione dell’uomo nella storia.

Tuttavia, nella tradizione cristiana, Dio, contrariamente all’ebraismo, è sceso nel mondo per rivelarsi direttamente all’umanità e non più solo con la mediazione dei profeti o di personaggi eccezionali, come Mosè.

Ma anche la venuta di Cristo, non solo non ha prodotto un riconoscimento universale, ma, addirittura ha avuto come esito – che io sappia, caso unico nella storia delle religioni – l’assassinio di Dio sia da parte del popolo eletto sia da parte di tutta quanta l’umanità, rappresentata simbolicamente dal potere imperiale romano. La croce e la resurrezione di Cristo sono state interpretate sia come un tremendo monito all’uomo sul suo infinito potenziale distruttivo/autodistruttivo sia come l’indicazione di un percorso di salvezza che porta alla resurrezione. Il Dio del Nuovo Testamento non “sfida” l’uomo, come nell’ebraismo, ma offre un accompagnamento continuo attraverso il dono della grazia, assente nell’ebraismo.

Facciamo un passo ulteriore nel nostro modello esplicativo circolare.

La successiva storia mentale occidentale, ben dentro l’età moderna, è sempre stata caratterizzata dal sentimento e dal convincimento profondamente interiorizzati della caduta e della colpa, che significa indegnità e inettitudine senza recupero. Lo storico Delumeau (1983) descrive magistralmente la persistenza di questa convinzione profonda – vera prigione di lungo periodo nella quale è stata condannata l’umanità – e degli effetti che questa tetra teologia del peccato, retroagendo, ha avuto sui comportamenti, sulle istituzioni e sui rapporti di produzione occidentali (appunto in uno schema esplicativo circolare). Per i nostri temi, due sono stati gli esiti stabili di queste convinzioni profonde nella “mente occidentale”:

  1. la “nostalgia” per un’epoca di utopica pienezza nella quale gli esseri umani vivevano nell’uguaglianza fraterna e armonica, persa per sempre per indegnità quintessenziale;
  2. ma anche la cupa necessità di uno spietato dominio temporale per tenere a freno la nefasta durezza di cuore della massa degli uomini.

Una giustificazione della disuguaglianza, in varie ideologie aristocratiche occidentali, nate per legittimare il privilegio e lo sfruttamento, veniva riferita all’indegnità e all’inadeguatezza della massa degli esseri umani. Secondo questa ideologia, aristocrazia e nobiltà (ma poi, in fondo, ogni élite) erano l’eccellenza umana sulla terra, cui spettava l’esercizio di un implacabile dominio sulle masse, perlopiù incapaci di discernere il bene dal male. Allo stesso ceppo ideologico, vanno riferite tutte quelle convinzioni che ritenevano (e ritengono) impossibile una società ugualitaria, solidale, fraterna e collettivista, se non in contesti umani particolarissimi, come, per esempio, i conventi, dove erano radunate individualità già molto avanti sulla strada della santità[6].

Tra i tanti esempi, Delumeau cita l’opera seicentesca di Francisco de Quevedo: Hora de todos. In questa ora di verità, nella finzione letteraria dell’apologo di Quevedo, Giove e gli altri dei hanno concesso agli uomini di sovvertire l’ordine costituito: “… I ricchi, diventati umili e senza mezzi, si mostrano pentiti, ma coloro che prima erano poveri e che durante l’ora hanno ricevuto ricchezze e onori, ormai indulgono alla superbia e al vizio. Dunque, quale che sia il corso degli eventi, il mondo resta sempre a rovescio con una quantità costante di pazzia e di peccato.” (1983, p. 234).

 

3.2 L’inquadramento biblioco-storico del collettivismo ebraico

In questa ambientazione teologica generale, passiamo ora a considerare il contesto storico in cui sono nate le narrazioni della Bibbia, a partire dai recenti studi storico-archeologici e appoggiandoci soprattutto sui già citati Finkelstein e Silberman (2001).

Il primo nodo affrontato dagli storici studiosi dei popoli del testo biblico è la datazione dell’Antico Testamento. Da diversi indizi si colloca la redazione delle storie patriarcali intorno all’ottavo o settimo secolo a. C. (Finkelstein e Silberman 2001, p. 52): molto dopo il periodo che la Bibbia indica come l’epoca dei patriarchi. Un’ipotesi abbastanza condivisa tra gli studiosi è che il testo biblico sia la sintesi di diverse saghe e leggende di popolazioni ebraiche differenti, che ha preso forma di pari passo con la crescita di un’ideologia panisraelita, lievitata, a sua volta, con la crescita economica e politica del regno di Giuda. La Genesi (il primo  dei libri biblici), secondo Finkelstein e Silberman (p. 48), sarebbe “la preistoria” di tutta Israele, con al centro la legittimazione e la celebrazione religiosa del regno di Giuda.

Una prima incongruenza tra la Bibbia e le risultanze degli studi storici e archeologici è senz’altro rappresentata dalle modalità e dai tempi (età del bronzo secondo il testo biblico) dell’Esodo in Egitto. Non ci sono, infatti, indicazioni scritte in Egitto dell’esistenza di popolazioni israelitiche fino alla fine del XIII secolo. Di nuovo, da diversi indizi, la redazione finale dell’Esodo viene collocata dagli studiosi tra il settimo e il sesto secolo sulla base di racconti più antichi e sotto l’urgenza politica del crescente attrito del regno di Giuda con l’Egitto. Allo stesso modo, secondo Finkelstein e Silberman (p. 133), non si può parlare di una contrapposizione di Israele alla civiltà palestinese cananea preesistente, come di due popolazioni separate da sempre, secondo quanto leggiamo nella Bibbia; più probabilmente, si ebbe, invece, una “emersione” di Israele dall’interno di Canaan.

Un altro mito biblico pare sia l’unità di Israele (sotto il regno di Davide e dei successori) narrata dalla Bibbia e la successiva scissione nei regni di Israele e di Giuda durata solo duecento anni (circa). Nella realtà, le popolazioni ebraiche rimasero divise fin dalle origini per un tempo molto più lungo, probabilmente a causa della differenza di condizioni ambientali tra l’ecosistema della Palestina nord (regno di Israele con capitale Sichem) e del sud (regno di Giuda, capitale Gerusalemme). Israele (nel nord), più popolata, ebbe uno sviluppo maggiore, più centrato sul commercio con le aree confinanti, tanto che in essa iniziò prima una forma di stratificazione sociale; mentre Giuda, con una popolazione rarefatta, rimase più simile ad una società agropastorale primitiva, divisa in clan (Finkelstein e Silberman 2001, pp. 172-173). Storicamente, i due regni erano in conflitto/competizione tra loro. Non stupisce quindi che la Bibbia, scritta da redattori appartenenti al regno di Giuda, sia particolarmente dura con i re di Israele: Gereboamo, Omri e Acab; quest’ultimo viene descritto come particolarmente efferato agli occhi di Dio:

 

Primo Libro dei Re (16, 29-33) [29]Acab, figlio di Omri, divenne re d’Israele nell’anno trentottesimo di Asa, re di Giuda. Egli regnò su Israele in Samaria ventidue anni. [30]Acab, figlio di Omri, fece il male agli occhi del Signore più di tutti quelli che l’avevano preceduto. [31]Non gli bastò di imitare i peccati di Geroboamo, figlio di Nebat, ma si prese anche in moglie Gezabele, figlia di Et-Baal, re dei Sidoni, e si mise a servire Baal e ad adorarlo. [32]Innalzò un altare a Baal nel tempio di Baal, che egli aveva costruito in Samaria. [33]Acab eresse anche un palo sacro e con la sua condotta irritò il Signore, Dio d’Israele, più di tutti i re d’Israele che l’avevano preceduto”.

 

Dunque, la rivalità col regno di Giuda è, secondo Finkelstein e Silberman (2001, pp. 208-209 e 211), all’origine del pessimo trattamento biblico del regno di Israele. Secondo gli studiosi, i redattori di Giuda del testo biblico nel settimo secolo percepivano le robuste differenze culturali con quel regno del nord e con la sua dinastia degli Omridi. Ciò soprattutto per gli stretti rapporti di Israele (regno del nord) con gli altri popoli pagani, rafforzati anche da matrimoni misti. Per noi, è importante sottolineare sia l’atteggiamento biblico di rifiuto della commistione etnica in quanto – quasi automaticamente – commistione teologica sia, soprattutto, la condanna delle ingiustizie sociali aumentate in Israele con la moltiplicazione della ricchezza nel paese.

Non stupisce, allora, che i redattori della Bibbia abbiano rinvenuto un senso teologico negli eventi finali del regno di Israele. Interpretati come una serie di punizioni divine, la Bibbia narra prima di torbidi interni, di una guerra civile e poi dell’attacco degli Assiri (720 a.C.) al regno di Israele. Con la fine dell’ottavo secolo e la distruzione del regno di Israele, il regno di Giuda ebbe un notevole sviluppo, che vide la nascita di un movimento religioso rigorista, centrato sul recupero del culto esclusivo di Jahwe nel solo tempio di Gerusalemme. Ma, ben presto e di nuovo, si fecero largo culti estranei alla purezza religiosa, puntualmente puniti da Dio, secondo il testo biblico, col flagello di saccheggi e scorrerie:

 

Primo Libro dei Re (16, 21-26) [21]Roboamo, figlio di Salomone, regnò in Giuda. Egli aveva quarantun anni quando divenne re e regnò diciassette anni in Gerusalemme, città che il Signore aveva eletto fra tutte le tribù d’Israele per porvi il suo nome. Sua madre, che era ammonita, si chiamava Naama. [22]Giuda fece ciò che è male agli occhi del Signore: essi provocarono la sua gelosia più che non avessero fatto i loro padri con tutti i peccati che avevano commesso. [23]Anch’essi si costruirono alture, stele e pali sacri su tutti i colli elevati e sotto tutti gli alberi frondosi. [24]Nel paese ci furono persino i prostituti sacri. In una parola, essi commisero tutte le abominazioni dei popoli che il Signore aveva scacciato davanti ai figli d’Israele. [25]Nell’anno quinto del re Roboamo, Sisach, re d’Egitto, salì contro Gerusalemme. [26]Prese i tesori del tempio del Signore e quelli del palazzo reale, portò via ogni cosa, persino gli scudi d’oro fatti da Salomone.

 

Finkelstein e Silberman (p. 261) collocano in questo periodo il rinvigorimento della reazione contro tutte le forme di contaminazione con le religioni estranee, che poi erano “simbolo di una caotica diversità sociale”. Gli autori parlano di un “movimento per l’unicità di Jahwe” di rottura con la tradizione ebraica, che ebbe un ruolo crescente nel delineare la storiografia biblica. La redazione dei libri biblici dei Re e del Deuteronomio sarebbero l’espressione più diretta di questa corrente di nuova ortodossia. Dopo vicende alterne (compresa una nuova invasione assira), col regno di Giosia a Giuda, si ebbe la migliore espressione, secondo gli estensori della Bibbia, dell’ideale politico-sociale e soprattutto religioso dell’ebraismo:

 

Secondo Libro dei Re (23, 25) [25]Prima di Giosia non c’era stato un re simile a lui, che si fosse rivolto al Signore con tutto il suo cuore, con tutta la sua anima e con tutte le sue forze, secondo tutta la legge di Mosè; neppure dopo di lui ne sorse un altro simile.

 

Era successo che, secondo la narrazione biblica, era stato miracolosamente rinvenuto nel tempio di Gerusalemme un libro sacro di leggi a cui si era uniformato Giosia con una riforma religiosa nel senso rigorista che abbiamo appena visto.

 

Secondo Libro dei Re (22, 8-13) [8]Il sommo sacerdote Chelkia disse allo scriba Safan: «Nel tempio del Signore ho trovato il libro della legge». Chelkia diede il libro a Safan e questi lo lesse. [9]Allora lo scriba Safan andò dal re e gli riferì la cosa con queste parole: […][10][…] «Il sacerdote Chelkia mi ha dato un libro». Quindi Safan lo lesse alla presenza del re. [11]Udite le parole del libro della legge, il re si stracciò le vesti [12]e ordinò al sacerdote Chelkia, ad Achikam […]: [13]«Andate a consultare il Signore per me, per il popolo e per tutto Giuda intorno alle parole di questo libro che è stato trovato. Grande deve essere l’ira del Signore che si è accesa contro di noi, poiché i nostri padri non hanno ascoltato le parole di questo libro e non hanno agito in conformità a tutto quello che vi è scritto».

 

Si ritiene che il testo, non fosse altro che una prima versione del Deuteronomio. Il Deuteronomio dunque rappresenterebbe il testo base della riforma religiosa e sociale dell’epoca nella nazione ebraica unitaria ed è al centro della nostra argomentazione, in quanto è uno dei libri della Bibbia più chiari sui rapporti economico-sociali.

Dopo la grande speranza teologica e storica, dopo cioè questo ampio programma di riforme rigoriste che avrebbe dovuto riconciliare definitivamente Giuda con Dio, il disastro.

Nel 586 a.C. Gerusalemme e il Tempio vengono rasi al suolo dai babilonesi di Nabucodonosor. Inizia l’esilio. Il problema del senso storico-teologico di questa punizione divina ritorna prepotentemente e più cupamente nelle Scritture. Secondo i nostri Finkelstein e Silberman (pp. 318-19), la storia deuteronomica dovette essere riscritta dai successivi redattori della Bibbia (soprattutto ci furono rimaneggiamenti e aggiunte nel primo e nel secondo libro dei Re). A dispetto della virtù dei re come Giosia, Dio viene ora descritto come irato col popolo ebreo, per la sua fragilità etica e religiosa, della quale la distruzione di Gerusalemme era la punizione collettiva.

La sottomissione a Babilonia durò poco (relativamente), poiché quest’ultima cadde ad opera dei persiani di Ciro, il quale non fu ostile alla riedificazione di Gerusalemme e del Tempio. Lo stesso appoggio fu garantito dal suo successore: Dario. I personaggi  centrali di questa ricostruzione di quello che definito l’Israele del Secondo Tempio furono Esdra e Neemia, due riformatori, dei quali parlano gli omonimi libri della Bibbia. Ambedue si mossero nella direzione del Deuteronomio, accentuando rigore etnico e sociale.

 

Esdra (10, 2-5) [2]Allora Secania, figlio di Iechiel, dei figli di Elam, prese a dire a Esdra: «Abbiamo peccato contro il nostro Dio, sposando donne straniere, prese dalle popolazioni locali. Tuttavia rimane ancora una speranza per Israele! [3]Suvvia, stringiamo un patto con il nostro Dio: rimanderemo tutte le donne straniere e i figli nati da esse, secondo il consiglio del mio signore Esdra e di quanti tremano davanti al comando del nostro Dio. Si farà secondo la legge! [4]Alzati, perché questo compito spetta a te. Noi saremo con te. Fatti coraggio e mettiti all’opera!». [5]Allora Esdra si alzò e fece giurare ai capi dei sacerdoti, dei leviti e di tutto Israele che avrebbero agito in questa maniera. Essi giurarono.

 

Neemia (5, 1-13) [1]Si levò un gran lamento da parte della gente del popolo e delle loro mogli contro i Giudei, loro fratelli. [2]C’era chi diceva: «Noi, i nostri figli e le nostre figlie siamo numerosi: ci venga dunque dato del grano per mangiare e vivere!». [3]C’era chi diceva: «Noi siamo costretti a ipotecare i nostri campi, le nostre vigne e le nostre case per acquistare grano durante la carestia!». [4]Altri ancora dicevano: «Abbiamo preso denaro in prestito per pagare i tributi del re. [5]Eppure la nostra carne è come la carne dei nostri fratelli e i nostri figli sono come i loro figli! Ecco, noi dobbiamo vendere come schiavi i nostri figli e le nostre figlie! Alcune delle nostre figlie sono state già ridotte in schiavitù e noi non abbiamo più nessuna possibilità, perché i nostri campi e le nostre vigne appartengono ad altri».[6]Quando udii il loro lamento e queste parole, mi indignai fortemente. [7]Dopo aver deliberato dentro di me, ripresi duramente i notabili e i magistrati, dicendo loro: «Dunque voi esercitate l’usura, ciascuno verso il suo fratello?». Convocai allora una grande assemblea contro di loro [8]e dissi: «Secondo le nostre possibilità, noi abbiamo riscattato i nostri fratelli Giudei, che erano stati venduti agli stranieri. Voi invece vendete i vostri fratelli, perché noi li riscattiamo?». Essi tacquero, non trovando parole. [9]Io esclamai: «Non è bene ciò che state facendo! Non dovreste piuttosto camminare nel timore del nostro Dio, per non essere scherniti dagli stranieri, nostri nemici? [10]Anch’io, i miei fratelli e i miei uomini abbiamo prestato loro denaro e grano. Ma condoniamo loro, vi prego, questo debito! [mia sottolineatura] [11]Restituite ad essi oggi stesso i loro campi, le vigne, gli uliveti, le case e il prestito del denaro del grano, del mosto e dell’olio che avete richiesto loro». [12]Essi risposero: «Restituiremo e non esigeremo più nulla da loro. Faremo come tu dici». Chiamai allora i sacerdoti e davanti a loro li feci giurare che avrebbero mantenuto questa promessa. [13]Poi scossi la piega anteriore del mio mantello ed esclamai: «Così scuota Dio dalla sua casa e dai suoi beni chiunque non manterrà questa promessa! Così egli venga scosso e svuotato!». Tutta l’assemblea gridò: «Amen!», glorificando il Signore. Il popolo mantenne quella promessa.

Delineati sommariamente questi schizzi storico-teologici, chiediamoci finalmente come fosse collettivista la società ebraica descritta dalla Bibbia.

 

3.3 Vie indiziarie per valutare i rapporti di produzione antichi

Purtroppo la risposta non è affatto facile: sono davvero poche le testimonianze su avvenimenti precisi, descrittori dei rapporti di produzione e della vita economica in generale. Dobbiamo sempre ricordare che la Bibbia prioritariamente è un testo al quale è stato assegnato il compito sociale fondativo di dare un senso teologico all’essere nel mondo e di costruire un conseguente e coerente assetto mentale. La Bibbia dunque “poteva permettersi” di non riportare i fatti con il dettaglio e la precisione che ci interessano. Non è stata scritta per questo fine prioritario (qui è il punto!).

In ogni caso, il testo biblico e diversi importanti indizi archeologici ci suggeriscono l’esistenza di una stratificazione proprietaria della ricchezza, con il suo corollario di conflitti sociali. Così, per esempio, riferisce il libro di Amos (6, 4-8 e 8, 4-6):

 

6 [4]Essi giacciono su letti d’avorio

e poltriscono sui loro divani,

mangiano agnelli del gregge e vitelli della stalla.

[5]Canterellano al suono dell’arpa

e, come Davide, inventano per sé strumenti di canto.

[6]Bevono nelle anfore il vino

e con il più fino degli unguenti si ungono,

ma non si preoccupano per il crollo di Giuseppe.

[7]Perciò andranno in esilio in testa ai deportati

e cesserà l’orgia dei dissoluti.

[8]Ha giurato il Signore Dio sulla sua stessa vita!

 

8 [4]Ascoltate, voi che calpestate il povero

fino a sterminare gli umili del paese,

[5]voi che dite: «Quando passerà la luna nuova,

per vendere il grano,

e il sabato, per smerciare il frumento,

diminuendo l’efa e ingrandendo il siclo

e falsificando le bilance per frodare,

[6]acquistando con denaro i miseri

e il povero per un paio di sandali?

Anche lo scarto del frumento venderemo».

 

Fortunatamente, abbiamo anche un’altra potente fonte indiziaria, nel nostro caso specifico, particolarmente efficace: lo studio della lingua. Da secoli, l’ebraico dell’Antico Testamento è puntigliosamente e assiduamente studiato per cercare di afferrare meglio e con più precisione il senso religioso di questo complesso libro sacro. Questo patrimonio di riflessioni torna utile anche per i nostri fini, tenendo in conto alcune considerazioni generali.

Ogni lingua umana ha una storia “conforme” alla storia delle forze produttive e dei rapporti di produzione della società che l’hanno generata e, per questo, ne è un potente specchio espressivo. La generazione/evoluzione delle parole riflette le necessità di designazioni, così che la nascita dei termini (e il loro oblio), il sorgere di distinguo verbali/concettuali rispecchiano il bisogno di padroneggiare, prima di tutto mentalmente e poi nella comunicazione, lo stato vigente dei modi di produrre e di distribuire/relazionarsi degli esseri umani[7]. Così – solo per fare un esempio – in un ipotetico futuro millenario, chi esplorerà la nostra lingua si accorgerà che l’uso del maschile e del femminile, nel volgere di (relativamente) pochi anni all’inizio del XXI secolo, è cambiato con un’estensione della presenza di sostantivi femminili. Se questo ipotetico studioso del lontano futuro, non avrà a disposizione molte altre fonti documentali, si sentirà autorizzato a concludere (correttamente) che, per esempio, la nascita della nuova parola: Rettrice – accanto all’antico termine Rettore: primo dirigente di un’università – sia un pesante indizio di un mutamento nella distribuzione dei ruoli sociali tra i generi e anche che i vissuti allargati sul potenziale sociale femminile siano cambiati favorevolmente negli anni 2000.

Ma c’è molto di più. Come ho avuto modo di precisare, la lingua non ha solo un contenuto informativo, nel senso che la parola x designa e significa questa o quell’altra  cosa/azione … La lingua ha anche una valenza affettiva-emotiva e trasmette, richiama e “invita” a condividere stati d’animo. Nei paesi occidentali nel lontano passato, per esempio si usava estensivamente e con una ridotta carica affettiva/emotiva la parola negro per designare un africano di carnagione scura. Dopo le denunce e le lotte secolari contro il moderno schiavismo occidentale, per conquistare rapporti di produzione più egualitari, negro è oggi una parola “schiacciata” da una carica affettivo-emotiva negativa, tanto che c’è un rifiuto quasi fobico ad usarla, oppure, all’opposto, la si usa volutamente per comunicare un attacco aggressivo a sfondo razzistico. La sostituzione storica di negro con il più mite e neutro termine nero non avrebbe senso se la lingua servisse solo (attenzione a questo punto) a designare oggetti (e corsi di azione): nero e negro, dal ristretto punto di vista del campo semantico dei termini, sono, infatti, perfettamente uguali. Analogamente, l’accurata analisi della lingua della Bibbia ci può fornire un supporto indiziario (purtroppo mai una prova definitiva) in generale sulle forze produttive, sui rapporti di produzione e sui vissuti relativi della società che l’hanno generata e, in specifico, sui temi di nostro interesse.

 

3.4 La proprietà e la ricchezza

Per iniziare, approfondiamo il tema “strategico” della proprietà/possesso e della ricchezza, nella lingua dell’Antico Testamento. L’evoluzione dei termini ebraici può, infatti, essere considerato un indizio affidabile della molteplicità e del variare in profondità della produzione di ricchezza e delle relazioni sociali, economiche e politiche in Israele.

La proprietà e il possesso sono indicati nella Bibbia con diversi termini; ricostruire l’origine di alcune di queste parole, cioè le radici, dalle quali discendono per noi è – si diceva – centrale. C’è anzi tutto una designazione, vicina alla nostra, nel termine: segullā סְֻנלָּה che è proprietà, qualificata come proprietà privata personalmente acquisita, inviolabile e accuratamente custodita. Segullā è, nella Bibbia, forse quanto di più vicino ci sia al corrente significato di proprietà personale ed esclusiva, così aderente all’individuo che quasi concorre a definirne l’individualità. Questo “ponte” tra i millenni può, però, essere fasullo e non deve indurre a superficiali letture astoriche e attualizzate della Bibbia. Il termine è, infatti, usato anche a proposito di Dio, nel senso che Dio si forma un popolo – il popolo eletto – come una sua preziosa proprietà esclusiva. Questa qualificazione teologica ci fa intuire che il contesto storico e, in particolare, la commistione della sovrastruttura religiosa con l’ordinamento sociale non è stata priva di effetti sostanziali su essenza e vissuti della proprietà. Vediamo di capire meglio il non facile intrico.

Proprietà, possesso in ebraico sono anche espresse come derivazioni dalla radice: (´ḥz אחז) afferrare. Da ḥz deriva la parola aḥuzzā possesso, generalmente di terreni, territori, ma, si badi, anche di schiavi, acquisito con un’azione di forza e di rapina (Jenni e Westermann 1971, (1) – pp. 94-95), appunto in continuità e risonanza affettiva/emotiva con la sua radice ´ḥz. Leggiamo nel Deuteronomio (7. 1-8):

1]«Quando il Signore tuo Dio ti avrà introdotto nella terra dove sei diretto per prenderne possesso, cadranno innanzi a te molte nazioni: gli Hittiti, i Gergesei, gli Amorrei, i Cananei, i Perizziti, gli Evei, i Gebusei, sette nazioni più numerose e più forti di te. [2]Il Signore le metterà in tuo potere, tu le vincerai e le voterai allo sterminio. Non stringerai nessun patto con esse, né avrai misericordia di loro. [3]Con esse non contrarrai matrimonio: non darai tua figlia a un loro figlio, né prenderai una loro figlia per tuo figlio, [4]perché tuo figlio si allontanerebbe da me e servirebbe altri dèi, e l’ira del Signore si accenderebbe contro di voi e ben presto vi sterminerebbe. [5]Voi invece vi comporterete così: demolirete i loro altari, spezzerete le loro stele, taglierete i loro pali sacri e brucerete i loro idoli nel fuoco. [6]Perché tu sei un popolo santo per il Signore tuo Dio; il Signore tuo Dio ti ha scelto perché tu sia un popolo particolarmente suo fra tutti i popoli che sono sulla terra. [7]Non perché siete più numerosi di tutti gli altri popoli il Signore si è legato a voi e vi ha scelto – anzi voi siete il più piccolo di tutti i popoli –, [8]ma perché il Signore vi ama e perché ha voluto mantenere il giuramento fatto ai vostri padri, il Signore vi ha fatti uscire con mano potente e vi ha liberati dalla condizione di schiavitù, dalla mano del Faraone, re d’Egitto.

In questi passi la proprietà/possesso è promessa al popolo eletto attraverso il meccanismo acquisitivo universale nella storia antica (e non solo!): l’impossessamento, violento fino al genocidio[8]:

Deuteronomio (7. 16): [16]Tu sterminerai tutti i popoli che il Signore tuo Dio sta per mettere nelle tue mani: il tuo occhio non avrà misericordia di loro, e non servire i loro dèi. Ciò sarebbe per te una trappola.

Deuteronomio (7. 22): [22]Il Signore tuo Dio caccerà dinanzi a te quelle nazioni, ma a poco a poco: tu non le potrai sterminare subito, perché le bestie selvagge non si moltiplichino a tuo danno; [23]ma il Signore le metterà in tuo potere ed esse saranno in preda a grande agitazione, finché non saranno distrutte.

Israele poteva, per intervento divino, ambire a dominare (rapinare) i popoli alla sua portata, o anche un po’ più forti, anche se certo non poteva nulla contro le super-potenze imperiali del saccheggio (Egitto, Balilonia, ecc.), strumenti irresistibili, invece, della collera di Dio.

Possiamo ragionevolmente attribuire l’abitudine ubiqua all’assalto dei popoli confinanti (e non) al terribile vincolo di lungo periodo rappresentato dal pericolo della fame, riconducibile alle scarse rese, proprie degli arretrati sistemi produttivi agrari del passato (Ferrari, 2016, capitolo 2). La fame, fino all’età moderna, ha sempre assediato l’umanità, plasmandone cultura e personalità e rendendo indispensabile fare della violenza rapinatrice una pratica normale di sopravvivenza e poi anche un valore (specificato come: gloria militare, valore militare, onore, ecc.). Quale miglior sistema, infatti, di affrontare le spaventose crisi alimentari (o il loro pericolo) col sequestro dei surplus delle popolazioni sottomesse/sterminate? I limiti della struttura produttiva hanno così portato ad esaltare la pratica della sopraffazione, così che il complesso dei valori connessi hanno predisposto i singoli e le popolazioni alla pratica della rapina, finanche oltre gli stati di effettiva necessità.

Per altro, noi sappiamo dalla Bibbia che il popolo ebreo non era stato affatto immune dalla fame e da tutte le sue terribili implicazioni. A riguardo non è tempo perso tornare a leggere Neemia (5, 1-5)

 

[1]Si levò un gran lamento da parte della gente del popolo e delle loro mogli contro i Giudei, loro fratelli. [2]C’era chi diceva: «Noi, i nostri figli e le nostre figlie siamo numerosi: ci venga dunque dato del grano per mangiare e vivere!». [3]C’era chi diceva: «Noi siamo costretti a ipotecare i nostri campi, le nostre vigne e le nostre case per acquistare grano durante la carestia!». [4]Altri ancora dicevano: «Abbiamo preso denaro in prestito per pagare i tributi del re. [5]Eppure la nostra carne è come la carne dei nostri fratelli e i nostri figli sono come i loro figli! Ecco, noi dobbiamo vendere come schiavi i nostri figli e le nostre figlie! Alcune delle nostre figlie sono state già ridotte in schiavitù e noi non abbiamo più nessuna possibilità, perché i nostri campi e le nostre vigne appartengono ad altri.[9]

 

Il popolo ebreo, proprio in quanto autorizzato da Dio alla pratica del saccheggio, aveva – come sempre è accaduto nella storia – un’acuta necessità di contrappesi che arginassero la tendenza della pratica e del gusto/culto della violenza a debordare anche all’interno della stessa comunità di Israele. Se questa visione del problema è corretta, allora non stupisce e diventa comprensibile la poderosa compensazione teologica all’appropriazione arbitraria. Tornando ad aḥuzzā possesso, Jenni e Westermann (1971, (1) – p. 95) così aggiungono e precisano:

 

Il nome assume un significato traslato quando si stabilisce che i leviti [tribù di Israele che aveva il compito specifico del culto] non devono avere alcuna proprietà terriera, poiché Jahwe è la loro «proprietà terriera»

 (si veda: Ezechiele 44, 28)”

 

La proprietà e il possesso dei beni erano interpretati anzi tutto come una concessione trasmessa a Israele da Dio, che è il vero e unico “proprietario” di tutto e dunque come una condizione fortemente attenuata nella disponibilità dei beni. Qui abbiamo la prima e potente rappresentazione teologica del collettivismo biblico. In Israele nessuno era proprietario assoluto ed esclusivo di nulla, poiché tutto promana da Dio:

 

Levitico (25, 23-24) [23]Non venderete la terra per sempre, perdendone ogni diritto, perché la terra è mia e voi siete forestieri e ospiti presso di me [mia sottolineatura]. [24]Per ogni terreno in vostro possesso lascerete perciò una possibilità di riscatto.

 

Dio, proprio per questo, assoggetta tutti alle regole del corretto uso dei beni. Lo chiarisce bene l’esame della radice: ereditare (jrš, ירשׁ).

Jrš significa: entrare in possesso, prevalentemente di terreni o di un territorio, evidentemente come trasmissione del loro uso. Significa, inoltre e non a caso, scacciare, espellere dal possesso (i popoli refaim, gli hurriti, gli amenorrei…)[10]. In un caso, la radice riguarda anche gli schiavi

 

Levitico (25, 44-45) [44]Lo schiavo e la schiava di tua proprietà li potrete prendere dai popoli che abitano intorno a voi; da loro potrete acquistare schiavi e schiave. [45]Potrete anche comprarne tra i figli degli stranieri che abitano presso di voi, tra le loro famiglie che si trovano presso di voi e tra i loro figli nati nella vostra terra; saranno vostra proprietà)[11].

 

Dobbiamo anche prestare attenzione alla radice: ereditare, (nḥl, בחל), che, coniugata al causativo, assume il senso di mettere qualcuno in possesso.

Il possesso ereditario – naḥala – della terra ricevuta (appunto dalla radice nḥl בחל) come possesso da Dio è una sua concessione: Jahwe è il datore e garante della naḥala di Israele da parte degli ebrei.  Ma c’è anche un altro uso assai interessante per noi: Israele come naḥala di Jahwe (si veda Jenni e Westermann 1975, (2) – pp. 51, 54, 118), che è coerente con l’uso appena visto di segullā e che lo qualifica in profondità.

Le radici nḥl בחל e jrš, ירשׁ secondo (Jenni e Westermann 1975, (1) – p. 675) hanno superato l’ambito ristretto della terminologia successoria per indicare il possesso terriero (anche come preda bellica).

Dunque la proprietà è un “dono” di Dio all’uomo, il quale deve, però, rispettare le condizioni d’uso che il “vero proprietario” ha stabilito. Coerentemente, anche le parole che indicano la ricchezza e i beni riflettono, nella loro spiegazione teologica, la pressante necessità di regolare l’uso dei beni e di disinnescare l’”istinto” predatorio, all’interno della comunità. Di nuovo seguiamo la pista delle radici.

Partiamo dalla radice: essere pesante e anche valere, in senso positivo (kbd, כבז). Dal verbo, tra le derivazioni nominali, si ha: kābōd ricchezza e “stima”, ricompensa abbondante, nobiltà, ricchezza e onore

 

I Re (3, 10-13) [3]Salomone amava il Signore e nella sua condotta seguiva le disposizioni di Davide suo padre; […] [5]A Gabaon il Signore apparve di notte in sogno a Salomone e gli disse: «Chiedimi ciò che vuoi che io ti conceda». [6]Salomone rispose: «[…] [7]Ora, Signore mio Dio, tu hai fatto re il tuo servo al posto di Davide mio padre, ma io sono un ragazzo, non so come comportarmi. […]  [9]Concedi dunque al tuo servo un cuore che sappia giudicare il tuo popolo, in modo da distinguere il bene dal male; altrimenti chi potrà mai governare questo tuo popolo così numeroso?» [10]Piacque al Signore che Salomone avesse fatto questa richiesta. [11]Dio perciò gli disse: «Poiché tu hai domandato questa cosa e non hai domandato per te una lunga vita, né le ricchezze, né la morte dei tuoi nemici, ma hai domandato per te intelligenza per ben discernere il diritto, [12]ecco, io faccio secondo la tua parola: ti dono un cuore saggio e perspicace come non ci fu prima di te, né uguale sorgerà dopo di te. [13]Anzi io ti dono pure quanto non hai chiesto, cioè ricchezze e onore, così che tra i re non ci sia mai alcuno uguale a te.[12]

 

La stessa concezione della ricchezza come elargizione di Dio per meriti e virtù si trova nei seguenti passi:

 

1 Cronache (1, 12) [12]Da te vengono la ricchezza e la gloria; tu domini tutto; nella tua mano sono la potenza e la forza; dalla tua mano ogni grandezza e potere.

1 Cronache (29, 26-28)  [26]Davide, figlio di Iesse, aveva regnato su tutto Israele. [27]La durata del suo regno su Israele era stata di quarant’anni: in Ebron regnò sette anni e in Gerusalemme trentatré. [28]Morì in felice vecchiaia, sazio di giorni, di ricchezza e di gloria

2 Cronache (17, 5)  [5]Il Signore consolidò il regno nelle mani di Giosafat e tutto Giuda gli portava offerte, così che egli ebbe ricchezza e gloria in abbondanza.[13]

 

È importante osservare che i termini ricchezza e onore siano avvicinati nella lingua ebraica per indicare una qualità positiva della ricchezza. Gli studiosi dell’ebraico Jenni e Westermann notano:

 

Non è certo casuale che questa coppia compaia per la prima volta all’inizio della monarchia essa testimonia una trasformazione sociale resa possibile dalla monarchia: sorge un gruppo di famiglie più ricche e la stima di cui gode tale gruppo più ricco viene ora designata come “onore” […] A questo onore aristocratico è legato anche il fatto che il potente onora colui che lo riconosce come tale [Daniele 11, 39]” (Jenni e Westermann 1971, (1) – p. 692).

 

Gli autori dunque sembrano riferirsi alla nascita di un’aristocrazia ebraica che legittima se stessa per meriti teologici ed elevatezza etica.

Ma la lingua “tradisce” e ben riflette la complessità contraddittoria della società ebraica antica, almeno se si tiene per buono un altro modo di designare la ricchezza. Si presti, infatti, attenzione alla radice di iniquità (´ấwӕn אָוֶן), che, appunto, deriva da ´wn: essere forte, pesante. Iniquità, cioè, come forza nefasta. Il termine  è vocalizzato in ´ōn: forza, ricchezza, almeno in un caso in senso sicuramente negativo:

 

Osea (12, 9) [9]Efraim dice: «Come mi sono arricchito!

Mi sono fatto una fortuna!».

Ma di tutti i suoi vantaggi niente rimarrà

per il peccato che ha commesso.

 

La ricchezza nella Bibbia è sì dono benevolo e premiante di Dio, ma anche un male ingannevole, come vedremo tra poco, per il quale si possono commettere gravi colpe.

Possiamo aggiungere un ulteriore importante tassello alla spiegazione se ci volgiamo verso il contrario della ricchezza.

I modi di designare il povero rimandano a due radici: essere misero (‘nh, ענה) e volere (‘bh, אבח). Dalla radice ‘bh deriva povero (œbjōn, אֶבְיו֗ן), nel senso di voler avere, ovvero di essere privo di (Jenni e Westermann 1975, (1) – p. 17 e 20):

 

Colui che è socialmente debole ha nell’antico Oriente un rapporto speciale con la divinità. […] Di qui si può capire come il povero abbia ricevuto nell’Antico Testamento una connotazione religiosa. Nelle forme letterarie che hanno la loro radice nel culto (soprattutto nei canti di lamento e di ringraziamento) l’orante si presenta davanti a Jahwe come povero, bisognoso. Egli deve confessare la sua inferiorità al Dio potente e giusto […]. Con una tale confessione però il povero fa valere nello stesso tempo un diritto sicuro: fra i doveri del potente, e quindi anche di Dio […] Vi è quello di usare misericordia verso il misero. La ricchezza è sempre un dono che viene concesso; l’uomo nella sua condizione normale è povero e senza protezione […]; l’Antico Testamento vive della consapevolezza che Jahwe vuol bene proprio al misero. La fede in Jahwe che misura l’altezza e la bassezza e, sconvolgendo le classifiche umane, innalza il povero, ha trovato in Samuele 2,1 la sua espressione classica.” (Jenni e Westermann 1971, (1) – p. 21).

 

È utile leggere il cantico di Anna dal Primo libro di Samuele (2,10):

 

[1]Anna pregò e disse:

«Il mio cuore esulta nel Signore,

la mia fronte si eleva al Signore.

Si apre la mia bocca contro i miei nemici,

poiché gioisco per la tua salvezza.

[2]Non vi è santo come il Signore,

poiché non vi è altri all’infuori di te,

né vi è rupe come il nostro Dio.

[3]Non parlate più a lungo con aria superba,

non esca parola arrogante dalla vostra bocca,

perché il Signore è un Dio sapiente

e le sue opere sono rette.

[4]L’arco dei prodi è spezzato,

mentre i deboli si cingono di forza.

[5]I sazi vanno al lavoro per il pane,

mentre gli affamati si riposano.

Perfino la sterile genera sette volte,

mentre la madre di molti figli appassisce.

[6]Il Signore dà la morte e dà la vita,

fa scendere agli inferi e risalire.

[7]Il Signore rende poveri e rende ricchi,

umilia, ma anche esalta;

[8]solleva dalla polvere il misero,

innalza il povero dalle immondizie,

per farli sedere con i prìncipi

e assegnare loro un trono di gloria:

perché del Signore sono

le colonne della terra,

e su di esse fa posare il mondo.

[9]Egli veglia sui passi dei suoi fedeli,

mentre i malvagi svaniscono nelle tenebre.

Certo, non prevarrà l’uomo

malgrado la sua forza.

[10]Gli avversari del Signore saranno stroncati.

L’Altissimo tuonerà dal cielo;

il Signore giudicherà i confini della terra;

darà potenza al suo re

e innalzerà la fronte del suo consacrato».

 

3.5 I principi e le pratiche di difesa dalla fame e di ripristino dell’uguaglianza

Jenni e Westermann aggiungono:

 

In parecchi testi religiosi del periodo intertestamentario il povero acquista un’importanza ancora maggiore, anche per via di una stratificazione progressiva della società. In particolare la comunità di Qumram guarda con sospetto alla proprietà privata e considera la povertà e la bassezza come una condizione preliminare della vita spirituale. L’atteggiamento positivo nei riguardi della povertà prosegue nel Nuovo Testamento (discorso della montagna, Luca, Paolo)” (Jenni e Westermann 1971, (1) – p. 22).

 

Il potente freno all’esercizio indiscriminato del controllo dei beni che porta all’accumulazione/concentrazione delle ricchezze conduce ad una serie di norme che ritroveremo non solo nelle legislazioni e negli usi di epoca medioevale, ma anche ben dentro  l’età moderna, come si è visto nel caso del diritto di legnatico avversato nella Germania ottocentesca di Marx (e di suo padre).

Torniamo a Jenni e Westermann.

Le vedove, gli orfani hanno una particolare protezione da Jahwe:

 

In un secondo gruppo di testi giuridici del Deuteronomio, che regolano il diritto dei poveri e dei diseredati, alle vedove (e ai leviti/forestieri/orfani) sono riservati alcuni vantaggi: durante i raccolti possono spigolare (Deuteronomio 24, 19-21)…” (Jenni e Westermann 1971, (1) – p. 150).

 

Così la società ebraica, prima nell’Esodo e poi nel Levitico e nel Deuteronomio, si dà norme molto pratiche di tutela del debole …

 

Esodo (23, 10) [10]Per sei anni seminerai la tua terra e raccoglierai il suo prodotto, [11]ma al settimo non la coltiverai e la lascerai riposare: ne mangeranno i poveri del tuo popolo e le bestie selvatiche mangeranno ciò che resta; così farai per la tua vigna e per il tuo olivo.

 

Levitico (23, 22)  [22]Quando farete la mietitura della vostra terra, non mieterete fino ai margini del campo e non raccoglierete le spighe rimaste nella mietitura. Le lascerai per il povero e per il forestiero. Io sono il Signore Dio vostro.

Deuteronomio (23, 25-26)  [25]Quando entrerai nella vigna del tuo prossimo, potrai mangiare uva secondo il tuo appetito, a sazietà; ma non ne potrai mettere nel tuo paniere. [26]Quando entrerai nelle messi del tuo prossimo potrai coglierne spighe con la mano, ma non potrai mettere la falce nelle messi del tuo prossimo.

Deuteronomio (24, 17-22)  [19]Quando raccogli la messe nel tuo campo e dimentichi qualche covone, non tornare indietro a prenderlo: sarà per il forestiero, per l’orfano e per la vedova, perché il Signore tuo Dio ti benedica in ogni lavoro delle tue mani. [20]Quando abbacchi i tuoi ulivi, non raccogliere ciò che resta sui rami: sarà per il forestiero, per l’orfano e per la vedova. [21]Quando vendemmi la tua vigna, non tornare indietro a racimolare: quanto resta sarà per il forestiero, per l’orfano e per la vedova. [22]Ricordati che sei stato schiavo in Egitto; perciò ti ordino di fare questa cosa.

L’anno sabbatico di cui parla Esodo (23, 10) – il settimo di ogni settennio, sulla base della scansione ciclica del tempo sociale ebraico: la settimana, il settennio, il giubileo (di sette settenni) – è una istituzione antica (Cholewinski 1984, p. 160). Il principio normativo del Levitico (poi integrato e riformato dal Deuteronomio) è che nel settimo anno i padroni dei campi lascino riposare i terreni (sistema a maggese), che produrranno comunque – si potrebbe dire, per “inerzia vegetativa”. Questo prodotto “spontaneo” non può essere destinato all’arricchimento dei proprietari, ma appartiene in esclusiva a Jahwe, che lo dona ai diseredati. La stessa cosa vale per l’utilizzo delle decime[14] che, con cadenza in questo caso triennale, dovevano soccorrere i poveri protetti da Jahwe:

 

Deuteronomio (14, 28-29) [28]Al termine di ogni terzo anno prenderai tutte le decime dei tuoi prodotti e le deporrai alle porte delle tue città: [29]verranno il levita, che non ha né parte né eredità con te, il forestiero, l’orfano e la vedova che vivono nelle tue città, ne mangeranno e si sazieranno. Così il Signore tuo Dio ti benedirà in ogni opera a cui avrai messo mano.

Le stesse specifiche norme bibliche contro la fame, definite “la prima legge sulla povertà” (Cohen 1908, p. 791), ma più probabilmente nate ancor prima presso gli altri popoli del Medio Oriente, sopravviveranno (praticamente identiche), fino alla dolorosa e controversa affermazione della moderna proprietà privata esclusivista, come si è accennato e si vedrà nella seconda parte di questo scritto. In un certo senso, la Bibbia può anche essere considerata un modello di assegnazione delle terre su base egualitaria, secondo le necessità e non attraverso il mercato.

Numeri (26, 52-56) [52]Il Signore disse a Mosè: [53]«Fra tutti questi ripartirai la terra in eredità, secondo il numero delle persone. [54]A chi è grande aumenterai la parte di proprietà e a chi è piccolo la diminuirai: a ciascuno sarà data la parte di proprietà in base al numero dei censiti. [55]La ripartizione della terra avverrà a sorte: ne riceveranno la proprietà secondo i nomi delle loro tribù paterne. [56]La ripartizione della proprietà avverrà a sorte, sia per le tribù grandi sia per le piccole[15].

Jenni e Westermann, a proposito, riferiscono che, secondo certe interpretazioni, ogni sette anni si aveva una nuova assegnazione per sorteggio. In realtà, come vedremo, in seguito, ben poco sappiamo su quanto le norme fossero davvero rispettate. Rimane comunque il fatto che una parte certo rilevante della società si ritrovasse, nel profondo, in esse. Altre importanti norme del Deuteronomio sono state la risposta a fenomeni di grave perturbazione classista.

Deuteronomio (24, 14-15) [ 14]Non defrauderai il salariato povero e bisognoso, né tra i tuoi fratelli né tra i forestieri che si trovano nella tua terra, nelle tue città. [15]Ogni giorno gli darai il suo salario, prima che tramonti il sole, perché egli è povero e lo desidera ardentemente; così egli non griderà contro di te al Signore e tu sarai senza peccato.

Inoltre, una società, come quella ebraica, che ammetteva la riduzione in schiavitù di altri popoli, si poneva il grave problema del dilagare dello schiavismo all’interno della stessa Israele.

Levitico (25, 39-43)  [39]Se il tuo fratello si trova in difficoltà nei tuoi riguardi e si vende a te, non gli farai fare un lavoro da schiavo; [40]vivrà presso di te come un bracciante o un ospite. Fino all’anno del giubileo lavorerà con te; [41]poi ti lascerà insieme con i suoi figli, tornerà alla sua famiglia e riprenderà quanto possedevano i suoi padri. [42]Perché essi sono miei servi, che io ho fatto uscire dalla terra d’Egitto; non possono essere venduti come schiavi. [43]Non lo tratterai con durezza, ma temi il tuo Dio.

Nel Deuteronomio la norma è abbastanza diversa, come osserva Cholewinski (1984, p. 163) in quanto la liberazione non avviene più nelle canoniche date liberatorie collettive, ma dopo un settennio calcolato dal momento – variabile nelle diverse situazioni – di auto consegna del debitore come schiavo del creditore:

Deuteronomio (15, 12-15)  [12]Se un tuo fratello ebreo o una ebrea si vende a te, ti servirà per sei anni; ma al settimo anno lo manderai via da te libero. [13]Quando lo manderai via da te libero, non rimandarlo a mani vuote, [14]ma caricalo di doni del tuo gregge, della tua aia e del tuo torchio; nella misura in cui il Signore tuo Dio ha benedetto te, tu darai a lui. [15]Ricordati che tu sei stato schiavo nella terra d’Egitto e che il Signore tuo Dio ti ha liberato; perciò oggi io ti dò questo comando.

La Bibbia stabilisce norme pratiche precise di ripristino di una forma di uguaglianza di fondo. Così l’anno sabbatico è una misura di soppressione delle disuguaglianze e degli spossessamenti che la dinamica economica tende invariabilmente ad alimentare.

Levitico (25, 23-28)  [23]Non venderete la terra per sempre, perdendone ogni diritto, perché la terra è mia e voi siete forestieri e ospiti presso di me. [24]Per ogni terreno in vostro possesso lascerete perciò una possibilità di riscatto. [25]Se un tuo fratello si trova in difficoltà e vende una parte dei suoi possedimenti, venga il suo parente più prossimo a esercitare il diritto di riscatto su quanto egli è stato costretto a vendere. [26]Chi non ha un parente prossimo, se riesce a procurarsi da sé la somma necessaria per il riscatto, [27]conterà gli anni trascorsi dalla vendita, restituirà al compratore il denaro che gli è dovuto e così potrà rientrare in possesso dei suoi beni. [28]Se non riuscirà ad avere mezzi sufficienti per la restituzione, il bene venduto resti nelle mani di chi l’ha comprato fino all’anno del giubileo: nell’anno del giubileo il compratore uscirà e l’altro rientrerà in possesso del suo patrimonio.

Norme abbastanza simili erano previste in caso di alienazione della casa (Levitico 25, 29-31).

L’anno sabbatico (settimo anno) e il giubileo (49° anno, che diventa 50° anno per il particolare modo ebraico di contare gli anni[16]) erano momenti previsti dalla legge per riequilibrare le storture economico-sociali, prevalentemente consistenti nella vendita del patrimonio e/o della propria libertà personale per debiti.

Levitico (25, 13-19) [13]Nell’anno del giubileo, poi, ciascuno tornerà in possesso dei suoi beni. [14]Se venderai qualcosa al tuo prossimo o se comprerai qualcosa da lui, non danneggiatevi l’un l’altro. [15]Comprerai dal tuo prossimo stabilendo il prezzo in base al numero degli anni trascorsi dall’ultimo giubileo; a sua volta egli venderà a te stabilendo il prezzo in base agli anni di rendita. [16]Più sarà grande il numero degli anni da trascorrere prima del giubileo e più aumenterai il prezzo; più piccolo sarà il numero degli anni e più ridurrai il prezzo, perché egli ti vende la somma dei suoi raccolti. [17]Nessuno, perciò, defraudi il suo prossimo: temete il vostro Dio, perché io sono il Signore vostro Dio. [18]Osservate le mie leggi e obbedite ai miei precetti, metteteli in pratica e risiederete tranquilli nel paese. [19]La terra darà i suoi frutti e voi ne mangerete a sazietà e risiederete tranquillamente in essa.

Il tema del giubileo è un affollato campo di battaglia e di discussione tra i biblisti, soprattutto per quanto si riferisce, come già accennato, alla sua reale ed effettiva applicazione pratica nella storia economico-sociale di Israele. La maggioranza degli studiosi lo ritiene un’istituzione astratta, perché regolata da una norma inapplicabile (per interferenze ingestibili con l’anno sabbatico) e comunque inapplicata: un ideale vagheggiato, una pura aspirazione degli estensori rigoristi dei testi biblici, carica di suggestioni teologiche. Un’aspirazione idealizzata dei tempi, o un “ideale codificato”, secondo la definizione riportata da Cholewinski, che si è poi tradotta in un’aggiunta tardiva al testo biblico. A sostegno dell’irrilevanza pratica del giubileo l’osservazione che nella Bibbia e in altre fonti autorevoli (Filone, Giuseppe Flavio) non si trovano riferimenti, o anche solo cenni, ad applicazioni pratiche del giubileo. Rimane, però, non scartata l’ipotesi che gli estensori del testo biblico abbiano raccolto e sistematizzato norme pratiche e consuetudini non scritte preesistenti, secondo le quali … “la proprietà terriera, appartenente alla famiglia è irrinunciabile” (Cholewinski 1984, p. 170)[17]. Depone a favore di un certo collegamento con pratiche collettivistiche reali anche l’assenza di genericità, per così dire, “poetiche” e l’accuratezza tecnica con la quale la norma è stata codificata (secondo la tradizione sacerdotale). Il che fa pensare a una descrizione di prassi redistributive concrete, osservabili da parte dei redattori del testo biblico, o, delle quali, si era mantenuta una recente e vivida memoria.

Al momento, non si può dire molto di più.

 

3.6 La questione della fratellanza

Rimane, però, indiscutibile che alla base di queste prescrizioni, ci sia stata una forte idea/aspirazione all’uguaglianza sostanziale degli uomini nella società, che riflettesse l’uguaglianza di fronte a Dio. Questa idea si sostanzia nel concetto di fratellanza: ˊaḥwah

(fratello ˊāḥ אָח). Jenni e Westermann così descrivono i significati di questo termine:

 

Gli usi di questa parola che hanno un rilievo teologico  [mia sottolineatura] non sono legati al significato ristretto «fratello carnale», con le sue implicazioni nel campo del diritto familiare, ma a un significato più generico «membro, socio (di una comunità)», oppure all’uso metaforico della parola.” (1971, (1) – p. 88)

E citando altri studiosi così aggiungono:

“«Il popolo è la famiglia ingrandita che forma unità. L’uso di fratello per esprimere un elemento costitutivo dell’idea di popolo vuol creare anche un livellamento: i fratelli stanno sullo stesso piano, hanno uguali doveri e sono responsabili l’uno dell’altro» (Bächli 123).

L’idea di fratellanza degli israeliti sotto un unico padre […] è senz’altro presente in Malachia 2,10, ma non ha una terminologia precisa fissa…” (Jenni e Westermann 1971, (1) – pp. 89-90)

 

Malachia (2, 10) [10]Non abbiamo forse tutti noi un solo padre? Non ci ha creati un unico Dio? Perché dunque ci tradiamo l’un l’altro, profanando l’alleanza dei nostri padri?

 

La fratellanza è il cemento della comunità ebraica che espelle l’indifferenza o, peggio, l’aggressività predatoria nefasta intragruppo e scinde nettamente le sfere dell’agire collettivistico: entro Israele deve prevalere l’uguaglianza pacifica e solidale; fuori l’imperfezione degli ebrei può portare a corsi d’azione omologabili a quelli delle popolazioni “perse” nel paganesimo.

La fratellanza, che trattiene dallo schiavizzare “chi si vende a te”, cioè chi viene “punito” dal mercato con l’insolvenza per debiti, sta alla base di una norma del Deuteronomio assolutamente centrale per tutta la storia millenaria occidentale seguente e, soprattutto, per la storia del capitalismo:

 

Deuteronomio (23,20) [20]Non esigerai alcun interesse da tuo fratello: né per prestiti di denaro, né per prestiti di viveri, né per qualsiasi cosa che si presta a interesse. [21]Dallo straniero potrai esigere un interesse, ma non dal tuo fratello, perché il Signore tuo Dio ti benedica in ogni cosa a cui metterai mano nel paese che stai per conquistare.

 

Questa norma, secondo l’estensore del Deuteronomio[18], non può essere considerata isolatamente, ma si deve sempre avvicinare alle seguenti:

Deuteronomio (15,1-5) [1]«Al termine di ogni sette anni celebrerai l’anno della remissione [mia sottolineatura]. [2]Queste sono le norme che riguardano la remissione: ogni creditore rimetta quanto ha prestato al suo prossimo; non lo riscuota dal suo prossimo né dal suo fratello, quando sia proclamato l’anno della remissione per il Signore. [3]Tu potrai esigere il tuo credito dallo straniero, ma al tuo fratello condonerai quanto deve nei tuoi confronti.

[4]Del resto non vi sarà presso di te alcun povero, poiché il Signore certo ti benedirà nella terra che il Signore tuo Dio ti dona in eredità come tuo possesso, [5]purché tu obbedisca fedelmente alla voce del Signore tuo Dio, osservando e praticando tutti gli ordini che oggi ti dò.

E ancora …

 

Deuteronomio (15,7-11) [7]Se vi sarà presso di te qualche tuo fratello povero, in una delle città del paese che il Signore tuo Dio ti dona, non indurirai il tuo cuore e non chiuderai la tua mano al tuo fratello povero, [8]ma gli aprirai la mano, gli presterai generosamente quanto gli manca, per il bisogno in cui si trova. [9]Bada che non ci sia nel tuo cuore questo perverso calcolo: È vicino il settimo anno, l’anno della remissione, così da rendere l’occhio tuo cattivo verso il tuo fratello povero e non dargli nulla; egli griderebbe al Signore contro di te e su di te graverebbe un peccato. [10]Dà, invece, generosamente a lui e il tuo cuore non si rattristi mentre gli dai il tuo dono; perché proprio per questo il Signore tuo Dio ti benedirà in ogni tua opera e in ogni cosa a cui avrai messo mano. [11]Poiché non mancheranno mai nel paese i poveri, io ti prescrivo: Apri generosamente la mano al tuo fratello povero e bisognoso nella tua terra.

 

Questo sistema di prescrizioni, con le sue norme collegate va considerata un architrave del collettivismo biblico. La fratellanza biblica impone entro Israele di non vessare e sfruttare economicamente il fratello (compresi gli stranieri residenti); anzi, impone il soccorso con prestiti senza interessi, mentre dà via libera alla pratica del profitto finanziario all’esterno. La norma è importantissima perché, con la crescita economica, si va affermando il credito (allora designato sempre spregiativamente come: usura) e cioè il lato monetario dell’economia. Il termine usato per indicare l’interesse è: neshèk[19], mentre il verbo corrispondente nasàk: mordere e, in senso figurato, vessare che lascia pochi dubbi su quali fossero i vissuti profondi e l’atteggiamento diffuso verso il credito. Questa condanna è molto diffusa in tutto l’Antico Testamento[20]. Essa riflette molto probabilmente la crescita del modo di produzione del tempo verso un’economia non più di sola sussistenza, verso una prima forma di economia monetaria.

In generale, già nella Bibbia la moneta e il denaro vengono visti come un subdolo e ingannevole “pericolo” per la fratellanza, forse ancor maggiore della rapina violenta:

Ecclesiaste (Qohèlet) (5, 9-10) [9]Chi ama il denaro, mai di denaro è sazio; e chi è attaccato alle ricchezze, non ne ha mai a sufficienza. Anche questo è vanità. [10]Quando le ricchezze aumentano, crescono anche quelli che le divorano, e che vantaggio ne ha il proprietario se non quello di sapere di essere ricco?

In Ebraico, secondo Ellul [1969], la parola keseph כְסֶף – che sta ad indicare indifferentemente denaro ed argento – è strettamente imparentata al verbo difettivo kasaph [ksp], una parola rara[21] che può significare: desiderare, con una sfumatura di nostalgia e disillusione, come a dire: languire per qualcosa. Se questo collegamento è corretto, la stessa lingua ebraica designerebbe il denaro richiamando un preciso atteggiamento verso di esso, ben descritto nell’Ecclesiaste: Chi ama il denaro, mai di denaro è sazio; e chi è attaccato alle ricchezze, non ne ha mai a sufficienza. Anche questo è vanità. In ogni caso, fin dall’inizio della tradizione ebraico-cristiana il denaro si percepisce come potenza profondamente radicata nell’uomo, ma a lui contrapposta come un falso fine, mai veramente appagante. Nel Nuovo Testamento questa interpretazione diventa molto più incisiva nel termine Mammona[22], che, come un soggetto che rende l’uomo schiavo, esercita un vero e proprio potere spirituale e psicologico sulla coscienza. Ellul sottolinea l’eccezionalità di questa personificazione allo stesso rango di Dio:

Matteo (6, 24) [24]«Nessuno può servire a due padroni; poiché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e trascurerà l’altro. Non potete servire a Dio e a mammona»

Gesù non è affatto solito fare questo genere di deificazioni. Per altro, anche in ambiente non ebraico si è manifestata un’analoga  “contrapposizione” tra la potenza del denaro e il sacro. Anche Aristofane, quattro secoli  prima di Cristo, nel Pluto contrappone tutti gli dei alla ricchezza personificata.

Alla luce di quanto esposto ritengo sufficientemente dimostrato che i temi della biforcazione bene si adattino alle controverse vicende della storia antica dei popoli di Israele. Lo studio di questa storia ci consente, in più, un surplus unico di chiavi interpretative per i temi della biforcazione nella storia pre-capitalistica occidentale successiva, come già incidentalmente accennato.

 

Fine prima parte

 

 

 

BIBLIOGRAFIA (parte I)

 

Cholewinski A. S. J. (1984) “Levitico 17-26 Codice di Santità”, Pontificio Istituto Biblico, Roma.

Cohen B. (1934-35) “An Essay on Possession in Jewish Law”, Proceedings of the American Academy for Jewish Research, vol. 6, pp. 123-137.

Cohen H. (1908) “Notes on Resemblance of Hebrew and English Law”, The Jewish Quarterly Review, vol. 20, n. 4 (luglio), pp. 784-797.

Cornu A. (1955) “Karl Marx et Friedrich Engels Leur vie et leur œuvre (1818/1820 – 1844)”, trad. it. “Marx e Engels dal liberalismo al comunismo”, Feltrinelli, Milano 1962.

Delumeau J. (1983) “Le péché et la peur. La culpabilisation en Occident (XIIIe-XVIIIe siècles)”, trad. it. “Il peccato e la paura. L’idea di colpa in Occidente dal XIII al XVIII secolo”, il Mulino, Bologna, 1987.

Ellul J. (1969) “L’uomo e il denaro“, Editrice a.v.e., Roma.

Engels F. (1952) “Zur Geschichte und Sprache der deutschen Frühzeit”, trad. it. “Storia e lingua dei Germani Scritti filologici”, Editori Riuniti, Roma, 1974.

Ferrari L. (2016) “L’ascesa dell’individualismo economico”, seconda edizione, (Saggio introduttivo di G. Galli, postfazione di E. Lozza e A. C. Bosio), Casa Editrice Vicolo del Pavone”, Castelnuovo Scrivia, pp. 974+XLVII.

Ferrari L. (2019) “Guida per il lettore contemporaneo de Il capitale di Karl Marx”, (prefazione di G. Galli), Casa Editrice Vicolo del Pavone”, Castelnuovo Scrivia, pp. 260+XIII.

Ferrari L. e Romano D.F. (1999) “Mente e denaro, introduzione alla psicologia economica”, pagine XVII+517, Raffaello Cortina Editore, Milano,

Finkelstein I. e Silberman N. A. (2001) “The Bible Unearthed. Archaeology’s New Vision of Ancient Israel and the Origin of the Sacred Texts”, trad. it. “Le trace di Mosè la Bibbia tra storia e mito”, Carocci, Roma, 2018.

Galli G., Pascale A., Burgio D., Leoni M. e Sidoli R. (2019) “Effetto sdoppiamento, il “paradosso di Lenin” e la politica-struttura”, Editrice Aurora, Milano.

Hobsbawm E. J. (1964) Prefazione a Marx K. “Forme economiche precapitalistiche”, Editori Riuniti, Roma, 1970, pp. 7-65.

Hobsbawm E. J. (1978) “Gli aspetti politici della transizione dal capitalismo al socialismo”, sta in: “Storia del Marxismo, Il marxismo ai tempi di Marx”, vol. I, Einaudi, Torino, pp. 247-287.

Jenni E. e Westermamm C. (1971) “Theologisches Handwörterbuch zum Alten Testament”, trad. it. “Dizionario Teologico dell’Antico Testamento”, vol. 1, Marietti, Torino, 1978.

Jenni E. e Westermamm C. (1975) “Theologisches Handwörterbuch zum Alten Testament”, trad. it. “Dizionario Teologico dell’Antico Testamento”, vol. 2, Marietti, Torino, 1982.

Kent C. F. (1901) “The Humanitarian Element in the Old Testament Legislation II”, The Biblical World, Vol, 18, N. 5 (novembre), pp. 338-351.

Kershaw I. (1991) “Hitler”, tard. it. “Hitler e l’enigma del consenso”, Laterza, Bari, 2008.

Marx K. (1842) “Dibattiti sulla legge contro i furti di legna”, trad. it. sta in Marx K. “Opere Lotta politica e conquista del potere”, Newtono Cimpton editori, Roma, 1975, pp. 46-73.

Marx K. (1859) “Zur Kritik der politischen Ökonomie”, trad. it. “Per la Critica dell’Economia Politica”, Editori Riuniti, Roma, 1969.

Marx K. (1867) “Das Kapital. Kritik der politischen Oekonomie“, trad. it.  “Il Capitale. Libro primo. Il processo di produzione del capitale”, (volume primo di 4), Editori Riuniti, Roma 1980.

Marx K. (1939), “Lineamenti Fondamentali di Critica dell’Economia Politica (Grundrisse)”, 2 voll., (Vari manoscritti iniziati a partire dal 1850), Einaudi, Torino 1976.

Marx K. e Engels F. (1882) “Prefazione”, all’edizione russa del Manifesto del Partito Comunista, trad. it. sta in: Marx K. e Engels F. “Manifesto del Partito Comunista”, Einaudi, Torino, 1998, pp. 104-105

Marx K. e Engels F. (1950) “Opere XXXIX. Lettere 1852-1855”, vol. 39, Editori Riuniti, Roma, 1972.

Marx K. e Engels F. (1971) “Lettere sul Capitale”, [a cura di G. Bedeschi], Laterza, Bari.

Mosse G. L. (1974) “The Nationalization of the Masses, Political Symbolism and Mass Movements in Germany from Napoleonic Wars through the Third Reich”, trad. it. “La nazionalizzazione delle masse”, il Mulino, Bologna, 2009.

Musto M. (2018) “Karl Marx Biografia intellettuale e politica. 1857-1883”, Einaudi, Torino.

Sidoli R., Leoni M., e Burgio D. (2012) “Ratzinger o Fra Dolcino L’effetto di sdoppiamento nella religione occidentale”, Editrice Aurora, Milano.

Togliatti P., Cantimori D., Donini A., Luporini C., Manacorda G., Natoli A., Pesenti A. e Platone F. (curatori) (1951) “Carteggio Marx-Engels”, in sei volumi, Edizioni Rinascita, Roma, vol. V.

 

 

 

▬▬▬  ●♦● ▬▬▬

[1] Scrive Marx: “Se ogni offesa alla proprietà, senza distinzione, senza una più precisa specificazione è furto, non sarebbe furto ogni proprietà privata? Con la mia proprietà privata non escludo tutti gli altri da questa proprietà?” (Marx 1842, p. 49) e ancora “I selvaggi  di Cuba ritenevano che l’oro fosse il feticcio degli spagnoli. Lo festeggiarono con cerimonie e canti e poi lo gettarono a mare. Se i selvaggi di Cuba avessero assistito alla seduta degli ordini provinciali renani, non avrebbero forse pensato che il legno sia il feticcio dei renani?” (Marx 1842, p. 73).

[2] Mosse (1974) ricorda, tra l’altro, che furono i nazisti a recuperare tra i loro valori fondativi quelli – ovviamente riadattati e stravolti – delle rivolte contadine del ‘500, sulle quali ha scritto Engels.

Kershaw (1991) riferisce di una ricerca condotta su più di 700 aderenti al partito nazional-socialista, dalla quale emerge che la maggioranza delle motivazioni nell’adesione al nazismo (31,7%) andava ricondotta a “l’auspicio della creazione di una comunità nazionale pacificata e solidaristica” (p. 66).

[3] Nella stessa lettera, con molta chiarezza, sostiene che le varie esperienze locali devono essere studiate come singolarità, cosicché non si arriverà mai alla loro comprensione “… con il grimaldello di una teoria storico-filosofica generale, la cui suprema virtù consiste nell’essere sopra-storica.” (p. 158).

[4] Segnalo doverosamente al lettore il decisivo aiuto nella stesura di questa parte di un teologo e biblista, che non ha ritenuto così necessario “esporsi” ai commenti elogiativi dei lettori. Ringrazio per il paziente e illuminante sostegno; resta inteso che tutte le eventuali inesattezze, sviste o lacune sono da imputarsi esclusivamente al mio sforzo di appropriarmi dei suggerimenti ricevuti e di tradurli in questo testo.

[5] È di questo periodo la nascita della convinzione nell’ebraismo della resurrezione.

[6]Il ferrigno anticomunista Palacio (1937) ricorda che, tra il ´400 e il ´600, teologi come De Soto (1494-1560), Covarrubias (1512-1577), Suarez (1548-1617), idealizzassero una proprietà comunistica originaria, degenerata poi in proprietà individuale per la caduta dovuta al peccato. L’esercizio della proprietà comune per il Billart (1685-1757) presuppone eccezionali qualità di moralità/temperanza presenti solo nei conventi e per De Vitoria (1485?-1546) talvolta, neanche in questi.” (Ferrari 2016, p. 497n).

[7] Anche le stesse strutture morfologiche, ortografiche e sintattiche talvolta sono influenzate in modo similare.

[8] “«La Storia insegna come i conflitti costituiscano il miglior mezzo per sopravvivere, sfamare le popolazioni […] La necessità costringe dunque a battersi per accaparrarsi qualcosa.» (Ra­chline …).

«… nella Grecia e nella Roma antiche, la guerra ed il saccheggio corrispondevano, come mezzi per acquistare la ricchezza, alla produzione industriale dei popoli moderni, mentre la spartizione tra i capi e i loro subordinati, a quella che oggi si fa tra la classe dirigente e la popolazione operaia(Pareto …). Il tributo del popolo sottomesso non era diverso dalla rapina di tutti i beni una tan­tum, costituendone solo una variante nei tempi di accaparramento. All’estremo opposto, ma nella stessa logica, è la proposta di un generale di Gengis Kahn – respinta solo perché diseconomica – che prevedeva il genocidio dei cinesi appena sottomessi e la conversione dei loro campi in pasco­li per il bestiame mongolo (Ardant …)”  Queste citazioni sono tratte da Ferrari 2016, p. 78.

[9] Si veda anche: Geremia (34, 17) [17]Perciò, così dice il Signore: Voi non mi avete ascoltato proclamando ciascuno la liberazione del proprio fratello e del proprio prossimo; ebbene, io ordino che contro di voi, oracolo del Signore, sia concessa libertà alla spada, alla peste e alla fame e vi consegnerò alla derisione presso tutti i regni della terra; Deuteronomio (8, 2-3) [2]Ricorda il cammino che ti ha fatto compiere il Signore tuo Dio in questi quarant’anni nel deserto, per umiliarti, per provarti, per conoscere ciò che c’era nel tuo cuore, se tu avresti osservato o no i suoi precetti. [3]Ti ha umiliato, ti ha fatto provare la fame, ti ha fatto mangiare la manna, che tu non conoscevi né conoscevano i tuoi padri; (28, 47-48) [47]Siccome in mezzo all’abbondanza di ogni cosa non hai servito il Signore tuo Dio con gioia e letizia di cuore, [48]servirai i nemici che il Signore manderà contro di te in mezzo alla fame, alla sete, alla nudità e nella privazione di ogni cosa; Secondo libro di Samuele (17, 28) [28]portarono letti, anfore, utensili di terracotta, frumento, orzo, farina, grano abbrustolito, fave e lenticchie, [29]miele, burro, pecore e formaggio di vacca a Davide e alla gente che era con lui, perché mangiassero. Infatti essi avevano detto: «Questa gente deve aver patito fame, stanchezza e sete nel deserto (24, 13): [13]Gad entrò da Davide e l’informò dicendogli: «Vuoi che vengano tre anni di fame nel tuo paese, o tre mesi di fuga davanti al tuo avversario che ti insegue o tre giorni di peste nel tuo paese?Secondo libro dei Re (8, 1) 1]Eliseo disse alla donna a cui aveva risuscitato il figlio: «Alzati e parti con la tua famiglia e va’ ad abitare dove credi meglio, perché il Signore ha chiamato la fame, che durerà nel paese per sette anni»; Giobbe (5, 20) [20]In tempo di fame ti scamperà dalla morte…

[10] Cohen (1908) mostra come, nella mentalità generale e giuridica in particolare, il principio dell’esclusione dello straniero dalla proprietà dei terreni della nazione sia rimasto a lungo in Occidente. Così nella Gran Bretagna moderna, fino alla promulgazione del Naturalisation Act del 1870, agli stranieri era vietato affittare o acquistare terreni britannici.

[11] Shakespeare usa il verbo to inheritereditare,  per indicare il possesso, sotto l’influsso probabile della versione inglese della Bibbia (Cohen 1934-35).

[12] La stessa narrazione si trova in 2 Cronache (1, 11).

[13] Altre citazioni interessanti si trovano: 2 Cronache (18,1), (32, 27); Proverbi (3, 16), (8, 18); Ecclesiaste (Qohèlet) (6, 2).

 

[14] Le decime avevano un significato religioso e un valore celebrativo: Deuteronomio (14, 22-26) [22]Prenderai la decima di ogni prodotto della tua semente che il campo produce ogni anno. [23]Mangerai al cospetto del Signore tuo Dio, nel luogo che egli avrà scelto come sede del suo nome, la decima del tuo frumento, del tuo mosto, del tuo olio, i primogeniti del tuo bestiame grosso e minuto, perché tu impari a temere sempre il Signore tuo Dio. […] Mangerai davanti al Signore tuo Dio e ti rallegrerai tu e la tua famiglia.

[15] Si vedano anche: Numeri (33, 54) (34, 13) (36, 2) (Giosuè 14, 2). I più volte citati Jenni e Westermann, sostengono che l’assegnazione veniva risorteggiata ogni sette anni.

[16] Cholewinski 1984, p. 165.

[17] Cholewinski (1984, p. 171) annota anche l’interpretazione secondo la quale il giubileo, con la sua lunga periodizzazione (49/50 anni), sia una norma tagliata sulle esigenze di ripristino delle proprietà di un popolo che prevede di uscire dall’esilio.

[18] Si veda anche : Esodo (22, 24) [24]Se tu presti denaro a qualcuno del mio popolo, al povero che è con te, non ti comporterai con lui da usuraio: non gli imporrete alcun interesse; Levitico (25, 35-38) [35]Se il tuo fratello si trova in difficoltà ed è inadempiente con te, aiutalo: egli vivrà con te come ospite e forestiero. [36]Non prenderai da lui denaro per interesse o profitto, ma temi il tuo Dio e fa’ vivere il tuo fratello presso di te. [37]Non gli presterai il tuo denaro per ricavarne interesse, né gli darai il tuo cibo a usura. [38]Io sono il Signore Dio vostro, che vi ho fatto uscire dalla terra d’Egitto, per darvi la terra di Canaan, per essere il vostro Dio.

[19] Oltre a neshèk si può trovare: tarbìt.

[20] Si veda, oltre al già considerato Neemia (5, 6-13) anche: Deuteronomio (23, 20); Levitico (25, 36-38); Proverbi (28, 8); Ezechiele (18, 13)  (18, 17) e (22, 12); Abacuc (2, 6-8).

[21] In effetti il termine kasaph, come tale, non esiste nella Bibbia: si trovano solo alcune forme coniugate che derivano da questa radice. In Giobbe (14, 15) e nel Salmo (17, 12) si trova una terza persona maschile che si traduce: desiderò. Un’altra occorrenza si può trovare in Sofonia. Nel significato di languire per desiderio si trova in Genesi (31, 30)  riferito a Giacobbe [30]Certo, tu te ne sei andato perché avevi una grande nostalgia della casa di tuo padre…

[22] Questa parola, esistente solo nel Nuovo Testamento, richiama il termine aramaico, mamon, in greco: mamonas, derivata dalla radice aman, la stessa di amen e indica il denaro, ricchezza, ma nel senso di ricchezza ingiusta, guadagnata con mezzi illeciti.

Collettivismo, proprietà e fraternità (I)

Collettivismo, proprietà e fraternità (I)

Luigi Ferrari

  1. Dichiarazioni di intenti

Ricevo un cortese invito dal gruppo di studiosi, formato da Daniele Burgio, Massimo Leoni e Roberto Sidoli e altri, ad occuparmi, dal mio punto di vista, della loro teoria dell’”effetto sdoppiamento”, da loro elaborata in una successione di scritti.

Ho già avuto modo di esprimere verbalmente la mia consonanza con molte di quelle tesi, non mi è dunque difficile accettare l’incitamento a portare un mio contributo.

L’effetto sdoppiamento, in somma sintesi, riguarda la biforcazione che si è verificata già in epoche molto antiche tra popolazioni che hanno diviso, al loro interno, i surplus della produzione (essenzialmente agro-pastorale) sulla base di rapporti di produzione collettivistici, cioè egualitari e solidali e popolazioni che hanno percorso la via classista, fondata sul privilegio e sulla disuguaglianza.

Nella mia riflessione, soprattutto sulla nascita dell’individualismo borghese (Ferrari 2016), ho ripetutamente mostrato il parallelismo tra i quadri mentali individualistici e lo sviluppo del modo di produzione borghese. In quel contesto, ho contrapposto la struttura del modo di produzione agrario tradizionale signorile-feudale al capitalismo, segnalando la sopravvivenza di forme economiche e rapporti di produzione collettivistici precapitalistici anche ben addentro l’era dell’egemonia borghese (e perfino oggi). Il mio intento di allora era dimostrare che “la mente” attuale, pur nell’era dell’egemonia individualistica, non può essere capita senza coglierne la natura incoerente e composita di individualismo/collettivismo, in stretta correlazione al conflitto tra classismo e collettivismo, che ha percorso tutta la nostra storia. La mia tesi è che il nostro passato occidentale per secoli ha mantenuto ampie strutture produttive, modi di appropriarsi dei surplus e un universo normativo (giuridico, etico e teologico) collettivisti/comunistici, pur in una società medioevale gerarchica a dominanza classista. Credo di condividere questo modello di spiegazione dialettico con Burgio, Leoni e Sidoli, almeno là dove Sidoli afferma:

 

“… l’effetto sdoppiamento e la tendenza socioproduttiva e politico-sociale “rossa”, collettivistica […] non cessarono di esercitare la loro influenza sul processo storico su scala planetaria […] sebbene in Eurasia dopo il 2000 a.C. l’egemonia politica ed economica sia stata detenuta quasi sempre dalla “linea nera”, ossia dall’esito classista, patriarcale e militarista […] in questi ultimi sei millenni la tendenza socioproduttiva collettivistica è riapparsa carsicamente [mia sottolineatura] nel processo socioproduttivo del genere umano …” (Galli et al. 2019, pp. 33-34).

 

Dunque il mio intento è, qui e ora, approfondire questa contraddittoria e conflittuale mescolanza di forme economiche opposte, tenendo conto dell’”anello” di dipendenze circolari tra modi di produzione e ideologie/mentalità, per cui i primi scolpiscono la soggettività umana che, a sua volta, retroagisce sui modi di produzione rafforzandoli conservativamente o demolendoli attraverso vari tipi di rivoluzioni. Più precisamente, nello spirito del lavoro di Burgio, Leoni e Sidoli, mi soffermerò, prima di tutto, sul collettivismo contraddittorio della società ebraica antica, che ha modellato la nostra tradizione ebraico-cristiana, col fine di mostrare, in una seconda parte, implicazioni e sviluppi moderni.

Aggiungo che Burgio, Leoni e Sidoli – mi pare – vogliano anche far progredire o, quantomeno, approfondire il contributo di Marx ed Engels. Essi, infatti, alla luce delle recenti acquisizioni storico-archeologiche, pongono al centro il superamento della visione della nascita delle attuali classi come un passaggio totalizzante, che non ha lasciato più spazio alcuno alle varie forme dei rapporti di produzione comunistici originari. Gli studiosi hanno cioè voluto “correggere” Marx ed Engels (o piuttosto la loro vulgata), affermando come i due modelli: quello collettivistico e quello classista siano stati, in realtà, compresenti e in conflitto ben oltre l’era antica.

Burgio, Leoni e Sidoli si sono anche chiesti se questa “correzione” finisca per essere in antitesi col marxismo. In merito, il collega Giorgio Galli ha espresso parere negativo, vedendo una coerenza superiore.

Concordo pienamente.

Ma aggiungo che potrei anche essere in grave dissenso se questa verifica, per così dire, di ”ortodossia” nasconda, in realtà, una visione statica del pensiero di Marx ed Engels, da accettare o rifiutare in blocco. Credo che questa impostazione, che cela malamente un’angoscia di difesa, ci riporti alla sterilità della Guerra Fredda, vinta dagli antagonisti del marxismo anche perché essi hanno messo in quarantena questo pensiero, riuscendo a stringerlo in una difesa astiosa e senza sviluppo. Il marxismo oggi è in affanno (pur essendo globalmente in ripresa) per la soffocazione generata dal lunghissimo scontro tra i blocchi. La Guerra Fredda ha raggelato quel piano di sviluppo delle ricerche scientifiche sull’uomo e la società, che Marx ed Engels avevano intrapreso come motore propulsore del socialismo scientifico. Non credo che Burgio, Leoni e Sidoli – come del resto essi stessi dichiarano – si preoccupino di fare una difesa miope di Marx, nel senso di ribattere colpo ideologico su colpo ideologico. Ho bensì l’impressione di vedere in loro la volontà di portare avanti il programma di ricerca, che è stato uno dei più importanti di Marx scienziato; il quale – ricordiamo – diceva di sé: “io non sono marxista!” proprio per indicare la sua esecrazione per ogni forma di “imbalsamazione” e santificazione del sapere.

Ma, in ogni caso e lo ripeto, il contrasto con Marx qui non si dà.

 

  1. Marx ed Engels studiosi del collettivismo originario

Si deve preliminarmente sgombrare il campo da un equivoco. È noto che il centro del lavoro scientifico di Marx è la comprensione del capitalismo, ma ciò non deve affatto far ignorare il grande interesse del pensatore per le forme economiche collettivistiche precapitalistiche.

Nel 1842 nel poco noto scritto “Dibattiti sulla legge contro i furti di legna” Marx si misura col millenario diritto consuetudinario di libero utilizzo dei beni comuni (diritto di legnatico, cioè di raccolta libera della legna secca, caduta al suolo: elemosina della natura, secondo Marx) e con il forte sforzo di trasformarlo in un reato grave che ledeva i proprietari dei boschi. In questo lavoro, comparso sulla Gazzetta renana, Marx si misura con l’ancor viva sopravvivenza di forme economiche collettivistiche precapitalistiche e con l’interesse della classe proprietaria alla loro completa soppressione. Marx, in quell’epoca, era “… ancora permeato di hegelismo” e “riteneva che lo stato avesse il dovere di garantire il diritto in sé e non gli interessi privati.” (Cornu 1955, p. 401), ma la questione gli aveva svelato un conflitto profondo tra due sistemi di rapporti di produzione (e di pensiero/mentalità) che nessuno stato era in grado di comporre, se non – come puntualmente succedeva – schierandosi e ponendosi al servizio della classe dominante. Più tardi, così si esprime Marx in una lettera a Engels, assolutamente centrale per la comprensione dell’epistemologia marxiana:

 

Accade nella storia dell’umanità quel che accade nella paleontologia. Cose evidenti non sono esaminate per una certain judicial blindness [ndr. cecità dovuta a stereotipi e pregiudizi] neanche alle menti più notevoli. Più tardi, venuto il momento, ci si stupisce che le cose non viste manifestino ancora dappertutto le loro tracce. La prima reazione alla Rivoluzione francese e l’illuminismo ad essa connesso era naturale: vedere tutto medioevale, romantico; e persino gente come Grimm non ne va esente. La seconda reazione è – e corrisponde alla tendenza socialista benché questi eruditi non abbiano idea di esservi legati – di gettare lo sguardo, al di là del Medioevo, sul primo evo di ogni popolo. Allora sono sorpresi di trovare nelle cose più antiche le cose più recenti, di trovarvi persino egalitarians to a degree che farebbe inorridire Proudhon.

Quanto siamo presi noi tutti da questa judicial blindness! Perfino nella mia regione, sullo Hunsrücken l’antico sistema tedesco è perdurato fino a questi ultimi anni. Ricordo che mio padre me ne parlava nella sua qualità di avvocato.” (lettera di Marx a Engels del 25 marzo 1868, sta in. Togliatti P. et al., 1951, vol. V, p. 165)

 

Marx, nell’articolo del 1842, pur con forti intonazioni anti-proprietarie[1] mostra ancora una forma di  judicial blindness, cioè di perplessità derivata dai lati tuttora irrisolti del suo hegelismo, i quali ancora lo attardavano a cercare nello stato un’impossibile sintesi profonda (qui è il punto!) non solo tra interessi particolari contrapposti, ma tra interi modi di produzione. Per tutta la vita successiva, Marx, anche se a fasi alterne, cercherà, con le conoscenze storico-antropologiche del tempo, di non cadere nella judicial blindness per evitare di liquidare l’immenso (non uso a caso questo termine) patrimonio del collettivismo storico arcaico.

Dunque nel 1842, in Germania, esistevano ancora vaste sopravvivenze collettivistiche medioevali, ma l’impresa capitalistica stava velocemente ricostruendo tutto il panorama sociale e mentale, ponendo in modo martellante la questione dei rapporti tra gli esseri umani. Marx aveva capito che il passato, davanti ai vasti orrori della prima industrializzazione e della ristrutturazione dell’agricoltura, si andava caricando di una sempre maggiore attrattività nostalgica. Dunque nel Manifesto del partito comunista, senza equivoci, sbarra la strada al recupero – si badi bene: reazionario e nostalgico – del collettivismo precedente; ma la questione rimaneva aperta perché il collettivismo storico profondo, rimaneva, come appena detto, una risorsa e, in ogni caso, rappresentava un roccioso riferimento nella mente occidentale, col quale si dovevano fare obbligatoriamente i conti.

In più, Marx ha l’esigenza, per così dire opposta, di sbarrare la strada anche alla perdita della memoria di altri modi di produzione possibili, che era diventata l’ideologia ufficiale della nascente scienza sociale ed economica borghese. Del resto, è noto che – di lì a poco – l’affermazione dell’economia neoclassica borghese si è accompagnata, essendone anzi fondata, a un’ideologia scientifica (o meglio scientista) di una naturalità dell’essere umano, per cui l’economia più avanzata era spiegabile così come quella dell’uomo della pietra, con le stesse leggi. Beninteso, pure leggi di scambio, in cui le classi, per i neoclassici, non hanno nessuna rappresentanza.

Secondo Hobsbawm (1964) Marx si interessò della storia delle società pre-capitalistiche in due fasi distinte della sua vita:

  1. il decennio 1850-60 con, tra l’altro, l’importante e centrale contributo dei quaderni IV e V nei Grundrisse;
  2. il decennio 1870-80 con una crescita di interesse per l’evoluzione storica della servitù della gleba.

Proprio nei Grundrisse troviamo un passaggio illuminante della centralità delle forme economiche pre-capitalistiche per i contemporanei, che ben illustra la doppiezza della questione delle forme collettivistiche antiche. Vale la pena leggere qualche passo.

 

Presso gli antichi non troviamo mai un’indagine su quale forma della proprietà fondiaria eccetera sia la più produttiva, crei la massima ricchezza. La ricchezza non si presenta come scopo della produzione, sebbene Catone possa benissimo chiedersi quale coltivazione dei campi sia la più redditizia, oppure Bruto possa addirittura prestare il suo denaro all’interesse più alto. L’indagine è sempre volta a stabilire quale modo della proprietà crei i migliori cittadini. La ricchezza appare come fine a se stessa solo presso i pochi popoli dediti al commercio – che monopolizzano il mestiere dei trasporti – che vivono nei pori del mondo antico come gli ebrei nella società medievale […] Perciò l’antica concezione secondo cui l’uomo, quale che sia la sua limitata determinazione nazionale, religiosa, politica, è sempre lo scopo della produzione, sembra molto elevata rispetto al mondo moderno, cui la produzione si presenta come scopo dell’uomo e la ricchezza come scopo della produzione. […]”

 

Conclude Marx:

 

Perciò da un lato l’infantile modo antico si presenta come il momento più elevato. Dall’altro esso lo è effettivamente  [mie sottolineature] ogni qual volta si cerca una forma compiuta e una delimitazione data. Esso è soddisfazione da un punto di vista limitato; mentre il mondo moderno lascia insoddisfatti, o, dove esso appare soddisfatto di sé, è volgare.” (Marx 1939, pp. 466-467)

 

In sostanza, qui Marx esprime sia la centralità del senso umano dell’attività economica, tenuto ben presente nell’antichità e che deve essere positivamente recuperato. Al contempo, però, Marx rimarca anche la forte e sinistra fascinazione che i sistemi economici precapitalistici possono avere sull’uomo contemporaneo, soprattutto nel loro lato collettivistico. In definitiva, dobbiamo, infatti, riconoscere che tutte le forme ideologiche più aggressivamente reazionarie hanno, in qualche modo, cercato di recuperare tratti (certo, quelli più deteriori) del collettivismo gerarchico antico[2].

Marx tornò sulla proprietà comune nella sua Per la critica dell’economia politica sottolineando come non potesse essere considerata solo una peculiarità russo-slava, ma riguardasse in pratica la storia umana nel suo complesso (1859, pp. 13n-14n). Il tema del furto dei beni demaniali e, in generale, della proprietà comune venne poi ripreso nel primo libro de Il capitale (1867; capitolo 24), definito da Marx il seguito  di Per la critica dell’economia politica.

Hobsbawm (1964) si diffonde nel mostrare l’elaborazione concettuale sulle forme economico-sociali precapitalistiche di Marx ed Engels, col ricorso alle fonti rappresentate da Hegel, gli economisti classici, Maurer, nonché Morgan e Kovalevskij.

Sappiamo anche degli interessi di Marx per le vicende algerine (si veda Galli et al. 2019 e anche Musto 2018, pp. 176 e succ.), ma non dobbiamo dimenticare anche gli approfondimenti di Engels che ispirarono Marx. Engels si applicò allo studio della arcaica coltivazione in comune e della storia dello sviluppo della proprietà fondiaria in Germania, anche in considerazione del fatto che, come egli stesso afferma, “… era necessario conquistare gli operai agricoli e i contadini” agli ideali del partito socialista tedesco (Engels 1952, p. 157; Engels scrive il saggio “La marca” intorno al 1882).

Purtroppo, per evidenti motivi di spazio, non possiamo riprendere questa importante letteratura. Concludiamo con quello che si può considerare il culmine di questa riflessione di lungo periodo, quanto meno perché viene redatto pochi anni prima della scomparsa del pensatore tedesco (Marx muore il 14 marzo 1883)

Viene molto citato lo scambio epistolare tra Vera Zasulich e Marx nel 1881 e su di esso vale la pena soffermarsi.

In sostanza la Zasulich, passata alla militanza marxista, chiedeva a Marx se la comune russa (mir) fosse destinata, o no, a perire con l’avanzata del capitalismo in Russia e quanti secoli sarebbero stati eventualmente necessari ai russi per raggiungere il livello dei paesi occidentali. Alla base del quesito c’era una questione interpretativa del modello esplicativo de Il capitale. Si trattava cioè di comprendere se i sistemi socio-economici fossero destinati a succedersi in sequenza, secondo un ordinamento ferreo: prima i vari modi di produzione pre-capitalistici, poi il sistema signorile-feudale (che includeva formazioni collettiviste come il mir), poi ancora il capitalismo e, infine, il socialismo-comunismo.

Marx fu tratto in grave imbarazzo dalla richiesta di chiarimenti. Ci sono arrivate ben quattro minute prima della versione finale della risposta alla Zasulich. La risposta fu tardiva; tra l’altro, Marx curiosamente si scusò del ritardo parlando di problemi nervosi ricorrenti acuitisi in quelle settimane.  L’imbarazzo e i freni psicologici a rispondere sono chiari e comprensibili, soprattutto a partire dai quesiti della Zasulic, che furono posti a Marx in modo drammatico. Il nocciolo della questione era, sul piano pratico, se le avanguardie russe, prima di costruire la società socialista, dovessero succedersi inerti poiché la società russa non era ancora passata attraverso l’era del capitalismo. Marx evidentemente non voleva dare l’impressione che i militanti marxisti russi fossero destinati per intere generazioni a non vedere nemmeno la possibilità di una rivoluzione. C’era un vasto e via via più interessante potenziale attuale di trasformazione nella società russa, certo carente di lucida capacità analitica, ma che richiedeva un grande rispetto e, per questo, giustificava forme di prudente doppiezza teorica, già esercitata in altri contesti. In più e al contempo, la sopravvivenza su tale scala di strutture collettivistiche non poteva certo essere liquidata con poche battute e con qualche distratto schema teorico. In tutta l’elaborazione della risposta riscontriamo un tentativo molto partecipato di pensare al mir come a una sopravvivenza peculiare, recuperabile alla fase del socialismo/comunismo, facendo tesoro dei progressi delle forze produttive occidentali, ma senza doverne assumere i rapporti di produzione capitalistici. La risposta finale fu, tuttavia, del tutto interlocutoria: ne Il capitale – dice Marx – mancano argomenti decisivi a favore o contro la comune Russa. Tuttavia, egli non chiude la porta a quest’ultima possibilità. La subordina, però, al contesto internazionale e alla forza del capitalismo di deviare o, all’opposto, di rafforzare la trasformazione socialista in Russia.

Com’è noto, questa risposta ha lasciato insoddisfatti molti commentatori (poteva essere altrimenti?),  ne sono conseguite diverse interpretazioni pro o contro la tesi del recupero del mir.

Sono convinto, forse in disaccordo con Burgio, Leoni e Sidoli (ma la questione va approfondita), che Marx non vedesse molto ottimisticamente il futuro progressivo del mir per almeno tre distinte ragioni che esporrò in ordine di importanza crescente.

  • Marx, in realtà, in quegli anni ha un’idea più precisa, almeno rispetto alla risposta sibillina alla Zasulich. Mi riferisco, in primo luogo alla lettera di Marx alla redazione della rivista russa Otiecestvennye Zapiski del novembre 1877 (Marx K. e Engels F. (1971), pp. 155-158.). Il tema è, appunto, il mir dal punto di vista, più o meno, della lettera della Zasulich. Scrive un Marx che non vuole essere frainteso: “Sono arrivato a questo risultato: se la Russia continua a camminare sul sentiero percorso dopo il 1861, essa perderà la più bella possibilità che la storia abbia mai offerto a un popolo, e subirà tutte le fatali peripezie del regime capitalista.”. Marx è convinto che non esista nessuno schema teorico rigido[3], ma è consapevole che la Russia sia ormai molto avanti nella sua trasformazione capitalistica e che quindi non possa essere più considerata un’avanguardia vera e propria del processo rivoluzionario a partire dal mir. Questa argomentazione trova come suo complemento la prefazione all’edizione del Manifesto del 1882: “La sola risposta [ndr. al quesito sul potenziale rivoluzionario del mir] oggi possibile è questa: se la rivoluzione russa servirà di segnale a una rivoluzione operaia in Occidente, in modo che entrambe si completino, allora l’odierna proprietà comune russa potrà servire di punto di partenza per un’evoluzione comunista.” [Marx e Engels 1882, p. ]
  • Marx aveva l’acuta percezione – dopo numerose “false partenze” rivoluzionarie (il ’48, la Comune di Parigi, ecc.) – dell’impossibilità di accorciare i tempi di una trasformazione sostanziale e definitiva della società, compresi gli aspetti mentali, condizione questa ineludibile per una rivoluzione veramente compiuta. Già nel 1853 Engels, che sarà più ottimista di Marx, affermava … “Io ho quasi il presentimento che un bel giorno il nostro partito, grazie alla incertezza e alla fiacchezza di tutti gli altri partiti, dovrà assumere per forza il governo. Engels paventa una situazione in cui si debbano fare in tempi prematuri … “esperimenti e salti comunistici” e conclude: “E allora si perderà la testa, speriamo solo physiquement parlant, subentrerà una reazione e, fino al momento in cui il mondo sarà in grado di formulare su tutto quanto un giudizio storico, non solo si passerà per belve, cosa che sarebbe del tutto indifferente, ma anche solo per bête, e questo è molto peggio” (lettera a Weydemeyer del 12 aprile 1853 in Marx e Engels 1950, 616) . Come Hobsbawm (1978) sottolinea, dopo la crisi capitalistica mondiale del 1857, Marx ed Engels smisero di ritenere imminente una rivoluzione davvero vittoriosa, nonostante un ottimismo di fondo, soprattutto di Engels. Mi pare che non esistano prove o solo indizi storici che ci sia stato un cambiamento di opinione, meditato e soprattutto basato su dati di fatto, per la Russia degli anni ’80, per quanto essa fosse piena di fermenti interessanti. È più probabile che Marx (ed Engels) vedesse nel destino della Russia un passaggio nel capitalismo, troppo poco contrastato da forze rivoluzionarie “immature” e forse fosse convinto di una fine del mir ben prima che una forza rivoluzionaria, giunta finalmente a maturazione, lo potesse proporre come modello.
  • Al di là dell’analisi di dettaglio delle singole opere o della corrispondenza (sempre opinabili), è l’impianto generale della riflessione matura di Marx a parlare senza equivoci. Egli mantenne sempre un ordine sistematico di priorità nel suo impegno analitico e dunque nei suoi scritti, speculare alla centralità percepita delle grandi forze della storia. Il capitalismo aveva già completamente rivoltato il genere umano e la sua vita associata e moltissimi altri cambiamenti sarebbero seguiti. Marx aveva compreso a fondo il destino egemonico del capitalismo e ne Il capitale non parla tanto della realtà a lui contemporanea, piena di porosità e sopravvivenze medioevali/antiche, come gli aveva fatto notare il padre. Un vero coacervo di “imperfezioni” capitalistiche, come si capisce! L’alto livello di astrazione dell’opera matura è esattamente la conseguenza della messa tra parentesi delle forme pre-capitalistiche, allora sì sovrabbondanti, ma recessive e destinate all’estinzione. Il capitale è, però, un’opera oltremodo concreta se rapportata all’oggi e dunque solo oggi essa è realmente comprensibile, anzi tutto perché solo ora è del tutto aderente ai fatti come si manifestano nella società. Questo inveramento differito (Ferrari 2019) non lascia molto spazio al collettivismo arcaico anacronistico, ma, assai più che ai tempi di Marx, pone al centro dei nostri destini il collettivismo, senza ulteriori specificazioni. Da ciò anche la scelta di concentrare i suoi sforzi di comprensione sul capitalismo.

Si può allora concludere che i temi della biforcazione sono secondari? Direi proprio di no.

Lo stesso Marx del 1881, nonostante tutte le sue prodigiose intuizioni sul futuro egemonico del capitalismo, rimase profondamente dubbioso sul peso da assegnare alle forme economiche collettiviste precapitalistiche, proprio perché sapeva che un loro certo ruolo sarebbe stato inevitabile. Non si tratta solo, come si è detto, di rammentare la storicità dei modi di produzioni, contro l’idea sbagliata dell’ineluttabile naturalità dello stato attuale delle cose. Il problema è che gran parte della nostra mentalità – molto più di quanto si sia disposti a credere – origina da quel collettivismo che tuttora, in forme trasfigurate, influenza profondamente ogni critica del capitalismo contemporaneo. Inoltre, il passato ha comunque qualcosa da insegnare nella costruzione positiva del collettivismo moderno.

Per questo motivo, si deve tornare criticamente ai temi sui quali hanno lavorato Burgio, Leoni e Sidoli. Non ripeterò la massa di osservazioni di questi studiosi; cercherò, piuttosto, di approfondire aspetti, da loro lasciati in ombra, a partire dalla nostra tradizione ebraico-cristiana con il fine di fare ulteriore chiarezza sul tema.

 

  1. L’inizio: il collettivismo biblico

La nostra tradizione ebraico-cristiana, nella quale è maturato il collettivismo socio-produttivo e mentale occidentale (almeno fino al socialismo scientifico), nasce, con tutta evidenza, dalla storia profonda dei popoli che hanno dato origine alla nazione di Israele (o etnia israelita, intesa – secondo la narrazione della tradizione – come discendenza da Giacobbe). Per la sua enorme rilevanza religiosa, questa storia è stata oggetto di attenzioni per millenni, ma, al contempo, ha subito tutte le distorsioni, i tabù e le idiosincrasie di un tema, insieme, scientifico e di fede[4]. Finkelstein e Silberman (2001), due storici e archeologi israeliani, ai quali prevalentemente ci ispireremo in questa parte, osservano che ci sono voluti molti secoli perché si separasse l’approccio religioso da quello storico nello studio della storia di Israele, a partire dalla fonte storica privilegiata: la Bibbia.

Facendo un passo indietro, dal XVII secolo, probabilmente proprio per un rinnovato fervore religioso, gli studi storici e linguistici della Bibbia sono diventati più rigorosi e più precisi di quanto fossero in precedenza, quando l’Antico Testamento era ritenuto, appunto per fede, un testo da leggersi “immediatamente” come storico. Ne seguì l’evidenza di una serie di sconcertanti incongruenze che hanno cominciato a sollevare dubbi sull’affidabilità storica della narrazione biblica se priva della mediazione di interpretazioni e senza la tolleranza per approssimazioni e imprecisioni. Molto più tardi e in anni recenti, si è sviluppato un forte interesse archeologico per la storia antica di Israele. Anche qui c’è stato un passaggio di mentalità di formidabile importanza. Gli archeologi, in un primo tempo, erano partiti dallo studio della Bibbia per cercare, negli scavi, conferme o smentite religiose. Scriveva l’archeologo biblico (domenicano) De Vaux: “Se la fede storica di Israele non è fondata sulla storia, tale fede è erronea, e pertanto lo è anche la nostra fede” (Finkelstein e Silberman 2001, p. 48). Il risultato è stato un sconcertante affastellarsi di dubbi e smentite. Solo in anni recentissimi l’archeologia biblica si è affrancata da questa super centralità della Bibbia e si è passati a studiare la storia antica di Israele come quella di qualsiasi altro popolo. Entro questa prassi rinnovata, la Bibbia è stata trattata come una fonte storica articolata e complessa, certo del tutto centrale, ma da affiancare alle altre e, semmai, da comprendere sul piano storico nelle sue distorsioni, silenzi e iperboli narrative.

La separazione di fede e scienza è stata forse meno traumatica di quanto per secoli si è paventato e oggi ci consente comunque di guardare alla storia profonda di tutta l’area del Medio-Oriente (dunque non solo di Israele) con più chiarezza.

È ora pressante una precisazione preliminare: è impensabile, in questa sede, uno studio storico anche minimamente esauriente; l’obiettivo può essere solo la focalizzazione su alcuni temi che hanno rilevanza per il nostro intento centrale. Anche così, però, è necessario (lo si vedrà bene nel seguito) un telegrafico cenno al senso teologico del complesso delle Scritture e dunque della nostra tradizione ebraico-cristiana.

 

3.1 Il quadro teologico

Se vogliamo cercare di capire gli effetti di sdoppiamento nella società ebraica antica e poi nell’Occidente, bisogna partire, come hanno fatto, Sidoli, Leoni e Burgio (2012) dalle Scritture, che, però, – è ovvio, ma non dobbiamo mai dimenticarlo – sono prioritariamente testi religiosi che, in quanto tali, devono dare un senso complessivo, cioè un quadro teologico esplicativo di riferimento dello stare nel mondo degli uomini. Cogliere questo quadro significa evitare errori interpretativi della narrazione propriamente storica complessiva, della quale, per altro, è ricchissima la Bibbia.

Per affrontare il nostro compito utilizzerò lo schema (riadattato) di spiegazione circolare, descritto nel primo capitolo del mio volume: L’ascesa dell’individualismo economico (2016, p. 56). Nello schema, la storia materiale (con i vincoli delle forze produttive di lungo periodo) scolpisce l’assetto mentale delle popolazioni, che, a sua volta, modella la storia sociale, istituzionale e teologica, la quale retroagisce sulla struttura mentale, che, infine, riproduce o innova le forze produttive. Il cerchio così si chiude: si è partiti dalle forze produttive e ad esse si ritorna. Nello schema, però, è legittimo partire da ogni altro punto/livello del “cerchio”, poiché ogni punto della spiegazione circolare è, al contempo, effetto del punto/livello precedente e causa del successivo. In termini marxiani: struttura e sovrastruttura sono un tutt’uno, un insieme organico di interdipendenze circolari.

Poiché le Sacre Scritture per millenni sono state una ricapitolazione unificata di tutti i quadri mentali occidentali e dunque sono la fonte centrale (sebbene certo non unica) della nostra ricostruzione, iniziamo il percorso esplicativo circolare dal livello teologico.

In estrema ed eroica sintesi, la storia teologica della nazione di Israele in primis e poi – nel cristianesimo – dell’intera umanità è la storia di un mancato riconoscimento pieno e fedele di Dio da parte dell’uomo. I popoli ebraici di Israele e Giuda (i due stati della Palestina che, per secoli, hanno composto quella che potremmo definire la “grande Israele”) lungo tutta la loro storia, secondo la Bibbia, sono sempre periodicamente rovinati nell’idolatria. La Rivelazione e il Patto non hanno, infatti, mai evitato del tutto la frana teologica e morale nei culti, e nei costumi degenerati dei popoli idolatri circostanti, considerati da Dio ormai del tutto perduti. Veicolo fondamentale (ma non unico) di questa deviazione dal cammino di perfezione è stata, secondo la Bibbia, la mescolanza etnica. Dio ha punito l’idolatria e il sincretismo religioso, con tutte le altre colpe, con flagelli che hanno colpito il popolo eletto (guerre civili, invasioni e scorrerie sanguinarie di egizi, assiri, babilonesi …):

 

(Deuteronomio 4, 24) “[24]Infatti il Signore tuo Dio è un fuoco divoratore, è un Dio geloso”.

 

Per la tradizione ebraica, Dio ha cessato di parlare a Israele con gli ultimi profeti. Da quel momento, il popolo eletto ha dovuto fare a meno dell’intervento, punitivo o salvifico, diretto di Dio nella storia, annunciato/spiegato dai profeti. Per questo “silenzio”, Israele ha dovuto accettare la sfida di rafforzarsi e di raggiugere autonomamente l’elevatezza agognata[5].

Non si deve mai dimenticare che l’ebraismo e il cristianesimo si fondano su una teologia, per così dire, del perfezionamento/santificazione dell’uomo nella storia.

Tuttavia, nella tradizione cristiana, Dio, contrariamente all’ebraismo, è sceso nel mondo per rivelarsi direttamente all’umanità e non più solo con la mediazione dei profeti o di personaggi eccezionali, come Mosè.

Ma anche la venuta di Cristo, non solo non ha prodotto un riconoscimento universale, ma, addirittura ha avuto come esito – che io sappia, caso unico nella storia delle religioni – l’assassinio di Dio sia da parte del popolo eletto sia da parte di tutta quanta l’umanità, rappresentata simbolicamente dal potere imperiale romano. La croce e la resurrezione di Cristo sono state interpretate sia come un tremendo monito all’uomo sul suo infinito potenziale distruttivo/autodistruttivo sia come l’indicazione di un percorso di salvezza che porta alla resurrezione. Il Dio del Nuovo Testamento non “sfida” l’uomo, come nell’ebraismo, ma offre un accompagnamento continuo attraverso il dono della grazia, assente nell’ebraismo.

Facciamo un passo ulteriore nel nostro modello esplicativo circolare.

La successiva storia mentale occidentale, ben dentro l’età moderna, è sempre stata caratterizzata dal sentimento e dal convincimento profondamente interiorizzati della caduta e della colpa, che significa indegnità e inettitudine senza recupero. Lo storico Delumeau (1983) descrive magistralmente la persistenza di questa convinzione profonda – vera prigione di lungo periodo nella quale è stata condannata l’umanità – e degli effetti che questa tetra teologia del peccato, retroagendo, ha avuto sui comportamenti, sulle istituzioni e sui rapporti di produzione occidentali (appunto in uno schema esplicativo circolare). Per i nostri temi, due sono stati gli esiti stabili di queste convinzioni profonde nella “mente occidentale”:

  1. la “nostalgia” per un’epoca di utopica pienezza nella quale gli esseri umani vivevano nell’uguaglianza fraterna e armonica, persa per sempre per indegnità quintessenziale;
  2. ma anche la cupa necessità di uno spietato dominio temporale per tenere a freno la nefasta durezza di cuore della massa degli uomini.

Una giustificazione della disuguaglianza, in varie ideologie aristocratiche occidentali, nate per legittimare il privilegio e lo sfruttamento, veniva riferita all’indegnità e all’inadeguatezza della massa degli esseri umani. Secondo questa ideologia, aristocrazia e nobiltà (ma poi, in fondo, ogni élite) erano l’eccellenza umana sulla terra, cui spettava l’esercizio di un implacabile dominio sulle masse, perlopiù incapaci di discernere il bene dal male. Allo stesso ceppo ideologico, vanno riferite tutte quelle convinzioni che ritenevano (e ritengono) impossibile una società ugualitaria, solidale, fraterna e collettivista, se non in contesti umani particolarissimi, come, per esempio, i conventi, dove erano radunate individualità già molto avanti sulla strada della santità[6].

Tra i tanti esempi, Delumeau cita l’opera seicentesca di Francisco de Quevedo: Hora de todos. In questa ora di verità, nella finzione letteraria dell’apologo di Quevedo, Giove e gli altri dei hanno concesso agli uomini di sovvertire l’ordine costituito: “… I ricchi, diventati umili e senza mezzi, si mostrano pentiti, ma coloro che prima erano poveri e che durante l’ora hanno ricevuto ricchezze e onori, ormai indulgono alla superbia e al vizio. Dunque, quale che sia il corso degli eventi, il mondo resta sempre a rovescio con una quantità costante di pazzia e di peccato.” (1983, p. 234).

 

3.2 L’inquadramento biblioco-storico del collettivismo ebraico

In questa ambientazione teologica generale, passiamo ora a considerare il contesto storico in cui sono nate le narrazioni della Bibbia, a partire dai recenti studi storico-archeologici e appoggiandoci soprattutto sui già citati Finkelstein e Silberman (2001).

Il primo nodo affrontato dagli storici studiosi dei popoli del testo biblico è la datazione dell’Antico Testamento. Da diversi indizi si colloca la redazione delle storie patriarcali intorno all’ottavo o settimo secolo a. C. (Finkelstein e Silberman 2001, p. 52): molto dopo il periodo che la Bibbia indica come l’epoca dei patriarchi. Un’ipotesi abbastanza condivisa tra gli studiosi è che il testo biblico sia la sintesi di diverse saghe e leggende di popolazioni ebraiche differenti, che ha preso forma di pari passo con la crescita di un’ideologia panisraelita, lievitata, a sua volta, con la crescita economica e politica del regno di Giuda. La Genesi (il primo  dei libri biblici), secondo Finkelstein e Silberman (p. 48), sarebbe “la preistoria” di tutta Israele, con al centro la legittimazione e la celebrazione religiosa del regno di Giuda.

Una prima incongruenza tra la Bibbia e le risultanze degli studi storici e archeologici è senz’altro rappresentata dalle modalità e dai tempi (età del bronzo secondo il testo biblico) dell’Esodo in Egitto. Non ci sono, infatti, indicazioni scritte in Egitto dell’esistenza di popolazioni israelitiche fino alla fine del XIII secolo. Di nuovo, da diversi indizi, la redazione finale dell’Esodo viene collocata dagli studiosi tra il settimo e il sesto secolo sulla base di racconti più antichi e sotto l’urgenza politica del crescente attrito del regno di Giuda con l’Egitto. Allo stesso modo, secondo Finkelstein e Silberman (p. 133), non si può parlare di una contrapposizione di Israele alla civiltà palestinese cananea preesistente, come di due popolazioni separate da sempre, secondo quanto leggiamo nella Bibbia; più probabilmente, si ebbe, invece, una “emersione” di Israele dall’interno di Canaan.

Un altro mito biblico pare sia l’unità di Israele (sotto il regno di Davide e dei successori) narrata dalla Bibbia e la successiva scissione nei regni di Israele e di Giuda durata solo duecento anni (circa). Nella realtà, le popolazioni ebraiche rimasero divise fin dalle origini per un tempo molto più lungo, probabilmente a causa della differenza di condizioni ambientali tra l’ecosistema della Palestina nord (regno di Israele con capitale Sichem) e del sud (regno di Giuda, capitale Gerusalemme). Israele (nel nord), più popolata, ebbe uno sviluppo maggiore, più centrato sul commercio con le aree confinanti, tanto che in essa iniziò prima una forma di stratificazione sociale; mentre Giuda, con una popolazione rarefatta, rimase più simile ad una società agropastorale primitiva, divisa in clan (Finkelstein e Silberman 2001, pp. 172-173). Storicamente, i due regni erano in conflitto/competizione tra loro. Non stupisce quindi che la Bibbia, scritta da redattori appartenenti al regno di Giuda, sia particolarmente dura con i re di Israele: Gereboamo, Omri e Acab; quest’ultimo viene descritto come particolarmente efferato agli occhi di Dio:

 

Primo Libro dei Re (16, 29-33) [29]Acab, figlio di Omri, divenne re d’Israele nell’anno trentottesimo di Asa, re di Giuda. Egli regnò su Israele in Samaria ventidue anni. [30]Acab, figlio di Omri, fece il male agli occhi del Signore più di tutti quelli che l’avevano preceduto. [31]Non gli bastò di imitare i peccati di Geroboamo, figlio di Nebat, ma si prese anche in moglie Gezabele, figlia di Et-Baal, re dei Sidoni, e si mise a servire Baal e ad adorarlo. [32]Innalzò un altare a Baal nel tempio di Baal, che egli aveva costruito in Samaria. [33]Acab eresse anche un palo sacro e con la sua condotta irritò il Signore, Dio d’Israele, più di tutti i re d’Israele che l’avevano preceduto”.

 

Dunque, la rivalità col regno di Giuda è, secondo Finkelstein e Silberman (2001, pp. 208-209 e 211), all’origine del pessimo trattamento biblico del regno di Israele. Secondo gli studiosi, i redattori di Giuda del testo biblico nel settimo secolo percepivano le robuste differenze culturali con quel regno del nord e con la sua dinastia degli Omridi. Ciò soprattutto per gli stretti rapporti di Israele (regno del nord) con gli altri popoli pagani, rafforzati anche da matrimoni misti. Per noi, è importante sottolineare sia l’atteggiamento biblico di rifiuto della commistione etnica in quanto – quasi automaticamente – commistione teologica sia, soprattutto, la condanna delle ingiustizie sociali aumentate in Israele con la moltiplicazione della ricchezza nel paese.

Non stupisce, allora, che i redattori della Bibbia abbiano rinvenuto un senso teologico negli eventi finali del regno di Israele. Interpretati come una serie di punizioni divine, la Bibbia narra prima di torbidi interni, di una guerra civile e poi dell’attacco degli Assiri (720 a.C.) al regno di Israele. Con la fine dell’ottavo secolo e la distruzione del regno di Israele, il regno di Giuda ebbe un notevole sviluppo, che vide la nascita di un movimento religioso rigorista, centrato sul recupero del culto esclusivo di Jahwe nel solo tempio di Gerusalemme. Ma, ben presto e di nuovo, si fecero largo culti estranei alla purezza religiosa, puntualmente puniti da Dio, secondo il testo biblico, col flagello di saccheggi e scorrerie:

 

Primo Libro dei Re (16, 21-26) [21]Roboamo, figlio di Salomone, regnò in Giuda. Egli aveva quarantun anni quando divenne re e regnò diciassette anni in Gerusalemme, città che il Signore aveva eletto fra tutte le tribù d’Israele per porvi il suo nome. Sua madre, che era ammonita, si chiamava Naama. [22]Giuda fece ciò che è male agli occhi del Signore: essi provocarono la sua gelosia più che non avessero fatto i loro padri con tutti i peccati che avevano commesso. [23]Anch’essi si costruirono alture, stele e pali sacri su tutti i colli elevati e sotto tutti gli alberi frondosi. [24]Nel paese ci furono persino i prostituti sacri. In una parola, essi commisero tutte le abominazioni dei popoli che il Signore aveva scacciato davanti ai figli d’Israele. [25]Nell’anno quinto del re Roboamo, Sisach, re d’Egitto, salì contro Gerusalemme. [26]Prese i tesori del tempio del Signore e quelli del palazzo reale, portò via ogni cosa, persino gli scudi d’oro fatti da Salomone.

 

Finkelstein e Silberman (p. 261) collocano in questo periodo il rinvigorimento della reazione contro tutte le forme di contaminazione con le religioni estranee, che poi erano “simbolo di una caotica diversità sociale”. Gli autori parlano di un “movimento per l’unicità di Jahwe” di rottura con la tradizione ebraica, che ebbe un ruolo crescente nel delineare la storiografia biblica. La redazione dei libri biblici dei Re e del Deuteronomio sarebbero l’espressione più diretta di questa corrente di nuova ortodossia. Dopo vicende alterne (compresa una nuova invasione assira), col regno di Giosia a Giuda, si ebbe la migliore espressione, secondo gli estensori della Bibbia, dell’ideale politico-sociale e soprattutto religioso dell’ebraismo:

 

Secondo Libro dei Re (23, 25) [25]Prima di Giosia non c’era stato un re simile a lui, che si fosse rivolto al Signore con tutto il suo cuore, con tutta la sua anima e con tutte le sue forze, secondo tutta la legge di Mosè; neppure dopo di lui ne sorse un altro simile.

 

Era successo che, secondo la narrazione biblica, era stato miracolosamente rinvenuto nel tempio di Gerusalemme un libro sacro di leggi a cui si era uniformato Giosia con una riforma religiosa nel senso rigorista che abbiamo appena visto.

 

Secondo Libro dei Re (22, 8-13) [8]Il sommo sacerdote Chelkia disse allo scriba Safan: «Nel tempio del Signore ho trovato il libro della legge». Chelkia diede il libro a Safan e questi lo lesse. [9]Allora lo scriba Safan andò dal re e gli riferì la cosa con queste parole: […][10][…] «Il sacerdote Chelkia mi ha dato un libro». Quindi Safan lo lesse alla presenza del re. [11]Udite le parole del libro della legge, il re si stracciò le vesti [12]e ordinò al sacerdote Chelkia, ad Achikam […]: [13]«Andate a consultare il Signore per me, per il popolo e per tutto Giuda intorno alle parole di questo libro che è stato trovato. Grande deve essere l’ira del Signore che si è accesa contro di noi, poiché i nostri padri non hanno ascoltato le parole di questo libro e non hanno agito in conformità a tutto quello che vi è scritto».

 

Si ritiene che il testo, non fosse altro che una prima versione del Deuteronomio. Il Deuteronomio dunque rappresenterebbe il testo base della riforma religiosa e sociale dell’epoca nella nazione ebraica unitaria ed è al centro della nostra argomentazione, in quanto è uno dei libri della Bibbia più chiari sui rapporti economico-sociali.

Dopo la grande speranza teologica e storica, dopo cioè questo ampio programma di riforme rigoriste che avrebbe dovuto riconciliare definitivamente Giuda con Dio, il disastro.

Nel 586 a.C. Gerusalemme e il Tempio vengono rasi al suolo dai babilonesi di Nabucodonosor. Inizia l’esilio. Il problema del senso storico-teologico di questa punizione divina ritorna prepotentemente e più cupamente nelle Scritture. Secondo i nostri Finkelstein e Silberman (pp. 318-19), la storia deuteronomica dovette essere riscritta dai successivi redattori della Bibbia (soprattutto ci furono rimaneggiamenti e aggiunte nel primo e nel secondo libro dei Re). A dispetto della virtù dei re come Giosia, Dio viene ora descritto come irato col popolo ebreo, per la sua fragilità etica e religiosa, della quale la distruzione di Gerusalemme era la punizione collettiva.

La sottomissione a Babilonia durò poco (relativamente), poiché quest’ultima cadde ad opera dei persiani di Ciro, il quale non fu ostile alla riedificazione di Gerusalemme e del Tempio. Lo stesso appoggio fu garantito dal suo successore: Dario. I personaggi  centrali di questa ricostruzione di quello che definito l’Israele del Secondo Tempio furono Esdra e Neemia, due riformatori, dei quali parlano gli omonimi libri della Bibbia. Ambedue si mossero nella direzione del Deuteronomio, accentuando rigore etnico e sociale.

 

Esdra (10, 2-5) [2]Allora Secania, figlio di Iechiel, dei figli di Elam, prese a dire a Esdra: «Abbiamo peccato contro il nostro Dio, sposando donne straniere, prese dalle popolazioni locali. Tuttavia rimane ancora una speranza per Israele! [3]Suvvia, stringiamo un patto con il nostro Dio: rimanderemo tutte le donne straniere e i figli nati da esse, secondo il consiglio del mio signore Esdra e di quanti tremano davanti al comando del nostro Dio. Si farà secondo la legge! [4]Alzati, perché questo compito spetta a te. Noi saremo con te. Fatti coraggio e mettiti all’opera!». [5]Allora Esdra si alzò e fece giurare ai capi dei sacerdoti, dei leviti e di tutto Israele che avrebbero agito in questa maniera. Essi giurarono.

 

Neemia (5, 1-13) [1]Si levò un gran lamento da parte della gente del popolo e delle loro mogli contro i Giudei, loro fratelli. [2]C’era chi diceva: «Noi, i nostri figli e le nostre figlie siamo numerosi: ci venga dunque dato del grano per mangiare e vivere!». [3]C’era chi diceva: «Noi siamo costretti a ipotecare i nostri campi, le nostre vigne e le nostre case per acquistare grano durante la carestia!». [4]Altri ancora dicevano: «Abbiamo preso denaro in prestito per pagare i tributi del re. [5]Eppure la nostra carne è come la carne dei nostri fratelli e i nostri figli sono come i loro figli! Ecco, noi dobbiamo vendere come schiavi i nostri figli e le nostre figlie! Alcune delle nostre figlie sono state già ridotte in schiavitù e noi non abbiamo più nessuna possibilità, perché i nostri campi e le nostre vigne appartengono ad altri».[6]Quando udii il loro lamento e queste parole, mi indignai fortemente. [7]Dopo aver deliberato dentro di me, ripresi duramente i notabili e i magistrati, dicendo loro: «Dunque voi esercitate l’usura, ciascuno verso il suo fratello?». Convocai allora una grande assemblea contro di loro [8]e dissi: «Secondo le nostre possibilità, noi abbiamo riscattato i nostri fratelli Giudei, che erano stati venduti agli stranieri. Voi invece vendete i vostri fratelli, perché noi li riscattiamo?». Essi tacquero, non trovando parole. [9]Io esclamai: «Non è bene ciò che state facendo! Non dovreste piuttosto camminare nel timore del nostro Dio, per non essere scherniti dagli stranieri, nostri nemici? [10]Anch’io, i miei fratelli e i miei uomini abbiamo prestato loro denaro e grano. Ma condoniamo loro, vi prego, questo debito! [mia sottolineatura] [11]Restituite ad essi oggi stesso i loro campi, le vigne, gli uliveti, le case e il prestito del denaro del grano, del mosto e dell’olio che avete richiesto loro». [12]Essi risposero: «Restituiremo e non esigeremo più nulla da loro. Faremo come tu dici». Chiamai allora i sacerdoti e davanti a loro li feci giurare che avrebbero mantenuto questa promessa. [13]Poi scossi la piega anteriore del mio mantello ed esclamai: «Così scuota Dio dalla sua casa e dai suoi beni chiunque non manterrà questa promessa! Così egli venga scosso e svuotato!». Tutta l’assemblea gridò: «Amen!», glorificando il Signore. Il popolo mantenne quella promessa.

Delineati sommariamente questi schizzi storico-teologici, chiediamoci finalmente come fosse collettivista la società ebraica descritta dalla Bibbia.

 

3.3 Vie indiziarie per valutare i rapporti di produzione antichi

Purtroppo la risposta non è affatto facile: sono davvero poche le testimonianze su avvenimenti precisi, descrittori dei rapporti di produzione e della vita economica in generale. Dobbiamo sempre ricordare che la Bibbia prioritariamente è un testo al quale è stato assegnato il compito sociale fondativo di dare un senso teologico all’essere nel mondo e di costruire un conseguente e coerente assetto mentale. La Bibbia dunque “poteva permettersi” di non riportare i fatti con il dettaglio e la precisione che ci interessano. Non è stata scritta per questo fine prioritario (qui è il punto!).

In ogni caso, il testo biblico e diversi importanti indizi archeologici ci suggeriscono l’esistenza di una stratificazione proprietaria della ricchezza, con il suo corollario di conflitti sociali. Così, per esempio, riferisce il libro di Amos (6, 4-8 e 8, 4-6):

 

6 [4]Essi giacciono su letti d’avorio

e poltriscono sui loro divani,

mangiano agnelli del gregge e vitelli della stalla.

[5]Canterellano al suono dell’arpa

e, come Davide, inventano per sé strumenti di canto.

[6]Bevono nelle anfore il vino

e con il più fino degli unguenti si ungono,

ma non si preoccupano per il crollo di Giuseppe.

[7]Perciò andranno in esilio in testa ai deportati

e cesserà l’orgia dei dissoluti.

[8]Ha giurato il Signore Dio sulla sua stessa vita!

 

8 [4]Ascoltate, voi che calpestate il povero

fino a sterminare gli umili del paese,

[5]voi che dite: «Quando passerà la luna nuova,

per vendere il grano,

e il sabato, per smerciare il frumento,

diminuendo l’efa e ingrandendo il siclo

e falsificando le bilance per frodare,

[6]acquistando con denaro i miseri

e il povero per un paio di sandali?

Anche lo scarto del frumento venderemo».

 

Fortunatamente, abbiamo anche un’altra potente fonte indiziaria, nel nostro caso specifico, particolarmente efficace: lo studio della lingua. Da secoli, l’ebraico dell’Antico Testamento è puntigliosamente e assiduamente studiato per cercare di afferrare meglio e con più precisione il senso religioso di questo complesso libro sacro. Questo patrimonio di riflessioni torna utile anche per i nostri fini, tenendo in conto alcune considerazioni generali.

Ogni lingua umana ha una storia “conforme” alla storia delle forze produttive e dei rapporti di produzione della società che l’hanno generata e, per questo, ne è un potente specchio espressivo. La generazione/evoluzione delle parole riflette le necessità di designazioni, così che la nascita dei termini (e il loro oblio), il sorgere di distinguo verbali/concettuali rispecchiano il bisogno di padroneggiare, prima di tutto mentalmente e poi nella comunicazione, lo stato vigente dei modi di produrre e di distribuire/relazionarsi degli esseri umani[7]. Così – solo per fare un esempio – in un ipotetico futuro millenario, chi esplorerà la nostra lingua si accorgerà che l’uso del maschile e del femminile, nel volgere di (relativamente) pochi anni all’inizio del XXI secolo, è cambiato con un’estensione della presenza di sostantivi femminili. Se questo ipotetico studioso del lontano futuro, non avrà a disposizione molte altre fonti documentali, si sentirà autorizzato a concludere (correttamente) che, per esempio, la nascita della nuova parola: Rettrice – accanto all’antico termine Rettore: primo dirigente di un’università – sia un pesante indizio di un mutamento nella distribuzione dei ruoli sociali tra i generi e anche che i vissuti allargati sul potenziale sociale femminile siano cambiati favorevolmente negli anni 2000.

Ma c’è molto di più. Come ho avuto modo di precisare, la lingua non ha solo un contenuto informativo, nel senso che la parola x designa e significa questa o quell’altra  cosa/azione … La lingua ha anche una valenza affettiva-emotiva e trasmette, richiama e “invita” a condividere stati d’animo. Nei paesi occidentali nel lontano passato, per esempio si usava estensivamente e con una ridotta carica affettiva/emotiva la parola negro per designare un africano di carnagione scura. Dopo le denunce e le lotte secolari contro il moderno schiavismo occidentale, per conquistare rapporti di produzione più egualitari, negro è oggi una parola “schiacciata” da una carica affettivo-emotiva negativa, tanto che c’è un rifiuto quasi fobico ad usarla, oppure, all’opposto, la si usa volutamente per comunicare un attacco aggressivo a sfondo razzistico. La sostituzione storica di negro con il più mite e neutro termine nero non avrebbe senso se la lingua servisse solo (attenzione a questo punto) a designare oggetti (e corsi di azione): nero e negro, dal ristretto punto di vista del campo semantico dei termini, sono, infatti, perfettamente uguali. Analogamente, l’accurata analisi della lingua della Bibbia ci può fornire un supporto indiziario (purtroppo mai una prova definitiva) in generale sulle forze produttive, sui rapporti di produzione e sui vissuti relativi della società che l’hanno generata e, in specifico, sui temi di nostro interesse.

 

3.4 La proprietà e la ricchezza

Per iniziare, approfondiamo il tema “strategico” della proprietà/possesso e della ricchezza, nella lingua dell’Antico Testamento. L’evoluzione dei termini ebraici può, infatti, essere considerato un indizio affidabile della molteplicità e del variare in profondità della produzione di ricchezza e delle relazioni sociali, economiche e politiche in Israele.

La proprietà e il possesso sono indicati nella Bibbia con diversi termini; ricostruire l’origine di alcune di queste parole, cioè le radici, dalle quali discendono per noi è – si diceva – centrale. C’è anzi tutto una designazione, vicina alla nostra, nel termine: segullā סְֻנלָּה che è proprietà, qualificata come proprietà privata personalmente acquisita, inviolabile e accuratamente custodita. Segullā è, nella Bibbia, forse quanto di più vicino ci sia al corrente significato di proprietà personale ed esclusiva, così aderente all’individuo che quasi concorre a definirne l’individualità. Questo “ponte” tra i millenni può, però, essere fasullo e non deve indurre a superficiali letture astoriche e attualizzate della Bibbia. Il termine è, infatti, usato anche a proposito di Dio, nel senso che Dio si forma un popolo – il popolo eletto – come una sua preziosa proprietà esclusiva. Questa qualificazione teologica ci fa intuire che il contesto storico e, in particolare, la commistione della sovrastruttura religiosa con l’ordinamento sociale non è stata priva di effetti sostanziali su essenza e vissuti della proprietà. Vediamo di capire meglio il non facile intrico.

Proprietà, possesso in ebraico sono anche espresse come derivazioni dalla radice: (´ḥz אחז) afferrare. Da ḥz deriva la parola aḥuzzā possesso, generalmente di terreni, territori, ma, si badi, anche di schiavi, acquisito con un’azione di forza e di rapina (Jenni e Westermann 1971, (1) – pp. 94-95), appunto in continuità e risonanza affettiva/emotiva con la sua radice ´ḥz. Leggiamo nel Deuteronomio (7. 1-8):

1]«Quando il Signore tuo Dio ti avrà introdotto nella terra dove sei diretto per prenderne possesso, cadranno innanzi a te molte nazioni: gli Hittiti, i Gergesei, gli Amorrei, i Cananei, i Perizziti, gli Evei, i Gebusei, sette nazioni più numerose e più forti di te. [2]Il Signore le metterà in tuo potere, tu le vincerai e le voterai allo sterminio. Non stringerai nessun patto con esse, né avrai misericordia di loro. [3]Con esse non contrarrai matrimonio: non darai tua figlia a un loro figlio, né prenderai una loro figlia per tuo figlio, [4]perché tuo figlio si allontanerebbe da me e servirebbe altri dèi, e l’ira del Signore si accenderebbe contro di voi e ben presto vi sterminerebbe. [5]Voi invece vi comporterete così: demolirete i loro altari, spezzerete le loro stele, taglierete i loro pali sacri e brucerete i loro idoli nel fuoco. [6]Perché tu sei un popolo santo per il Signore tuo Dio; il Signore tuo Dio ti ha scelto perché tu sia un popolo particolarmente suo fra tutti i popoli che sono sulla terra. [7]Non perché siete più numerosi di tutti gli altri popoli il Signore si è legato a voi e vi ha scelto – anzi voi siete il più piccolo di tutti i popoli –, [8]ma perché il Signore vi ama e perché ha voluto mantenere il giuramento fatto ai vostri padri, il Signore vi ha fatti uscire con mano potente e vi ha liberati dalla condizione di schiavitù, dalla mano del Faraone, re d’Egitto.

In questi passi la proprietà/possesso è promessa al popolo eletto attraverso il meccanismo acquisitivo universale nella storia antica (e non solo!): l’impossessamento, violento fino al genocidio[8]:

Deuteronomio (7. 16): [16]Tu sterminerai tutti i popoli che il Signore tuo Dio sta per mettere nelle tue mani: il tuo occhio non avrà misericordia di loro, e non servire i loro dèi. Ciò sarebbe per te una trappola.

Deuteronomio (7. 22): [22]Il Signore tuo Dio caccerà dinanzi a te quelle nazioni, ma a poco a poco: tu non le potrai sterminare subito, perché le bestie selvagge non si moltiplichino a tuo danno; [23]ma il Signore le metterà in tuo potere ed esse saranno in preda a grande agitazione, finché non saranno distrutte.

Israele poteva, per intervento divino, ambire a dominare (rapinare) i popoli alla sua portata, o anche un po’ più forti, anche se certo non poteva nulla contro le super-potenze imperiali del saccheggio (Egitto, Balilonia, ecc.), strumenti irresistibili, invece, della collera di Dio.

Possiamo ragionevolmente attribuire l’abitudine ubiqua all’assalto dei popoli confinanti (e non) al terribile vincolo di lungo periodo rappresentato dal pericolo della fame, riconducibile alle scarse rese, proprie degli arretrati sistemi produttivi agrari del passato (Ferrari, 2016, capitolo 2). La fame, fino all’età moderna, ha sempre assediato l’umanità, plasmandone cultura e personalità e rendendo indispensabile fare della violenza rapinatrice una pratica normale di sopravvivenza e poi anche un valore (specificato come: gloria militare, valore militare, onore, ecc.). Quale miglior sistema, infatti, di affrontare le spaventose crisi alimentari (o il loro pericolo) col sequestro dei surplus delle popolazioni sottomesse/sterminate? I limiti della struttura produttiva hanno così portato ad esaltare la pratica della sopraffazione, così che il complesso dei valori connessi hanno predisposto i singoli e le popolazioni alla pratica della rapina, finanche oltre gli stati di effettiva necessità.

Per altro, noi sappiamo dalla Bibbia che il popolo ebreo non era stato affatto immune dalla fame e da tutte le sue terribili implicazioni. A riguardo non è tempo perso tornare a leggere Neemia (5, 1-5)

 

[1]Si levò un gran lamento da parte della gente del popolo e delle loro mogli contro i Giudei, loro fratelli. [2]C’era chi diceva: «Noi, i nostri figli e le nostre figlie siamo numerosi: ci venga dunque dato del grano per mangiare e vivere!». [3]C’era chi diceva: «Noi siamo costretti a ipotecare i nostri campi, le nostre vigne e le nostre case per acquistare grano durante la carestia!». [4]Altri ancora dicevano: «Abbiamo preso denaro in prestito per pagare i tributi del re. [5]Eppure la nostra carne è come la carne dei nostri fratelli e i nostri figli sono come i loro figli! Ecco, noi dobbiamo vendere come schiavi i nostri figli e le nostre figlie! Alcune delle nostre figlie sono state già ridotte in schiavitù e noi non abbiamo più nessuna possibilità, perché i nostri campi e le nostre vigne appartengono ad altri.[9]

 

Il popolo ebreo, proprio in quanto autorizzato da Dio alla pratica del saccheggio, aveva – come sempre è accaduto nella storia – un’acuta necessità di contrappesi che arginassero la tendenza della pratica e del gusto/culto della violenza a debordare anche all’interno della stessa comunità di Israele. Se questa visione del problema è corretta, allora non stupisce e diventa comprensibile la poderosa compensazione teologica all’appropriazione arbitraria. Tornando ad aḥuzzā possesso, Jenni e Westermann (1971, (1) – p. 95) così aggiungono e precisano:

 

Il nome assume un significato traslato quando si stabilisce che i leviti [tribù di Israele che aveva il compito specifico del culto] non devono avere alcuna proprietà terriera, poiché Jahwe è la loro «proprietà terriera»

 (si veda: Ezechiele 44, 28)”

 

La proprietà e il possesso dei beni erano interpretati anzi tutto come una concessione trasmessa a Israele da Dio, che è il vero e unico “proprietario” di tutto e dunque come una condizione fortemente attenuata nella disponibilità dei beni. Qui abbiamo la prima e potente rappresentazione teologica del collettivismo biblico. In Israele nessuno era proprietario assoluto ed esclusivo di nulla, poiché tutto promana da Dio:

 

Levitico (25, 23-24) [23]Non venderete la terra per sempre, perdendone ogni diritto, perché la terra è mia e voi siete forestieri e ospiti presso di me [mia sottolineatura]. [24]Per ogni terreno in vostro possesso lascerete perciò una possibilità di riscatto.

 

Dio, proprio per questo, assoggetta tutti alle regole del corretto uso dei beni. Lo chiarisce bene l’esame della radice: ereditare (jrš, ירשׁ).

Jrš significa: entrare in possesso, prevalentemente di terreni o di un territorio, evidentemente come trasmissione del loro uso. Significa, inoltre e non a caso, scacciare, espellere dal possesso (i popoli refaim, gli hurriti, gli amenorrei…)[10]. In un caso, la radice riguarda anche gli schiavi

 

Levitico (25, 44-45) [44]Lo schiavo e la schiava di tua proprietà li potrete prendere dai popoli che abitano intorno a voi; da loro potrete acquistare schiavi e schiave. [45]Potrete anche comprarne tra i figli degli stranieri che abitano presso di voi, tra le loro famiglie che si trovano presso di voi e tra i loro figli nati nella vostra terra; saranno vostra proprietà)[11].

 

Dobbiamo anche prestare attenzione alla radice: ereditare, (nḥl, בחל), che, coniugata al causativo, assume il senso di mettere qualcuno in possesso.

Il possesso ereditario – naḥala – della terra ricevuta (appunto dalla radice nḥl בחל) come possesso da Dio è una sua concessione: Jahwe è il datore e garante della naḥala di Israele da parte degli ebrei.  Ma c’è anche un altro uso assai interessante per noi: Israele come naḥala di Jahwe (si veda Jenni e Westermann 1975, (2) – pp. 51, 54, 118), che è coerente con l’uso appena visto di segullā e che lo qualifica in profondità.

Le radici nḥl בחל e jrš, ירשׁ secondo (Jenni e Westermann 1975, (1) – p. 675) hanno superato l’ambito ristretto della terminologia successoria per indicare il possesso terriero (anche come preda bellica).

Dunque la proprietà è un “dono” di Dio all’uomo, il quale deve, però, rispettare le condizioni d’uso che il “vero proprietario” ha stabilito. Coerentemente, anche le parole che indicano la ricchezza e i beni riflettono, nella loro spiegazione teologica, la pressante necessità di regolare l’uso dei beni e di disinnescare l’”istinto” predatorio, all’interno della comunità. Di nuovo seguiamo la pista delle radici.

Partiamo dalla radice: essere pesante e anche valere, in senso positivo (kbd, כבז). Dal verbo, tra le derivazioni nominali, si ha: kābōd ricchezza e “stima”, ricompensa abbondante, nobiltà, ricchezza e onore

 

I Re (3, 10-13) [3]Salomone amava il Signore e nella sua condotta seguiva le disposizioni di Davide suo padre; […] [5]A Gabaon il Signore apparve di notte in sogno a Salomone e gli disse: «Chiedimi ciò che vuoi che io ti conceda». [6]Salomone rispose: «[…] [7]Ora, Signore mio Dio, tu hai fatto re il tuo servo al posto di Davide mio padre, ma io sono un ragazzo, non so come comportarmi. […]  [9]Concedi dunque al tuo servo un cuore che sappia giudicare il tuo popolo, in modo da distinguere il bene dal male; altrimenti chi potrà mai governare questo tuo popolo così numeroso?» [10]Piacque al Signore che Salomone avesse fatto questa richiesta. [11]Dio perciò gli disse: «Poiché tu hai domandato questa cosa e non hai domandato per te una lunga vita, né le ricchezze, né la morte dei tuoi nemici, ma hai domandato per te intelligenza per ben discernere il diritto, [12]ecco, io faccio secondo la tua parola: ti dono un cuore saggio e perspicace come non ci fu prima di te, né uguale sorgerà dopo di te. [13]Anzi io ti dono pure quanto non hai chiesto, cioè ricchezze e onore, così che tra i re non ci sia mai alcuno uguale a te.[12]

 

La stessa concezione della ricchezza come elargizione di Dio per meriti e virtù si trova nei seguenti passi:

 

1 Cronache (1, 12) [12]Da te vengono la ricchezza e la gloria; tu domini tutto; nella tua mano sono la potenza e la forza; dalla tua mano ogni grandezza e potere.

1 Cronache (29, 26-28)  [26]Davide, figlio di Iesse, aveva regnato su tutto Israele. [27]La durata del suo regno su Israele era stata di quarant’anni: in Ebron regnò sette anni e in Gerusalemme trentatré. [28]Morì in felice vecchiaia, sazio di giorni, di ricchezza e di gloria

2 Cronache (17, 5)  [5]Il Signore consolidò il regno nelle mani di Giosafat e tutto Giuda gli portava offerte, così che egli ebbe ricchezza e gloria in abbondanza.[13]

 

È importante osservare che i termini ricchezza e onore siano avvicinati nella lingua ebraica per indicare una qualità positiva della ricchezza. Gli studiosi dell’ebraico Jenni e Westermann notano:

 

Non è certo casuale che questa coppia compaia per la prima volta all’inizio della monarchia essa testimonia una trasformazione sociale resa possibile dalla monarchia: sorge un gruppo di famiglie più ricche e la stima di cui gode tale gruppo più ricco viene ora designata come “onore” […] A questo onore aristocratico è legato anche il fatto che il potente onora colui che lo riconosce come tale [Daniele 11, 39]” (Jenni e Westermann 1971, (1) – p. 692).

 

Gli autori dunque sembrano riferirsi alla nascita di un’aristocrazia ebraica che legittima se stessa per meriti teologici ed elevatezza etica.

Ma la lingua “tradisce” e ben riflette la complessità contraddittoria della società ebraica antica, almeno se si tiene per buono un altro modo di designare la ricchezza. Si presti, infatti, attenzione alla radice di iniquità (´ấwӕn אָוֶן), che, appunto, deriva da ´wn: essere forte, pesante. Iniquità, cioè, come forza nefasta. Il termine  è vocalizzato in ´ōn: forza, ricchezza, almeno in un caso in senso sicuramente negativo:

 

Osea (12, 9) [9]Efraim dice: «Come mi sono arricchito!

Mi sono fatto una fortuna!».

Ma di tutti i suoi vantaggi niente rimarrà

per il peccato che ha commesso.

 

La ricchezza nella Bibbia è sì dono benevolo e premiante di Dio, ma anche un male ingannevole, come vedremo tra poco, per il quale si possono commettere gravi colpe.

Possiamo aggiungere un ulteriore importante tassello alla spiegazione se ci volgiamo verso il contrario della ricchezza.

I modi di designare il povero rimandano a due radici: essere misero (‘nh, ענה) e volere (‘bh, אבח). Dalla radice ‘bh deriva povero (œbjōn, אֶבְיו֗ן), nel senso di voler avere, ovvero di essere privo di (Jenni e Westermann 1975, (1) – p. 17 e 20):

 

Colui che è socialmente debole ha nell’antico Oriente un rapporto speciale con la divinità. […] Di qui si può capire come il povero abbia ricevuto nell’Antico Testamento una connotazione religiosa. Nelle forme letterarie che hanno la loro radice nel culto (soprattutto nei canti di lamento e di ringraziamento) l’orante si presenta davanti a Jahwe come povero, bisognoso. Egli deve confessare la sua inferiorità al Dio potente e giusto […]. Con una tale confessione però il povero fa valere nello stesso tempo un diritto sicuro: fra i doveri del potente, e quindi anche di Dio […] Vi è quello di usare misericordia verso il misero. La ricchezza è sempre un dono che viene concesso; l’uomo nella sua condizione normale è povero e senza protezione […]; l’Antico Testamento vive della consapevolezza che Jahwe vuol bene proprio al misero. La fede in Jahwe che misura l’altezza e la bassezza e, sconvolgendo le classifiche umane, innalza il povero, ha trovato in Samuele 2,1 la sua espressione classica.” (Jenni e Westermann 1971, (1) – p. 21).

 

È utile leggere il cantico di Anna dal Primo libro di Samuele (2,10):

 

[1]Anna pregò e disse:

«Il mio cuore esulta nel Signore,

la mia fronte si eleva al Signore.

Si apre la mia bocca contro i miei nemici,

poiché gioisco per la tua salvezza.

[2]Non vi è santo come il Signore,

poiché non vi è altri all’infuori di te,

né vi è rupe come il nostro Dio.

[3]Non parlate più a lungo con aria superba,

non esca parola arrogante dalla vostra bocca,

perché il Signore è un Dio sapiente

e le sue opere sono rette.

[4]L’arco dei prodi è spezzato,

mentre i deboli si cingono di forza.

[5]I sazi vanno al lavoro per il pane,

mentre gli affamati si riposano.

Perfino la sterile genera sette volte,

mentre la madre di molti figli appassisce.

[6]Il Signore dà la morte e dà la vita,

fa scendere agli inferi e risalire.

[7]Il Signore rende poveri e rende ricchi,

umilia, ma anche esalta;

[8]solleva dalla polvere il misero,

innalza il povero dalle immondizie,

per farli sedere con i prìncipi

e assegnare loro un trono di gloria:

perché del Signore sono

le colonne della terra,

e su di esse fa posare il mondo.

[9]Egli veglia sui passi dei suoi fedeli,

mentre i malvagi svaniscono nelle tenebre.

Certo, non prevarrà l’uomo

malgrado la sua forza.

[10]Gli avversari del Signore saranno stroncati.

L’Altissimo tuonerà dal cielo;

il Signore giudicherà i confini della terra;

darà potenza al suo re

e innalzerà la fronte del suo consacrato».

 

3.5 I principi e le pratiche di difesa dalla fame e di ripristino dell’uguaglianza

Jenni e Westermann aggiungono:

 

In parecchi testi religiosi del periodo intertestamentario il povero acquista un’importanza ancora maggiore, anche per via di una stratificazione progressiva della società. In particolare la comunità di Qumram guarda con sospetto alla proprietà privata e considera la povertà e la bassezza come una condizione preliminare della vita spirituale. L’atteggiamento positivo nei riguardi della povertà prosegue nel Nuovo Testamento (discorso della montagna, Luca, Paolo)” (Jenni e Westermann 1971, (1) – p. 22).

 

Il potente freno all’esercizio indiscriminato del controllo dei beni che porta all’accumulazione/concentrazione delle ricchezze conduce ad una serie di norme che ritroveremo non solo nelle legislazioni e negli usi di epoca medioevale, ma anche ben dentro  l’età moderna, come si è visto nel caso del diritto di legnatico avversato nella Germania ottocentesca di Marx (e di suo padre).

Torniamo a Jenni e Westermann.

Le vedove, gli orfani hanno una particolare protezione da Jahwe:

 

In un secondo gruppo di testi giuridici del Deuteronomio, che regolano il diritto dei poveri e dei diseredati, alle vedove (e ai leviti/forestieri/orfani) sono riservati alcuni vantaggi: durante i raccolti possono spigolare (Deuteronomio 24, 19-21)…” (Jenni e Westermann 1971, (1) – p. 150).

 

Così la società ebraica, prima nell’Esodo e poi nel Levitico e nel Deuteronomio, si dà norme molto pratiche di tutela del debole …

 

Esodo (23, 10) [10]Per sei anni seminerai la tua terra e raccoglierai il suo prodotto, [11]ma al settimo non la coltiverai e la lascerai riposare: ne mangeranno i poveri del tuo popolo e le bestie selvatiche mangeranno ciò che resta; così farai per la tua vigna e per il tuo olivo.

 

Levitico (23, 22)  [22]Quando farete la mietitura della vostra terra, non mieterete fino ai margini del campo e non raccoglierete le spighe rimaste nella mietitura. Le lascerai per il povero e per il forestiero. Io sono il Signore Dio vostro.

Deuteronomio (23, 25-26)  [25]Quando entrerai nella vigna del tuo prossimo, potrai mangiare uva secondo il tuo appetito, a sazietà; ma non ne potrai mettere nel tuo paniere. [26]Quando entrerai nelle messi del tuo prossimo potrai coglierne spighe con la mano, ma non potrai mettere la falce nelle messi del tuo prossimo.

Deuteronomio (24, 17-22)  [19]Quando raccogli la messe nel tuo campo e dimentichi qualche covone, non tornare indietro a prenderlo: sarà per il forestiero, per l’orfano e per la vedova, perché il Signore tuo Dio ti benedica in ogni lavoro delle tue mani. [20]Quando abbacchi i tuoi ulivi, non raccogliere ciò che resta sui rami: sarà per il forestiero, per l’orfano e per la vedova. [21]Quando vendemmi la tua vigna, non tornare indietro a racimolare: quanto resta sarà per il forestiero, per l’orfano e per la vedova. [22]Ricordati che sei stato schiavo in Egitto; perciò ti ordino di fare questa cosa.

L’anno sabbatico di cui parla Esodo (23, 10) – il settimo di ogni settennio, sulla base della scansione ciclica del tempo sociale ebraico: la settimana, il settennio, il giubileo (di sette settenni) – è una istituzione antica (Cholewinski 1984, p. 160). Il principio normativo del Levitico (poi integrato e riformato dal Deuteronomio) è che nel settimo anno i padroni dei campi lascino riposare i terreni (sistema a maggese), che produrranno comunque – si potrebbe dire, per “inerzia vegetativa”. Questo prodotto “spontaneo” non può essere destinato all’arricchimento dei proprietari, ma appartiene in esclusiva a Jahwe, che lo dona ai diseredati. La stessa cosa vale per l’utilizzo delle decime[14] che, con cadenza in questo caso triennale, dovevano soccorrere i poveri protetti da Jahwe:

 

Deuteronomio (14, 28-29) [28]Al termine di ogni terzo anno prenderai tutte le decime dei tuoi prodotti e le deporrai alle porte delle tue città: [29]verranno il levita, che non ha né parte né eredità con te, il forestiero, l’orfano e la vedova che vivono nelle tue città, ne mangeranno e si sazieranno. Così il Signore tuo Dio ti benedirà in ogni opera a cui avrai messo mano.

Le stesse specifiche norme bibliche contro la fame, definite “la prima legge sulla povertà” (Cohen 1908, p. 791), ma più probabilmente nate ancor prima presso gli altri popoli del Medio Oriente, sopravviveranno (praticamente identiche), fino alla dolorosa e controversa affermazione della moderna proprietà privata esclusivista, come si è accennato e si vedrà nella seconda parte di questo scritto. In un certo senso, la Bibbia può anche essere considerata un modello di assegnazione delle terre su base egualitaria, secondo le necessità e non attraverso il mercato.

Numeri (26, 52-56) [52]Il Signore disse a Mosè: [53]«Fra tutti questi ripartirai la terra in eredità, secondo il numero delle persone. [54]A chi è grande aumenterai la parte di proprietà e a chi è piccolo la diminuirai: a ciascuno sarà data la parte di proprietà in base al numero dei censiti. [55]La ripartizione della terra avverrà a sorte: ne riceveranno la proprietà secondo i nomi delle loro tribù paterne. [56]La ripartizione della proprietà avverrà a sorte, sia per le tribù grandi sia per le piccole[15].

Jenni e Westermann, a proposito, riferiscono che, secondo certe interpretazioni, ogni sette anni si aveva una nuova assegnazione per sorteggio. In realtà, come vedremo, in seguito, ben poco sappiamo su quanto le norme fossero davvero rispettate. Rimane comunque il fatto che una parte certo rilevante della società si ritrovasse, nel profondo, in esse. Altre importanti norme del Deuteronomio sono state la risposta a fenomeni di grave perturbazione classista.

Deuteronomio (24, 14-15) [ 14]Non defrauderai il salariato povero e bisognoso, né tra i tuoi fratelli né tra i forestieri che si trovano nella tua terra, nelle tue città. [15]Ogni giorno gli darai il suo salario, prima che tramonti il sole, perché egli è povero e lo desidera ardentemente; così egli non griderà contro di te al Signore e tu sarai senza peccato.

Inoltre, una società, come quella ebraica, che ammetteva la riduzione in schiavitù di altri popoli, si poneva il grave problema del dilagare dello schiavismo all’interno della stessa Israele.

Levitico (25, 39-43)  [39]Se il tuo fratello si trova in difficoltà nei tuoi riguardi e si vende a te, non gli farai fare un lavoro da schiavo; [40]vivrà presso di te come un bracciante o un ospite. Fino all’anno del giubileo lavorerà con te; [41]poi ti lascerà insieme con i suoi figli, tornerà alla sua famiglia e riprenderà quanto possedevano i suoi padri. [42]Perché essi sono miei servi, che io ho fatto uscire dalla terra d’Egitto; non possono essere venduti come schiavi. [43]Non lo tratterai con durezza, ma temi il tuo Dio.

Nel Deuteronomio la norma è abbastanza diversa, come osserva Cholewinski (1984, p. 163) in quanto la liberazione non avviene più nelle canoniche date liberatorie collettive, ma dopo un settennio calcolato dal momento – variabile nelle diverse situazioni – di auto consegna del debitore come schiavo del creditore:

Deuteronomio (15, 12-15)  [12]Se un tuo fratello ebreo o una ebrea si vende a te, ti servirà per sei anni; ma al settimo anno lo manderai via da te libero. [13]Quando lo manderai via da te libero, non rimandarlo a mani vuote, [14]ma caricalo di doni del tuo gregge, della tua aia e del tuo torchio; nella misura in cui il Signore tuo Dio ha benedetto te, tu darai a lui. [15]Ricordati che tu sei stato schiavo nella terra d’Egitto e che il Signore tuo Dio ti ha liberato; perciò oggi io ti dò questo comando.

La Bibbia stabilisce norme pratiche precise di ripristino di una forma di uguaglianza di fondo. Così l’anno sabbatico è una misura di soppressione delle disuguaglianze e degli spossessamenti che la dinamica economica tende invariabilmente ad alimentare.

Levitico (25, 23-28)  [23]Non venderete la terra per sempre, perdendone ogni diritto, perché la terra è mia e voi siete forestieri e ospiti presso di me. [24]Per ogni terreno in vostro possesso lascerete perciò una possibilità di riscatto. [25]Se un tuo fratello si trova in difficoltà e vende una parte dei suoi possedimenti, venga il suo parente più prossimo a esercitare il diritto di riscatto su quanto egli è stato costretto a vendere. [26]Chi non ha un parente prossimo, se riesce a procurarsi da sé la somma necessaria per il riscatto, [27]conterà gli anni trascorsi dalla vendita, restituirà al compratore il denaro che gli è dovuto e così potrà rientrare in possesso dei suoi beni. [28]Se non riuscirà ad avere mezzi sufficienti per la restituzione, il bene venduto resti nelle mani di chi l’ha comprato fino all’anno del giubileo: nell’anno del giubileo il compratore uscirà e l’altro rientrerà in possesso del suo patrimonio.

Norme abbastanza simili erano previste in caso di alienazione della casa (Levitico 25, 29-31).

L’anno sabbatico (settimo anno) e il giubileo (49° anno, che diventa 50° anno per il particolare modo ebraico di contare gli anni[16]) erano momenti previsti dalla legge per riequilibrare le storture economico-sociali, prevalentemente consistenti nella vendita del patrimonio e/o della propria libertà personale per debiti.

Levitico (25, 13-19) [13]Nell’anno del giubileo, poi, ciascuno tornerà in possesso dei suoi beni. [14]Se venderai qualcosa al tuo prossimo o se comprerai qualcosa da lui, non danneggiatevi l’un l’altro. [15]Comprerai dal tuo prossimo stabilendo il prezzo in base al numero degli anni trascorsi dall’ultimo giubileo; a sua volta egli venderà a te stabilendo il prezzo in base agli anni di rendita. [16]Più sarà grande il numero degli anni da trascorrere prima del giubileo e più aumenterai il prezzo; più piccolo sarà il numero degli anni e più ridurrai il prezzo, perché egli ti vende la somma dei suoi raccolti. [17]Nessuno, perciò, defraudi il suo prossimo: temete il vostro Dio, perché io sono il Signore vostro Dio. [18]Osservate le mie leggi e obbedite ai miei precetti, metteteli in pratica e risiederete tranquilli nel paese. [19]La terra darà i suoi frutti e voi ne mangerete a sazietà e risiederete tranquillamente in essa.

Il tema del giubileo è un affollato campo di battaglia e di discussione tra i biblisti, soprattutto per quanto si riferisce, come già accennato, alla sua reale ed effettiva applicazione pratica nella storia economico-sociale di Israele. La maggioranza degli studiosi lo ritiene un’istituzione astratta, perché regolata da una norma inapplicabile (per interferenze ingestibili con l’anno sabbatico) e comunque inapplicata: un ideale vagheggiato, una pura aspirazione degli estensori rigoristi dei testi biblici, carica di suggestioni teologiche. Un’aspirazione idealizzata dei tempi, o un “ideale codificato”, secondo la definizione riportata da Cholewinski, che si è poi tradotta in un’aggiunta tardiva al testo biblico. A sostegno dell’irrilevanza pratica del giubileo l’osservazione che nella Bibbia e in altre fonti autorevoli (Filone, Giuseppe Flavio) non si trovano riferimenti, o anche solo cenni, ad applicazioni pratiche del giubileo. Rimane, però, non scartata l’ipotesi che gli estensori del testo biblico abbiano raccolto e sistematizzato norme pratiche e consuetudini non scritte preesistenti, secondo le quali … “la proprietà terriera, appartenente alla famiglia è irrinunciabile” (Cholewinski 1984, p. 170)[17]. Depone a favore di un certo collegamento con pratiche collettivistiche reali anche l’assenza di genericità, per così dire, “poetiche” e l’accuratezza tecnica con la quale la norma è stata codificata (secondo la tradizione sacerdotale). Il che fa pensare a una descrizione di prassi redistributive concrete, osservabili da parte dei redattori del testo biblico, o, delle quali, si era mantenuta una recente e vivida memoria.

Al momento, non si può dire molto di più.

 

3.6 La questione della fratellanza

Rimane, però, indiscutibile che alla base di queste prescrizioni, ci sia stata una forte idea/aspirazione all’uguaglianza sostanziale degli uomini nella società, che riflettesse l’uguaglianza di fronte a Dio. Questa idea si sostanzia nel concetto di fratellanza: ˊaḥwah

(fratello ˊāḥ אָח). Jenni e Westermann così descrivono i significati di questo termine:

 

Gli usi di questa parola che hanno un rilievo teologico  [mia sottolineatura] non sono legati al significato ristretto «fratello carnale», con le sue implicazioni nel campo del diritto familiare, ma a un significato più generico «membro, socio (di una comunità)», oppure all’uso metaforico della parola.” (1971, (1) – p. 88)

E citando altri studiosi così aggiungono:

“«Il popolo è la famiglia ingrandita che forma unità. L’uso di fratello per esprimere un elemento costitutivo dell’idea di popolo vuol creare anche un livellamento: i fratelli stanno sullo stesso piano, hanno uguali doveri e sono responsabili l’uno dell’altro» (Bächli 123).

L’idea di fratellanza degli israeliti sotto un unico padre […] è senz’altro presente in Malachia 2,10, ma non ha una terminologia precisa fissa…” (Jenni e Westermann 1971, (1) – pp. 89-90)

 

Malachia (2, 10) [10]Non abbiamo forse tutti noi un solo padre? Non ci ha creati un unico Dio? Perché dunque ci tradiamo l’un l’altro, profanando l’alleanza dei nostri padri?

 

La fratellanza è il cemento della comunità ebraica che espelle l’indifferenza o, peggio, l’aggressività predatoria nefasta intragruppo e scinde nettamente le sfere dell’agire collettivistico: entro Israele deve prevalere l’uguaglianza pacifica e solidale; fuori l’imperfezione degli ebrei può portare a corsi d’azione omologabili a quelli delle popolazioni “perse” nel paganesimo.

La fratellanza, che trattiene dallo schiavizzare “chi si vende a te”, cioè chi viene “punito” dal mercato con l’insolvenza per debiti, sta alla base di una norma del Deuteronomio assolutamente centrale per tutta la storia millenaria occidentale seguente e, soprattutto, per la storia del capitalismo:

 

Deuteronomio (23,20) [20]Non esigerai alcun interesse da tuo fratello: né per prestiti di denaro, né per prestiti di viveri, né per qualsiasi cosa che si presta a interesse. [21]Dallo straniero potrai esigere un interesse, ma non dal tuo fratello, perché il Signore tuo Dio ti benedica in ogni cosa a cui metterai mano nel paese che stai per conquistare.

 

Questa norma, secondo l’estensore del Deuteronomio[18], non può essere considerata isolatamente, ma si deve sempre avvicinare alle seguenti:

Deuteronomio (15,1-5) [1]«Al termine di ogni sette anni celebrerai l’anno della remissione [mia sottolineatura]. [2]Queste sono le norme che riguardano la remissione: ogni creditore rimetta quanto ha prestato al suo prossimo; non lo riscuota dal suo prossimo né dal suo fratello, quando sia proclamato l’anno della remissione per il Signore. [3]Tu potrai esigere il tuo credito dallo straniero, ma al tuo fratello condonerai quanto deve nei tuoi confronti.

[4]Del resto non vi sarà presso di te alcun povero, poiché il Signore certo ti benedirà nella terra che il Signore tuo Dio ti dona in eredità come tuo possesso, [5]purché tu obbedisca fedelmente alla voce del Signore tuo Dio, osservando e praticando tutti gli ordini che oggi ti dò.

E ancora …

 

Deuteronomio (15,7-11) [7]Se vi sarà presso di te qualche tuo fratello povero, in una delle città del paese che il Signore tuo Dio ti dona, non indurirai il tuo cuore e non chiuderai la tua mano al tuo fratello povero, [8]ma gli aprirai la mano, gli presterai generosamente quanto gli manca, per il bisogno in cui si trova. [9]Bada che non ci sia nel tuo cuore questo perverso calcolo: È vicino il settimo anno, l’anno della remissione, così da rendere l’occhio tuo cattivo verso il tuo fratello povero e non dargli nulla; egli griderebbe al Signore contro di te e su di te graverebbe un peccato. [10]Dà, invece, generosamente a lui e il tuo cuore non si rattristi mentre gli dai il tuo dono; perché proprio per questo il Signore tuo Dio ti benedirà in ogni tua opera e in ogni cosa a cui avrai messo mano. [11]Poiché non mancheranno mai nel paese i poveri, io ti prescrivo: Apri generosamente la mano al tuo fratello povero e bisognoso nella tua terra.

 

Questo sistema di prescrizioni, con le sue norme collegate va considerata un architrave del collettivismo biblico. La fratellanza biblica impone entro Israele di non vessare e sfruttare economicamente il fratello (compresi gli stranieri residenti); anzi, impone il soccorso con prestiti senza interessi, mentre dà via libera alla pratica del profitto finanziario all’esterno. La norma è importantissima perché, con la crescita economica, si va affermando il credito (allora designato sempre spregiativamente come: usura) e cioè il lato monetario dell’economia. Il termine usato per indicare l’interesse è: neshèk[19], mentre il verbo corrispondente nasàk: mordere e, in senso figurato, vessare che lascia pochi dubbi su quali fossero i vissuti profondi e l’atteggiamento diffuso verso il credito. Questa condanna è molto diffusa in tutto l’Antico Testamento[20]. Essa riflette molto probabilmente la crescita del modo di produzione del tempo verso un’economia non più di sola sussistenza, verso una prima forma di economia monetaria.

In generale, già nella Bibbia la moneta e il denaro vengono visti come un subdolo e ingannevole “pericolo” per la fratellanza, forse ancor maggiore della rapina violenta:

Ecclesiaste (Qohèlet) (5, 9-10) [9]Chi ama il denaro, mai di denaro è sazio; e chi è attaccato alle ricchezze, non ne ha mai a sufficienza. Anche questo è vanità. [10]Quando le ricchezze aumentano, crescono anche quelli che le divorano, e che vantaggio ne ha il proprietario se non quello di sapere di essere ricco?

In Ebraico, secondo Ellul [1969], la parola keseph כְסֶף – che sta ad indicare indifferentemente denaro ed argento – è strettamente imparentata al verbo difettivo kasaph [ksp], una parola rara[21] che può significare: desiderare, con una sfumatura di nostalgia e disillusione, come a dire: languire per qualcosa. Se questo collegamento è corretto, la stessa lingua ebraica designerebbe il denaro richiamando un preciso atteggiamento verso di esso, ben descritto nell’Ecclesiaste: Chi ama il denaro, mai di denaro è sazio; e chi è attaccato alle ricchezze, non ne ha mai a sufficienza. Anche questo è vanità. In ogni caso, fin dall’inizio della tradizione ebraico-cristiana il denaro si percepisce come potenza profondamente radicata nell’uomo, ma a lui contrapposta come un falso fine, mai veramente appagante. Nel Nuovo Testamento questa interpretazione diventa molto più incisiva nel termine Mammona[22], che, come un soggetto che rende l’uomo schiavo, esercita un vero e proprio potere spirituale e psicologico sulla coscienza. Ellul sottolinea l’eccezionalità di questa personificazione allo stesso rango di Dio:

Matteo (6, 24) [24]«Nessuno può servire a due padroni; poiché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e trascurerà l’altro. Non potete servire a Dio e a mammona»

Gesù non è affatto solito fare questo genere di deificazioni. Per altro, anche in ambiente non ebraico si è manifestata un’analoga  “contrapposizione” tra la potenza del denaro e il sacro. Anche Aristofane, quattro secoli  prima di Cristo, nel Pluto contrappone tutti gli dei alla ricchezza personificata.

Alla luce di quanto esposto ritengo sufficientemente dimostrato che i temi della biforcazione bene si adattino alle controverse vicende della storia antica dei popoli di Israele. Lo studio di questa storia ci consente, in più, un surplus unico di chiavi interpretative per i temi della biforcazione nella storia pre-capitalistica occidentale successiva, come già incidentalmente accennato.

 

Fine prima parte

 

 

 

BIBLIOGRAFIA (parte I)

 

Cholewinski A. S. J. (1984) “Levitico 17-26 Codice di Santità”, Pontificio Istituto Biblico, Roma.

Cohen B. (1934-35) “An Essay on Possession in Jewish Law”, Proceedings of the American Academy for Jewish Research, vol. 6, pp. 123-137.

Cohen H. (1908) “Notes on Resemblance of Hebrew and English Law”, The Jewish Quarterly Review, vol. 20, n. 4 (luglio), pp. 784-797.

Cornu A. (1955) “Karl Marx et Friedrich Engels Leur vie et leur œuvre (1818/1820 – 1844)”, trad. it. “Marx e Engels dal liberalismo al comunismo”, Feltrinelli, Milano 1962.

Delumeau J. (1983) “Le péché et la peur. La culpabilisation en Occident (XIIIe-XVIIIe siècles)”, trad. it. “Il peccato e la paura. L’idea di colpa in Occidente dal XIII al XVIII secolo”, il Mulino, Bologna, 1987.

Ellul J. (1969) “L’uomo e il denaro“, Editrice a.v.e., Roma.

Engels F. (1952) “Zur Geschichte und Sprache der deutschen Frühzeit”, trad. it. “Storia e lingua dei Germani Scritti filologici”, Editori Riuniti, Roma, 1974.

Ferrari L. (2016) “L’ascesa dell’individualismo economico”, seconda edizione, (Saggio introduttivo di G. Galli, postfazione di E. Lozza e A. C. Bosio), Casa Editrice Vicolo del Pavone”, Castelnuovo Scrivia, pp. 974+XLVII.

Ferrari L. (2019) “Guida per il lettore contemporaneo de Il capitale di Karl Marx”, (prefazione di G. Galli), Casa Editrice Vicolo del Pavone”, Castelnuovo Scrivia, pp. 260+XIII.

Ferrari L. e Romano D.F. (1999) “Mente e denaro, introduzione alla psicologia economica”, pagine XVII+517, Raffaello Cortina Editore, Milano,

Finkelstein I. e Silberman N. A. (2001) “The Bible Unearthed. Archaeology’s New Vision of Ancient Israel and the Origin of the Sacred Texts”, trad. it. “Le trace di Mosè la Bibbia tra storia e mito”, Carocci, Roma, 2018.

Galli G., Pascale A., Burgio D., Leoni M. e Sidoli R. (2019) “Effetto sdoppiamento, il “paradosso di Lenin” e la politica-struttura”, Editrice Aurora, Milano.

Hobsbawm E. J. (1964) Prefazione a Marx K. “Forme economiche precapitalistiche”, Editori Riuniti, Roma, 1970, pp. 7-65.

Hobsbawm E. J. (1978) “Gli aspetti politici della transizione dal capitalismo al socialismo”, sta in: “Storia del Marxismo, Il marxismo ai tempi di Marx”, vol. I, Einaudi, Torino, pp. 247-287.

Jenni E. e Westermamm C. (1971) “Theologisches Handwörterbuch zum Alten Testament”, trad. it. “Dizionario Teologico dell’Antico Testamento”, vol. 1, Marietti, Torino, 1978.

Jenni E. e Westermamm C. (1975) “Theologisches Handwörterbuch zum Alten Testament”, trad. it. “Dizionario Teologico dell’Antico Testamento”, vol. 2, Marietti, Torino, 1982.

Kent C. F. (1901) “The Humanitarian Element in the Old Testament Legislation II”, The Biblical World, Vol, 18, N. 5 (novembre), pp. 338-351.

Kershaw I. (1991) “Hitler”, tard. it. “Hitler e l’enigma del consenso”, Laterza, Bari, 2008.

Marx K. (1842) “Dibattiti sulla legge contro i furti di legna”, trad. it. sta in Marx K. “Opere Lotta politica e conquista del potere”, Newtono Cimpton editori, Roma, 1975, pp. 46-73.

Marx K. (1859) “Zur Kritik der politischen Ökonomie”, trad. it. “Per la Critica dell’Economia Politica”, Editori Riuniti, Roma, 1969.

Marx K. (1867) “Das Kapital. Kritik der politischen Oekonomie“, trad. it.  “Il Capitale. Libro primo. Il processo di produzione del capitale”, (volume primo di 4), Editori Riuniti, Roma 1980.

Marx K. (1939), “Lineamenti Fondamentali di Critica dell’Economia Politica (Grundrisse)”, 2 voll., (Vari manoscritti iniziati a partire dal 1850), Einaudi, Torino 1976.

Marx K. e Engels F. (1882) “Prefazione”, all’edizione russa del Manifesto del Partito Comunista, trad. it. sta in: Marx K. e Engels F. “Manifesto del Partito Comunista”, Einaudi, Torino, 1998, pp. 104-105

Marx K. e Engels F. (1950) “Opere XXXIX. Lettere 1852-1855”, vol. 39, Editori Riuniti, Roma, 1972.

Marx K. e Engels F. (1971) “Lettere sul Capitale”, [a cura di G. Bedeschi], Laterza, Bari.

Mosse G. L. (1974) “The Nationalization of the Masses, Political Symbolism and Mass Movements in Germany from Napoleonic Wars through the Third Reich”, trad. it. “La nazionalizzazione delle masse”, il Mulino, Bologna, 2009.

Musto M. (2018) “Karl Marx Biografia intellettuale e politica. 1857-1883”, Einaudi, Torino.

Sidoli R., Leoni M., e Burgio D. (2012) “Ratzinger o Fra Dolcino L’effetto di sdoppiamento nella religione occidentale”, Editrice Aurora, Milano.

Togliatti P., Cantimori D., Donini A., Luporini C., Manacorda G., Natoli A., Pesenti A. e Platone F. (curatori) (1951) “Carteggio Marx-Engels”, in sei volumi, Edizioni Rinascita, Roma, vol. V.

 

 

 

▬▬▬  ●♦● ▬▬▬

[1] Scrive Marx: “Se ogni offesa alla proprietà, senza distinzione, senza una più precisa specificazione è furto, non sarebbe furto ogni proprietà privata? Con la mia proprietà privata non escludo tutti gli altri da questa proprietà?” (Marx 1842, p. 49) e ancora “I selvaggi  di Cuba ritenevano che l’oro fosse il feticcio degli spagnoli. Lo festeggiarono con cerimonie e canti e poi lo gettarono a mare. Se i selvaggi di Cuba avessero assistito alla seduta degli ordini provinciali renani, non avrebbero forse pensato che il legno sia il feticcio dei renani?” (Marx 1842, p. 73).

[2] Mosse (1974) ricorda, tra l’altro, che furono i nazisti a recuperare tra i loro valori fondativi quelli – ovviamente riadattati e stravolti – delle rivolte contadine del ‘500, sulle quali ha scritto Engels.

Kershaw (1991) riferisce di una ricerca condotta su più di 700 aderenti al partito nazional-socialista, dalla quale emerge che la maggioranza delle motivazioni nell’adesione al nazismo (31,7%) andava ricondotta a “l’auspicio della creazione di una comunità nazionale pacificata e solidaristica” (p. 66).

[3] Nella stessa lettera, con molta chiarezza, sostiene che le varie esperienze locali devono essere studiate come singolarità, cosicché non si arriverà mai alla loro comprensione “… con il grimaldello di una teoria storico-filosofica generale, la cui suprema virtù consiste nell’essere sopra-storica.” (p. 158).

[4] Segnalo doverosamente al lettore il decisivo aiuto nella stesura di questa parte di un teologo e biblista, che non ha ritenuto così necessario “esporsi” ai commenti elogiativi dei lettori. Ringrazio per il paziente e illuminante sostegno; resta inteso che tutte le eventuali inesattezze, sviste o lacune sono da imputarsi esclusivamente al mio sforzo di appropriarmi dei suggerimenti ricevuti e di tradurli in questo testo.

[5] È di questo periodo la nascita della convinzione nell’ebraismo della resurrezione.

[6]Il ferrigno anticomunista Palacio (1937) ricorda che, tra il ´400 e il ´600, teologi come De Soto (1494-1560), Covarrubias (1512-1577), Suarez (1548-1617), idealizzassero una proprietà comunistica originaria, degenerata poi in proprietà individuale per la caduta dovuta al peccato. L’esercizio della proprietà comune per il Billart (1685-1757) presuppone eccezionali qualità di moralità/temperanza presenti solo nei conventi e per De Vitoria (1485?-1546) talvolta, neanche in questi.” (Ferrari 2016, p. 497n).

[7] Anche le stesse strutture morfologiche, ortografiche e sintattiche talvolta sono influenzate in modo similare.

[8] “«La Storia insegna come i conflitti costituiscano il miglior mezzo per sopravvivere, sfamare le popolazioni […] La necessità costringe dunque a battersi per accaparrarsi qualcosa.» (Ra­chline …).

«… nella Grecia e nella Roma antiche, la guerra ed il saccheggio corrispondevano, come mezzi per acquistare la ricchezza, alla produzione industriale dei popoli moderni, mentre la spartizione tra i capi e i loro subordinati, a quella che oggi si fa tra la classe dirigente e la popolazione operaia(Pareto …). Il tributo del popolo sottomesso non era diverso dalla rapina di tutti i beni una tan­tum, costituendone solo una variante nei tempi di accaparramento. All’estremo opposto, ma nella stessa logica, è la proposta di un generale di Gengis Kahn – respinta solo perché diseconomica – che prevedeva il genocidio dei cinesi appena sottomessi e la conversione dei loro campi in pasco­li per il bestiame mongolo (Ardant …)”  Queste citazioni sono tratte da Ferrari 2016, p. 78.

[9] Si veda anche: Geremia (34, 17) [17]Perciò, così dice il Signore: Voi non mi avete ascoltato proclamando ciascuno la liberazione del proprio fratello e del proprio prossimo; ebbene, io ordino che contro di voi, oracolo del Signore, sia concessa libertà alla spada, alla peste e alla fame e vi consegnerò alla derisione presso tutti i regni della terra; Deuteronomio (8, 2-3) [2]Ricorda il cammino che ti ha fatto compiere il Signore tuo Dio in questi quarant’anni nel deserto, per umiliarti, per provarti, per conoscere ciò che c’era nel tuo cuore, se tu avresti osservato o no i suoi precetti. [3]Ti ha umiliato, ti ha fatto provare la fame, ti ha fatto mangiare la manna, che tu non conoscevi né conoscevano i tuoi padri; (28, 47-48) [47]Siccome in mezzo all’abbondanza di ogni cosa non hai servito il Signore tuo Dio con gioia e letizia di cuore, [48]servirai i nemici che il Signore manderà contro di te in mezzo alla fame, alla sete, alla nudità e nella privazione di ogni cosa; Secondo libro di Samuele (17, 28) [28]portarono letti, anfore, utensili di terracotta, frumento, orzo, farina, grano abbrustolito, fave e lenticchie, [29]miele, burro, pecore e formaggio di vacca a Davide e alla gente che era con lui, perché mangiassero. Infatti essi avevano detto: «Questa gente deve aver patito fame, stanchezza e sete nel deserto (24, 13): [13]Gad entrò da Davide e l’informò dicendogli: «Vuoi che vengano tre anni di fame nel tuo paese, o tre mesi di fuga davanti al tuo avversario che ti insegue o tre giorni di peste nel tuo paese?Secondo libro dei Re (8, 1) 1]Eliseo disse alla donna a cui aveva risuscitato il figlio: «Alzati e parti con la tua famiglia e va’ ad abitare dove credi meglio, perché il Signore ha chiamato la fame, che durerà nel paese per sette anni»; Giobbe (5, 20) [20]In tempo di fame ti scamperà dalla morte…

[10] Cohen (1908) mostra come, nella mentalità generale e giuridica in particolare, il principio dell’esclusione dello straniero dalla proprietà dei terreni della nazione sia rimasto a lungo in Occidente. Così nella Gran Bretagna moderna, fino alla promulgazione del Naturalisation Act del 1870, agli stranieri era vietato affittare o acquistare terreni britannici.

[11] Shakespeare usa il verbo to inheritereditare,  per indicare il possesso, sotto l’influsso probabile della versione inglese della Bibbia (Cohen 1934-35).

[12] La stessa narrazione si trova in 2 Cronache (1, 11).

[13] Altre citazioni interessanti si trovano: 2 Cronache (18,1), (32, 27); Proverbi (3, 16), (8, 18); Ecclesiaste (Qohèlet) (6, 2).

 

[14] Le decime avevano un significato religioso e un valore celebrativo: Deuteronomio (14, 22-26) [22]Prenderai la decima di ogni prodotto della tua semente che il campo produce ogni anno. [23]Mangerai al cospetto del Signore tuo Dio, nel luogo che egli avrà scelto come sede del suo nome, la decima del tuo frumento, del tuo mosto, del tuo olio, i primogeniti del tuo bestiame grosso e minuto, perché tu impari a temere sempre il Signore tuo Dio. […] Mangerai davanti al Signore tuo Dio e ti rallegrerai tu e la tua famiglia.

[15] Si vedano anche: Numeri (33, 54) (34, 13) (36, 2) (Giosuè 14, 2). I più volte citati Jenni e Westermann, sostengono che l’assegnazione veniva risorteggiata ogni sette anni.

[16] Cholewinski 1984, p. 165.

[17] Cholewinski (1984, p. 171) annota anche l’interpretazione secondo la quale il giubileo, con la sua lunga periodizzazione (49/50 anni), sia una norma tagliata sulle esigenze di ripristino delle proprietà di un popolo che prevede di uscire dall’esilio.

[18] Si veda anche : Esodo (22, 24) [24]Se tu presti denaro a qualcuno del mio popolo, al povero che è con te, non ti comporterai con lui da usuraio: non gli imporrete alcun interesse; Levitico (25, 35-38) [35]Se il tuo fratello si trova in difficoltà ed è inadempiente con te, aiutalo: egli vivrà con te come ospite e forestiero. [36]Non prenderai da lui denaro per interesse o profitto, ma temi il tuo Dio e fa’ vivere il tuo fratello presso di te. [37]Non gli presterai il tuo denaro per ricavarne interesse, né gli darai il tuo cibo a usura. [38]Io sono il Signore Dio vostro, che vi ho fatto uscire dalla terra d’Egitto, per darvi la terra di Canaan, per essere il vostro Dio.

[19] Oltre a neshèk si può trovare: tarbìt.

[20] Si veda, oltre al già considerato Neemia (5, 6-13) anche: Deuteronomio (23, 20); Levitico (25, 36-38); Proverbi (28, 8); Ezechiele (18, 13)  (18, 17) e (22, 12); Abacuc (2, 6-8).

[21] In effetti il termine kasaph, come tale, non esiste nella Bibbia: si trovano solo alcune forme coniugate che derivano da questa radice. In Giobbe (14, 15) e nel Salmo (17, 12) si trova una terza persona maschile che si traduce: desiderò. Un’altra occorrenza si può trovare in Sofonia. Nel significato di languire per desiderio si trova in Genesi (31, 30)  riferito a Giacobbe [30]Certo, tu te ne sei andato perché avevi una grande nostalgia della casa di tuo padre…

[22] Questa parola, esistente solo nel Nuovo Testamento, richiama il termine aramaico, mamon, in greco: mamonas, derivata dalla radice aman, la stessa di amen e indica il denaro, ricchezza, ma nel senso di ricchezza ingiusta, guadagnata con mezzi illeciti.

La politica-struttura e il complesso militar-industriale del terzo millennio

Pubblichiamo un capitolo intitolato “La politica-struttura e il complesso militar-industriale del terzo millennio”, del nuovo libro che uscirà a fine gennaio 2020 e il cui titolo è “Politica-struttura, espressione concentrata dell’economia” scritto da Alessandro Pascale, Daniele Burgio, Massimo Leoni e Roberto Sidoli.

Buona lettura.

 

La politica-struttura e il complesso militar-industriale del terzo millennio.

 

Il complesso militar-industriale costituisce e rappresenta un caso esemplare di politica-struttura, ossia di simbiosi tra la sfera politica e quella economica e di “espressione concentrata dell’economia” (Lenin, 1921).

Coma ha evidenziato di recente in modo lucido e concreto lo studioso russo Ruslan Khubiev, in questa particolare materia “il bilancio della difesa degli Stati Uniti è pubblico solo in termini di cifre totali, mentre i dettagli delle spese sono un segreto di stato. Questa informazione è classificata non solo per il pubblico, ma anche per i membri del Congresso, perciò è quasi impossibile calcolare il grado di efficienza delle enormi cifre che il complesso militare-industriale americano e il suo settore commerciale spendono da decenni.

Nei primi 10 anni di egemonia americana (dal 1991 al 2001) un quarto dell’apparato burocratico di comando e di controllo dell’esercito si era trasformato in un mostro di corruzione. Il giorno prima degli attacchi dell’11 settembre, il segretario alla Difesa americano Donald Rumsfeld aveva dichiarato davanti al Congresso che i revisori dei conti militari non erano in grado di determinare dove fosse stato speso il 25% del bilancio americano della difesa. Solo la successiva isteria sulla necessità di “non badare a spese” per la “lotta al terrorismo” aveva fatto passare in secondo piano questo problema.

I secondi dieci anni di egemonia americana (dal 2001 al 2011) erano stati caratterizzati dalla politica delle invasioni americane e, in questa situazione, vi era stato un aumento ancora maggiore del livello di corruzione. Dal rapporto dell’ispettore speciale per la ricostruzione dell’Iraq, Stuart Boven, risulta che il Pentagono aveva acquistato da aziende americane dei normali interruttori elettrici (del valore di 7,5 dollari) al prezzo di 900 dollari cadauno, tubi per fognature a 57 volte il loro effettivo valore e, per un solo contratto di lavaggio uniformi, l’esercito aveva pagato 13 miliardi di dollari.

Tutto questo era stato presentato come spesa per “la ricostruzione dell’Iraq,” mentre, in pratica, il Pentagono aveva regalato assegni maggiorati alle succursali delle multinazionali statunitensi, riciclato fondi neri e legalizzato dollari appena stampati dalla Federal Reserve .

Attualmente, la situazione è ulteriormente peggiorata; la prima audizione esterna del Pentagono, avviata da Trump nel 2018, è miseramente fallita, ma la Commissione ha concluso che l’incapacità del dipartimento di riferire sulle proprie spese non dovrebbe influire sul suo finanziamento, perchè, testuali parole, “un’organizzazione che vale 2,7 trilioni di dollari ha un ruolo troppo importante nel sostegno dell’economia americana.”

Come, ad esempio, se da un sistema di distribuzione idrica che perde, dovendo comunque  far uscire dell’acqua, si preferisse aumentare la pressione del sistema invece di rattoppare i buchi. Sotto Trump, il sistema corrotto del Pentagono è stato nuovamente inondato di denaro, con un aumento del budget ministeriale del 15% dal 2017 al 2019 e del 5% entro il 2020. Non è un caso che il volume delle vendite di armi e servizi per l’esercito da parte delle principali 42 aziende statunitensi sia aumentato nello stesso periodo, arrivando a 226,6 miliardi di dollari nel 2019 e che cinque delle più grandi multinazionali statunitensi abbiano beneficiato del continuo aumento della spesa.

 

Sapendo questo, non sorprende che il Pentagono spenda circa 20 miliardi di dollari l’anno solo per i condizionatori d’aria in Afghanistan e in Iraq, perché, a quanto pare, in un sistema di corruzione generalizzata, si tratta di pagamenti indebiti assolutamente trascurabili.

Il problema chiave del complesso militare-industriale americano, a differenza di quello russo, è lo squilibrio tra gli interessi delle società private e il sistema di distribuzione degli ordinativi. In Russia, i principali appaltatori dell’esercito sono gli uffici di progettazione statale e gli istituti di ricerca, mentre in America questo ruolo viene svolto dalle strutture commerciali.

Di conseguenza, l’obiettivo principale delle aziende nella costruzione dei velivoli F-35 o dei cacciatorpediniere di classe Zumwalt non è renderli conformi ai requisiti tecnici, ma aumentarne i costi e quindi i profitti. Cioè, non assolvere un compito specifico, ma imporre al cliente l’opzione più costosa.

In parole povere, i sistemi d’arma  in Occidente sono progettati al contrario: prima si mettono insieme i sistemi tecnologicamente più recenti, più costosi e non verificati e, solo in un secondo tempo, si inventa per loro un compito da assolvere. Più costoso è il risultato e più tempo ci vuole per padroneggiare una certa tecnologia, meglio è per le aziende manifatturiere. L’unica limitazione sono le loro capacità pubblicitarie e lobbistiche.

Ad esempio la creazione di una nuova struttura della forza spaziale, iniziata nel 2019 negli Stati Uniti, è stata una decisione dovuta non a particolari necessità dell’esercito, ma al lobbismo su larga scala. Le multinazionali volevano semplicemente acquisire un nuovo cliente per “le armi del futuro”.[1]

Affari.

Commesse statali più che lucrose per le multinazionali private.

Soldi e poteri politici statali interconnessi tra loro.

Politica-struttura, dunque.

Il bilancio militare complessivo degli USA risultava pari a 725,4 miliardi di dollari e a circa il 4 percento dell’intero prodotto interno lordo americano. Quindi la sfera politica statunitense controlla anche ai giorni nostri, e sempre a vantaggio delle aziende private e dei politici corrotti, una massa enorme di risorse materiali costituendo un potentissimo complesso militar-industriale (Eisenhower, gennaio 1961), di matrice allo stesso tempo politica ed economica; una forma ipermoderna di simbiosi e collusione, più o meno diretta, tra apparati statali e monopoli privati, un nucleo formidabile di politica-struttura e un’“espressione concentrata dell’economia”, per usare la categoria teorica elaborata dal geniale Lenin ancora nel gennaio del 1921.

 

[1] R. Khubiev, “I motivi per cui il complesso militar-industriale russo è più efficiente di quello americano”, in stalkerzone.org

La politica-struttura e il “keynesismo militare” dal 1947 al 1991

Pubblichiamo un capitolo intitolato “La politica-struttura e il “keynesismo militare” dal 1947 al 1991”, del nuovo libro che uscirà a fine gennaio 2020 e il cui titolo è “Politica-struttura, espressione concentrata dell’economia” scritto da Alessandro Pascale, Daniele Burgio, Massimo Leoni e Roberto Sidoli.
Buona lettura.

 

La politica-struttura e il “keynesismo militare” dal 1947 al 1991.

 

La categoria teorica di politica-struttura indica che proprio la sfera politica risulta, almeno in parte, strettamente legata e ben connessa con l’economia e con la “struttura” intesa in senso marxiano, rappresentando quindi una forma superiore di “espressione concentrata dell’economia” (Lenin, 1921).

A sostegno di tale tesi prendiamo in esame l’esperienza concreta degli Stati Uniti, “presunti liberisti” e “presunti antistatalisti”, dal 1945 fino al 1990 attraverso l’esame della genesi del moderno complesso militar-industriale e del cosiddetto “keynesismo militare”.

A tal proposito Giacomo Gabellini ha notato acutamente che “verso la fine della Seconda Guerra Mondiale, divenne palese agli occhi degli strateghi Usa che le necessità connesse alla conduzione del conflitto avevano assorbito una quota ragguardevolissima della forza lavoro statunitense, e che all’interno di gran parte delle fabbriche operanti in settori civili la produzione era stata orientata a sostegno dello sforzo bellico. Era quindi chiaro che una riconversione dell’economia al tempo di pace avrebbe prodotto un impatto fortissimo sull’occupazione e sull’andamento dell’economia nazionale.

La dimostrazione empirica di ciò la si ebbe nell’immediato dopoguerra, quando la smobilitazione e la contestuale sospensione delle commesse militari fecero aumentare il tasso di disoccupazione del 130% nell’arco di un biennio, deprimendo allo stesso tempo l’indice di produzione dal picco dei 212 punti registrato in corrispondenza del culmine dello sforzo bellico ai 170 punti rilevati del 1948. Nel primo trimestre del 1950, i capitali d’investimento rappresentavano appena l’11% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mentre le esportazioni diminuirono del 25% tra il marzo del 1949 e il marzo del 1950. Di fronte al precipitare della situazione, l’amministrazione Truman decise di incaricare alcuni esperti del Dipartimento di Stato di elaborare un piano strategico in grado di rilanciare il Paese.

Le conclusioni a cui il gruppo, guidato dall’ex banchiere della Dillon, Read & Co. Paul H. Nitze, giunte dopo un anno di studio furono condensate nel National Security Council report 68 (Nsc-68), un documento che coniugava le necessità economiche alle aspirazioni egemoniche degli Stati Uniti, individuando in una sorta di “riarmo permanente” la chiave di volta per far ripartire l’economia.

Nell’ottica dei redattori del Nsc-68, la prosperità economica statunitense dipendeva dal mantenimento di quel “keynesismo militare” (espressione coniata dall’economista polacco Michał Kalecki) grazie al quale era stata superata la Grande Depressione: «gli Stati Uniti potrebbero realizzare un aumento sostanziale della produzione e incrementare in tal modo l’assegnazione di risorse allo scopo di accumulare forza economica e militare per sé e per i propri alleati senza subire un calo reale nello standard di vita […]. Con un alto livello di attività economica, gli Usa potrebbero presto ottenere un Pil di 300 miliardi di dollari […]. I progressi in questa direzione avrebbero lo scopo di permettere un accumulo di forza economica e militare degli Stati Uniti e del mondo libero […]. Inoltre, se viene raggiunta una espansione dinamica dell’economia, il necessario accumulo potrebbe essere realizzato senza una diminuzione degli standard di vita, perché le risorse necessarie potrebbero essere ottenute con una parte dell’incremento annuo del Pil».

Ma per convincere l’opinione pubblica a sostenere un simile sforzo occorreva estremizzare il processo di demonizzazione dell’Unione Sovietica, dipingendola come un nemico irriducibile che, «a differenza degli aspiranti all’egemonia del passato […], è animato da un fanatismo profondamente ostile nei nostri confronti […] e dall’ossessione di imporre la sua brutale autorità sul resto del mondo» . Si trattava, in altre parole, di porre fortemente l’accento sulla contrapposizione tra «l’idea di libertà garantita da un sistema di leggi e l’idea di schiavitù imposta dall’oligarchia del Cremlino» . Ciò in ragione del fatto che «la rapida costruzione di un potente apparato politico, economico e militare […] rappresenta l’unica strada coerente con il percorso intrapreso verso il raggiungimento del nostro obiettivo fondamentale. La disarticolazione del disegno del Cremlino richiede che il mondo libero sviluppi un sistema politico-economico efficiente e adotti una vigorosa strategia offensiva contro l’Unione Sovietica. Quest’ultima, di conseguenza, sarà costretta ad innalzare un adeguato scudo militare con cui difendersi».

Oltre a richiedere una risposta di tipo più militare che politico alla presunta minaccia comunista, il Nsc-68 offriva una raffigurazione ancora più irrealistica dell’Unione Sovietica rispetto a quella delineata da George Kennan nei suoi memorandum. L’Urss veniva infatti ritenuta in grado di «invadere l’Europa occidentale con le possibili eccezioni della Scandinavia e della penisola iberica, di dirigersi verso le aree petrolifere del Vicino e Medio Oriente e consolidare le posizioni comuniste in Estremo Oriente; di lanciare sortite aeree contro le isole britanniche e attacchi aeronavali contro le linee di comunicazione delle potenze occidentali nell’Atlantico e nel Pacifico; di attaccare con armi atomiche obiettivi sensibili situati anche in Alaska, Canada e nell’entroterra degli Stati Uniti. In alternativa, tale capacità, combinata ad altre azioni offensive, potrebbe precludere agli alleati la possibilità di impiegare la Gran Bretagna come base effettiva per le proprie operazioni. Allo stesso tempo, è possibile che l’Unione Sovietica si tuteli dalla possibilità che gli alleati perpetrino una operazione anfibia analoga allo sbarco in Normandia rivolta a sospingere l’Armata Rossa all’interno dell’Europa continentale».

Non tennero conto, i redattori del Nsc-68, delle devastazioni patite dall’Urss durante la guerra, né del processo di smobilitazione militare che Mosca stava portando avanti, né del fatto che Stalin avesse duramente represso le compagini trockijste intenzionate ad “esportare la rivoluzione”. L’assistente del Dipartimento del Tesoro Willard Thorp e il revisore del bilancio William Schaub misero infatti in radicale discussione il contenuto allarmistico del documento, sostenendo che il divario militare tra Usa ed Urss stesse allargandosi e non riducendosi e che Mosca stesse destinando una quota crescente degli investimenti alla ricostruzione. Altri misero in rilievo che la messa a punto della bomba atomica rappresentava, dal punto di vista del Cremlino, l’unica via percorribile per attuare quel ribilanciamento strategico necessario a sventare la minaccia di annientamento rappresentata dall’arsenale nucleare Usa e difendere allo stesso tempo le posizioni acquisite a Teheran e Jalta.

Ma nonostante i rilievi critici, l’amministrazione Truman decise, dietro il forte impulso di Acheson ed Harriman, di conformare immediatamente il proprio operato alle direttive esposte nel documento preparato dalla squadra di Nitze. Fu quindi organizzata una gigantesca campagna propagandistica di cui la crociata anti-comunista portata avanti dal senatore repubblicano del Wisconsin Joseph McCarthy costituì punta di lancia. La “caccia alle streghe” condotta da McCarthy con il sostegno del potentissimo direttore dell’Fbi J. Edgar Hoover andò rapidamente a consolidare, nell’immaginario collettivo Usa, la raffigurazione ingannevole dell’Unione Sovietica come nemico mortale degli Stati Uniti, al punto che ancora oggi, come rileva Sergio Romano, «esiste nella società politica americana un partito trasversale per cui la Russia è sempre un potenziale nemico. E […] questo partito è particolarmente forte nelle due istituzioni (il Dipartimento di Stato e il Pentagono) da cui dipende in ultima analisi la gestione quotidiana della politica estera degli Stati Uniti».

In tali condizioni, il governo non ebbe alcun problema a realizzare il potenziamento dell’apparato bellico raccomandato dal Nsc-68, che nella fattispecie si materializzò sotto forma di aumento delle spese militari dai 13 miliardi di dollari del 1949 ai 60 miliardi del 1953 (un incremento del 400%). Una simile crescita del bilancio della difesa non poteva essere finanziato soltanto tramite un forte aumento delle tasse a carico dei contribuenti. Il presidente John F. Kennedy lo rese noto con grande candore in un discorso del febbraio 1961, durante il quale riconobbe che il deficit della bilancia dei pagamenti Usa era cresciuto di 18,1 miliardi di dollari tra il gennaio del 1951 e la fine del 1960, ma le riserve auree, lungi dal diminuire correlativamente, erano calate da 22,8 a 17,5 miliardi di dollari. Una sproporzione di non poco conto, la cui origine fu puntualmente rilevata da Jacques Rueff, il celebre economista francese e principale consigliere economico del generale Charles De Gaulle: «nel periodo considerato, le banche di emissione dei Paesi creditori avevano creato, come contropartita dei dollari loro dovuti per i deficit statunitensi, le monete nazionali a pagare i titolari di crediti nei confronti degli Stati Uniti, mentre avevano ricollocato circa i due terzi di quegli stessi dollari sul mercato statunitense. In tal modo, tra l’inizio del 1951 e la fine del 1960, avevano aumentato di circa 13 miliardi l’importo delle loro attività estere in dollari. Perciò, a concorrenza di questo importo, il deficit della bilancia dei pagamenti Usa non aveva portato ad alcun regolamento all’estero. Tutto è passato, sul versante monetario, come se non fosse mai esistito».

Ecco spiegato, in parole povere, l‘inghippo che consentì a Truman di sostenere il colossale piano di riarmo necessario a rilanciare l’immagine degli Stati Uniti come “arsenale della democrazia” tratteggiata a suo tempo da Franklin D. Roosevelt senza dissestare le finanze pubbliche. A beneficiarne fu soprattutto una serie di grandi imprese operanti nel settore bellico (essenzialmente Raytheon, General Dynamics, Lockheed Co., Northrop Co., McDonnel-Douglas, United Aircraft, North American Aviation, Ling-Temco-Vought, Boeing e Grumman Aircraft), attorno a cui cominciò a svilupparsi rapidamente un vero e proprio tessuto produttivo composto da centinaia di società minori – attualmente, questo comparto annovera circa 100.000 aziende che impiegano quasi 4 milioni di lavoratori.

L’aspetto più incisivo della vicenda è tuttavia dato dal fatto che la produzione bellica non rappresenta un blocco omogeneo perfettamente distinguibile dal resto delle attività economiche, giacché settori come l’industria elettronica, chimica, automobilistica, informatica e delle telecomunicazioni presentano un carattere per così dire “misto”, sia civile che militare, che rende le varie Ibm, General Electric, AT&T e Monsanto assimilabili o quantomeno integrabili al complesso militar-industriale. Ciò ha concorso a modellare la natura del rapporto instauratosi tra il Pentagono e il complesso militar-industriale; un rapporto che, in nome della necessità di accentrare la direzione strategica dell’apparato tecnico-produttivo, si decise di disciplinare attraverso contratti negoziati anziché mediante offerte di tipo concorrenziale.

A ciò va sommato il fatto che «le maggiori ditte che producono beni militari sono quasi tutte imprese di proprietà privata. Ma il controllo deve essere distinto dalla proprietà. I dirigenti delle società industriali per azioni non possiedono le risorse delle loro ditte; ne hanno solo il controllo. Le ditte dell’industria militare, formalmente private, operano per conto di un cliente unico, senza che ci siano altri clienti potenziali in vista. Questa dipendenza per le vendite rafforza il sistema diretto di controllo della direzione centrale sulle ditte affiliate […]. L’idea del carattere privato delle ditte produttrici di beni militari è una finzione accuratamente intrattenuta che corrisponde ai diritti legali di proprietà, ma non alla realtà del controllo direzionale primario che si esercita a partire dal Pentagono, [tramite anche] la proprietà diretta delle attrezzature produttive essenziali adoperate da alcuni dei maggiori fornitori di prodotti militari» . Non a caso, gli autori del Nsc-68 erano convinti non solo che per conseguire una solida e duratura crescita economica occorresse perpetuare il keynesismo militare adottato in tempo di guerra, ma anche che il sostegno all’industria bellica, incline per sua natura a puntare sull’innovazione, avrebbe assicurato agli Stati Uniti uno sviluppo tecnologico che nessun altro Paese sarebbe stato in grado di eguagliare”.[1]

Denaro e potere politico.

Appalti lucrosi e apparati statali.

Profitti giganteschi per le multinazionali USA e collusione tra grandi imprese, politici e alte gerarchie militari.

La politica-struttura, in altri termini; “l’espressione concentrata dell’economia”.

 

[1] G. Gabellini, “Le origini della Guerra Fredda e la nascita del complesso militar-industriale”, in http://www.sinistrainrete.info

“1776-1787 – LE LOTTE DI CLASSE NEI NEONATI USA”.

Pubblichiamo il contributo di Alessandro Pascale al libro collettivo intitolato “Politica-struttura, espressione concentrata dell’economia”: il suo saggio ha per titolo “1776-1787 – LE LOTTE DI CLASSE NEI NEONATI USA”.

 

 

1776-1787 – LE LOTTE DI CLASSE NEI NEONATI USA

 

 

Approfondendo la storia meno nota e nobile degli Stati Uniti, si può constatare come i settori economicamente più influenti e potenti abbiano sempre cercato di garantirsi il controllo del potere politico al fine di tutelare i propri interessi. Si possono in tal senso ricordare alcuni episodi significativi.

La Dichiarazione d’Indipendenza degli USA del 1776, redatta principalmente da Jefferson, è un manifesto antifeudale e antimonarchico, che esalta le libertà repubblicane e democratico-borghesi. Nonostante le ripetute flessioni su un giusnaturalismo di stampo “divino”, con Dio garante dei diritti naturali, l’opera appare particolarmente progressiva dato che pone tra tali diritti non la “proprietà”, bensì il «perseguimento della felicità». Ciononostante il documento rivendica significativamente una serie di istanze tipicamente borghesi, tra cui in particolar modo la libertà di commercio, contro ogni forma di limitazione commerciale imposta dagli inglesi.

La proclamazione formale dei diritti naturali e dell’uguaglianza degli uomini non riguarda inoltre né gli schiavi neri né tanto meno gli indiani pellerossa, descritti come «crudeli selvaggi». Nel progetto primitivo redatto da Jefferson, la Dichiarazione conteneva in realtà una decisa condanna della schiavitù e del commercio degli schiavi, «in quanto guerra crudele contro la stessa natura umana», arrivando perfino ad accusare il «tiranno» Giorgio III d’incoraggiare lo schiavismo nelle colonie. È significativo del potere e dell’influenza dell’ala destra reazionaria della borghesia il fatto che

«il paragrafo sulla condanna dello schiavismo venisse cancellato su richiesta dei proprietari di schiavi della Carolina del sud e della Georgia, che posero questa cancellazione come condizione per la loro partecipazione alla guerra contro l’Inghilterra. La loro richiesta fu appoggiata dai mercanti settentrionali e dagli armatori, che traevano profitto dal commercio dei negri. Dopo la fine della guerra d’indipendenza il commercio degli schiavi riprese con forza e nella caccia al guadagno gli schiavisti americani superarono di molto quelli inglesi».

Negli anni della guerra contro gli inglesi la borghesia è tutto sommato costretta a fare molte concessioni alle correnti rivoluzionarie della sinistra whig. Tra le varie misure progressive del periodo si può ricordare il ripristino del suffragio universale maschile (seppur riservato sostanzialmente ai bianchi) che minaccia strutturalmente di indebolire l’influenza politica e di rimettere in discussione l’istituzione della schiavitù, determinante per i profitti di poche migliaia di latifondisti, oltre che per i commercianti del nord-est.

Due fatti squisitamente politici mostrano la consapevolezza della borghesia e della plantocrazia di sottrarre all’ala sinistra dei whigs le leve del potere politico.

Il primo è la rinnovata proposta avanzata da Jefferson nel 1784 di eliminare ovunque lo schiavismo. Essa viene bocciata dal Congresso per un solo voto: una maggioranza assai risicata che testimonia l’incertezza e i fragili equilibri interni del nuovo regime, con un potere economico non totalitario, seppur già rafforzato dalla guerra ed egemone negli indirizzi di politica interna. Certo, la pace con l’Inghilterra è stata siglata da soltanto un anno e molti hanno ancora timore che le ostilità possano riprendere da un momento all’altro, ma è evidente che non pesino solo considerazioni di politica estera e di sicurezza interna nella decisione di molti dei delegati congressuali.

Il secondo punto squisitamente politico riguarda la politica economica da intraprendere nei primi anni di costruzione statale. Se la guerra aveva permesso ad alcuni di arricchirsi, per i più aveva comportato un ingente indebitamento popolare, aggravato dal peso di una fiscalità elevata. A partire dal 1786 in diversi Stati vengono prese misure che consentono l’aumento dell’inflazione per diminuire il peso dei debiti, che hanno come conseguenza indiretta “l’impoverimento relativo” dei ceti più benestanti. Una politica monetaria improntata ad un’elevata inflazione tende infatti a relativizzare i grandi patrimoni, in un contesto di policentrismo produttivo garantito dalla diffusione della piccola proprietà terriera. Siamo ancora ben lungi dai monopoli, in cui i ceti medio-piccoli possono ancora far sentire la propria voce. Laddove le classi borghesi riescono dispongono di una maggiore rappresentanza politica riescono a bloccare tali misure, cercando di far pagare l’aggiustamento dei bilanci alle classi popolari. Ne consegue la rivolta dei farmers, che rivendicano peraltro la necessità di una riforma agraria:

«I farmers poveri, ridotti alla disperazione, decisero allora di prendere le armi. Nell’autunno del 1786 i rivoltosi occuparono gli edifici dei tribunali per bloccare la riscossione dei debiti e delle tasse e per distruggere gli atti di vendita per debiti dei fondi dei farmers. Essi aprirono le porte delle prigioni e liberarono quanti vi languivano per colpa dei loro debiti. Lamentando che la disuguaglianza fosse maggiore che non prima della rivoluzione, essi scacciavano i ricchi dalle loro lussuose dimore e chiedevano la “legge agraria”, cioè una redistribuzione delle terre. Anche i rapporti di proprietà furono considerati da un nuovo punto di vista. “La proprietà degli Stati Uniti – diceva un capo della rivolta – è stata difesa contro la Gran Bretagna dagli sforzi riuniti di tutti; essa deve diventare perciò patrimonio comune; coloro che vi si oppongono sono nemici dell’eguaglianza e devono essere cancellati dalla faccia della terra”».

Leader della protesta è un eroe della guerra di liberazione, il capitano Daniel Shays, alla testa di 15 mila rivoltosi armati che dopo aver occupato alcune cittadine, nello scontro decisivo vengono sconfitti dall’esercito. Per Jefferson la rivolta è una «tempesta purificatrice», ma tale successione di episodi, che minacciano di far degenerare la repubblica verso un’affermazione di diritti sociali sempre più avanzati, conduce la borghesia, spaventata dalla minaccia posta alla proprietà, all’alleanza politica con i grandi latifondisti. Il nuovo blocco sociale si concretizza politicamente a Filadelfia nel 1787, nell’ambito dei lavori della Convenzione costituzionale. In tale sede avviene un vero e proprio colpo di Stato, in quanto viene votata una nuova costituzione senza che l’assemblea ne abbia i poteri:

«La revisione degli Articoli della confederazione [allusione ai contenuti della 1° Costituzione federale del 1777, ndr] senza il previo consenso delle assemblee legislative di tutti i 13 Stati era vietata. Nel decreto del Congresso sulla convocazione di una costituente e nelle istruzioni per i rappresentanti degli Stati era prevista solo l’approvazione di singoli emendamenti alla costituzione in vigore, allo scopo di favorire i rapporti con l’estero e l’allargamento del mercato interno. La Convenzione votò invece, pur non avendone i poteri, una nuova costituzione. I lavori si svolsero nell’atmosfera di reazione formatasi dopo la repressione della rivolta».

È altamente sintomatico che le sedute si svolgano a porte chiuse, senza rappresentanti della sinistra radicale, con la sola eccezione dell’ormai ottantenne Franklin. In cosa consiste la svolta reazionaria, il «carattere conservatore della costituzione»? L’assemblea reintroduce il suffragio censitario, garantendo il diritto di voto a 120 mila cittadini su 3 milioni. Vengono conferiti ampi poteri al governo federale, tanto da rendere i poteri del presidente superiori a quelli del re inglese. Vengono infine fatte concessioni ai proprietari di schiavi:

«L’organo legislativo, il Congresso (Senato e Camera dei rappresentanti), aveva il potere d’imporre tasse, di disporre delle terre nazionalizzate nel nord-ovest, di mantenere un esercito ed una flotta, di regolamentare il commercio, di coniare monete e di richiedere prestiti all’estero. Al presidente, eletto non in maniera diretta, ma da un collegio di elettori, furono concessi poteri che superavano di gran lunga quelli del re inglese. Egli aveva il diritto di veto sui decreti legislativi, tranne il caso in cui la legge fosse stata approvata dai due terzi dei membri delle due camere. Il presidente era il comandante supremo dell’esercito e della flotta, designava a vita, con successiva ratificazione del Senato, i membri della Corte Suprema, i ministri e gli ambasciatori. Il carattere conservatore della costituzione si rafforzò ulteriormente in seguito, quando la Corte Suprema si attribuì il diritto d’interpretazione della costituzione, cioè il diritto di riconoscere incostituzionale una qualsiasi legge. I redattori della costituzione si erano ispirati all’idea di Montesquieu sulla “divisione e l’equilibrio dei poteri”. Tuttavia essi concessero al presidente, insieme al Senato ed alla Corte Suprema, la supremazia sulla Camera dei rappresentanti, sebbene questa dovesse impersonare la nazione. Il presidente veniva eletto per quattro anni col diritto ad essere rieletto una seconda volta; il Senato veniva rinnovato per un terzo ogni due anni, la Camera dei rappresentanti doveva essere rieletta ogni due anni. Le concessioni fatte ai proprietari di schiavi permisero agli Stati del sud d’inviare al Congresso un numero di rappresentanti proporzionato al numero degli abitanti compresi gli schiavi. In tal modo la cosiddetta “Seconda costituzione”, approvata dalla Convenzione il 17 settembre del 1787, restringeva di fatto la sovranità del popolo, poiché non includeva alcuna determinazione nella garanzia delle libertà democratico-borghesi, sebbene simili garanzie esistessero in tutte le costituzioni degli Stati».

La Costituzione non può entrare in vigore senza la ratifica dei singoli Stati. Solo in cinque di questi la validazione avviene senza problemi. Negli altri otto il dibattito è infuocato e si trasforma in un conflitto politico e giuridico che cela un conflitto di classe. Alla fine essa viene approvata, a fatica, quasi ovunque, e solo al blando prezzo della concessione di un parallelo Bill of rights teso a garantire i diritti civili e statali, al fine di placare una rivolta generalizzata:

«Nei maggiori Stati la costituzione fu ratificata con una maggioranza minima: nella Virginia con 89 voti contro 79, nel Massachusetts con 187 contro 168, nel New York con 30 contro 27. Nel Maryland il popolo con le armi in pugno rivendicò il diritto di tutti di prendere parte alle elezioni della Convenzione. In Pennsylvania, dopo la ratifica della costituzione, i dimostranti diedero alle fiamme il suo testo e raccolsero varie migliaia di firme per una petizione sul rifiuto della costituzione stessa. Il Rhode Island la respinse con un referendum e non prese parte all’elezione del primo Congresso, rientrando nell’unione soltanto nel 1790. A New York il giorno della proclamazione dell’indipendenza, il 4 luglio, il testo della nuova costituzione fu bruciato di fronte ad una numerosa folla. Nella maggior parte degli Stati la costituzione fu ratificata soltanto a condizione che fosse introdotto un Bill of rights. Questo Bill of rights fu approvato e ratificato dal Congresso nel 1789-1791. Esso garantiva la libertà di parola, di stampa, di associazione e personale, affermava il diritto di presentare petizioni e di porto d’armi; introduceva tribunali basati su giurie, e la separazione della Chiesa dallo Stato. Garantiva la sovranità degli Stati e negava l’esercito permanente».

In tal modo le classi economicamente più potenti riescono ad imporre rapporti politici più avanzati a proprio vantaggio, creando un’impalcatura istituzionale tale da rendere assai difficile l’attacco alle proprie sacre proprietà.

Perfino la questione agraria, che era stata a fondamento della mobilitazione politica e patriottica dei farmers, non viene risolta organicamente nell’ambito costituzionale o di una redistribuzione generalizzata al popolo, ma con singoli provvedimenti ad hoc tesi a dividere il movimento contadino e smussarne la pericolosità politica, trattando la questione nell’ambito del diritto borghese, in base al principio per cui la terra non sia un diritto, ma vada comprata. Nel 1785 una legge permette l’acquisto a basso prezzo di grandi appezzamenti dal fondo terriero nazionalizzato. Nel 1787 avviene la nazionalizzazione delle terre nord-occidentali:

«Lenin, nella sua lettera a Skworzow-Stepanov, considerava la nazionalizzazione della terra la base economica della via americana del capitalismo. La mancanza della proprietà privata in una parte degli USA fu in seguito l’elemento che assicurò un vasto e rapido sviluppo del capitalismo, creando le condizioni per l’apparizione della proprietà privata sulla terra su una nuova base, una base capitalistica».

In generale la politica seguita dai primi governi statunitensi tende a eliminare i residui del feudalesimo lasciati dall’amministrazione inglese, con la vistosa eccezione però degli Stati del Sud, in cui la schiavitù resta istituzione tutelata e protetta politicamente fino all’emancipazione proclamata da Lincoln (1863), nell’ambito dello scontro conclusosi con la guerra civile che, in un paese molto più progredito industrialmente, sancisce la definitiva affermazione politica della borghesia moderna, la quale peraltro non esiterà, una volta riuscita a porre propri uomini di fiducia nei vertici istituzionali nel periodo della “ricostruzione”, a fare ampie concessioni allo stesso blocco latifondista del Sud. Si veda ad esempio il ruolo struttural-politico delle leggi segregazioniste, che impediranno nei fatti per un ulteriore secolo l’affermazione dei diritti politici per le masse di colore.[1]

In conclusione possiamo constatare come anche alle origini della storia statunitense sia presente un forte intreccio tra la politica e una struttura economica capitalistica emergente; un intreccio conflittuale e incerto, che pure vede il prevalere delle classi economicamente più potenti, talmente consapevoli dell’importanza strutturale della politica da riuscire ad imporre al popolo statunitense un modello istituzionale tale da garantirsi un sempre maggiore controllo legislativo. La quasi totalità delle lotte partitiche successive verterà non tanto sull’adesione a tale modello, rimasto nei fondamentali intoccabile, quanto piuttosto sulla valutazione di accelerare o rallentare temporaneamente gli interessi e il potere della grande borghesia, la quale già alla metà del XIX secolo favorirà l’avvio di una politica estera di potenza “imperiale” che attraverso varie tappe l’hanno portata ad occupare o ad influenzare in maniera determinante tutti i gangli vitali delle istituzioni politiche statali e i principali indirizzi di politica estera ed economica. Quegli stessi indirizzi che Jefferson nella chiusura della Dichiarazione d’Indipendenza riteneva fondamentali per garantire l’esistenza di uno Stato libero e indipendente: «pieno potere di far guerra, concludere pace, contrarre alleanze, stabilire commercio e compilare tutti gli altri atti e le cose che gli stati indipendenti possono a buon diritto fare».

 

Alessandro Pascale

[1]     Fonte primaria per i fatti e le citazioni è Accademia delle Scienze dell’URSS, Storia Universale, vol. V, Edizioni del Calendario, Milano 1967, cap. XXI, pp. 467-495. Tale scritto è tratto dai lavori preparatori del II volume della collana Storia del socialismo e della lotta di classe, curata da La Città del Sole. Il volume, la cui uscita è prevista per il 2020, è dedicato alla storia degli USA e del relativo impero affermatosi nel XX secolo e tuttora rigoglioso, seppur in relativo declino strutturale.

Politica-struttura, espressione concentrata dell’economia

Testo integrale della parte del nuovo libro  “Politica-struttura, espressione concentrata dell’economia” elaborata da Daniele Burgio, Massimo Leoni e Roberto Sidoli

 

 

 

 

Lenin, Rockefeller e la politica-struttura

 

La storia pluridecennale della nazione di regola considerata più liberista e antistatalista, e cioè gli Stati Uniti del periodo 1776-1918, serve a supportare concretamente le splendide e geniali tesi leniniste secondo le quali la politica costituisce “l’espressione concentrata dell’economia” (Lenin 1921, “Ancora sui sindacati”) e che quindi di conseguenza, oltre alle sovrastrutture politiche, si riproduce costantemente anche una “politica-struttura”, una politica rinvigorita con dosi massicce di potenza economica e scelte economiche.

In altri termini l’esperienza concreta degli Stati Uniti dei lunghi decenni compresi tra il 1776 e il 1918, durante l’epoca del presunto “liberismo economico” e dei miliardari “creatisi da soli”, quali ad esempio i celebri Vanderbilt e Rockefeller, si dimostra una sorta di pesantissimo stress-test e una verifica empirica particolarmente impegnativa per la sofisticata ma realistica teoria leninista, in questo settore attualmente quasi sconosciuta e quasi mai utilizzata tra i marxisti, relativa all’importanza costituita per la  sfera produttiva e sui rapporti sociali di produzione e distribuzione dalla politica, da intendersi come politica-struttura ed espressione concreta dell’economia.

Rispetto al preliminare processo di definizione teorico, si è già notato come all’interno della specifica categoria di politica-sovrastruttura, nelle società di classe oppure socialiste, rientrino le teorie, ideologiche e utopie politico-sociali, gli scontri per l’acquisizione o per il mantenimento del potere e del controllo degli apparati statali, l’aspetto strettamente diplomatico e/o militare dei rapporti internazionali tra stati,  oltre alle lotte costituzionali e quelle aventi per oggetto la modifica/conservazione delle modalità di relazioni tra i diversi nuclei di potere e apparati statali.

Per quanto riguarda invece il processo di focalizzazione sulle coordinate della politica-struttura, tale settore della sfera politica, sia delle società classiste che di quelle socialiste, più o meno deformate, riguarda l’azione e la pressione esercitata dai governi e dagli apparati statali sui rapporti sociali di produzione e distribuzione, a partire dalla difesa o attacco alla proprietà privata e/o pubblica.

È già stato ricordato che, almeno per quanto riguarda le formazioni economico-sociali capitalistiche, molti degli anelli più importanti della politica-struttura e della politica-espressione concentrata dell’economia erano stati esposti da Marx, nel ventiquattresimo capitolo del primo volume del Capitale.

La politica-struttura venne intesa infatti da Marx come periodici interventi dei poteri pubblici, del governo e degli apparati statali sulla proprietà pubblica, con l’espropriazione dei produttori autonomi rurali e dei piccoli contadini inglesi dal 1500 al 1815.

Politica-struttura valutata dal geniale pensatore di Treviri anche come creazione e riproduzione del debito pubblico, strumento molto efficace fin dal Quattrocento per la borghesia,  oppure come politica doganale e relazioni commerciali con l’estero di ciascun stato.

Politica-struttura intesa anche come tasse e fisco, “esazioni fiscali” secondo la terminologia marxiana utilizzato nel ventiquattresimo capitolo del Capitale, oltre che in qualità di politica monetaria, tassi d’interesse, ecc.: politica, certo, ma politica economica.

Politica-struttura intesa come il lato strettamente economico e finanziario delle dinamiche internazionali e delle relazioni tra stati, ivi comprese quelle “guerre commerciali” descritte da Marx anche nel suo ventiquattresimo capitolo del primo libro del Capitale, oltre che a “continente” teorico-pratico che si materializza e si concretizza anche nel macrosettore delle infrastrutture (porti, ferrovie, autostrade, sistemi satellitari, ecc.) e negli appalti pubblici indirizzati verso il settore civile e militare, nel secondo caso creando la principale base materiale per quel “complesso militar-industriale” descritto da Eisenhower nel gennaio del 1961.

A questo punto si può passare alla verifica e a un particolare stress-test empirico delle tesi in esame utilizzando un ottimo libro del 2002, scritto dal ricercatore statunitense Kevin Phillips e intitolato “Ricchezza e democrazia. Una storia politica del capitalismo americano”: un testo ben documentato e simultaneamente insospettabile sul piano politico visto che, come ha sottolineato anche Michele Salvati nella sua breve introduzione all’eccellente saggio in oggetto, sicuramente “Phillips non è un radicale, non è un populista di sinistra che ce l’ha con i ricchi per partito preso”.[1]

Primo elemento di riscontro concreto per la teoria della politica-struttura: durante la guerra di indipendenza americana contro il colonialismo britannico, a partire dal 1776 gli approvvigionamenti e gli appalti statali di tipo civile e bellico crearono grandi fortune e ricchezze, assieme alla pirateria appoggiata e legittimata dal nascente governo statunitense e attuata con successo dai “predoni-corsari-capitalisti” della costa orientale degli Stati Uniti.

Phillips attesta che “ancora una volta, la finanza di guerra e le responsabilità degli approvvigionamenti diedero i frutti attesi. A Filadelfia, il beneficiario numero uno fu Robert Morris, inizialmente capo della commissione acquisti del Congresso e poi (dal 1781) sovraintendente alle finanze. Tra 1775 e 1777 quasi un quarto degli appalti concessi da Morris andò alla sua stessa ditta, la Willing and Morris; e il suo portafoglio venne ulteriormente gonfiato dalle predazioni, coordinate in gran parte dal suo socio William Bingham, nominato agente principale del Congresso nei Caraibi. Come vedremo, Morris aveva una partecipazione nella Bank of North America, un istituto di credito formalmente privato ma in realtà quasi pubblico. Tali erano le sue vanterie in campo finanziario che Morris si sarebbe potuto ritenere l’uomo più ricco d’America nel biennio 1782-83. Non è affatto da escludere che abbia messo assieme il primo milione prima dell’armatore Derby. Viene ricordato come «il finanziatore della Rivoluzione», ma uno storico afferma che la verità «è esattamente opposta: fu la Rivoluzione a finanziare Morris».

Un altro importante beneficiario della guerra fu William Duer, fornitore principale del commissariato militare di New York. Poi veniva Jeremiah Wadsworth, capo commissariato per il Connecticut, lo «stato degli approvvigionamenti di guerra» dal 1775 al 1779. Gli storici hanno collocato sia Duer sia Wadsworth in un vero e proprio «network degli acquisti», che operava in collusione con l’ufficio di Morris e che sarebbe tornato a collaborarvi nella gestione della finanza postbellica.

Benché le generazioni successive l’abbiano dipinta in modo assai più nobile, la Rivoluzione americana fu un altro grande intreccio di interesse pubblico e profitto privato; e come nelle guerre contro i francesi, la corsareria avrebbe costituito il business più redditizio in assoluto. I sette anni successivi l’autunno 1775 videro salpare, sotto le insegne degli Stati Uniti o di uno dei tredici stati coloniali, quasi duemila vascelli di tutti i tipi e di tutte le dimensioni, dal bialbero alla fregata”.[2]

Per quanto riguarda invece il secondo livello di controllo dell’“intreccio di interesse pubblico e profitto privato” derivante dalla storia dell’importante città di Boston nel 1783-1813, Phillips rilevò che “l’analisi dei primi registri tributari della città per gli anni 1771, 1780, 1784 e 1790, lo storico delle colonie John Tyler documentò, due secoli dopo, una sostanziale rivoluzione nella composizione della ricchezza bostoniana. Nel 1780 diversi uomini legati alla corsareria e al business delle forniture militari stavano entrando nell’alta società. Nel 1784 erano ormai proiettati verso i massimi livelli. I cinque maggiori contribuenti del 1790 erano, nell’ordine: Thomas Russell, mercante e capitano di nave corsara; John Hancock, mercante, contrabbandiere e capitano di nave corsara; Joseph Barrell, appaltatore di forniture per la flotta francese; Mungo Mackay, distillatore e capitano di nave corsara; e Joseph Russell, mercante e capitano di nave corsara.

Quello di Boston non è certo un caso isolato. Negli anni Novanta del Settecento, i patrimoni derivanti dalla  corsareria e dall’amministra-zione delle finanze governative rappresentavano la principale fonte di ricchezza degli Stati Uniti. Gustavus Myers, in History of the Great American Fortunes, accomunava le fortune derivanti dalla corsareria e le fortune derivanti dall’attività armatoriale perché era impossibile stabilire quanto si guadagnava dalla cattura di un mercantile britannico carico di zucchero nel 1781 e quanto si guadagnava dalla vendita di un carico di caffè, di cotone e di pepe giavanese vent’anni dopo.

Oltre a mostrare un «evidente» sovrapposizione tra la predazione del periodo bellico e la conseguente ricchezza, l’analisi dei primi registri tributari della città di Boston metteva in evidenza il secondo elemento: gli appalti governativi e le ricche forniture di guerra. Thomas Russell, l’uomo più ricco di Boston, era stato anche il fiduciario occulto di Robert Morris, il capo della commissione acquisti del Congresso e l’uomo più ricco di Filadelfia. Joseph Barrell riceveva una provvigione del 5% –  in luigi d’oro (la moneta francese) – sulle forniture acquistate per conto della flotta francese. Altri due super ricchi, posizionati poco al di sotto dei cinque che abbiamo elencato prima, erano Caleb Davis, concessionario di stato per la vendita delle navi catturate e rappresentante su Boston del ministero continentale della Guerra, e John Bradford, concessionario delle prede per la marina continentale. Nathan Appleton, che sarebbe stato uno dei protagonisti dell’industria tessile del Massachusetts, nel 1813 «doveva gran parte della sua ascesa economica e sociale al ruolo di funzionario continentale dei prestiti per il Massachusetts». In sostanza, «gli appalti governativi offrivano un accesso ancora più sicuro alla ricchezza di quanto non facesse la corsareria».[3]

Quindi “appalti governativi” per e nei “liberisti” Stati Uniti del 1776-1815

Terzo test: proprio la guerra di Secessione, che oppose dal 1861 al 1865 il “libero” nord capitalista al sud schiavista degli Stati Uniti, “oltre a costituire un significativo spartiacque economico “fu anche un grande incubatore di imprese e imprenditori. Un gran numero di finanzieri e di imprenditori saliti alla ribalta alla fine del XIX secolo (J.P. Morgan, John D. Rockefeller, Andrew Carnegie, Jay Gould, Marshall Field, Philip Armour, Collis Huntington, e molti altri notabili del business ferroviario) erano giovani benestanti del Nord che avevano evitato il servizio militare, quasi sempre pagando dei sostituti, e avevano utilizzato la guerra per muovere i principali passi sulla scala delle loro future ricchezze. Quasi tutte le fortune già consolidate ebbero ulteriore impulso. Quella di Vanderbilt, già stimata in 15 milioni di dollari nel 1861, aumentò di cinque volte durante la guerra e nel periodo immediatamente successivo, soprattutto grazie ai profitti delle ferrovie; e nel 1877, quando l’audace commodoro morì, valeva l’incredibile somma di 105 milioni di dollari. Ma l’effetto incubazione era ancora più importante”.[4]

Morga, Rockefeller, ecc. avevano dunque “utilizzato la guerra” per creare le basi fondamentali “delle loro future ricchezze”: ancora una volta, viva il “liberismo” statunitense.

Ma non solo: nel 1870, e quindi ancora prima dello scoppio della guerra civile americana, “si contavano a New York City un centinaio di milionari. Alla fine della guerra il loro numero era triplicato. Nel 1863 l’1% dei più ricchi abitanti di Manhattan (seicento famiglie), ingrassato dalla presenza dei nuovi ricchi, deteneva il 61% della ricchezza cittadina, contro il 40% del 1845. I componenti di quella «aristocrazia trasandata» erano particolarmente inclini a circondarsi di servitori in livrea e pasteggiare presso il lussuoso ristorante Delmonico’s, dove il piatto più richiesto era l’anatra farcita ai tartufi. Uno storico ha calcolato che quasi metà del miliardo di dollari intascato dagli appaltatori privati tra 1861 e 1865 andò in profitti. Le espressioni di biasimo di Lincoln richiamavano da vicino le invettive contro i profittatori di guerra pronunciate da Washington ottant’anni prima”.[5]

La quinta verifica empirica è sempre relativa agli Stati Uniti ma avendo per oggetto il periodo “pacifico” del 1865-1888 e il gigantesco processo di accumulazione di ricchezza da parte delle compagnie ferroviarie private (Vanderbilt, ecc.), supportate in ogni modo dagli apparati statali e dai diversi centri concentrici del potere politico americano per lunghi decenni sia attraverso finanziamenti pubblici che enormi concessioni di terre demaniali, come nel celebre caso del Pacific Railroad Act del 1862.

Infatti a partire dal 1860-64 “le compagnie ferroviarie divennero così i primi Golia del sistema economico americano, impossessandosi dei parlamenti e comprando i giudici con la stessa leggerezza con cui attraversavano i fiumi e by-passavano le città e le contee non disposte a «collaborare». La «guerra» scoppiata nel 1869 tra Cornelius Vanderbilt e Jay Gould per il controllo della Erie Railroad, nello stato di New York, si combatté senza esclusione di colpi: giudici corrotti, parlamenti comprati e decine di milioni di dollari in gioco, una posta straordinaria per un’epoca in cui la più grande azienda industriale aveva una capitalizzazione di 1-2 milioni di dollari. A inizio anni Settanta dell’Ottocento, il saccheggio della Union Pacific Railroad attraverso la holding Credit Mobilier fu ancora più redditizio: il gruppo di controllo, guidato dal parlamentare del Massachusetts Oakes Ames, avrebbe intascato 44 milioni di dollari. I profitti derivanti dalla speculazione sulle ferrovie dello stato di New York fecero di Vanderbilt il primo americano che oltrepassò la soglia dei 100 milioni di dollari di patrimonio: era la metà degli anni Settanta.

Fino ai gloriosi anni Sessanta, con le ricche opportunità offerte dalle ferrovie (il panorama andava dai finanziamenti ai profitti senza precedenti, derivanti dalle generose concessioni governative e dalle ripetute emissioni azionarie, ai noli da estorsione e alle astuzie del mercato azionario), i 20 milioni di dollari attribuiti ad Astor nel 1848 costituivano il record assoluto della ricchezza.

È difficile esagerare il peso e l’influenza delle ferrovie. Non più tardi del 1880, come abbiamo visto, 17 compagnie ferroviarie capitalizza-vano almeno 15 milioni di dollari, mentre una sola azienda industriale (la Carnegie Steel) ne capitalizzava almeno 5”.[6]

Passando infine allo stress-test della prima guerra mondiale, vista e vissuta (felicemente) dal punto di vista della politica borghese e del mondo degli affari degli Stati Uniti, per i diciotto mesi e quel sanguinoso biennio 1917-18 che vide l’intervento diretto di Washington nella Grande Guerra Phillips è stato costretto a evidenziare un clamoroso processo di accumulazione capitalista creato mediante soldi pubblici e statali, ammettendo che “l’indice dei titoli di nove aziende specializzate nelle forniture militari aumentò del 311% in diciotto mesi. Stuart Brandes, nella sua ricostruzione storica dei profitti di guerra degli Stati Uniti, parla di profitti volatili e «di giorni convulsi, a Wall Street e nelle borse merci regionali, in cui si fecero delle fortune e talvolta si persero delle fortune. Gli speculatori più abili e fortunati vennero chiamati, se uomini, “warhogs” (porci di guerra), e, se donne, “warsows” (scrofe di guerra)”.

I riformatori sostenevano che la guerra stesse per ristabilire le fortune dei capitalisti che l’era progressista aveva messo sulla difensiva, e gli studiosi che se ne occuparono successivamente catalogarono alcuni esempi clamorosi: più di un miliardo di dollari speso per un aereo da combattimento che non venne mai realizzato, e via dicendo. L’indignazione popolare si attenuò progressivamente insieme ai ricordi di guerra, ma riaffiorò quando il crac del 1929 riportò sotto i riflettori il comportamento delle banche e delle grandi aziende. Nel 1935 la popolare rivista «American Mercury» collocava la guerra al quarto posto tra le «ruberie della repubblica». L’espressione «mercanti di morte» entrò a far parte del lessico comune”.[7]

Dato che gli esempi concreti contenuti nel periodo 1776-1918 potrebbero essere moltiplicati a piacere a partire dalla politica fiscale, per non parlare poi del secolo seguente caratterizzato da quella “privatizzazione dei profitti, socializzazione delle perdite” made in Washington che ha visto finora l’apice nel 2007-2009 con i salvataggi per mano statale dell’intero sistema bancario statunitense, costati migliaia di miliardi di dollari ai contribuenti del paese, crediamo che lo stress-test di matrice americana sopraesposto dimostra anche nel caso limite dei presunti “liberisti-antistatalisti” USA del 1776-1918 la stretta simbiosi, il “tandem” (Salvati) e l’interconnessione dialettica tra politica e affari, tra apparati statali e processi di accumulazione accelerata del capitalismo USA, tra potenza economica e potere politico nella formazione statale americana, confermando dunque la teoria leninista riguardo a una sfera politica da intendersi sia come espressione dell’economia sia come politica-struttura, almeno in un segmento e in una parte molto consistente della sua espressione complessiva e della sua concreta dinamica globale.

Di fronte alla limpida evidenza empirica persino un riformista moderato ma onesto come Michele Salvati ha riconosciuto, nella sua prefazione del 2005 al libro di Phillips, che “molto spesso i ricchi e i politici hanno lavorato in tandem per creare e perpetuare situazioni di privilegio, talora a scapito dell’interesse nazionale, quasi sempre a scapito dei ceti meno prosperi”.

Meno male che il marxismo e il leninismo, fase superiore di sviluppo creativo del primo, ormai erano “superati e invecchiati” …

 

 

 

La “leva di Wallerstein”

 

Un’altra verifica e un ulteriore stress-test riguardo alla teoria della politica-struttura e del fatto che una sezione della sfera politica si rivela costantemente “espressione concentrata dell’economia” consiste nell’esperienza concreta e plurisecolare del capitalismo, la quale dimostra instancabilmente come proprio a fini economici e materiali di classe “il controllo del potere statale (o la sua conquista, quando era necessario) sia stato l’obiettivo strategico fondamentale di tutti i principali attori nella scena politica, lungo l’intero arco del capitalismo” (Wallerstein).[8]

Perché dunque risulta così importante, anche nelle formazioni economico-sociali capitalistiche contemporanee, “occupare” e controllare i gangli fondamentali del potere politico e degli apparati statali?

Perché impossessandosi totalmente/parzialmente dei diversi organi dell’apparato statale, in modo più o meno completo i nuclei politici vittoriosi escludono gli antagonisti dall’accesso al potere direzionale, di controllo e repressivo delle loro formazioni statali, potendo pertanto decidere sugli affari comuni della società in un senso sfavorevole agli interessi politico-materiali dei propri avversari/antagonisti e dei loro mandanti sociali, garantendosi allo stesso tempo una favorevole riproduzione materiale della loro esistenza come soggetto politico e – soprattutto – producendo scelte di priorità almeno particolarmente a vantaggio dei loro più diretti referenti sociali.

Una prima conferma “in negativo” della sovraesposta “teoria dell’occupazione” viene dall’esperienza plurimillenaria vissuta dall’élite economica del popolo ebraico e in particolare dalla sua profonda e costante vulnerabilità, in assenza forzata fino al 1947 di un suo controllo (almeno parziale) sui centri decisivi del potere politico e degli apparati statali delle nazioni nelle quali operava.

«In diversi periodi, nell’antichità, nei secoli bui e nell’Alto Medioevo, nel XVI secolo, gli ebrei avevano avuto commercianti e imprenditori brillanti, spesso di grande successo, ma il potere economico ebraico era estremamente vulnerabile, con ben scarsa tutela sul piano legale. Sia nella cristianità sia nell’islam i patrimoni degli ebrei erano esposti a sequestro arbitrario da un momento all’altro. Si potrebbe dire che l’assalto nazista alle attività ebraiche, tra il 1933 ed il 1939, o le confische di proprietà ebraiche da parte degli stati arabi negli anni 1948-50, sono stati soltanto gli ultimi più radicali di questi attacchi economici contro gli ebrei.»[9]

Il filosionista P. Johnson, ostile ai sacrosanti diritti del popolo palestinese, almeno ha intuito quasi per caso la reale importanza (economica) del controllo diretto-indiretto degli apparati statali per ogni classe e frazione di classe sfruttatrice: ma anche nella nostra epoca post-moderna vi sono innumerevoli segnali in questa direzione, a partire dalla vittoria nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2000 e del 2004 del repubblicano G. W. Bush.

Anche se la differenza reale tra i programmi di quest’ultimo e quelli dei democratici A. Gore e Kerry era inesistente su nodi politici centrali, quali la difesa a oltranza del sistema capitalistico americano o la priorità assoluta attribuita da tutti gli interessati alle esigenze planetarie dell’imperialismo statunitense, il successo riportato dal rampollo della dinastia Bush sui suoi rivali ha consentito per una certa fase la quasi completa affermazione della sfera dei bisogni e dell’opzione politico-materiale di alcune frazioni del monopolio statunitense operanti nel settore energetico e degli armamenti, tanto da consentire allo scrittore statunitense G. Vidal di affermare che “l’ex presidente Bush Senior rappresenta il Carlyle Group: petrolio. L’attuale presidente, George W. Bush, rappresenta la Harken Oil, che ha legami con l’Arabia Saudita. La bellissima Condoleeza Rice è stata per dieci anni una dirigente della Chevron: petrolio. Il ministro della Difesa Rumsfield, Occidental Oil: petrolio. Questi sono i grandi rappresentanti del governo” (Manifesto, dicembre 2002).

Detto in altri termini, tra il 2001 ed il 2008 i mandatari politici delle grandi multinazionali petrolifere e del complesso militare-industriale del paese hanno occupato le posizioni centrali della stanza dei bottoni di Washington, spostando con più decisione che in passato il baricentro politico dell’imperialismo USA a sostegno di posizioni iperaggressive rispetto ad aree “calde” ed importanti del pianeta quali l’Asia centrale, il Golfo Persico e l’Europa orientale, dando vita ed alimento alle guerre scatenate contro l’Afghanistan e l’Iraq nel periodo compreso tra il 2001 e il 2003 ed ottenendo dal loro successo politico enormi dividendi materiali per i loro diretti mandanti sociali: ad esempio la Lockeed Martin ha visto aumentare le sue vendite di armi al Pentagono più del 30% nel periodo compreso tra il 2001 ed il 2004.[10]

In modo sostanzialmente corretto Norman Birnbaum, docente all’Università di Georgetown di Washington, ha focalizzato l’attenzione sul cardine centrale dell’ideologia e della pratica politica di G. W. Bush e del suo clan, in cui la distinzione tra politica ed affari sostanzialmente svanisce, anche sotto l’aspetto formale e propagandistico.

«I democratici ridono del suo nepotismo, l’accusano di considerare la politica un business. Ma, in realtà, il giovane Bush ha capito un aspetto fondamentale del capitalismo: la sottomissione della sfera pubblica al mercato. I suoi soci in affari, esattamente come suo padre, sono presenti nel commercio delle armi, nei servizi finanziari, della petrolchimica e dell’alta tecnologia. E i loro rappresentanti sono stati quindi piazzati alla testa delle istituzioni e dei dipartimenti federali».[11]

Bush padre, Bush figlio, Silvio Berlusconi e Donald Trump costituiscono del resto quattro esempi concretissimi e ipermoderni di controllo e occupazione, diretta e plateale, del potere politico da parte di grandi miliardari e di sezioni, più o meno consistenti, dell’alta borghesia occidentale legate e connesse al quartetto in oggetto, il quale ha compreso perfettamente il ruolo giocato dalla “leva di Wallerstein”.

L’importanza di avere propri uomini e propri amici, ben “piazzati” nei gangli centrali degli apparati statali, risulta del resto perfettamente conosciuta dalla borghesia e si è manifestata chiaramente anche nei frequenti scontri creatisi tra i monopoli della stessa nazione o di diversa provenienza statale, lotte che hanno spesso segnato nell’ultimo secolo i processi economici all’interno delle metropoli del capitalismo di stato post-moderno e contemporaneo. Quando l’economista S. Cingolani ha analizzato minuziosamente le “guerre dei mercati” e le alleanze che hanno contraddistinto la storia delle multinazionali mondiali del settore dell’auto, dell’elettronica, delle finanze e dell’energia, dell’aviazione e dell’alimentazione a partire dall’inizio della seconda guerra mondiale e fino al 2000, sintetizzando i risultati complessivi del suo lavoro lo studioso italiano ha espresso un’interessante valutazione sul ruolo determinante giocato dalla sfera politica nelle guerre di mercato, con particolare riferimento al ventennio 1980-2000.

«Nel ventennio in cui lo stato ha mollato il ruolo di produttore di ricchezza, ha ridimensionato la sua funzione redistributrice (soprattutto di fronte all’esplodere dei mercati finanziari), ma molto spesso ha rinunciato anche a scendere in campo come arbitro, si sono verificate pesanti intromissioni dei governi nelle guerre di mercato per sostenere imprese (è avvenuto nella battaglia Boeing-Airbus) o interessi di gruppi organizzati (come i contadini in Europa e i produttori di auto negli Stati Uniti), operare salvataggi non tutti economicamente giustificati (l’acciaio in Europa, la Chrysler e le casse di risparmio negli USA). In modo diretto e indiretto il potere politico è sempre rimasto attivo, come abbiamo visto. Persino la Coca-Cola deve il suo primato al sostegno ottenuto dell’esercito americano durante la seconda guerra mondiale. Il dibattito sul ruolo del pubblico contrapposto al privato, dunque, dovrebbe tenere presente molto di più il concreto svolgimento del conflitto concorrenziale».[12]

Il ruolo del settore pubblico ha esercitato un enorme peso sia nel caso politico-giudiziario che ha coinvolto la Microsoft di Bill Gates nel 1997-2001 che nel processo di sostegno finanziario statale costantemente offerto, per decenni, al monopolio torinese della FIAT, passando negli ultimi decenni dalla vendita-regalo dell’Alfa Romeo fino agli aiuti economici forniti dai governi Prodi e Berlusconi alla famiglia Agnelli per “contrastare la concorrenza internazionale”: gli esempi si potrebbero facilmente moltiplicare proprio partendo dall’area italiana, visto che un certo Silvio Berlusconi è sicuramente a conoscenza da molti decenni del ruolo decisivo svolto dalla sfera politico-sociale nell’assicurare il successo/insuccesso economico di certi capitalisti, di determinati monopoli e di particolari tendenze politico-sociali della borghesia monopolistica, rispetto ai loro concorrenti economici ed avversari politici.

Un’ulteriore massa di prove empiriche a sostegno dell’importanza assunta ancora oggi, proprio nell’era post-moderna, dai processi di occupazione – totale/parziale – degli apparati statali e della sfera politica da parte delle diverse frazioni che compongono l’insieme dei gruppi sociali privilegiati proviene dalle concrete esperienze moderne e post moderne vissute da tutte quelle potenti “minoranze economicamente dominanti” nei loro stati di appartenenza, abitati in larga maggioranza da popolazioni di etnia/religione/lingua diversa dalla loro, le quali risultano di regola particolarmente vulnerabili ad attacchi politico-economici da parte dei loro concittadini, ivi comprese le lobby economiche più ricche e potenti di questi ultimi.

La studiosa americana Amy Choua ha notato correttamente che, tra il 1945 ed il 2002, «in tutti i paesi del Sud e del Sud-Est asiatico, dell’Africa, dei Caraibi e delle Indie occidentali, in quasi tutta l’America Latina e in alcune zone dell’Europa orientale e della ex Unione Sovietica, il libero mercato ha determinato una rapida accumulazione di ricchezze, tanto consistenti da risultare spesso sconvolgenti, nelle mani di una minoranza etnica “estranea” o “alloctona”»: secondo Choua tali minoranze dominanti sul piano economico si distinguono sia «per le loro origini, per il colore della pelle, per la religione, per la lingua o per legami di sangue dalle masse impoverite o dalle altre sezioni dei ceti benestanti che li circondano e che li considerano appartenenti a una diversa etnia o a un gruppo differente», che per il loro interesse vitale al mantenimento/acquisizione di un grado sufficiente di controllo sulla sfera politica e gli apparati statali.

Sempre secondo la studiosa «il dato di fondo è questo: la democrazia» (di matrice occidentale e liberal parlamentare) «può risultare avversa agli interessi delle minoranze economicamente dominanti. Gli indiani del Kenya e i bianchi del Sudafrica, dello Zimbabwe e degli Stati Uniti del Sud che per generazioni hanno opposto resistenza alla democratizzazione avevano ottime ragioni per farlo: le minoranze economicamente dominanti non aspirano mai alla democrazia, almeno non quando rischiano che il loro destino sia deciso da un vero governo di maggioranza.

Alcuni lettori solleveranno di certo molte obiezioni. Spesso sembra che diverse minoranze economicamente dominanti – i cinesi in Malaysia, tanto per fare un esempio, o gli ebrei in Russia e gli statunitensi in tutto il mondo – rappresentino i più accesi fautori della democrazia. Ma il concetto di “democrazia” è notoriamente controverso, e il suo significato varia secondo l’uso.

Quando una minoranza imprenditoriale ma politicamente vulnerabile, come i cinesi del Sud-Est asiatico, gli indiani dell’Africa orientale o gli ebrei russi, auspica la democrazia, quello che ha in mente è un sistema costituzionale di garanzia dei diritti umani e di tutela della proprietà delle minoranze. In altri termini, quando questi gruppi “estranei” rivendicano la democrazia, richiedono una protezione dalla “tirannia della maggioranza”.»

In altre parole, tali “gruppi estranei” richiedono almeno un controllo parziale sulla politica economica degli stati in cui operano, ed un’occupazione parziale del potere politico.

«In modo analogo, quando le élite di sangue europeo della Bolivia, dell’Ecuador o del Venezuela parlano di democratizzazione, fanno invariabilmente riferimento allo “Stato di diritto”. Ciò che di sicuro queste élite non vogliono dalla democrazia è che il diritto di proprietà e la politica economica finiscano improvvisamente nelle mani della maggioranza di sangue indio del paese, impoverita e scarsamente istruita. (Ne siano testimonianza l’orrore provato dall’élite venezuelana quando il leader populista Hugo Chavez è asceso al potere e i conseguenti tentativi di spodestarlo)».[13]

Tirando le conclusioni, ha acquisito un valore generale per tutte le società classiste (asiatiche, schiavistiche, ecc.) la tesi espressa dallo storico I. Wallerstein in riferimento al rapporto continuamente riprodottosi, negli ultimi secoli, tra potere politico ed interessi di classe/frazioni di classe della borghesia.

«In che modo la gente, i gruppi di persone hanno condotto le loro politiche nel capitalismo storico? La politica consiste nel cambiare i rapporti di potere in una direzione più favorevole agli interessi di qualcuno, e nel riorientare per conseguenza i processi sociali. Perseguirla con successo vuole dire trovare leve per il cambiamento che consentano il massimo vantaggio con il minimo sforzo… Non è un caso, perciò, che il controllo del potere statale (o la sua conquista, quando era necessario) sia stato l’obiettivo strategico fondamentale di tutti i principali attori nella scena politica, lungo l’intero arco del capitalismo moderno».[14]

“Controllo del potere statale” come “obiettivo strategico”, per “conseguire il massimo vantaggio” (economico, materiale) con “il minimo sforzo”: la “leva di Wallerstein” illumina la profonda matrice e il pesante ruolo socioproduttivo svolto dalla sfera politica borghese nell’ultimo millennio.

 

 

 

 

 

La politica-struttura e il “keynesismo militare”, dal 1947 al 1991.

La categoria teorica di politica-struttura indica che proprio la sfera politica risulta, almeno in parte, strettamente legata e ben connessa con l’economia e quindi con la “struttura”, intesa in senso marxiano, rappresentando dunque una forma superiore di “espressione concentrata dell’economia” (Lenin, 1921).

A sostegno di tale tesi prendiamo in esame l’esperienza concreta degli Stati Uniti, “presunti liberisti” e “presunti antistatalisti”, dal 1945 fino al 1990 attraverso l’esame della genesi del moderno complesso militar-industriale e del cosiddetto “keynesismo militare”, vera e propria simbiosi tra sfera politica, militare e grande impresa privata.

A tal proposito Giacomo Gabellini ha notato acutamente che “verso la fine della Seconda Guerra Mondiale, divenne palese agli occhi degli strateghi Usa che le necessità connesse alla conduzione del conflitto avevano assorbito una quota ragguardevolissima della forza lavoro statunitense, e che all’interno di gran parte delle fabbriche operanti in settori civili la produzione era stata orientata a sostegno dello sforzo bellico. Era quindi chiaro che una riconversione dell’economia al tempo di pace avrebbe prodotto un impatto fortissimo sull’occupazione e sull’andamento dell’economia nazionale.

La dimostrazione empirica di ciò la si ebbe nell’immediato dopoguerra, quando la smobilitazione e la contestuale sospensione delle commesse militari fecero aumentare il tasso di disoccupazione del 130% nell’arco di un biennio, deprimendo allo stesso tempo l’indice di produzione dal picco dei 212 punti registrato in corrispondenza del culmine dello sforzo bellico ai 170 punti rilevati del 1948. Nel primo trimestre del 1950, i capitali d’investimento rappresentavano appena l’11% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mentre le esportazioni diminuirono del 25% tra il marzo del 1949 e il marzo del 1950. Di fronte al precipitare della situazione, l’amministrazione Truman decise di incaricare alcuni esperti del Dipartimento di Stato di elaborare un piano strategico in grado di rilanciare il Paese.

Le conclusioni a cui il gruppo, guidato dall’ex banchiere della Dillon, Read & Co. Paul H. Nitze, giunte dopo un anno di studio furono condensate nel National Security Council report 68 (Nsc-68), un documento che coniugava le necessità economiche alle aspirazioni egemoniche degli Stati Uniti, individuando in una sorta di “riarmo permanente” la chiave di volta per far ripartire l’economia.

Nell’ottica dei redattori del Nsc-68, la prosperità economica statunitense dipendeva dal mantenimento di quel “keynesismo militare” (espressione coniata dall’economista polacco Michał Kalecki) grazie al quale era stata superata la Grande Depressione: «gli Stati Uniti potrebbero realizzare un aumento sostanziale della produzione e incrementare in tal modo l’assegnazione di risorse allo scopo di accumulare forza economica e militare per sé e per i propri alleati senza subire un calo reale nello standard di vita […]. Con un alto livello di attività economica, gli Usa potrebbero presto ottenere un Pil di 300 miliardi di dollari […]. I progressi in questa direzione avrebbero lo scopo di permettere un accumulo di forza economica e militare degli Stati Uniti e del mondo libero […]. Inoltre, se viene raggiunta una espansione dinamica dell’economia, il necessario accumulo potrebbe essere realizzato senza una diminuzione degli standard di vita, perché le risorse necessarie potrebbero essere ottenute con una parte dell’incremento annuo del Pil».

Ma per convincere l’opinione pubblica a sostenere un simile sforzo occorreva estremizzare il processo di demonizzazione dell’Unione Sovietica, dipingendola come un nemico irriducibile che, «a differenza degli aspiranti all’egemonia del passato […], è animato da un fanatismo profondamente ostile nei nostri confronti […] e dall’ossessione di imporre la sua brutale autorità sul resto del mondo» . Si trattava, in altre parole, di porre fortemente l’accento sulla contrapposizione tra «l’idea di libertà garantita da un sistema di leggi e l’idea di schiavitù imposta dall’oligarchia del Cremlino» . Ciò in ragione del fatto che «la rapida costruzione di un potente apparato politico, economico e militare […] rappresenta l’unica strada coerente con il percorso intrapreso verso il raggiungimento del nostro obiettivo fondamentale. La disarticolazione del disegno del Cremlino richiede che il mondo libero sviluppi un sistema politico-economico efficiente e adotti una vigorosa strategia offensiva contro l’Unione Sovietica. Quest’ultima, di conseguenza, sarà costretta ad innalzare un adeguato scudo militare con cui difendersi».

Oltre a richiedere una risposta di tipo più militare che politico alla presunta minaccia comunista, il Nsc-68 offriva una raffigurazione ancora più irrealistica dell’Unione Sovietica rispetto a quella delineata da George Kennan nei suoi memorandum. L’Urss veniva infatti ritenuta in grado di «invadere l’Europa occidentale con le possibili eccezioni della Scandinavia e della penisola iberica, di dirigersi verso le aree petrolifere del Vicino e Medio Oriente e consolidare le posizioni comuniste in Estremo Oriente; di lanciare sortite aeree contro le isole britanniche e attacchi aeronavali contro le linee di comunicazione delle potenze occidentali nell’Atlantico e nel Pacifico; di attaccare con armi atomiche obiettivi sensibili situati anche in Alaska, Canada e nell’entroterra degli Stati Uniti. In alternativa, tale capacità, combinata ad altre azioni offensive, potrebbe precludere agli alleati la possibilità di impiegare la Gran Bretagna come base effettiva per le proprie operazioni. Allo stesso tempo, è possibile che l’Unione Sovietica si tuteli dalla possibilità che gli alleati perpetrino una operazione anfibia analoga allo sbarco in Normandia rivolta a sospingere l’Armata Rossa all’interno dell’Europa continentale».

Non tennero conto, i redattori del Nsc-68, delle devastazioni patite dall’Urss durante la guerra, né del processo di smobilitazione militare che Mosca stava portando avanti, né del fatto che Stalin avesse duramente represso le compagini trockijste intenzionate ad “esportare la rivoluzione”. L’assistente del Dipartimento del Tesoro Willard Thorp e il revisore del bilancio William Schaub misero infatti in radicale discussione il contenuto allarmistico del documento, sostenendo che il divario militare tra Usa ed Urss stesse allargandosi e non riducendosi e che Mosca stesse destinando una quota crescente degli investimenti alla ricostruzione. Altri misero in rilievo che la messa a punto della bomba atomica rappresentava, dal punto di vista del Cremlino, l’unica via percorribile per attuare quel ribilanciamento strategico necessario a sventare la minaccia di annientamento rappresentata dall’arsenale nucleare Usa e difendere allo stesso tempo le posizioni acquisite a Teheran e Jalta.

Ma nonostante i rilievi critici, l’amministrazione Truman decise, dietro il forte impulso di Acheson ed Harriman, di conformare immediatamente il proprio operato alle direttive esposte nel documento preparato dalla squadra di Nitze. Fu quindi organizzata una gigantesca campagna propagandistica di cui la crociata anti-comunista portata avanti dal senatore repubblicano del Wisconsin Joseph McCarthy costituì punta di lancia. La “caccia alle streghe” condotta da McCarthy con il sostegno del potentissimo direttore dell’Fbi J. Edgar Hoover andò rapidamente a consolidare, nell’immaginario collettivo Usa, la raffigurazione ingannevole dell’Unione Sovietica come nemico mortale degli Stati Uniti, al punto che ancora oggi, come rileva Sergio Romano, «esiste nella società politica americana un partito trasversale per cui la Russia è sempre un potenziale nemico. E […] questo partito è particolarmente forte nelle due istituzioni (il Dipartimento di Stato e il Pentagono) da cui dipende in ultima analisi la gestione quotidiana della politica estera degli Stati Uniti».

In tali condizioni, il governo non ebbe alcun problema a realizzare il potenziamento dell’apparato bellico raccomandato dal Nsc-68, che nella fattispecie si materializzò sotto forma di aumento delle spese militari dai 13 miliardi di dollari del 1949 ai 60 miliardi del 1953 (un incremento del 400%). Una simile crescita del bilancio della difesa non poteva essere finanziato soltanto tramite un forte aumento delle tasse a carico dei contribuenti. Il presidente John F. Kennedy lo rese noto con grande candore in un discorso del febbraio 1961, durante il quale riconobbe che il deficit della bilancia dei pagamenti Usa era cresciuto di 18,1 miliardi di dollari tra il gennaio del 1951 e la fine del 1960, ma le riserve auree, lungi dal diminuire correlativamente, erano calate da 22,8 a 17,5 miliardi di dollari. Una sproporzione di non poco conto, la cui origine fu puntualmente rilevata da Jacques Rueff, il celebre economista francese e principale consigliere economico del generale Charles De Gaulle: «nel periodo considerato, le banche di emissione dei Paesi creditori avevano creato, come contropartita dei dollari loro dovuti per i deficit statunitensi, le monete nazionali a pagare i titolari di crediti nei confronti degli Stati Uniti, mentre avevano ricollocato circa i due terzi di quegli stessi dollari sul mercato statunitense. In tal modo, tra l’inizio del 1951 e la fine del 1960, avevano aumentato di circa 13 miliardi l’importo delle loro attività estere in dollari. Perciò, a concorrenza di questo importo, il deficit della bilancia dei pagamenti Usa non aveva portato ad alcun regolamento all’estero. Tutto è passato, sul versante monetario, come se non fosse mai esistito».

Ecco spiegato, in parole povere, l‘inghippo che consentì a Truman di sostenere il colossale piano di riarmo necessario a rilanciare l’immagine degli Stati Uniti come “arsenale della democrazia” tratteggiata a suo tempo da Franklin D. Roosevelt senza dissestare le finanze pubbliche. A beneficiarne fu soprattutto una serie di grandi imprese operanti nel settore bellico (essenzialmente Raytheon, General Dynamics, Lockheed Co., Northrop Co., McDonnel-Douglas, United Aircraft, North American Aviation, Ling-Temco-Vought, Boeing e Grumman Aircraft), attorno a cui cominciò a svilupparsi rapidamente un vero e proprio tessuto produttivo composto da centinaia di società minori – attualmente, questo comparto annovera circa 100.000 aziende che impiegano quasi 4 milioni di lavoratori.

L’aspetto più incisivo della vicenda è tuttavia dato dal fatto che la produzione bellica non rappresenta un blocco omogeneo perfettamente distinguibile dal resto delle attività economiche, giacché settori come l’industria elettronica, chimica, automobilistica, informatica e delle telecomunicazioni presentano un carattere per così dire “misto”, sia civile che militare, che rende le varie Ibm, General Electric, AT&T e Monsanto assimilabili o quantomeno integrabili al complesso militar-industriale. Ciò ha concorso a modellare la natura del rapporto instauratosi tra il Pentagono e il complesso militar-industriale; un rapporto che, in nome della necessità di accentrare la direzione strategica dell’apparato tecnico-produttivo, si decise di disciplinare attraverso contratti negoziati anziché mediante offerte di tipo concorrenziale.

A ciò va sommato il fatto che «le maggiori ditte che producono beni militari sono quasi tutte imprese di proprietà privata. Ma il controllo deve essere distinto dalla proprietà. I dirigenti delle società industriali per azioni non possiedono le risorse delle loro ditte; ne hanno solo il controllo. Le ditte dell’industria militare, formalmente private, operano per conto di un cliente unico, senza che ci siano altri clienti potenziali in vista. Questa dipendenza per le vendite rafforza il sistema diretto di controllo della direzione centrale sulle ditte affiliate […]. L’idea del carattere privato delle ditte produttrici di beni militari è una finzione accuratamente intrattenuta che corrisponde ai diritti legali di proprietà, ma non alla realtà del controllo direzionale primario che si esercita a partire dal Pentagono, [tramite anche] la proprietà diretta delle attrezzature produttive essenziali adoperate da alcuni dei maggiori fornitori di prodotti militari» . Non a caso, gli autori del Nsc-68 erano convinti non solo che per conseguire una solida e duratura crescita economica occorresse perpetuare il keynesismo militare adottato in tempo di guerra, ma anche che il sostegno all’industria bellica, incline per sua natura a puntare sull’innovazione, avrebbe assicurato agli Stati Uniti uno sviluppo tecnologico che nessun altro Paese sarebbe stato in grado di eguagliare”.[15]

Denaro e potere politico.

Appalti lucrosi e apparati statali.

Profitti giganteschi per le multinazionali USA e collusione tra grandi imprese, politici e alte gerarchie militari.

La politica-struttura sotto vesti e aspetti militari, quindi: il complesso militar-industriale costituisce, ai nostri giorni come nel 1945, un ottimo esempio di politica intesa come “espressione concentrata dell’economia”.

 

 

 

 

 

 

Il Mes e la politica-struttura.

 

Il recentissimo e famigerato Meccanismo europeo di stabilità (Mes) costituisce un ottimo esempio, allo stesso tempo concreto e ipermoderno, di politica da intendersi come “espressione concentrata dell’economia” e rappresenta un’eccellente materializzazione della politica-struttura, ossia di quella sezione della sfera politica globale che si occupa direttamente del processo di riproduzione economica della società anche ai nostri giorni e all’inizio del terzo millennio.

A tal proposito Francesco Piccioni ha notato, con lucidità e in modo incisivo, che “ci scuserete se torniamo ancora sulla “incredibile” vicenda del Mes, il Meccanismo europeo di stabilità, che sta per essere approvato tra pochi giorni da tutti i membri dell’Unione Europea. In fondo, riguarda “soltanto” il brutto futuro che attende tutti noi (meno qualcuno). Però vi tranquillizziamo: questa volta non parleremo di “tecnica economica”, ma di politica. Ad un livello speriamo superiore rispetto alle sciocchezze che ci propina quotidianamente l’informazione mainstream.

Che cosa contenga il Mes, infatti, lo abbiamo già analizzato più volte, ricevendo ogni giorno nuove conferme anziché smentite. In estrema sintesi, è un sistema di regole da applicare in modo pressoché automatico che “convince” – contando sulle normali dinamiche del mercato finanziario – i capitali a fuggire dall’Italia e altri paesi con un forte debito pubblico per indirizzarsi verso le banche tedesche, francesi, olandesi. Le quali hanno problemi assai gravi e rischiano di saltare nei prossimi mesi o al massimo pochi anni. Per funzionare davvero c’è bisogno che venga approvata anche l’implementazione dell’unione bancaria europea, secondo la proposta avanzata ancora una volta dalla Germania tramite il ministro delle finanze Olaf Scholz.

Una volta chiuso il cerchio, il ministero del Tesoro avrebbe difficoltà immense per piazzare i titoli di Stato sul mercato e contemporaneamente le banche avrebbero una tale necessità di capitali da chiudere i rubinetti dei prestiti a famiglie e imprese (oltre a vendere i titoli di Stato italiani, contribuendo così alla caduta del prezzo, all’aumento degli interessi da pagare e a un buco supplementare nei propri bilanci). Una gelata di lungo periodo sull’economia reale che arriverebbe (arriverà) dopo oltre un decennio di crisi-stagnazione.

Un cappio intorno al collo del sistema-Italia che perde quotidianamente pezzi importanti (Fiat-Fca, Ilva, Alitalia, ecc.). Poi basterà stringere… ed oplà!

Un governo serio e minimamente competente avrebbe stoppato questo “combinato disposto” già al suo primo delinearsi, con le prime bozze messe sui tavoli intergovernativi a Bruxelles e dintorni. Ma naturalmente non ce lo abbiamo mai avuto, un governo così…

Tanto meno poteva farlo il governo “gialloverde” – ricordate? Quello con Cinque Stelle e Lega… – che doveva guadagnarsi la “fiducia” delle istituzioni europee cercando continuamente l’equilibrio tra i “tre governi in uno” di cui era composto.

E quindi quel progetto di “riforma” è andato avanti nel sostanziale silenzio del governo Conte Primo. Come ha spiegato in questi giorni Pierre Moscovici, Commissario uscente all’economia, “Il testo di riforma del Mes è stato accettato a giugno dal governo precedente, anche se ora qualcuno che era al governo dice cose diverse”.

Il voltagabbana Salvini, insomma, c’era e sapeva tutto. E se pure si può giustamente dubitare delle sue competenze economiche, di sicuro c’erano validi “esperti” leghisti in grado di fargli il disegnino con la spiegazione (Bagnai, Garavaglia, Borghi, Giorgetti, ecc). In ogni caso, un vice-premier di “peso” si porta dietro la responsabilità politica di ogni decisione, anche di quelle che non capisce.

Si può ipotizzare che la “svolta del Papeete” sia stata una furbata salviniana per non trovarsi in queste settimane nella scomodissima posizione di Conte, Di Maio, Gualtieri e via cantando. Che, dunque, sia stato messo in conto che il “pacchetto” (Mes più unione bancaria farlocca) sarebbe stato approvato comunque ma conveniva stare all’opposizione per capitalizzare poi il malessere sociale al momento delle (prossime) elezioni anticipate.

Ma i furbi sono sempre dei cretini che pensano di saperla lunga… Qualsiasi maggioranza esca dalle prossime elezioni politiche, infatti, si troverà a muovere il collo dentro quel cappio, oltre a quelli già in essere (Fiscal Compact, Six Pack, Two Pack, Trattato di Maastricht, ecc.). Assumere “i pieni poteri” in quel contesto, insomma, sarebbe addirittura un boomerang, perché bisognerebbe ammettere “di fronte agli itagliani” che non si dispone di alcun potere (tranne quello di chiudere i porti e manganellare le manifestazioni di protesta).

A meno di non dichiarare di voler uscire immediatamente dall’Unione Europea e dall’euro, imbarcandosi in una trattativa tempestosa che replicherebbe la Brexit senza avere alle spalle la potenza (finanziaria e militare, con l’atomica) britannica.

Stronzate leghiste a parte, la situazione è però davvero terribile. Di fatto questa “riforma” passerà anche se il governo o il Parlamento italiano dovessero votare contro. Giovedì sera, non a caso, nella cena offerta a tutti i suoi ministri, Giuseppe Conte ha spiegato che sarà difficile per l’esecutivo dire di no: alla fine la riforma sarà approvata e l’Italia non potrà tirarsi indietro.

Per non perdere completamente la faccia potrà al massimo contrattare qualche modifica marginale o un parziale rinvio, invocando la “logica di pacchetto” (la riforma del Mes va di pari passo col completamento dell’unione bancaria e la creazione di un budget dell’Eurozona). Nulla che modifichi minimamente il quadro futuro.

Vero è che il Parlamento potrebbe bocciare il trattato europeo in corso di chiusura. Ma per farlo dovrebbe crearsi una nuova maggioranza (è impensabile che il Pd non lo ratifichi), ovvero quella vecchia esplosa in agosto. E con l’assoluta contrarietà di Mattarella. Le conseguenze, politicamente, sarebbero a quel punto imprevedibili e molti “leader” si troverebbero a dover improvvisare una “narrazione” comunque poco credibile.

Più che la “classe politica” (un informe ammasso di quacquaraqua intenti a strillare per farsi notare, con la complicità dei media di regime), è utile tener d’occhio gli imprenditori, specie quelli pesantemente indebitati, che si stanno facendo i conti in tasca e “scoprono” che stanno per rimetterci la ghirba. Ovviamente non parlano in prima persona, ma fanno pubblicare “interventi di esperti” anche su giornali insospettabili di “sovranismo” nazionalista.

Per esempio Francesco Carraro, su Il Fatto, definisce “patologica” la logica del nuovo Mes, se vista dal lato degli interessi della popolazione e delle sue condizioni di vita.

“In pratica, stiamo parlando di un sistema in cui uno Stato precariamente sovrano presta denaro a un soggetto giuridico terzo, composto da membri privi di qualsivoglia legittimazione elettorale, dotati di una immunità e insindacabilità pressoché assolute da fare invidia alle baronie della nostra prima repubblica. Per prestare quel denaro, ovviamente, lo Stato deve indebitarsi con i mercati (unico modo consentito). Poi, quello stesso denaro lo stato potrà ottenerlo, ma solo in prestito, dal Mes e previo rispetto di una serie di “condizionalità” così brutali da mettere in ginocchio qualsiasi economia con qualche residua vocazione ‘sociale’”.

Sessanta milioni di persone (molte di più, calcolando anche Spagna, Grecia, Portogallo e altri paesi in condizioni simili) “governate” da poche centinaia di funzionari presuntamente “tecnici”, ma in realtà messi lì dai governi delle nazioni più forti (l’asse è franco-tedesco-olandese, di fatto), che decidono in che modo i capitali – e la possibilità di tenere in vita un’economia – dovranno defluire da determinati territori o istituzioni per viaggiare verso altri lidi.

Un rischio talmente grave da costringere Carraro a chiudere con una critica feroce erga omnes, “movimenti” sardineschi compresi.

“A questo punto, chiunque abbia a cuore la conservazione dell’assetto politico, economico e sociale della nostra convivenza civile, così come pensato dai Padri costituenti nel 1947, deve fare una scelta di campo precisa non solo rispetto al Mes, ma anche nei confronti di tutte le “riforme strutturali” consustanziali al trattato di Maastricht istitutivo dell’Unione europea. Il che richiede uno studio assiduo e una consapevolezza vigilante di cui soprattutto le nuove generazioni, e le “nuove” forme di movimentismo, sembrano drammaticamente prive.”

Quale conclusione possiamo trarne? Che la discussione sull’Unione Europea, le sue politiche, trattati, meccanismi, ecc., non ha soltanto due possibili schieramenti (“sovranisti” versus “europeisti”). Perché in ballo c’è per un verso la sovranità (appartiene al popolo o a una ristretta oligarchia fatta di amministratori delegati e tecnoburocrati?), per un altro i sistemi-paese (una volta che hai perso le parti strategiche del sistema industriale e finanziario ti serviranno decenni o secoli per risollevarti), per un altro ancora le disuguaglianze sociali (da ogni “riforma” qualcuno ci guadagna e molti altri ci perdono).

E non c’è alcun dubbio che il neoliberismo, anche in versione “ordo”–teutonica, sia una forma assolutamente cruda del dominio di classe. Che la Ue sia una struttura che approfondisce gli squilibri strutturali a vantaggio delle aree “forti” e a scapito di quelle più deboli. E che la questione della sovranità (in soldoni: chi comanda?) sia al tempo stesso una questione di classe, nazionale e internazionale”.[16]

Parole chiare, corrette e di matrice marxista, quelle di Francesco Piccioni.

 

 

 

 

 

 

Politica e “privatizzazione dei profitti, socializzazione delle perdite”.

 

Dopo la crisi economica mondiale del 2007-2009 gli ancora numerosi sostenitori delle assurde teorie sulla presunta “fine della politica” e sulla presunta “evaporazione degli stati” sono tornati piano piano a mostrarsi in giro per il mondo, cercando di far dimenticare ciò che nel 2008-2009 era diventato chiaro e lampante a quasi tutti: ossia la carsica ma vitale operatività della regola generale del capitalismo di stato contemporaneo del “privatizzare i profitti e socializzare le perdite”, per via politica, grazie alla mano pubblica e attraverso il gentile aiuto materiale degli apparati statali borghesi, con la sotto-regola e variante del “too big to fail”, troppo grandi (le banche, ecc.) per poter fallire.

A proposito di tale decisivo aspetto della “politica-struttura” del nostro presente Andrea Baranes,  già nel settembre del 2018 ha notato giustamente che “rischiamo di tornare al 2008, alla casella di partenza. Al fallimento della Lehman Brothers, momento più emblematico della peggiore crisi della storia recente. A dirlo non sono voci fuori dal coro, ma alcune delle principali istituzioni internazionali.

Prima dell’estate era stato il Fmi a segnalare i crescenti rischi per il sistema finanziario globale. Nei giorni scorsi gli ha fatto eco l’Ocse, lanciando l’allarme per una possibile nuova crisi.

I motivi sono diversi. Il primo e principale è che la finanza non è cambiata.

Rispetto alle promesse fatte dieci anni fa di chiudere una volta per tutte il casinò finanziario, la montagna non ha partorito nemmeno il proverbiale topolino. Non solo nessuno dei responsabili è stato condannato, ma le grandi banche sono oggi ancora più «too big to fail». Ugualmente i derivati e altri strumenti speculativi sono ai massimi, così come le retribuzioni dei top manager.

In Europa non si vede nemmeno l’ombra di una separazione tra banche commerciali e di investimento o di una tassa sulle transazioni finanziarie. Non va meglio negli Usa, dove quel poco che era stato fatto dall’amministrazione Obama è già stato in buona parte smantellato.

Se il sistema finanziario nel suo insieme è sempre più votato alla speculazione e ad orizzonti di brevissimo termine, rispetto al 2008 ci sono almeno due differenze, tutt’altro che positive.

La prima è legata alla montagna di liquidità immessa prima per salvare le banche e poi per fare ripartire l’economia. Oltre 11mila miliardi di dollari dalle banche centrali di Usa, Giappone ed Europa. Risorse in massima parte incastrate in circuiti finanziari se non speculativi, che non arrivano all’economia reale. La seconda differenza è che, malgrado la debole ripresa, conti pubblici ed economia portano ancora le cicatrici dell’ultimo disastro. Basta guardare all’inaccettabile aumento delle diseguaglianze per capire l’insostenibilità della situazione attuale. Eccesso di liquidità e mancanza di regole per la speculazione da una parte, fragilità dell’economia dall’altra, non possono che tradursi in uno scollamento sempre più profondo tra finanza e fondamentali economici, identificandosi nella definizione stessa di una nuova bolla finanziaria. Se possibile, l’aspetto più preoccupante non è però nei numeri, quanto culturale.

È tornata di moda l’idea che solo una finanza libera da lacci e laccioli possa trainare l’economia.

Le lobby finanziarie rialzano la testa e tornano senza vergogna a chiedere l’abbattimento di regole e controlli.”[17]

Il tutto, ovviamente, solo fino a quando, alla prossima crisi, i grandi torneranno a piangere da “mamma-stato” e a reinvocare, per l’ennesima volta, la politicissima “privatizzazione delle perdite, e profitti” a loro vantaggio esclusivo.

 

 

 

La politica-struttura e il complesso militar-industriale del terzo millennio.

 

Il complesso militar-industriale costituisce e rappresenta un caso esemplare di politica-struttura, ossia di simbiosi tra la sfera politica e quella economica e di “espressione concentrata dell’economia” (Lenin, 1921).

Coma ha evidenziato di recente in modo lucido e concreto lo studioso russo Ruslan Khubiev, in questa particolare materia “il bilancio della difesa degli Stati Uniti è pubblico solo in termini di cifre totali, mentre i dettagli delle spese sono un segreto di stato. Questa informazione è classificata non solo per il pubblico, ma anche per i membri del Congresso, perciò è quasi impossibile calcolare il grado di efficienza delle enormi cifre che il complesso militare-industriale americano e il suo settore commerciale spendono da decenni.

Nei primi 10 anni di egemonia americana (dal 1991 al 2001) un quarto dell’apparato burocratico di comando e di controllo dell’esercito si era trasformato in un mostro di corruzione. Il giorno prima degli attacchi dell’11 settembre, il segretario alla Difesa americano Donald Rumsfeld aveva dichiarato davanti al Congresso che i revisori dei conti militari non erano in grado di determinare dove fosse stato speso il 25% del bilancio americano della difesa. Solo la successiva isteria sulla necessità di “non badare a spese” per la “lotta al terrorismo” aveva fatto passare in secondo piano questo problema.

I secondi dieci anni di egemonia americana (dal 2001 al 2011) erano stati caratterizzati dalla politica delle invasioni americane e, in questa situazione, vi era stato un aumento ancora maggiore del livello di corruzione. Dal rapporto dell’ispettore speciale per la ricostruzione dell’Iraq, Stuart Boven, risulta che il Pentagono aveva acquistato da aziende americane dei normali interruttori elettrici (del valore di 7,5 dollari) al prezzo di 900 dollari cadauno, tubi per fognature a 57 volte il loro effettivo valore e, per un solo contratto di lavaggio uniformi, l’esercito aveva pagato 13 miliardi di dollari.

Tutto questo era stato presentato come spesa per “la ricostruzione dell’Iraq,” mentre, in pratica, il Pentagono aveva regalato assegni maggiorati alle succursali delle multinazionali statunitensi, riciclato fondi neri e legalizzato dollari appena stampati dalla Federal Reserve .

Attualmente, la situazione è ulteriormente peggiorata; la prima audizione esterna del Pentagono, avviata da Trump nel 2018, è miseramente fallita, ma la Commissione ha concluso che l’incapacità del dipartimento di riferire sulle proprie spese non dovrebbe influire sul suo finanziamento, perchè, testuali parole, “un’organizzazione che vale 2,7 trilioni di dollari ha un ruolo troppo importante nel sostegno dell’economia americana.”

Come, ad esempio, se da un sistema di distribuzione idrica che perde, dovendo comunque  far uscire dell’acqua, si preferisse aumentare la pressione del sistema invece di rattoppare i buchi. Sotto Trump, il sistema corrotto del Pentagono è stato nuovamente inondato di denaro, con un aumento del budget ministeriale del 15% dal 2017 al 2019 e del 5% entro il 2020. Non è un caso che il volume delle vendite di armi e servizi per l’esercito da parte delle principali 42 aziende statunitensi sia aumentato nello stesso periodo, arrivando a 226,6 miliardi di dollari nel 2019 e che cinque delle più grandi multinazionali statunitensi abbiano beneficiato del continuo aumento della spesa.

 

Sapendo questo, non sorprende che il Pentagono spenda circa 20 miliardi di dollari l’anno solo per i condizionatori d’aria in Afghanistan e in Iraq, perché, a quanto pare, in un sistema di corruzione generalizzata, si tratta di pagamenti indebiti assolutamente trascurabili.

Il problema chiave del complesso militare-industriale americano, a differenza di quello russo, è lo squilibrio tra gli interessi delle società private e il sistema di distribuzione degli ordinativi. In Russia, i principali appaltatori dell’esercito sono gli uffici di progettazione statale e gli istituti di ricerca, mentre in America questo ruolo viene svolto dalle strutture commerciali.

Di conseguenza, l’obiettivo principale delle aziende nella costruzione dei velivoli F-35 o dei cacciatorpediniere di classe Zumwalt non è renderli conformi ai requisiti tecnici, ma aumentarne i costi e quindi i profitti. Cioè, non assolvere un compito specifico, ma imporre al cliente l’opzione più costosa.

In parole povere, i sistemi d’arma  in Occidente sono progettati al contrario: prima si mettono insieme i sistemi tecnologicamente più recenti, più costosi e non verificati e, solo in un secondo tempo, si inventa per loro un compito da assolvere. Più costoso è il risultato e più tempo ci vuole per padroneggiare una certa tecnologia, meglio è per le aziende manifatturiere. L’unica limitazione sono le loro capacità pubblicitarie e lobbistiche.

Ad esempio la creazione di una nuova struttura della forza spaziale, iniziata nel 2019 negli Stati Uniti, è stata una decisione dovuta non a particolari necessità dell’esercito, ma al lobbismo su larga scala. Le multinazionali volevano semplicemente acquisire un nuovo cliente per “le armi del futuro”.[1]

Affari.

Commesse statali più che lucrose per le multinazionali private.

Soldi e poteri politici statali interconnessi tra loro.

Politica-struttura, dunque.

Il bilancio militare complessivo degli USA risultava pari a 725,4 miliardi di dollari e a circa il 4 percento dell’intero prodotto interno lordo americano. Quindi la sfera politica statunitense controlla anche ai giorni nostri, e sempre a vantaggio delle aziende private e dei politici corrotti, una massa enorme di risorse materiali costituendo un potentissimo complesso militar-industriale (Eisenhower, gennaio 1961), di matrice allo stesso tempo politica ed economica; una forma ipermoderna di simbiosi e collusione, più o meno diretta, tra apparati statali e monopoli privati, un nucleo formidabile di politica-struttura e un’“espressione concentrata dell’economia”, per usare la categoria teorica elaborata dal geniale Lenin ancora nel gennaio del 1921.

 

 

[1] R. Khubiev, “I motivi per cui il complesso militar-industriale russo è più efficiente di quello americano”, in stalkerzone.org

 

 

Federal Reserve e BCE: enti parastatali e politica-struttura

 

Per precise ragioni ideologiche si tende spesso a nascondere la semplice e cristallina verità in base alla quale le banche centrali delle diverse nazioni costituiscono sicuramente degli organismi politici: e più precisamente degli strumenti di matrice parastatale, anche se dotati di un margine variabile di autonomia riguardo ai nuclei politici via via giunti al potere nelle loro rispettive aree geopolitiche di appartenenza.

Ad esempio chi nomina e seleziona i capi e i responsabili della Federal Reserve e della Banca Centrale Europea, per citare i due casi più importanti su scala mondiale?

Per quanto riguarda la Federal Reserve, a partire dalla sua costituzione nel 1913 il suo organo centrale e il suo presidente sono stati scelti e incaricati proprio dalla più alta carica politica del paese, ossia dal presidente americano al potere al momento della nomina dei responsabili della Federal Reserve, previa approvazione del Senato.

Passando invece alla BCE, fin dal 1998 e dal momento della sua formazione il presidente e i quattro membri del suo Comitato Esecutivo vengono via via nominati, per un periodo di otto anni, non rinnovabile, dal Consiglio dell’Unione Europea: e quest’ultimo costituisce un organo di tipo iperpolitico al pari del presidente USA, essendo composto almeno da un ministro di ciascun stato facente parte dell’Unione Europea.

Viceversa è fuori discussione che tutte le banche centrali rappresentino, a partire dal quel loro lontano antenato costituito dal sopracitato Banco di San Giorgio genovese, un’“espressione concentrata dell’economia” e che svolgono una loro politica economica, essendo ormai diventati da tempo snodi importanti della politica-struttura, ivi compresa la “privatizzazione dei profitti e socializzazione delle perdite”.

A tal proposito basta ricordare che “la socializzazione delle perdite e la privatizzazione della rendita sono stati i due principi attraverso i quali il capitalismo ha riprodotto sé stesso dentro la crisi sistemica ed ha ristrutturato la propria capacità di estrarre valore attraverso i dispositivi finanziari. Questo meccanismo è avvenuto da un lato attraverso la finanziarizzazione del debito privato, espressasi con le grandi bolle speculative sui “titoli tossici” dei risparmiatori (ossia di tutta quella massa di proletari e ceto medio che ha fatto ricorso in maniera massiccia all’indebitamento privato per soddisfare esigenze primarie nel corso degli anni ’80 e ’90, in conseguenza del progressivo arretramento del Welfare State), dall’altro grazie alla trasformazione delle perdite bancarie in debito pubblico.

Il Tarp americano (il cui programma d’intervento, gestito dall’amministrazione Bush prima e da quella Obama poi, ha visto immettere complessivamente 7.700 miliardi di dollari all’interno del sistema bancario) ed i vari piani di salvataggio attuati dalle banche in Europa hanno costituito le premesse per la metamorfosi della crisi finanziaria in crisi del debito sovrano. Una metamorfosi che il capitale ha gestito attraverso gli strumenti coercitivi e fiscali dei singoli Stati, dando vita alla cosiddetta “stagione dell’austerità”, ma che allo stesso tempo ha avuto i punti focali nei principali istituti della governance finanziaria, primo fra tutti la Bce.

“Save people not banks”, uno degli slogan più utilizzati dai movimenti anti-austerity nati in tutto il mondo negli ultimi anni, esprime a fondo la pretesa di milioni di persone di ottenere “giustizia sociale” e di contrastare il più grande depauperamento collettivo che il capitalismo abbia compiuto nel corso della storia.

Parlando delle ultime vicende bancarie che hanno toccato il nostro Paese non è possibile leggere il cosiddetto “decreto Salva-banche”, varato nel Consiglio dei Ministri dello scorso 22 novembre, sganciato da queste considerazioni preliminari. Il decreto in questione, volto a togliere dal baratro della bancarotta quattro istituti di credito (Banca delle Marche, Banca dell’Etruria, Cassa di Risparmio di Ferrara e Cassa di Risparmio di Chieti), prevede lo stanziamento di 3,6 miliardi di euro. Di questi, 1,6 miliardi saranno versati dalla cosiddetta “linea di credito” formata da Unicredit, San Paolo e UBI ed i restanti garantiti dalla Cassa Depositi e Prestiti attraverso fideiussioni. Nonostante il governo ed i vertici della Banca d’Italia affermino l’inesistenza di un piano di salvataggio delle banche attraverso finanziamenti pubblici, di fatto il Fondo di Risoluzione viene garantito dalle casse statali”.[18]

Ancora una volta dunque, politica-struttura e politica intesa come “espressione concentrata dell’economia, per dirla con il Lenin del 1921.

 

 

 

 

 

Vaticano: la politica-struttura e l’“intreccio di interessi, denaro e potere”.

Nessuno può dubitare ragionevolmente che quasi subito dopo l’editto di Milano del 313 e quindi per diciassette secoli, senza soluzione di continuità, all’interno del mondo occidentale la chiesa cattolica rappresenti un potere politico di lunga durata, cristallizzatosi sia nel microstato del Vaticano sia nell’influenza variabile che le alte gerarchie ecclesiastiche esercitano sugli affari comuni di molte nazioni del nostro pianeta; altresì non si può certo negare la simultanea e parallela potenza economica ormai acquisita da quasi due millenni dalla chiesa romana su scala mondiale, potere basato su un processo plurisecolare e variegato di accumulazione di terreni e  immobili prima, di azioni e banche a partire dal 1929 in poi.

A partire dal quinto secolo la chiesa cattolica – ivi compresi i suoi vari svariati ordini ecclesiastici – diventò il plurisecolare e principale proprietario di edifici e terreni all’interno del mondo occidentale tanto che nel 2012 il patrimonio mondiale era “fatto di quasi un milione di complessi immobiliari composto da edifici, fabbricati e terreni di ogni tipo, con un valore che prudenzialmente superava i 2 mila miliardi di euro.

Può contare sullo stesso numero di ospedali, università e scuole di un gigante come gli Stati Uniti. Ha oltre 1,2 milioni di “dipendenti” e quasi un miliardo e duecento milioni di “cittadini”.[19]

Inoltre dopo il giugno 1929 il “banchiere di Dio” Bernardino Nogaro innescò un processo in base al quale agli inizi del terzo millennio ormai “il Vaticano possiede enormi investimenti presso gli istituti Rothschild di Gran Bretagna, Francia e Stati Uniti, la Banca Hambros, il Credit Suisse di Londra e Zurigo. Negli Stati Uniti ha ingenti investimenti presso la Morgan Bank, la Chase-Manhattan Bank, la First National Bank di New York, la Bankers Trust Company e presso altri istituti di credito. Il Vaticano possiede miliardi di quote delle più potenti multinazionali, come Gulf Oil, Shell, General Motors, Bethlehem Steel, General Electric, International Business Machines, T.W.A. etc. Facendo una stima prudenziale, nei soli Stati Uniti tali quote ammontano ad oltre 500 milioni di dollari.

In un documento pubblicato come parte integrante di un prospetto informativo relativo ad investimenti obbligazionari, l’arcidiocesi di Boston ha stimato le sue risorse in seicentotrentacinque milioni di dollari ($ 635,891,004), vale a dire 9.9 volte le sue passività. Questo significa un valore netto di cinquecentosettantuno milioni di dollari ($ 571,704,953). Non è quindi difficile risalire alla stupefacente ricchezza della Chiesa, una volta che aggiungiamo gli introiti delle vent’otto arcidiocesi e delle 122 diocesi degli U.S.A., alcune delle quali sono anche più doviziose di quella di Boston”.

La Chiesa di Roma, una volta sommati i suoi patrimoni, è il maggior agente di cambio del mondo. Il Vaticano, indipendentemente dai vari papi di passaggio, si è sempre di più orientato verso gli USA. Il Wall Street Journal ha affermato che le transazioni finanziarie del Vaticano nei soli Stati Uniti sono state così importanti che spesso riguardavano la compravendita di oro per lotti da uno o più milioni di dollari alla volta.[20]

Quindi quasi subito dopo l’editto di Milano del 313 e per diciassette secoli, senza soluzione di continuità, all’interno del mondo occidentale la chiesa cattolica costituisce un caso esemplare di “politica-struttura”, ossia di simbiosi e intreccio (sotto vesti e finalità religiose) di interessi materiali, denaro e potere politico.

A tal proposito Gianluigi Nuzzi, nella prefazione del suo interessante e ben documentato libro intitolato “Giudizio Universale”, ha affermato dati concreti alla mano che all’interno delle alte sfere cattoliche e del piccolo stato del Vaticano “il denaro è per taluni più importante delle anime. In realtà la curia romana, al di là delle buone intenzioni dei papi del secolo scorso e di questo inizio millennio, una riforma vera non l’ha mai attuata. Ogni tentativo è stato anestetizzato, bloccato, sabotato. Questo libro aiuta a farsi un’idea precisa degli intrecci d’interessi, denaro e potere che animano taluni cardinali e monsignori, svelando per la prima volta la fitta rete di conti correnti, operazioni finanziarie e speculazioni che attanaglia il Vaticano.

Un mondo sommerso governa i sacri palazzi e accende guerre di potere, indifferenze al crack che si prospetta all’orizzonte, sordo ai richiami del papa che del piccolo stato, oltre a essere il leader religioso, è anche il monarca assoluto” (G. Nuzzi, p. 10, “Giudizio Universale”, ed. Chiarelettere).

Un libro, quello di Nuzzi, che vale la pena di leggere non solo per la previsione di un crollo finanziario della chiesa cattolica entro il 2025, ma anche per il clamoroso tandem “politica-affari” che emerge con forza al suo interno in base a numerosi fatti testardi.

 

 

 

 

I contratti di appalto statali e la tratta degli schiavi

All’interno del gigantesco impero coloniale spagnolo, di matrice semifeudale e che si estese per secoli dall’America Latina alle Filippine, a partire dagli inizi del Sedicesimo secolo venne introdotto un orrendo strumento statale, di natura politico-economica e che rientra a pieno titolo nella categoria teorica di politica-struttura.

Nel 1518 venne infatti creato l’asiento de negros, ossia un contratto di appalto di diritto pubblico mediante il quale si concedeva il controllo delle licenze di tratta degli schiavi africani ai privati e ai capitalisti-negrieri, in cambio dei pagamenti di una tassa e di un tributo alla corona spagnola.

Come ha notato R. Bodei, un altro introito fiscale “derivante dal traffico di schiavi, fu rappresentato dalla tassa regia di due ducati per ogni schiavo che veniva spedito in una determinata colonia.

Peraltro, i guadagni di ogni spedizione erano oculatamente amministrati da un controllore finanziario (contador), che prelevava la quinta parte del bottino per il re (el quinto del rey).

L’affare più consistente per la monarchia spagnola si ebbe, a questo proposito, nel 1592, ad un secolo esatto dalla scoperta dell’America, quando un certo Gomes Reynald pagò quasi un milione di ducati” (allo stato spagnolo) “per l’importazione in nove anni di 38.250 schiavi da consegnare al ritmo di 4.250 all’anno, di cui almeno 3.500 dovevano arrivare vivi…”.[21]

Sangue degli schiavi e lucrosi affari; tasse statali sulle vite umane dell’Africa e paralleli, giganteschi profitti per i negrieri-capitalisti; politica-struttura, in estrema sintesi…

 

 

 

 

 

 

 

Politica-struttura e la tratta degli schiavi nella liberale Gran Bretagna

Un altro tremendo esempio di politica-struttura, e cioè di simbiosi tra sfera economica (capitalistica) e sfera politica (dei mandatari politici della borghesia) è costituita dalla tratta degli schiavi sviluppatosi all’interno della “libera” Gran Bretagna del 1688-1805: tratta consolidatasi e aumentata in modo esponenziale in forza di quel trattato internazionale di Utrech del 1713 nel quale venne stabilito, per via politico-economica, l’asiento, ossia il monopolio a vantaggio dei borghesi inglesi del traffico di schiavi, dalle coste atlantiche dell’Africa fino alle colonie spagnole.

Come ha sottolineato M. A. Galdi nella sua tesi “L’Illuminismo e la tratta degli schiavi”, “i primi europei ad occuparsi del commercio degli schiavi, a metà XVI secolo furono i portoghesi, seguiti dagli spagnoli nel 1479, dagli olandesi nel 1562, dagli inglesi nel Nord America nel 1619, dai francesi nel 1642, dagli svedesi nel 1647, dai danesi nel 1697.

Ma fu l’Inghilterra, più di ogni altra nazione europea, a trarre maggiori vantaggi dallo sviluppo degli scambi atlantici. Infatti nel 1713, con il trattato di Utrecht, gli inglesi ottennero il monopolio del commercio degli schiavi nelle colonie spagnole, il cosiddetto asiento.

La Gran Bretagna doveva la sua supremazia, innanzitutto, alla fiducia nel suo mercato finanziario, già da allora guidato dalla Banca d’Inghilterra; disponeva, inoltre, di una valuta stabile e di bassi tassi d’interesse, oltre che di un sistema finanziario moderno che promosse il libero mercato. La crescita dei consumi interni di tè, caffè, zucchero, cotone, spezie e di altre materie prime, costituì il principale sostegno dell’economia britannica nel corso del Settecento.

A partire dal 1713, quindi, la tratta crebbe vertiginosamente. Durante il XVIII secolo si trasportarono in America soltanto 70 mila negri in media all’anno. Nel 1771 la sola Liverpool contava 105 navi negriere che trasportavano ventotto mila schiavi.

Dalla fine del ‘600 in poi le colonie inglesi in Nord America conobbero un rapido popolamento in quanto i coloni britannici speravano di trovare nel Nuovo Mondo, se non la ricchezza, quanto meno l’agiatezza che in Europa ha loro preclusa.

La costa atlantica del Nord America costituì dunque l’area privilegiata del commercio inglese nel XVIII secolo: il commercio verso le Antille per ottenere lo zucchero e il caffè; e quello volto all’importazione del tabacco.

Il primo prodotto d’importazione, con un valore pari a 2,4 milioni di sterline, divenne lo zucchero, seguito dal tabacco. Nel 1775 il traffico del tabacco raggiunse il culmine del suo sviluppo”.[22]

La “trasformazione dell’Africa in una sorta di parco commerciale per il reperimento di pelli nere” (Marx, Capitale) e per il traffico legale di schiavi, appoggiato fin dall’inizio dallo stato britannico rappresentò dunque una forma plurisecolare e importante non solo di “accumulazione originaria” del capitalismo ma, simultaneamente, anche una modalità di esistenza di lunga durata della politica-struttura e della combinazione dialettica tra sfera politica ed economia” in terra inglese.

 

 

 

 

 

 

L’Arsenale di Venezia e la genesi del capitalismo di stato occidentale

A partire dalla metà del 1100 venne costituito dallo stato veneziano l’Arsenale, in prossimità del bacino di San Marco: all’inizio esso rappresentava un complesso edilizio cinto da mura merlate e composta da due file di cantieri coperti, comunicanti con il bacino di San Marco attraverso uno stretto canale, ma a partire dal 1289 esso conobbe un grande sviluppo con l’avvio della costruzione di grandi navi (le galee) e delle infrastrutture necessarie: le corderie (dal 1305), le fonderie e le officine.

Sul piano dei rapporti di produzione l’Arsenale era di proprietà pubblica, ma buona parte delle sue attività venivano concesse e appaltate dai rappresentanti del governo veneziano anche a imprese e corporazioni private, formando pertanto una sorta di matrice originaria per il capitalismo di stato occidentale, oltre che un’ennesima conferma della teoria della politica-struttura.

“L’Arsenale di Venezia, ma anche gli altri complessi manifatturieri o industriali destinati alla produzione degli armamenti di terra e di mare e di una certa tipologia navale, attivi nel periodo che va dal 15° al 20° sec., hanno mantenuto un carattere prevalentemente pubblico, vincolato e sottoposto all’autorità politica; inoltre, nel passato, l’Arsenale era gestito direttamente da un organo istituzionale denominato Reggimento dell’Arsenale.

Gran parte degli arsenali, dal 16° al 19° sec., hanno continuato a concentrare le loro attività tecniche nella stessa struttura produttiva opportunamente modificata e adattata alle esigenze navali e belliche che di volta in volta si presentavano, sempre, però, nel solco di una tradizione che favoriva rapporti episodici e saltuari e comunque svincolati da ogni forma di dipendenza dall’esterno.

Gli arsenali pubblici del passato provvedevano alla fornitura di materie prime, semilavorati e lavorati (legnami, metalli e tutti gli altri prodotti necessari all’armamento delle navi militari), con il sistema accentrato della commessa e dell’approvvigionamento diretto anche qualora fossero risultati particolarmente onerosi.

Sotto questo profilo è esemplare la gestione dell’Arsenale veneziano in antico regime, periodo in cui vigeva un rigido controllo e un’oculata gestione della ‘cassa’, confermando una tendenza che proseguirà, per motivi di bilancio, anche nella prima fase del periodo postunitario quando s’avviò l’attività industriale.

L’antico impianto pubblico chiamato Casa dell’Arsenale, sin dalle sue origini fu adibito a cantiere per la costruzione delle pubbliche navi; a fabbrica e deposito delle armi; a luogo di stoccaggio delle materie prime; a sede deputata ad attività stagionali di rimessaggio della flotta, alla produzione delle corde, dei velami e dei remi.

Nei documenti ufficiali questa espressione è frequente e allude al significato emblematico e al contempo reale di luogo cui è demandata la sicurezza e la salvaguardia del bene comune: lo Stato. Sull’importanza dell’Arsenale veneziano per la vita dello Stato veneto basti citare il celebre lavoro di Bernardo Lodoli (Il cuore veneto legale formato dalla compilazione delle leggi decreti terminationi […], 1703) che gli attribuisce la funzione di «cuore» nevralgico della vita politica, economica e non solo militare della Serenissima Repubblica.

Il predominante interesse per l’aspetto architettonico del complesso è giustificato dall’imponente e articolata fabbrica, risultato di aggiunte sedimentatesi nell’arco di sei secoli; essa si sviluppa su una vasta superficie che, con le aggiunte più recenti, misura circa 478.000 m2 di cui 136.380 m2 di aree coperte, 224.620 di aree scoperte e 117.000 m2 di spazi acquei”.[23]

Politica ed economia connesse tra loro, fin dal 1150 d.C.

 

 

 

 

 

 

 

Il banco di San Giorgio e la politica-struttura

Un altro caso importante e plurisecolare di politica-struttura venne rappresentato dalla “Casa delle compere e dei banchi di San Giorgio”, sviluppatasi a Genova dal 1407 al 1797 e in seguito trasformatasi nel Banco di San Giorgio.

Le lontane origini della “Casa delle compere” risalgono addirittura al lontanissimo biennio 1148-1149, con il primo prestito di stato contratto (a carissimo prezzo) dalla Repubblica di Genova dopo un conflitto bellico. Per pagare i costi della guerra, infatti, i dirigenti politici (i “consoli”) del comune di Genova cedettero in esclusiva e per quindici anni l’introito di alcune tasse a una società privata composta da diciotto ricchi borghesi, in cambio di un grosso prestito: lo stato genovese impegnò e destinò inoltre una sua parte  dei suoi introiti per la rata annuale del capitale prestato, fino alla sua totale restituzione.

L’operazione finanziaria creatasi tre creditori-borghesi e Repubblica di Genova venne ripetuta molte volte nei due secoli successivi, fino al salto di qualità decisivo del 1407.

In quell’anno venne infatti costituita, con un provvedimento statale del 27 aprile 1407, la Casa delle compere e dei Banchi di San Giorgio, per fare fronte al dissesto finanziario di Genova causato dalle guerre contro la concorrente Venezia: con il decreto statale vennero riuniti tutti i precedenti creditori del comune genovese in un unico ente e in una sola banca, allo stesso tempo privata e pubblica.

La Casa di San Giorgio ottenne infatti proprio dagli apparati statali cittadini il potere di riscuotere le tasse e le gabelle al posto e per conto della Repubblica genovese, sostituendo quest’ultima non solo nell’amministrazione del debito pubblico ma anche nella gestione del monopolio di vendita dei beni fondamentali quali il sale, il grano, le carni, l’olio e il vino; inoltre la potentissima banca acquisì dalla Repubblica genovese anche il possesso della Corsica, a partire dal 1453 e fino al 1562, di alcuni comuni liguri entrati nella sfera d’influenza genovese (Lerici, Sarzana, Ventimiglia) e di colonie acquisite della città nel Mediterraneo, come Cipro.[24]

Stiamo dunque analizzando un esempio spettacolare di simbiosi tra sfera politica e sfera economica, generatosi e riprodottosi per via squisitamente politica e per decisione degli apparati statali genovesi: un caso che va affiancato a quello sopracitato all’Arsenale di Venezia.

 

 

Tasse e politica-struttura.

Una delle più antiche concretizzazioni ed epifanie della politica-struttura all’interno delle società classiste viene costituita dall’apparato fiscale statale, partendo dalla genesi della società teocratica sumera durante il periodo di Uruk, dal 3700 al 3200 a.C. e quindi quasi sei millenni or sono, per arrivare via via senza soluzione di continuità fino ai nostri giorni e all’inizio del terzo millennio, con i suoi multiformi sistemi di tassazione diretta o indiretta, benzina in testa.

Rispetto alla proteiforme e al processo plurimillenario di sviluppo di quella struttura variegata e cangiante di “esazione fiscale” (Marx, Capitale, libro primo, cap. 24) che rappresenta un anello importante della sfera della politica, intesa come “espressione concentrata dell’economia” (Lenin, 1921, Ancora sui sindacati), si può notare che prima del 600 a.C. la tassa veniva intesa principalmente “come una prestazione d’opera, tale da potersi appunto sostituire  al denaro (che infatti ancora non esisteva). Nell’antica Mesopotamia per esempio, si iniziò presto a tassare i raccolti della terra e quel che veniva prodotto dal bestiame. Non sono molte le informazioni presenti, ma sui testi storici raccontano “che a quel tempo esistevano anche delle imposizioni tributarie sui funerali. Erano sicuramente obblighi soggetti ad ingiuste presunzioni e le tasse venivano imposte al popolo senza alcun tipo di giustizia sociale. I contadini venivano infatti tassati sul raccolto presunto e non su quello effettivo: questo accadeva qualche tempo dopo per esempio in Egitto, allorché l’acqua mancante dei cosiddetti Milometri (pozzi di approvvigionamento), veniva usata per misurarne l’uso e da qui la pretesa di un raggiunto raccolto.

Durante i vari regni dei faraoni d’Egitto gli esattori delle tasse erano conosciuti come “scribi”, cioè coloro che annotavano le tasse. Durante uno di quei periodi gli scribi imposero una tassa sull’olio per cucinare. Per assicurarsi che la popolazione rispettasse il pagamento di questa tassa gli scribi interrogavano le famiglie spingendole a utilizzare una appropriata quantità di olio e che non venissero usate altre sostanze per “evadere” la tassa.

In Grecia ad Atene, nei periodi di guerra la città imponeva una tassa chiamata Eisphora. Nessuno era esente da questa tassa utilizzata per pagare i costi bellici. Tuttavia i greci erano tra le poche civiltà che, finita l’emergenza, levavano anche la tassa. Addirittura se arrivava qualche bottino di guerra la tassa veniva restituita. Gli ateniesi imposero anche una tassa di soggiorno agli stranieri, persone che non avevano almeno uno dei genitori ateniesi. Questa tassa era chiamata Metoikion.

Dall’Europa, all’Africa, all’Asia, la storia sembra aver avuto un solo comune denominatore: l’imposizione fiscale. In Cina, la prova arriva dall’antico testo cinese del Tao Te Ching, che la tradizione attribuisce essere stato scritto da Lao Tzu intorno al VI secolo a.C.: in esso già si parlava di tasse ed ingiusta imposizione (“il popolo è affamato a causa delle tasse che vanno ad arricchire i potenti?”). Nell’antica Roma le tasse erano ugualmente e ingiustamente pretese. Tuttavia, già affiorava un elemento distintivo: più che pagate venivano infatti anche evase. In effetti, le tasse arrivavano puntuali ad aggravare l’ingiustizia sociale e venivano imposte senza controllo alcuno. Si pensi per esempio ai famosi vespasiani, le latrine pubbliche usate dalla popolazione (solo i ricchi patrizi ne possedeva una in casa). La popolazione si serviva anche delle latrine private attraverso il pagamento di una tassa chiamata centesima venalium, la quale veniva applicata dall’imperatore ai gestori delle latrine e quindi indirettamente agli utilizzatori delle stesse. In effetti la tassa di per se non era proprio applicata sui vespasiani, ma era ad essi collegata in quanto misurata in base a quest’ultima prodotta (per accrescere il proprio guadagno i privati vendevano l’urina ai conciatori di pelli per ricavarne ammoniaca). Altri tempi certo, ma si consideri che con questa tassa l’imperatore poté migliorare la res publica, indebolita dalle precedenti necessità e sperperi finanziari, dando avvio alle grandi costruzioni (il Colosseo, iniziato da Vespasiano nel 72 d.C.). A Vespasiano si deve inoltre anche un’altra particolare tassa, quella del fiscus iudaicus, imposta agli ebrei subito dopo la distruzione del Tempio di Gerusalemme, i cui proventi andarono infatti alla ricostruzione del tempio di Giove, nell’allora Campidoglio. Quanti tiranni e re poco illuminati hanno imposto tributi più o meno ingiusti e anomali lungo la storia? Sicuramente non pochi. Quella della pipì in effetti non è l’unica tassa anomala, certo era la più conosciuta di quanto si pensi, visto che la tradizione popolare ne ha parlato per secoli e secoli. Lo sapevano i cantastorie siciliani nel primo periodo del regno d’Italia che raccontavano al popolo lo scampato pericolo: governu italianu ti ringraziu, ca pi pisciari non si paga daziu”.[25]

I cantastorie siciliani avevano compreso l’intreccio continuo tra politica ed economia meglio di gran parte del marxisti, del passato e del presente.

 

 

 

Politica-struttura del Ventunesimo: secolo e imposte dirette e indirette

All’inizio del terzo millennio quanto pesa concretamente la sfera politica, rispetto al processo globale di produzione di beni e servizi da parte dei paesi capitalistici più avanzati?

A tal proposito abbiamo a disposizione un ottimo criterio oggettivo di valutazione e comparazione.

Secondo le statistiche fornite dall’insospettabile OCSE, iinfatti,nel 2017 la media del peso assunto dal fisco (imposte dirette e indirette) rispetto al prodotto interno lordo dei principali paesi occidentali risultava pari al 34,2 percento: ossia il carico fiscale incideva per più di un terzo del PIL nelle nazioni in esame, tra l’altro in via di lieve aumento rispetto al 34 percento del 2016.

Persino nei presunti “liberisti” USA il rapporto in oggetto si rivelava equivalente al 27,1% salendo via via fino al 46,2% della primatista Francia, contro invece il 37,5% espresso in questo settore dalla Germania e il 42,4% italiano, sempre per l’anno di riferimento 2017.[26]

Siamo in presenza di cifre significative e che diventano ancora più interessanti se collegate e connesse con la “pietra di paragone” italiana.

Analizzando la situazione fiscale dell’Iran nel 2018, infatti, si assiste a un sorprendente rapporto tra gettito fiscale totale e PIL persiano equivalente solo al 6,1%, più di cinque volte in meno della media occidentale sopracitate: e il tutto in una nazione asiatica di medio livello di sviluppo e importante su scala mondiale, per tutta una serie di fattori[27]

 

 

 

Moneta e apparati statali

A differenza del denaro, la moneta intesa come valuta costituisce un mezzo di pagamento in ultima analisi emesso dallo stato, oltre che garantito dagli apparati pubblici come valido denaro circolante di fronte ai suoi effettivi possessori materiali: dunque essa rappresenta un plurimillenario e diffusissimo strumento di natura politica ed economica allo stesso tempo, vera e propria politica considerata come “espressione concentrata dell’economia” (Lenin, 1921).

Moneta e politica: un binomio indissolubile visto che chi parla di moneta (metallica, oppure cartacea) discute simultaneamente anche di apparati statali e parastatali (le banche centrali), mentre una moneta senza stato e garanzie pubbliche alle sue spalle si trasforma per l’appunto nel primordiale e originario denaro, non collegato a un processo di emissione proprio da parte dell’amministrazione pubblica.

Le prime forme di coniazione statali della moneta nel mondo occidentale avvennero in Lidia e nelle città greche del Mar Egeo durante il sesto secolo a.C., ma “la pratica di coniare monete si diffuse rapidamente dalla Lidia nel Vicino Oriente e nelle città greche. Le monete coniate nell’impero persiano presentavano sempre lo stesso disegno che rappresentava il re come un arciere in corsa.

In Grecia l’iconografia era molto più varia: ogni città stato scelse un’immagine rappresentativa che caratterizzava la moneta come il prodotto dell’autorità della città. Le immagini adottate erano prevalentemente figure di animali.

Alcune città iscrivevano il proprio nome sulle monete.

Queste monete “arcaiche” venivano prodotte colpendo con un martello il metallo prezioso posto su uno stampo con una pressa. Fu un’innovazione greca quella di incidere la superficie della pressa con un secondo disegno che si imprimeva così sul retro (verso) della moneta. Nasceva così la moneta moderna: un disco rotondo con i due lati decorati.

Nelle prime monete a due facce il verso, colpito dalla pressa, è leggermente concavo come si può vedere dall’immagine che riporta il verso di una moneta dell’Ellade della metà del secolo IV a C. su cui è impressa l’aquila di Giove. Accanto, una testa della ninfa Aretusa fra i delfini, moneta siracusana dell’inizio del V sec. a C.

A Roma, durante il periodo dei sette re (750-510), il mezzo di scambio era il bestiame (pecus da cui deriva pecunia, “denaro”). Quando si passò dallo scambio di bestiame a un primo rozzo sistema monetario, fu ancora sulla base del bestiame che si fissò l’unità di misura della moneta: le leggi delle XII Tavole (ca 450 a. C.) stabilirono infatti il quantitativo di rame pesato corrispondente a una pecora e a un bue.

Da questo momento le transazioni commerciali ebbero luogo sulla base di metalli di peso e valore stabiliti, per i quali, prima di giungere alla vera moneta coniata, si passò attraverso due fasi. In un primo tempo il metallo usato fu il rame, grezzo e informe ma puro (aes rude, nella foto in alto).

Successivamente si passò al bronzo in mattonelle e in verghe.

Per le esigenze del mercato interno lo Stato romano si serviva della moneta di bronzo, l’aes librale, per il mercato esterno si coniò invece una moneta in argento. All’inizio del III sec. l’argento cominciò ad essere richiesto anche dal mercato esterno ed ebbe inizio allora in Roma un sistema bimetallico, in cui l’argento era destinato alla circolazione in città e il bronzo serviva alle esigenze della campagna.

Le prime monete d’oro apparvero a Roma durante la seconda guerra punica (218-201 a C.) per la necessità di pagare con metallo pregiato le forniture degli alleati”.[28]

Sovranità monetaria con diritto di emettere moneta da parte dello stato, assieme alle ricadute di quest’ultima rispetto al processo produttivo: politica quindi, anche in questo caso, intesa come “espressione concentrata dell’economia”.

Si pensi solamente, per rimanere alla dinamica storica degli ultimi cinque decenni, a quella decisione politica presa il 15 agosto del 1971 dal presidente statunitense Richard Nixon, con la quale si pose fine alla convertibilità in oro dei dollari americani detenuti all’estero, oltre che al lungo processo di creazione dell’euro, avvenuto per via politica (sempre da intendersi come “espressione concentrata dell’economia”) dal 1978 al 2000: l’elenco può essere allungato a dismisura, fino ad arrivare ai nostri giorni.

 

 

 

Le privatizzazioni, dalle enclosures fino a Hitler e alla Thatcher

I variegati e multiformi processi di privatizzazione di mezzi di produzione, beni e risorse pubbliche vanno considerati anche come una forma particolare di politica economica e di politica-struttura, tra l’altro molto usata all’interno del mondo occidentale durante gli ultimi decenni, anche se la primogenitura durante il Ventesimo secolo va attribuita al genocida regime nazista.

Un saggio dello storico Germà Bel intitolato “Contro le interpretazioni correnti: le privatizzazioni dei nazionalsocialisti nella Germania degli anni Trenta” risulta particolarmente interessante in questa materia, perché al suo interno si raffrontano i provvedimenti e le misure politiche hitleriane di privatizzazione “di aziende ed imprese, già nazionalizzate durante la Repubblica di Weimar o dai governi ancora precedenti, messe in atto dal Partito Nazionalsocialista tra il 1934 e il 1938 con le privatizzazioni operate nell’ambito della comunità europea tra il 1997 e il 2000.

Mentre gran parte degli studi successivi sembra aver sottolineato la centralizzazione economica messa in atto dallo stato tedesco tra l’ascesa di Hitler e la sua caduta, il saggio di Bel riporta significativamente alla luce il fatto che quasi tutti i settori dell’economia nazionale furono interessati da tali privatizzazioni. Ferrovie, industrie dell’acciaio, miniere, banche, cantieri navali, linee di navigazione, trasporti e servizi locali o correlati al lavoro e anche i servizi sociali furono tutti interessati dalle politiche di privatizzazione.

Le privatizzazioni se da un lato costituirono una fonte importante di entrate per il Tesoro tedesco e contemporaneamente una forma di alleggerimento fiscale per lo stesso, dall’altro furono indirizzate nello specifico a favorire industriali e gruppi finanziari che avevano sostenuto il partito nazionalsocialista già da prima della sua salita al potere. Tra questi Fritz Thyssen, che manteneva una posizione di leader nel trust delle Acciaierie Unite e la cui posizione all’interno del trust fu notevolmente rafforzata dalla loro riorganizzazione finanziaria che, immediatamente dopo la presa del potere da parte di Hitler, vide la quota di proprietà del governo scendere dal 52% al 25%, quota che, secondo la legislazione tedesca, non era più sufficiente a garantire al governo alcuna priorità sul controllo della società”.[29]

Ma neanche Hitler risulta il patriarca dei privatizzatori occidentali delle risorse pubbliche, visto che fu in Inghilterra a partire dal 1480 che iniziò il famigerato processo delle enclosures, ossia la recinzione e l’espropriazione delle terre comuni dei villaggi contadini da parte dei grandi latifondisti appoggiati dal potere regio” (Marx) e dagli apparati statali: dinamica plurisecolare descritta e denunciata con forza proprio da Karl Marx, nello splendido ventiquattresimo capitolo del primo libro del Capitale. (K. Marx, “Il Capitale”, libro primo, cap. 24, par. 2).

 

 

 

 

 

Condizioni materiali della produzione e politica-struttura

Cosa sarebbe rimasto del segmento più avanzato nel processo di produzione agricolo, partendo dagli Ubaid collettivistici del 4500 a.C. e dal modo di produzione asiatico dei Sumeri del 3700 a.C., senza controllo delle acque e dighe, senza opere di irrigazione e drenaggio? Controllo delle acque e irrigazione nelle quali la politica, intesa come espressione concentrata dell’economia, giocò in passato e svolge tuttora un ruolo socioproduttivo come minimo importante, e molto spesso decisivo.

Senza i porti, a loro volta sempre diretta emanazione della sfera politica, sarebbe stato forse pensabile il traffico marittimo di prodotti su vasta scala, dai Sumeri per giungere alle ipermoderne megastrutture portuali di New York e Amsterdam?

E le ferrovie, a partire dal 1860 in poi, a che livello sarebbero rimaste senza l’intervento materiale dei diversi apparati statali e del potere politico, visto la grande quantità di “mezzi di produzione e mezzi di sussistenza” (Marx, Capitale, libro secondo, cap. sedicesimo, par. terzo) che costa il loro processo di creazione e manutenzione?

Un discorso analogo può essere effettuato anche per i “ponti e tunnel”: e cioè per altre condizioni materiali della produzione citate espressamente da Marx nel decimo capitolo del libro del Capitale (“ferrovie, ponti, tunnel, ecc.”), oltre che strutture connesse quasi sempre con l’azione della sfera politica.

Considerazioni molto simili valgono anche per i moderni aeroporti, strade e autostrade, satelliti e mezzi di telecomunicazione: in pratica l’intero comparto della logistica ipermoderna risulta quasi impensabile senza la presenza indispensabile della praxis materiale e socioproduttiva del potere politico, nella sua ampia sezione avente per oggetto “l’espressione concentrata dell’economia”.

A proposito di porti, logistica, infrastrutture e container lo studioso Moritz Altenried ha riportato “un’interessante osservazione di Thomas Reifer, secondo la quale oggi Marx comincerebbe Il Capitale sottolineando come la ricchezza delle nazioni contemporanee appaia sempre più come un’immensa collezione di container (Reifer, 2007). Anche se si può obiettare che un container ed una merce fanno parte di due categorie concettuali diverse, questa affermazione provocatoria è molto rivelatrice in quanto evidenzia l’importanza della logistica non solo in quanto industria ma in quanto prospettiva per comprendere il capitalismo contemporaneo.

Di conseguenza, propongo di differenziare tre significati del termine “logistica”. In primo luogo, la logistica è un settore industriale o di mercato specializzato nello spostamento di cose che è cresciuta in importanza e che costituisce in quanto tale un oggetto di ricerca affascinante. In secondo luogo, la logistica è diventata in qualche modo una logica – o un dispositivo in senso foucaltiano – che è andata oltre il suo settore in senso stretto e che fonda il capitalismo contemporaneo. Per cui, quest’ultimo può essere compreso come un capitalismo di “catena di distribuzione”, per riprendere l’espressione di Anna Tsing (Tsing, 2009). Se ciò è vero, allora la logistica, in terzo luogo, diviene una prospettiva di ricerca. Intendo difendere l’idea che la logistica può servire come una sorta di prisma che ci aiuta a comprendere in maniera critica la trasformazione in corso nel capitalismo globale. Questo senza tuttavia affermare che essa costituisca – o dovrebbe costituire – l’unica prospettiva possibile.

Ai fini del presente articolo, intendo mobilitare questa prospettiva basandomi su due tecnologie che hanno drasticamente cambiato sia la logistica che, come ho premesso, il capitalismo globale: il container e l’algoritmo.

Gli sviluppi della logistica o del trasporto dopo la seconda guerra mondiale sono stati spesso denominati “rivoluzione logistica”, “la rivoluzione più sotto-studiata del XX secolo”, come sostiene Deborah Cowen (Cowen, 2014, p.33). L’espressione “rivoluzione logistica” vuole descrivere il modo in cui il settore è drammaticamente cambiato dopo la seconda guerra mondiale, diventando a tutti gli effetti il centro di un nuovo regime di accumulazione globalizzata.

Ci sono molti modi di raccontare la storia della rivoluzione logistica – per esempio, a partire dal modo in cui il pensiero manageriale, concentrato soprattutto sulla produzione, abbia evoluto verso la gestione di tutta la catena di approvvigionamento, ivi incluso la progettazione ed il controllo, il trasporto e lo stoccaggio, le vendite, la riprogettazione ed il nuovo comando, oppure illustrando il modo in cui la logistica si è allo stesso tempo trasformata in una disciplina accademica. Ma ora vorrei concentrarmi su un oggetto tecnologico che incarna forse meglio di ogni altro l’avvento della logistica moderna: il container.

L’attuale sistema di container ha le sue origini negli Stati Uniti. Nell’ottobre del 1957, il primo porta-container salpa dal porto di Newark, New Jersey, diretto a sud di Miami, carico di grosse scatole d’acciaio standardizzate ai fini del trasporto intermodale e sviluppate da due imprenditori logistici, Malcom Mc Lean e Roy Fruehauf. Era da più di cent’anni che esistevano dei sistemi di contenitori e che venivano fatti dei tentativi di standardizzazione, ma fu il sistema di Mc Lean e Fruehauf che mise radici, se non altro in ragione del fatto che venne adottato dall’esercito americano al fine di rispondere alle necessità logistiche della guerra del Vietnam. Il loro modello di contenitore si riduceva ad una scatola di acciaio impilabile che poteva essere trasferita, per mezzo di speciali gru, dai treni o dai camion sulle navi. Questa scatola diede però inizio ad un cambiamento spettacolare: permise non solo di economizzare molto tempo e molto spazio, richiesti per caricare e scaricare in ciascun porto, ma consentì anche di fare a meno di un enorme numero di lavoratori portuali. In tutto il mondo, i sindacati tentarono di opporsi a questo processo; nel 1980, il Sindacato internazionale degli scaricatori difese davanti alla Corte Suprema ciò che considerava come un suo diritto: scaricare merci sulle banchine. Naturalmente, non ci riuscì.

Oggi, la circolazione globale delle merci si basa sul container marittimo standardizzato. Il 90% delle merci d’esportazione circola in container. L’unità standard è l’EVP (equivalente a 6,096 metri). Wal-Mart importa circa 700mila EVP ogni anno, ovvero, detto in altri termini, circa 30mila tonnellate al giorno (Bonacich & Wilson, 2008, p. 25). Un grande porto come Amburgo o Rotterdam gestisce ogni giorno più di 25mila di questi container.

Quest’industria genera degli enormi profitti, ad esempio un porto come Amburgo nel 2014 ha prodotto un valore aggiunto lordo di 20miliardi di euro. L’impresa di contenitori danese Maersk rappresenta da sola circa il 20% del PIL della Danimarca. Maersk opera con più di 600 navi per una capacità totale di 2,6 milioni di EVP, e dispone di uffici in più di 100 paesi utilizzando un numero enorme di dipendenti. Malgrado il suo statuto di gigantesca impresa multinazionale, rimane sconosciuta, come lo sono molte delle imprese logistiche. Nonostante il fatto che coprano numerosi spazi, le operazioni e le infrastrutture logistiche sono molto raramente note alla maggior parte delle persone (anche se una volta che si conosce il nome Maersk, allora ci si accorge che i suoi container sono dappertutto). La logistica può quindi essere considerata, prendendo in prestito un concetto di Nigel Thrift (Thrift, 2005, p. 213), come una parte dello “inconscio politico” del capitalismo globale”.[30]

Ancora una volta emerge come sfera politica ed economica vadano in tandem e abbiano un particolare rapporto di simbiosi tra loro, non privo di tensioni e contraddizioni.

 

 

Giappone: l’accumulazione originaria, la grande privatizzazione e Zaybatsu

Nel Giappone del primo periodo Meiji, dal 1868 al 1890, i nuclei dei dirigenti politici e gli apparati statali nipponici produssero prima un gigantesco processo di industrializzazione statale, e subito dopo innescarono un altrettanto gigantesca dinamica di svendita e di privatizzazione propria dei mezzi di produzione creati attraverso le risorse pubbliche.

Se in Gran Bretagna la rivoluzione industriale era stata infatti avviata dalle imprese private, invece in Giappone fu essenzialmente la progettazione-praxis dei governi che, dal 1868 per circa quindici anni, innescò nella società nipponica l’accumulazione originaria e “modernizzò il sistema produttivo, investì capitali nelle infrastrutture, nei servizi, nell’educazione, nei trasporti, nelle comunicazioni…

Il governo capì che alcune delle industrie essenziali (ferro, cemento, tessili, miniere, navi, armamenti) non potevano essere supportate dai privati, che non avrebbero rischiato i loro capitali per gli scarsi profitti iniziali, quindi fu proprio il governo a finanziare gli inizi di queste industrie. Fu così che il Giappone si impegnò in grandi iniziative, non esenti da crisi (1880), ma gli imprenditori risposero quando lo Stato decise di privatizzare le industrie e i servizi. I compratori furono uomini, spesso collegati al governo, che seppero riconoscere i vantaggi di investimenti a lungo termine. Le imprese non furono subito redditizie, ma quando cominciarono a dare profitti fu soltanto un piccolo gruppo di persone ad avere il controllo del mondo economico e finanziario del paese.

Si formarono così le zaibatsu, combinazione di forti gruppi economici e finanziari. La Mitsui e la Mitsubishi, per citare le più importanti, seppero approfittare delle nuove opportunità offerte dal governo…”.[31]

 

 

 

Molto a causa del petrolio …

 Tratteremo in un prossimo libro della politica-struttura in campo internazionale: ma già ora si può fornire una sicura “pistola fumante” sull’importanza assunta dalla politica, nella sezione in cui essa si rivela “espressione concentrata dell’economia”, anche nei confronti delle relazioni tra diverse formazioni statali venutesi a creare dopo il 1918 analizzando il rapporto idrocarburi-politica-guerra-imperialismo occidentale durante l’ultimo secolo.

A tal proposito G. Godels seppur evitando facili ma controproducenti tesi economicistiche, ha sottolineato lucidamente che la frase “tutto a causa del petrolio” è stata, da “quando si ha memoria, un ritornello persistente in risposta alla politica in Medio Oriente degli Stati Uniti. Certamente c’è molta verità in questa affermazione. Dalla transizione energetica dal carbone al petrolio e ai suoi derivati, le principali potenze imperialiste hanno cercato di dominare o controllare le risorse petrolifere globali. E il centro dell’estrazione petrolifera globale, specialmente per gli Stati Uniti e altri potenti paesi capitalisti, è rimasto in Medio Oriente e nelle sue periferie.

Quando la Marina dell’allora dominante impero britannico passò dalle navi da guerra a carbone e alimentate a vapore alla dipendenza dal petrolio, il Medio Oriente divenne la sua stazione di servizio strategica. Di conseguenza, lo stato e il destino di persone, nazioni e stati in Medio Oriente si legarono indissolubilmente agli interessi e alla volontà delle più grandi potenze imperiali.

Dopo la prima guerra mondiale, gli inglesi e i francesi hanno aggredito e trasformato il Medio Oriente in un “protettorato” utile ai propri interessi economici. Gli Stati Uniti, autosufficienti nelle risorse petrolifere, furono spinti ai margini, liberi di esplorare i vasti deserti sottopopolati della penisola arabica.

Il caso volle che le vaste distese della penisola arabica si dimostrarono essere una fonte di petrolio e gas naturale vasta ed economica. L’Arabian-American Oil Company (ARAMCO) si rivelò provvidenziale quando le riserve energetiche interne statunitensi iniziarono a diminuire.

Come potenza imperialista dominante dopo la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti poliziotti del mondo capitalista, hanno assunto il compito di garantire che il petrolio fosse sicuro e alla portata del mondo capitalista e fuori dalla portata dei nemici della Guerra Fredda e dei loro alleati. Ciò necessitava di un esercito potente e agile. Poiché il petrolio e i gas sono trasportati via mare e oleodotti, le forze armate statunitensi si sono installate in basi militari in tutto il globo e gli Stati Uniti hanno arruolato comprimari fortemente armati in posizioni chiave in mezzo ad aree ricche di risorse energetiche (nell’Iran pre-rivoluzionario, in Israele, Arabia Saudita, ecc.).

Gli Stati Uniti (e i loro alleati più vicini e più fidati della NATO) non si sono prestati gratuitamente come guardiani globali ma hanno estratto un tributo dai paesi produttori di petrolio, sottraendo risorse ai loro popoli. Dopo la seconda guerra mondiale quando si spezzarono rapidamente le catene coloniali, l’imperialismo stabilì nuove modalità di dominio sulle materie prime del mondo, comprese le risorse energetiche. Le relazioni neo-coloniali sostituirono il dominio totale con il dominio economico. Nonostante l’autogoverno politico nominale, i paesi “indipendenti” ricchi di risorse erano ancora prigionieri delle imprese statunitensi e dei loro corrispettivi europei. Le compagnie statunitensi ed europee “hanno partecipato” allo sviluppo e alla proprietà delle risorse di gas e petrolio.

Poiché il petrolio e il gas sono così centrali nelle economie moderne, le potenze imperialiste mostrarono un vivo interesse nel garantire prezzi bassi e stabili. Pertanto, gli Stati Uniti e altri paesi imperialisti hanno investito pesantemente nell’estrazione di petrolio e gas in tutto il mondo, installando, quando necessario, governi amici nei paesi ricchi di risorse.

Ma anche i governi più favorevoli all’impero hanno cercato di ottenere maggiori frutti dall’estrazione mineraria dalle loro terre. I potentati sauditi, tra gli altri, hanno rivisto accordi, formato alleanze di produzione (ad esempio, l’OPEC) ed esercitato il loro potere sulle forniture globali a fini politici. In particolare, i produttori dell’OPEC hanno punito i paesi occidentali per il loro sostegno a Israele con un embargo sul petrolio nel 1973.

L’embargo petrolifero del 1973 si è rivelato un punto di svolta per le relazioni dell’imperialismo con gli stati produttori di petrolio del Medio Oriente. Le rivalità all’interno dell’imperialismo limitarono l’uso del potere militare degli Stati Uniti al fine di “… impadronirsi forzatamente dei giacimenti petroliferi del Medio Oriente alla fine del 1973”. Approfittando di queste differenze, i sauditi e altri paesi furono incoraggiati a nazionalizzare le loro industrie e ottenere una certa indipendenza dall’imperialismo occidentale. In alcuni casi, il drastico aumento di petrodollari che scorreva nelle casse degli Stati produttori di petrolio ha portato a miglioramenti altrettanto notevoli nella vita dei cittadini (in Libia, per esempio). In altri casi, i proventi del petrolio hanno arricchito solo le élite. E, nel caso dei sauditi, le ingenti entrate petrolifere hanno promosso il wahhabismo e un settarismo ultra-conservatore contro i movimenti laici progressisti e radicali in Medio Oriente e altrove.

Gli Stati Uniti e Israele sono riusciti a incanalare denaro e risorse saudite a sostegno dei propri obiettivi di politica estera, in particolare emarginando e anche combattendo il nazionalismo arabo non settario, il socialismo e l’antimperialismo in Palestina, Afghanistan e in molti altri stati. Dall’inizio del nasserismo fino ad oggi, l’imperialismo e il conservatorismo islamico più reazionario hanno usato il settarismo per contrastare, persino distruggere, i movimenti progressisti. Il denaro del petrolio ha sovvenzionato questo sforzo.

Dalla vittoria sull’imperialismo e sul settarismo in Siria, vediamo iniziare incoraggianti lotte di classe e non settarie in altri paesi come il Sudan, il Libano e l’Iraq. Le battute d’arresto in Arabia Saudita e dei suoi alleati del Golfo nello Yemen hanno anche spianato la strada a un livello di lotta più alto e avanzato con una minore confusione conseguente la divisione tribale e settaria. Mentre c’è sempre il pericolo che l’imperialismo da una posizione indebolita, usi queste lotte per i suoi scopi.

“Ho sempre detto, se andiamo [in Siria], ci teniamo il petrolio”. Donald Trump

I commentatori sono stati sbalorditi dall’audacia di Trump quando ha collegato il coinvolgimento in Siria con l’espropriazione del petrolio siriano. Molti erano imbarazzati dal fatto che Trump avesse pubblicamente rivelato che il ladrocinio di petrolio combaciava facilmente con gli obiettivi di politica estera degli Stati Uniti. Hanno preferito mistificare i propositi degli Stati Uniti dietro un allarme quasi comico che l’ISIS sarebbe risorto senza la presenza degli Stati Uniti. Questa esile scusa era in netto contrasto con il fatto che l’intero impegno militare degli Stati Uniti nella lotta contro l’ISIS avveniva attraverso il controllo dei cieli.

Quindi, gli Stati Uniti si sono intromessi in Siria, Iraq, Arabia Saudita, Libia e altri paesi per rubare, proteggere o espropriare fonti di energia? Sono questi esempi del secolare saccheggio imperialista sulle fonti energetiche globali?

Certamente l’imperialismo USA e i suoi alleati continuano a servire le preoccupazioni monopolistiche del capitalismo nella ricerca di sfruttamento delle risorse globali. Ma questa non è l’intera storia oggi.

Grazie all’innovativa rivoluzione del petrolio di scisto, gli Stati Uniti sono anche un forte concorrente dei produttori globali di energia. Questa è una nuova svolta che sta modellando la politica imperialista americana, spostandola in altre direzioni. Gli Stati Uniti, che oggi superano la produzione di petrolio e gas di tutti gli altri paesi, sono meno impegnati a garantire, impadronirsi, proteggere o sfruttare le risorse energetiche globali e maggiormente orientati a ottenere una maggiore quota di mercato delle vendite mondiali.

La guerra – e questa è guerra – per ottenere più mercati per la produzione energetica statunitense favorisce gli Stati Uniti poiché gli altri produttori sono minacciati, resi meno affidabili o più costosi da guerre, sconvolgimenti politici o altre cause di caos. Mentre nel dopoguerra americano, la politica petrolifera della Guerra Fredda era orientata verso la stabilità, prezzi bassi e costanti e transito sicuro, gli Stati Uniti beneficiano invece oggi dell’instabilità globale, dei prezzi instabili, delle rotte marittime pericolose e delle infrastrutture di collegamento precarie.

Le infinite guerre statunitensi, l’aumento delle ostilità da parte delle grandi potenze, il tintinnio di sciabole nelle rotte marittime, la palese azione militare contro gli stati produttori di energia tradizionali e le esagerate minacce di terrorismo e banditismo contribuiscono tutte a favorire l’approvvigionamento energetico da uno stato politicamente ed economicamente stabile con l’esercito più potente e di maggiore portata della storia: gli Stati Uniti.

È importante collocare il caos indotto dagli Stati Uniti nella prospettiva di una reale assenza di una minaccia imminente da parte di qualsiasi potere importante o dal cosiddetto “terrorismo”. Quasi tutto il caos globale è semplicemente prodotto e sostenuto dall’imperialismo.

La determinazione degli Stati Uniti a regnare sui mercati dell’energia è stata decisiva per scongiurare l’attacco dei prezzi dell’Arabia Saudita nel 2014. Con i costi di produzione pari o inferiori alla metà di quelli per lo scisto americano, i sauditi, sia attraverso la calcolata inazione che con la sovrapproduzione, hanno fatto scendere il prezzo del petrolio sotto i livelli storici, nella speranza di paralizzare il mercato statunitense dello scisto in forte espansione. Gravati dai debiti accumulati dall’esplorazione e dagli alti costi iniziali degli impianti di perforazione, l’industria statunitense emergente di scisto ha lottato a causa del crollo dei prezzi. Ma Wall Street è venuta in soccorso in modo intelligente e deciso: i prestiti stanno iniziando a essere riscossi solo oggi.

Con la Libia relegata nel ruolo di stato fallito, l’Iran espulso dal commercio, il Golfo Persico che si sta trasformando in zona di guerra, il Venezuela sanzionato dai mercati, Boko Haram che interrompe la produzione di petrolio nigeriana, la gigantesca Russia costretta a una nuova guerra fredda, i sauditi in procinto di vendere pezzi di ARAMCO agli Stati Uniti e ad altri investitori capitalisti, e ora con Donald Trump che tiene il petrolio siriano fuori dai mercati globali, gli Stati Uniti spingono il loro petrolio come il più affidabile e facilmente disponibile.

Lo stesso si può dire degli sforzi degli Stati Uniti per espandere i propri mercati di gas naturale liquefatto (GNL). La volontà sistematica di rappresentare la Russia come una minaccia esistenziale che incombe ai confini dell’Europa orientale e centrale ha lo scopo di stigmatizzare la Russia come partner pericoloso e compromettere la sua posizione come principale fornitore economico di gas naturale, fornito dalle pipeline per l’Europa. Di conseguenza, gli Stati Uniti sperano di aprire la porta di quel mercato stabilendo terminali GNL negli stati più anti-russi. Allo stesso modo, il caos nello Stretto di Hormuz e la lotta all’Iran hanno gettato un’ombra sull’affidabilità dei maggiori concorrenti statunitensi di gas: i vasti giacimenti di gas iraniano e del Qatar.

In questa competizione per i mercati energetici globali, gli Stati Uniti fanno affidamento sulle sanzioni economiche come arma preferita, in particolare bloccando l’attività commerciale dei rivali energetici.

Se imporre la stabilità in un mondo capitalista dipendente dalle importazioni di energia era il primo obiettivo dell’imperialismo USA, la sovrapproduzione di energia da tecnologie innovative ha fissato nuovi obiettivi. Poiché gli Stati Uniti bramano i mercati tradizionali di petrolio e gas naturale, l’imperialismo USA è disposto a convivere e anche favorire l’instabilità globale. Non è un caso che guerre distruttive senza fine, zone a rischio diffuse, minacce e ostilità siano caratteristiche del ventunesimo secolo.

Rafforzare le esportazioni di energia e le vendite di armi rendono gli Stati Uniti il principale piantagrane in un mondo capitalista instabile e ultra competitivo.

L’imperialismo energetico statunitense rende ancora più pericoloso un mondo già instabile”.[32]

Petrolio e politica: affari lucrosi e controllo politico-militare delle aree geopolitiche più importanti sul piano energetico; ancora una volta, politica-struttura.

 

 

 

Petrolio e politica: l’alleanza strategica tra nazisti e la Standard Oil nel 1941-44

In uno stimolante articolo, intitolato “A letto col terzo reich: l’alleanza nascosta degli USA con la Germania contro l’Unione Sovietica”, lo storico Michel Chossudovsky ha riportato che “Prescott Bush era un socio della Brown Brothers Harriman & Co e direttore della Union Banking Corporation, che aveva stretti rapporti con gli interessi delle imprese tedesche, come la Thyssen Steel, grande compagnia coinvolta nell’industria degli armamenti del Terzo Reich.

“… Nuovi documenti, declassificati [nel 2003], dimostrano che, anche dopo che l’America era entrata in guerra [8 dicembre 1941] e quando già esistevano significative informazioni sui piani e sulle politiche dei nazisti, egli [Prescott Bush] lavorò e fece guadagni con società strettamente legate alla finanza tedesca, la quale supportò economicamente l’ascesa al potere di Hitler. È stato anche evidenziato come il denaro ricavato da queste transazioni avesse aiutato a costruire la ricchezza e la fortuna della famiglia Bush, nonché a fondare la sua dinastia politica” (The Guardian, September 25, 2004).

Senza il sostegno degli USA alla Germania nazista, il Terzo Reich non sarebbe stato capace di dichiarare guerra all’Unione Sovietica. La produzione di petrolio della Germania era insufficiente per poter scatenare una grande offensiva militare. Durante tutto il conflitto, il Terzo Reich fece affidamento su regolari forniture di greggio da parte della Standard Oil, nelle mani della famiglia Rockefeller.

I principali produttori di greggio nei primi anni quaranta erano: gli Stati Uniti (50% della produzione globale di petrolio), l’Unione Sovietica, il Venezuela, l’Iran, l’Indonesia e la Romania.

Senza una regolare fornitura di petrolio, la Germania non sarebbe stata in grado di porre in essere l’Operazione Barbarossa, che venne lanciata il 22 giugno 1941. L’invasione dell’Unione Sovietica aveva la finalità di conquistare e prendere il controllo delle risorse petrolifere dell’Unione Sovietica nel Caucaso e nelle regioni del Mar Caspio: il petrolio di Baku.

La domanda mai posta. Da chi ha avuto il petrolio la Germania?

Già prima del dicembre 1941, il petrolio texano veniva spedito in Germania con regolarità. Sebbene la Germania fu in grado di sintetizzare il carbone in benzina sintetica, tale produzione si rivelò insufficiente. Inoltre, le risorse petrolifere di Ploesti, in Romania (sotto il controllo nazista fino al 1944) erano minime. La Germania nazista dipese largamente dalle forniture statunitensi della Standard Oil.

L’attacco di Pearl Harbor (7 dicembre 1941) avvenne appena sei mesi dopo il lancio dell’operazione Barbarossa (Luglio 1941). Gli Stati Uniti entrarono nella Seconda Guerra Mondiale dichiarando guerra al Giappone ed alle altre potenze dell’Asse.

La normativa sui commerci col nemico del 1917, ufficialmente applicata a seguito dell’ingresso degli Usa nella Seconda guerra mondiale, non impedì alla Standard Oil of New Jersey di vendere petrolio alla Germania nazista. Ciò avvenne nonostante il Senato americano avesse messo nel 1942 la Standard Oil sotto inchiesta.

Sebbene le spedizioni di greggio proveniente direttamente dagli USA fossero state ridotte e contingentate, la Standard Oil avrebbe venduto il suo petrolio tramite triangolazione con paesi terzi. Il petrolio statunitense fu spedito alla Francia occupata tramite la Svizzera, e dalla Francia fu spedito in Germania.

“… per la durata della Seconda Guerra Mondiale la Standard Oil, all’interno degli accordi che Teagle aveva supervisionato, (1) continuò a fornire di petrolio la Germania nazista. Le spedizioni vennero effettuate attraverso la Spagna, le colonie della Francia di Vichy nelle Indie Occidentali e la Svizzera”.

Dovrebbe essere evidenziato che una larga fetta della domanda di petrolio della Germania nazista fu soddisfatta dalle spedizioni del Venezuela, il quale, all’epoca, era di fatto una colonia USA.

Il presidente del Venezuela sostenuto dagli USA al tempo della guerra, il Generale Isaías Medina Angarita, (al potere dal maggio 1941 all’ottobre 1945) fu messo lì per proteggere gli interessi petroliferi degli USA, così come per consentire il “commercio col nemico” sin dall’inizio dell’entrata in guerra degli USA nel dicembre 1941.

John D. Rockefeller Jr. possedeva un pacchetto azionario di controllo della Standard Oil corporation, ma il secondo più grande azionista era l’impresa chimica tedesca IG Farben, attraverso la quale la compagnia statunitense ha venduto ai nazisti oltre 20 milioni di dollari in benzina e lubrificanti. E la filiale venezuelana della medesima impresa USA ha spedito oltre 13.000 tonnellate di greggio in Germania, ogni mese, greggio che la possente industria chimica del Terzo Reich ha immediatamente trasformato in benzina.

Mentre il governo di Medina Angarita, su pressione di Washington, rimase ufficialmente neutrale sin dai primi momenti di Pearl Harbor (7.12.1941), ma di fatto allineato agli USA che avevano rotto ogni relazione colla Germania nazista, i traffici di greggio dal Venezuela verso la Germania non subirono interruzioni. Con una svolta piuttosto insolita (al limite del ridicolo) il Venezuela dichiarò guerra alla Germania nel febbraio 1945, quando il conflitto era ormai giunto al suo termine.

Senza queste spedizioni di greggio assicurate dalla Standard Oil e dai Rockefeller, la Germania nazista non sarebbe stata in grado di realizzare la propria agenda militare. Senza carburante, l’apertura del fronte orientale del Terzo Reich e l’Operazione Barbarossa probabilmente non avrebbero avuto luogo, salvando milioni di vite. Il fronte occidentale, con l’occupazione militare di Francia, Belgio e Paesi Bassi, ne avrebbe altrettanto subito conseguenze.

L’amministrazione di F. D. Roosevelt avrebbe potuto adottare severe sanzioni contro la Standard Oil, con il fermo intento di rafforzare il blocco contro la Germania nazista.

Ma gli Stati Uniti non pensavano alla pace: l’obiettivo taciuto era non soltanto quello di distruggere l’Unione Sovietica, ma anche quello di minare il ruolo della Gran Bretagna come potenza imperiale.

Togliamoci ogni illusione. Senza le spedizioni di greggio assicurate dalla statunitense Standard Oil e dalle sue affiliate, l’intero disegno imperiale della Germania nazista non avrebbe potuto essere intrapreso.

Non puoi dichiarare una guerra senza benzina.

Gli Stati Uniti sono andati a letto col nemico per tutta la Seconda guerra mondiale.

L’obiettivo degli USA era quello di distruggere l’Unione Sovietica.

Guardando avanti al 2019 L’Unione Europea ha recentemente adottato una risoluzione intitolata “Importanza della Giornata europea del ricordo per il futuro dell’Europa” che rafforza una precedente dichiarazione del 23 dicembre 2008.

La risoluzione afferma che la Seconda guerra mondiale: “è iniziata come immediata conseguenza del noto patto di non aggressione nazisovietico del 23 agosto 1939… e dei suoi protocolli segreti, attraverso I quali due regimi totalitari condivisero il fine della conquista del mondo e divisero l’Europa in due zone di influenza”.

Questa è una proposizione assurda che distorce la storia. Asserisce che la Germania nazista e l’Unione Sovietica fossero alleati.

Nega il fatto che l’Unione Sovietica sia stata la vittima dell’aggressione nazista, la quale ha avuto come risultato l’uccisione di più di 25 milioni di sovietici (più del 10 per cento della popolazione).

La risoluzione capovolge la realtà storica. L’Unione Sovietica ha giocato un ruolo centrale sia nella sconfitta dei nazisti che in quella dei giapponesi. Inoltre vi è ampia prova che gli USA andarono a letto col nemico, con il più ampio fine di distruggere l’Unione Sovietica e uccidere la sua popolazione.

Le spedizioni di greggio alla Germania nazista (fino al 1944) furono volte a sostenere l’Operazione Barbarossa di Hitler, la quale provocò milioni di morti. Sotto questo profilo, gli Stati Uniti furono complici dei crimini di guerra commessi, sostenendo le ambizioni militari della Germania nazista.

L’ampio disegno della cooperazione tra USA e nazisti.

Vendere carburante alla Germania nazista fu solo una delle diverse strategie contemplate dagli USA.

Gli interessi commerciali statunitensi continuarono a cooperare colle imprese naziste anche dopo Pearl Harbor.

Nessun tentativo venne posto in essere per vietare alla Ford di mantenere i suoi interessi e contatti coi tedeschi nella Francia occupata, neppure venne proibito alla Chase Bank o alla Morgan Bank di mantenere aperte le proprie filiali nella Parigi occupata. Si riporta che la Reichsbank e il Ministro nazista dell’Economia fecero esplicita promessa a certuni amministratori di compagnie statunitensi che le loro proprietà non sarebbero state toccate dopo la vittoria del Fuhrer. In tal modo, i capi di queste imprese, come si suol dire oggi, potevano lanciare un dado col sei su ogni faccia. Qualunque parte avesse vinto la guerra, i poteri che veramente controllano le nazioni non sarebbero stati ostacolati.

“Cancellare l’Unione Sovietica dalle mappe”

Già nel corso del 1942 (all’apice della Seconda guerra mondiale), era stato contemplato un attacco nucleare contro l’Unione Sovietica. Secondo un documento segreto (declassificato) ed emesso il 15 settembre 1945 (5 settimane dopo Hiroshima): “il Pentagono ha previsto di fare saltare in aria l’Unione Sovietica con un attacco nucleare coordinato diretto contro le sue maggiori aree urbane… Il Pentagono ha stimato che sarebbero state necessarie un totale di 204 bombe atomiche per “cancellare l’Unione Sovietica dalle mappe”. I bersagli dell’attacco nucleare erano individuati nelle 66 maggiori metropoli. (Per maggiori dettagli vedi Michel Chossudovsky, Global Research, 10 dicembre 2017).

Una singola bomba atomica lanciata su Hiroshima il 6 agosto 1945 ebbe come conseguenza la morte immediata di più di 100.000 persone. Immaginate cosa sarebbe potuto accadere se 204 bombe atomiche fossero state lanciate su tutte le maggiori aree urbane dell’Unione Sovietica. Questo progetto diabolico, formulato quando gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica erano ancora alleati, è equivalente ad un vero e proprio genocidio.

(1) Gli accordi di Achnacarry sono stata un’intesa stipulata il 17 settembre 1928 tra Henry Deterding, direttore generale della Royal Duch Shell, Walter C. Teagle, rappresentante della Standard Oli Company, e Sir John Cadman, dirigente della Anglo-Persian Oil Company (successivamente British Petroleum). Tale accordo era finalizzato a stabilire zone di estrazione e prezzi di vendita del greggio affinché non ci fosse concorrenza, bensì cooperazione tra le compagnie. Successivamente alle prime tre compagnie petrolifere si aggiunsero Mobil, Chevron, Gulf e Texaco. Le compagnie petrolifere aderenti all’accordo in seguito furono conosciute anche come le sette sorelle”.

(Note storiche sugli accordi di Achnacarry nel volume “Le fonti dell’energia: Storia e prospettive”, di Maurizio Godart, UTET-De Agostini, 2014).

 

 

 

Engels e la politica-struttura: protezionismo e libero scambio

Nel 1888 Engels descrisse la politica-struttura nell’importante sezione di quest’ultima avente per oggetto gli scambi economici su scala internazionale, con la plurisecolare connessione occidentale creatasi tra sfera economica e quella politica partendo almeno dall’inizio del Seicento con il mercantilismo fino ad arrivare via via al neoprotezionismo contemporaneo di Donald Trump.

Engels notò che “verso la fine del 1847 veniva convocato a Bruxelles un Congresso di libero-scambisti. Era una manifestazione di quella campagna per il libero scambio che si faceva allora dagli industriali inglesi. Vittoriosi in patria per la revoca della legge sui cereali nel 1846, essi passavano sul continente chiedendovi il libero accesso dei prodotti delle manifatture inglesi, in cambio del varco aperto in Inghilterra ai cereali del continente. A quel Congresso Marx si era inscritto fra gli oratori ma, come era da attendersi, le cose vennero condotte per guisa che il Congresso si chiudesse prima del suo turno. Così quel che aveva da dire, dovette esporlo invece all’Associazione democratica internazionale di Bruxelles, di cui era fra i vicepresidenti.

Essendo oggi la questione del libero scambio e del protezionismo all’ordine del giorno, si credette utile pubblicare una versione del discorso di Marx, e me ne è chiesto un proemio.

«Il sistema protezionista, dice Marx, fu un mezzo artificiale per fabbricare industriali, per espropriare i lavoratori indipendenti, per capitalizzare gli strumenti nazionali di produzione e di sussistenza e per abbreviare colla forza il passaggio dalla forma medievale di produzione alla odierna.» Tale fu il protezionismo al suo sorgere nel secolo XVII e tale è rimasto ben innanzi nel XIX. Esso venne elevato a regola di ogni Stato civile nell’occidente d’Europa. Sole eccezioni i piccoli Stati della Germania e la Svizzera — non perché dissentissero, ma per la impossibilità di applicare il sistema nei loro minuscoli territori.

Fu sotto le materne ali del protezionismo che la moderna industria meccanica, a base di vapore, sorse in Inghilterra e si sviluppò durante gli ultimi trent’anni del secolo XVIII. E, quasi la protezione delle tariffe non bastasse, le guerre contro la Rivoluzione francese contribuirono ad assicurare all’Inghilterra il monopolio dei nuovi sistemi industriali. Per più di vent’anni, vascelli da guerra inglesi tennero lontano i produttori rivali dell’Inghilterra dai rispettivi mercati nelle colonie, aprendoli a forza al commercio inglese. La secessione delle colonie sud-americane dall’egemonia delle madri patrie europee, la conquista inglese di tutte le principali colonie francesi ed olandesi, l’assoggettamento progressivo dell’India, trasformarono gli abitanti di quegli immensi territori in consumatori di prodotti inglesi. L’Inghilterra così associava il protezionismo all’interno col libero scambio imposto ai consumatori dell’estero; e, grazie a questo felice connubio dei due sistemi, finite nel 1815 le guerre, essa ebbe virtualmente conquistato il monopolio del commercio mondiale per tutte le industrie più importanti.

Questo suo monopolio si estese e rafforzò nei successivi anni di pace. Il suo slancio era aumentato di anno in anno. I possibili rivali erano lasciati sempre più addietro. Ormai la sempre crescente esportazione di manifatture divenne per l’Inghilterra una vera questione di vita o di morte. Due soli ostacoli aveva di fronte: le leggi proibitive o protettive di altri paesi e le imposte gravanti la importazione delle materie gregge e dei generi alimentari in Inghilterra.

Allora divennero popolari nella patria di John Bull le dottrine libero-scambiste della economia politica classica — dei fisiocratici francesi e dei loro successori d’Inghilterra, Adamo Smith e Ricardo. Il protezionismo in paese tornava inutile a industriali che vincevano tutti i loro rivali dell’estero e la cui esistenza stessa dipendeva dall’espandersi della loro esportazione. Il protezionismo non giovava che ai produttori di generi alimentari e di materie gregge, agli interessi agricoli, ossia, data l’Inghilterra d’allora, ai percettori di rendita, all’aristocrazia fondiaria. E questa specie di protezionismo era perniciosa agli industriali. Gravando d’imposte le materie prime si aumentava il prezzo dei prodotti manufatti, imponendo i generi alimentari si elevava il Prezzo della mano d’opera; e in ambo i casi l’industriale inglese soffriva uno svantaggio di fronte al suo competitore dell’estero. E siccome tutti gli altri paesi mandavano in Inghilterra principalmente prodotti agricoli, e prendevano dall’Inghilterra prodotti industriali, abolire i dazi protettori inglesi sui cereali e sulle materie prime era nello stesso tempo un far appello agli altri paesi perché togliessero, o almeno riducessero, in compenso, i dazi d’importazione sui prodotti industriali.

Dopo una lunga e violenta lotta, i capitalisti dell’industria che erano già in Inghilterra la classe dirigente e prevalente, riuscirono vincitori. L’aristocrazia fondiaria piegò. I dazi sui cereali ed altre materie prime vennero soppressi. Il libero scambio divenne la parola d’ordine del giorno. Convertire tutti gli altri paesi al libero scambio, e cosi creare un mondo nel quale l’Inghilterra fosse il gran centro manifatturiero e gli altri paesi ne fossero dipendenze agricole: ecco il nuovo problema per gli industriali inglesi o pei loro interpreti, gli economisti.

Fu questa l’epoca del Congresso di Bruxelles e del discorso di Marx. Pur riconoscendo che il protezionismo può, in date circostanze (per esempio nella Germania del 1847), vantaggiare gli industriali, e che il libero scambio non è la panacea dei mali dei lavoratori o può anzi aggravarli; Marx si pronuncia per principio ed in conclusione in favore del libero scambio.

Per lui il libero scambio è la condizione normale della odierna produzione capitalistica. Solo con esso ha pieno sfogo l’immensa energia produttiva del vapore, dell’elettricità, delle macchine, al cui più rapido sviluppo si accompagnano, conseguenze inevitabili: lo scindersi della società in due classi, capitalisti e salariati; ricchezza ereditaria ed ereditaria povertà; l’eccesso di produzione in rapporto al bisogno dei mercati; la assidua vicenda di prosperità, sovrabbondanza, crisi, panico, depressione cronica, indi graduale ma effimero rialzarsi del commercio, per metter capo di nuovo alla crisi di sovraproduzione; in breve, l’espandersi delle forze produttive fino a ribellarsi alle catene di quegli stessi istituti sociali onde ricevettero l’impulso: unica soluzione una rivoluzione sociale, liberatrice delle forze produttive dalle pastoie di un ordine sociale antiquato, liberatrice dei produttori attuali, la grande maggioranza della popolazione, dalla schiavitù del salario. E poiché il libero scambio è l’atmosfera naturale per questa evoluzione storica, l’ambiente economico ad essa più propizio — per ciò, e soltanto per ciò, Marx si dichiarò in favore del libero scambio.

Ad ogni modo gli anni immediatamente successivi al trionfo del libero scambio in Inghilterra sembrarono cresimare le previsioni dei suoi più ottimisti fautori.

Il commercio inglese toccò cifre favolose, il monopolio dell’industria inglese sul mercato mondiale sembrò più che mai consolidato, spuntarono a centinaia ferriere e tessiture, dappertutto nuove industrie allignarono. Una seria crisi scoppiò nel 1857, ma fu superata, e il progresso dell’industria e del commercio si riaccelerò tino al nuovo panico del 1866, un panico destinato pare, a far epoca nella storia economica del mondo.

L’espansione senza esempio della industria e del commercio inglese fra il 1848 ed il 1866 era dovuta principalmente all’abolizione dei dazi di protezione sui generi alimentari e sulle materie prime. Ma non solo a questo. Altri gravi fenomeni concorsero. Fu in quel torno la scoperta e l’esercizio dei campi d’oro d’Australia e di California, che moltiplicarono il numerario; il trionfo del vapore come mezzo di trasporto, dei piroscafi n sui velieri, delle ferrovie sulle strade comuni fece i trasporti quattro volte più rapidi e quattro volte meno costosi. Qual maraviglia che, in condizioni così favorevoli, le fabbriche inglesi animate dal vapore si estendessero a spese delle industrie casalinghe straniere fondate sul lavoro a mano? Ma potevan le altre nazioni starsene chete a una riforma che le umiliava a semplici appendici agricole dell’Inghilterra, «l’officina del mondo»?

Non potevano. La Francia da quasi due secoli riparava le sue manifatture dietro una vera muraglia dona China di protezionismo e proibizionismo od aveva raggiunto in tutti gli articoli di lusso o di gusto una supremazia che l’Inghilterra non pretendeva neppure di disputarle. La Svizzera, sotto un regime di perfetto libero scambio, possedeva manifatture relativamente importanti cui la concorrenza inglese non poteva toccare. La Germania, con una tariffa assai più liberalo di quella di ogni altro grande paese del continente, andava sviluppando i propri opifici con una celerità relativamente ancora maggiore dell’Inghilterra. E l’America, ridotta dalla guerra civile del 1861 alle sole proprie risorse, doleva far fronte ad un subitaneo bisogno di manifatture d’ogni specie, né il poteva se non creando opifici propri nel paese. I bisogni sorti colla guerra, colla guerra cessarono; ma i nuovi opifici rimasero e dovettero la concorrenza britannica. Inoltre la guerra aveva maturato in America il pensiero che una popolazione di 35 milioni, raddoppiante in quarant’anni al più, ricchissima di risorse e attorniata da vicini quasi unicamente agricoltori, era «manifestamente destinata» a diventare indipendente, sì in pace che in guerra, dall’industria straniera per i principali suoi consumi. Ed allora l’America diventò protezionista.

Saranno ora quindici anni, io viaggiai in ferrovia con un avveduto commerciante (credo in ferro) di Glasgow, che, parlando dell’America, mi ammanniva i vecchi ritornelli libero-scambisti: «Non era egli assurdo che negoziatori scaltri, come gli americani, si addossassero tributi per arricchire industriali e padroni di ferriere indigeni, mentre qui da noi trovavano la stessa od anche una miglior merce a tanto minor prezzo?» E citava esempi, calcolando le cifre dello sperpero.

«Credo» — risposi — «che la questione abbia un altro lato. Sapete che in carboni, forze idrauliche, minerali d’ogni genere, alimenti a buon mercato, cotoni indigeni ed altre materie prime, l’America ha risorse che nessun paese d’Europa eguaglia; e che non possono svolgersi appieno finché l’America non diventi paese industriale. Ammetterete anche, che oggi una così grande nazione non saprebbe essere esclusivamente agricola; ciò equivarrebbe a murarsi nella inferiorità e nella barbarie; nessuna grande nazione può vivere oggi senza opifici propri. Ora, se l’America deve diventare nazione industriale, e tutto fa credere che essa non solo vi riesca, ma possa scavalcare i suoi rivali, non ha che due vie; o continuare, poniamo per cinquant’anni, col libero scambio una costosissima guerra di concorrenza contro opifici inglesi che hanno circa un secolo di vantaggio, oppure escludere mercé dazi protettivi le manifatture inglesi, poniamo per venticinque anni, colla certezza quasi assoluta che alla fine dei venticinque anni essa potrà reggersi nel mercato aperto del mondo. Quale delle due vie sarà meno lunga e meno costosa? Ecco il quesito. Se partite da Glasgow per Londra potete prendere il treno omnibus a due soldi per miglio o percorrere dodici miglia all’ora. Ma voi, no: il vostro tempo ha troppo valore e voi prendete il diretto, pagate quattro soldi per miglio e ne fate quaranta all’ora. Benissimo; gli americani preferiscono pagare la tariffa del diretto e andare colla velocità del diretto.» Il mio scozzese libero scambista non ribatté verbo.

Il protezionismo, essendo un sistema artificiale per fabbricare industriali, può dunque sembrar utile non solo ad una classe capitalista tuttora in via di sviluppo ed in lotta col feudalismo, ma eziandio alla classe capitalista nascente d’un paese che, come l’America, non ha mai conosciuto il feudalismo ma che tocca quella fase di evoluzione che impone il passaggio dalla agricoltura alla industria. L’America, in queste condizioni, si decise per il protezionismo. Da quel giorno i venticinque anni, di cui io parlavo col mio compagno di viaggio, sono suppergiù trascorsi e, se io non calcolavo male, il protezionismo dovrebbe ormai aver fatto il suo ufficio a pro dell’America e starebbe ora per divenirle un imbarazzo.

Da qualche tempo questa è la mia opinione. Circa due anni fa dicevo ad un americano protezionista: «Sono convinto che, se l’America inaugura il libero scambio, fra dieci anni avrà battuto l’Inghilterra sul mercato mondiale.»

Il protezionismo è, nella migliore ipotesi, una vite senza fine, e non si sa mai quando sbarazzarsene. Proteggendo un’industria, direttamente o indirettamente danneggiate tutte le altre e quindi dovrete proteggere anche queste. Ma in tal modo danneggiate a sua volta l’industria che avete protetta per la prima e siete tenuti a compensarla: ma questo compenso reagisce come prima su tutti gli altri commerci, onde spetta a questi un compenso, e cosi via all’infinito. L’America sotto questo riguardo ci offre un esempio appropriatissimo del miglior modo di uccidere un’industria importante col protezionismo. Nel 1856 il totale delle importazioni e delle esportazioni per mare degli Stati Uniti ammontava a 641.604.850 dollari; di questa somma, il 75,2 per cento venne trasportati su navi americane e solamente il 24,8 per cento su navi forestiere. Già, i piroscafi inglesi vincevano i velieri americani; tuttavia, nel 1860, di un traffico marittimo in totale di 762.288.550 dollari, ancora il 66,5 per cento si esercitava da navi americane.

Sopraggiunta la guerra civile e introdotto il protezionismo per le costruzioni navali americane, ne segui la quasi completa scomparsa della bandiera americana, dai mari. Nel 1887 il commercio marittimo degli Stati Uniti ammontava nel suo insieme a 1.408.502.979 dollari, ma di questa cifra il solo 13.80 per cento veniva effettuato con navi americane, e 1’86,20 per cento con legni d’altre nazioni. Le merci trasportate da battelli americani sommavano, nel 1856, a dollari 482.268.274; nel 1860 a dollari 507.247.757. Nel 1887 si scese a 194.356.746 dollari.3Quarant’anni fa la bandiera americana sfidava sugli oceani la bandiera inglese; ora non la si vede in nessun luogo. La protezione ai cantieri uccise navi e costruttori.

Altro punto. I perfezionamenti nei metodi di produzione si seguono oggi così rapidi e rivoluzionano per modo le industrie, che quella che era ieri una ben calcolata tariffa protezionista, oggi non lo è più. Prendiamo un altro esempio dalla Relazione del segretario del Tesoro americano per il 1887:

«I perfezionamenti di questi ultimi anni nelle macchine per la lavorazione delle lane mutarono talmente il genere dei così detti tessuti pettinati, che questi ultimi hanno largamente sostituito i tessuti lisci (cheviots) per la confezione di vestiti da uomo. Questo mutamento… danneggiò moltissimo le nostre manifatture nazionali di tessuti pettinati, perché il dazio sulla lana che essi impiegano è identico a quello sulla lana adoperata pei tessuti lisci; ora, mentre il dazio imposto a questi ultimi, commisurato a un prezzo non superiore a 80 soldi4 per libbra, è di 35 soldi per libbra e del 35 per cento ad valorem, il dazio sui tessuti pettinati sempre commisurato ad un prezzo non superiore agli 80 soldi per libbra, è di 10 a 24 soldi per libbra, più il 35 per cento ad valorem. In alcuni casi il dazio sulla lana che si impiega nei tessuti pettinati eccede il dazio imposto sull’articolo finito.» Cosicché ciò che ieri era una protezione per l’industria nazionale, si risolve oggi in un premio per l’importatore estero; e dà modo al segretario del Tesoro di dire: «V’è ragione di credere che la manifattura dei tessuti pettinati dovrà presto cessare in questo paese se non sarà emendata la tariffa» (pag. XIX). Ma per correggerla, voi avrete da combattere i fabbricanti di tessuti lisci, cui giova questo stato di cose; voi dovrete iniziare una campagna regolare per convertire alle idee vostre la maggioranza di entrambe le Camere, ed eventualmente anche la pubblica opinione: ne varrà la pena?

Ma il peggio del protezionismo è che, una volta introdotto, non vi è facile sbarazzarvene. Se un’equa tariffa è difficile da combinare, il ritorno al libero scambio è immensamente più difficile. Le circostanze, che all’Inghilterra permisero il cambiamento in pochi anni, non si rinnoveranno. E anche là la lotta, cominciala dal 1823 (Huskisson), non incontrò qualche successo che nel 1842 (tariffe di Peel) e continuò per anni dopo abolito il dazio sui cereali. Cosi la protezione dei prodotti serici (i soli che temessero ancora la concorrenza estera) venne prolungata per una serie di anni o con modi veramente indegni; mentre le altre industrie tessili subirono il Factory Act, che limitava le ore di lavoro per le donne, per i giovani e per i ragazzi, la industria della seta venne favorita con rilevanti privilegi, autorizzandola all’impiego di teneri fanciulli e per più ore che nelle altre industrie tessili. Il monopolio, che gli ipocriti libero-scambisti abolivano rispetto ai concorrenti dell’estero, lo ricostituivano a spese della salute e della vita di fanciulli inglesi.

Ma nessun paese potrà attendere, per tornare al libero scambio, il tempo felice in cui tutte o quasi le sue industrie sfideranno la concorrenza estera in mercato aperto. La necessità del cambiamento si farà sentire assai prima, or in questo or in quel commercio, e dal conflitto dei rispettivi interessi sorgeranno le più edificanti contese, i peggiori intrighi di camorre e le più scandalose cospirazioni parlamentari. Il meccanico, l’armatore, ecc., troveranno che la protezione consentita al padrone di ferriere eleva il prezzo delle sue merci a tal punto da impedirne l’esportazione; il fabbricante di tessuti di cotone saprebbe escludere i tessuti inglesi dai mercati cinesi e indiani se non fosse l’alto prezzo che egli deve pagare il filo, stante la protezione accordata ai filatori; e così via. Nell’istante in cui un’industria nazionale ha compiuta la conquista del mercato interno, allora l’esportazione le diviene indispensabile. In capitalismo un’industria o si espande o è condannata a sparire. Un commercio non può restare stazionario: un arresto di sviluppo è il principio della sua rovina: il progresso delle invenzioni meccaniche e chimiche, surrogando sempre più il lavoro dell’uomo e sempre più rapidamente accrescendo ed accentrando il capitale, crea in ogni industria stagnante un ingorgo così di lavoratori come di capitali, ingorgo che non trova sbocco perché lo stesso fenomeno comune a tutte le altre industrie. Così il passaggio da un commercio interno ad un commercio d’esportazione diventa una questione di vita o di morte per le industrie che vi sono interessate; ma esse urtano nei diritti acquisiti, negli interessi degli altri, che trovano ancora nel protezionismo più sicurezza o profitto che nel libero scambio. Ne segue una lotta lunga e tenace fra libero-scambisti e protezionisti, della quale si impadroniscono i politicanti di mestiere, che muovono i fili dei tradizionali partiti politici e il cui interesse non è che il conflitto si risolva, ma anzi è che perduri; e il risultato dl tale sperpero immenso di tempo, di energia e di quattrini è una serie di transazioni, ora favorevoli all’una, ora all’altra parte e tendenti con moto altrettanto lento quanto poco maestoso verso il libero scambio — salvo che il protezionismo, nel frattempo, si renda affatto insopportabile alla nazione, come è appunto probabile stia per accadere in America.

V’è poi un altro genere di protezionismo, il peggiore di tutti, e lo troviamo in Germania. Anche la Germania cominciò a sentire, tosto dopo il 1815, la necessità di un più rapido sviluppo delle sue industrie. Ma la prima condizione ne era la creazione d’un mercato indigeno mercé l’abolizione delle frontiere interne e della disparata legislazione doganale di quei piccoli Stati, ossia la formazione d’una Unione doganale tedesca o Zollverein. Questo presupponeva una tariffa liberista, intesa piuttosto ad accrescere il reddito comune che a proteggere la produzione paesana. Solo questa condizione poteva indurre questi piccoli Stati ad unirsi. Così la nuova tariffa germanica, benché leggermente protezionista per talune industrie, fu per quel tempo un modello di legislazione libero-scambista, e rimase tale, quantunque, già dopo il 1830, la maggioranza degli industriali tedeschi continuasse a reclamare il protezionismo. Ancora, sotto questa tariffa liberalissima, e sebbene le industrie domestiche tedesche fondate sul lavoro manuale fossero spietatamente schiacciate dalla concorrenza delle fabbriche inglesi a vapore, il trapasso dal lavoro manuale alla macchina avvenne gradatamente anche in Germania ed è ora quasi compiuto; la trasformazione della Germania da paese agricolo in paese industriale procedette di pari passo, aiutata, dal 1866, da favorevoli eventi politici: cioè lo stabilirsi di un forte governo centrale e d’un parlamento federale, assicuranti una legislazione uniforme sul commercio, la circolazione, i pesi e le misure; e, da ultimo, l’inondazione dei miliardi francesi. Così, intorno al 1874, il commercio tedesco sul mercato del mondo si schierava accanto a quello della Gran Bretagna5 e la Germania impiegava più macchine a vapore nell’industria e nella locomozione che qualunque altro paese del continente. Fu così dimostrato che anche oggi, a dispetto dell’enorme slancio dell’industria inglese, un grande paese può competere con successo, in mercato aperto, coll’Inghilterra.

Si ebbe allora un cambiamento a vista: la Germania ridivenne protezionista nel momento in cui Il libero scambio appariva per essa più che mai necessario, mutamento assurdo, ma spiegabile. Finché la Germania era esportatrice di grano, tutti i suoi interessi agricoli, non meno che l’interesse generale del commercio marittimo, le imponevano il libero scambio, Ma nel 1874, in luogo di esportare, la Germania requisiva all’estero grandi provviste di grano. In quel torno l’America incominciava ad inondare l’Europa con enormi provviste di grano a buon mercato: dovunque esse arrivavano, scemava il reddito in denaro della terra e quindi la rendita; e da quel momento gli interessi di tutta la restante Europa incominciarono a invocare il protezionismo. Nello stesso tempo gli industriali tedeschi soffrivano per gli effetti del traffico eccessivo prodotto dall’influenza dei miliardi francesi, mentre l’Inghilterra, il cui commercio fin dalla crisi del 1866 era continuamente depresso, inondava tutti i mercati accessibili con prodotti non smerciabili in patria e li offriva fuori a prezzi ruinosamente bassi. Così avvenne che le industrie tedesche, benché dipendenti soprattutto dalla esportazione, incominciarono a ravvisare nel protezionismo il modo di assicurare a sé stesse la fornitura esclusiva del mercato interno. E il Governo, tutto in mano della aristocrazia fondiaria e dei signorotti, fu arcilieto di profittare di tali circostante a loro vantaggio, offrendo dazi protettivi tanto ai signori della terra quanto agli industriali. Nel l878 un’elevata tariffa protezionista fu introdotta, sì per i prodotti agricoli che per quelli dell’industria.

D’allora in poi l’esportazione degl’industriali tedeschi fu mantenuta direttamente a spese dei consumatori del paese. Dovunque fu possibile sì formarono sindacati (rings o trusts) per regolare il commercio di esportazione e financo la produzione. Il commercio tedesco del ferro è in mano di poche grandi case, la più parte compagnie per azioni, le quali insieme possono produrre circa il quadruplo del consumo medio del paese. Per evitare una inutile concorrenza reciproca, queste ditte formarono un sindacato, che divide fra di loro tutti i contratti coll’estero, e determina caso per caso a quale ditta spetti fare l’offerta effettiva. Questo trust alcuni anni fa aveva stretto persino un concordato coi padroni di ferriere inglesi, concordato oggi rescisso. Così pure le miniere di carbone di Westfalia (che producono circa 37 milioni di tonnellate all’anno) avevano formato un sindacato per regolare la produzione, designare gli offerenti per i contratti, fissare i prezzi. Insomma qualunque industriale tedesco potrà dirvi che l’unico vantaggio che gli portano i dazi protettivi è che essi gli permettono di rifarsi sul mercato interno dei prezzi rovinosi ch’egli deve accettare all’estero. E questo non è tutto. L’assurdo sistema di proteggere gli industriali non è che l’offa gettata ai capitalisti dell’industria per indurli a sorreggere un monopolio ancora più iniquo accordato agli interessi fondiari. Non solo ogni produzione industriale viene assoggettata a gravi dazi d’importazione e questi vengono accresciuti ogni anno, ma industrie rurali, condotte sopra latifondi per conto del proprietario, vengono letteralmente premiate coi denari del pubblico. La fabbricazione dello zucchero di barbabietola non è solo protetta, ma riceve somme enormi sotto forma di premi d’esportazione. Persone competenti pensano che, se anche tutto lo zucchero esportato venisse buttato a mare, il fabbricante avrebbe ugualmente un profitto per i soli premi del Governo. Così pure le distillerie d’alcool dí patata ricevono, in conseguenza dí leggi recenti, una regalia, levata dalle tasche del pubblico, di circa 50 milioni di lire all’anno. E siccome quasi ogni grande proprietario nel nord-est della Germania è o un fabbricante dí zucchero di barbabietola o un distillatore d’alcool di patata, o l’uno e l’altro insieme, qual maraviglia che il mondo sia letteralmente inondato dalle loro produzioni?

Questa politica, rovinosa in qualunque circostanza, lo è doppiamente in un paese dove le fabbriche mantengono la loro posizione sui mercati neutri soprattutto mediante il buon mercato della mano d’opera. I salari in termini, mantenuti, nel miglior caso, al minimum delle sussistenze, dalla sovrabbondanza della popolazione (la quale cresce rapidamente malgrado l’emigra. zione), devono crescere in conseguenza del rincaro di tutti i generi di prima necessità causato dal protezionismo: l’industriale tedesco allora non potrà più, come può oggi, troppo spesso conservare i prezzi rovinosi dei suoi articoli con una diminuzione dei suoi salari normali, e verrà così vinto sul mercato. Il protezionismo in Germania sta uccidendo la gallina dalle uova d’oro.

Degli effetti del protezionismo soffro anche la Francia. Qui il protezionismo, dominandovi da due secoli, è divenuto sangue della vita della nazione. Non di meno esso va diventando sempre più un imbarazzo. Mutamenti continui nei metodi di produzione sono all’ordine del giorno, ma il protezionismo sbarra la via. Si fanno oggi velluti di seta col rovescio di filo di cotone fino. Questo filo si fabbrica in Inghilterra assai più a buon mercato che in Francia. Il fabbricante francese deve dunque o pagare l’elevatissimo dritto d’entrata di questo filo, oppure, se vuole ottenerne il rimborso all’atto della esportazione del suo velluto, sottomettersi a cosi interminabili vessazioni burocratiche che assolutamente non ci ha più il tornaconto; e così il commercio del velluto migra da Lione a Crefeld, dove il prezzo di protezione per il filo di cotone fino è sensibilmente più basso. Come già dicemmo, l’esportazione francese consiste specialmente in articoli di lusso, nei quali il buon gusto francese ha tuttora il primato; ma, i consumatori più importanti di questi articoli sono, in tutto il mondo, le nostre moderne intraprese capitaliste, le quali non hanno né educazione né buon gusto, e cui soddisfano altrettanto bene le grossolane imitazioni tedesche e inglesi a buon mercato; anzi spesso queste vengono fornite loro per articoli francesi genuini a prezzi più che fantastici. Per quelle specialità che non si possono fabbricare fuori di Francia il mercato si restringe ogni di più, l’esportazione di manifatture francesi a mala pena si sostiene e presto dovrà declinare; con quali nuovi articoli potrà la Francia surrogare quelli la cui esportazione va cessando? Se qualche cosa può venirle in aiuto è un’ardita introduzione del libero scambio che tolga l’industriale francese alla sua atmosfera di serra calda e lo risospinga nell’aria libera della concorrenza coi rivali stranieri. Certo il commercio francese, nel suo complesso, avrebbe già da tempo incominciato ad intisichire se non era il breve e timido passo verso il libero scambio fatto dal trattato di Cobden del 1860; ma questo ha oramai esaurita la sua azione e v’è bisogno di una dose più forte dello stesso tonico.

Mette appena conto di parlare della Russia. Ivi la tariffa protettiva — poiché i dazi si devono pagare in oro e non nella deprezzata valuta cartacea del paese — serve soprattutto a fornire a quel misero governo la moneta effettiva indispensabile per le transazioni coi creditori stranieri; se un giorno quella tariffa adempisse veramente alla sua missione protettiva coll’escludere affatto le merci estere, quel medesimo giorno il governo russo fallirebbe. Eppure quello stesso governo va divertendo i suoi sudditi col far balenar loro la prospettiva di rendere la Russia, con quella tariffa, un paese del tutto indipendente, non tributario all’estero né di generi alimentari, né di materie, prime né di manifatture, né di opere d’arte. Quei che han fede in questo miraggio di un impero russo isolato dal resto del mondo possono andare a braccetto con quel patriottico luogotenente prussiano, che in una bottega domandava, non un globo terraqueo o celeste, ma un globo di Prussia.

Torniamo all’America. Vi hanno molti sintomi secondo i quali il protezionismo avrebbe ormai esaurita la propria azione a pro degli Stati Uniti e, quanto più presto riceverà il suo congedo, sarà meglio per tutti. Uno di questi sintomi è la formazione di rings e di trusts nel seno delle industrie protette, miranti a sfruttare più profondamente il loro monopolio. Ora, rings e trusts sono in verità instituzioni americane, e là dove esse sfruttano ricchezze naturali essi vengono generalmente, sebbene di mala voglia, sopportati. La trasformazione dei pozzi di petrolio di Pensilvania in un monopolio mediante la Standard Oil Company è un fenomeno affatto consono alle regole della produzione capitalista. Ma se i raffinatori di zucchero tentano di trasformare la protezione, che il paese loro accorda. contro la concorrenza straniera, in un monopolio contro il consumatore indigeno, cioè contro quella stessa, nazione che ha accordata la protezione, allora la cosa, muta aspetto. Eppure i grandi raffinatori hanno firmato un trust che mira appunto a questo. E il sindacato dello zucchero non è il solo. Ora, il formarsi di tali trusts entro industrie protette è il segno più securo che il protezionismo ha compiuta l’opera sua ed ora va mutando carattere; che esso non protegge più l’industriale contro l’importatore, ma lo protegge contro il consumatore del paese; che il protezionismo ha fabbricato, almeno in quel dato ramo speciale, un numero bastante, se non eccessivo, d’industriali; che il danaro da esso accumulato nella loro borsa è denaro sprecato; proprio come in Germania.

In America, come altrove, il protezionismo è sostenuto dall’argomento che il libero scambio gioverebbe soltanto all’Inghilterra. La miglior prova del contrario è che in Inghilterra, non solamente gli agricoltori ed i proprietari fondiari, ma persino gli industriali vanno diventando protezionisti. Nella patria della «scuola di Manchester», il 1.° novembre 1886, la Camera di commercio di Manchester discuteva una proposta nella quale era detto «che, avendo atteso invano per quarant’anni che le altre nazioni seguissero l’esempio libero scambista dell’Inghilterra, la Camera crede venuto il tempo di riesaminare quella situazione»; e la proposta era respinta, ma con soli 22 voti contro 21! E questo nel centro della industria del cotone, l’unica industria inglese la cui supremazia sul mercato aperto sembri ancora indisputata! Ma bisogna dire che persino in quel ramo speciale il genio inventivo è passato dall’Inghilterra all’America. I recentissimi perfezionamenti nelle macchine per filare e tessere il cotone vennero quasi tutti dall’America e Manchester li ha adottati. Nelle invenzioni industriali d’ogni specie, l’America ha chiaramente preso il disopra, mentre la Germania incalza alle reni l’Inghilterra. Questa si va persuadendo che il suo monopolio industriale è irremissibilmente perduto, che essa perde terreno ogni giorno di fronte ai progressi dei suoi competitori, che dovrà ormai contentarsi di essere una fra le tante nazioni industriali, e non più, come aveva sognato, «l’officina del mondo».

È per sottrarsi a questo fato minaccioso che uomini, che, or sono quarant’anni, non vedevano salute che nel libero scambio, oggi invocano con fervore il protezionismo pur tentando mascherarlo coi nomi di «commercio leale» e di reciprocità di tariffe. E quando gli industriali inglesi incominciano ad accorgersi che il libero scambio li rovina e domandano al governo d’essere protetti contro i concorrenti dell’estero, allora è venuto sicuramente il momento per questi rivali di rendere la pariglia buttando a mare un sistema protezionista d’ora innanzi inutile e di combattere il cadente monopolio industriale dell’Inghilterra con la sua propria arma, il libero scambio.

Ma, come già dissi, voi potete facilmente introdurre il protezionismo, ma non potete sbarazzarvene con pari facilità. L’assemblea legislativa adottando misure protezioniste ha fatto sorgere grandi interessi, dei quali deve rispondere. E nessuno di questi interessi — i vari rami dell’industria — è egualmente preparato, in un dato momento, a fare fronte ad una aperta concorrenza. Alcuni si troveranno in arretrato, mentre altri non hanno più bisogno della terapia protezionista. Questa differenza di condizione farà sorgere le solite congiure di anticamera, ed è per sé stessa una sicura garanzia che le industrie protette, se il libero scambio venga adottato, verranno abbandonate davvero molto facilmente, come accadde all’industria della seta in Inghilterra dopo il 1846. È questa una cosa inevitabile nelle attuali condizioni ed il partito libero-scambista dovrà sottomettervisi finché il mutamento venga adottato per principio.

La questione del libero scambio e del protezionismo si agita interamente nella cerchia del sistema presente di produzione capitalista e non ha quindi interesse diretto per noi socialisti che vogliamo farla finita con tale sistema. Indirettamente tuttavia essa ci interessa, in quanto noi dobbiamo desiderare che il presente sistema di produzione si svolga e si espanda liberamente e rapidamente quanto è possibile; poiché insieme con esso si svilupperanno anche quei fenomeni economici che ne sono le necessarie conseguenze e che dovranno distruggere l’intero sistema: miseria della gran massa dovuta alla sovraproduzione; dalla sovraproduzione periodici ingorghi e crisi industriali e commerciali, accompagnate da panico, ovvero un ristagno commerciale cronico; divisione della società in una esigua classe di grandi capitalisti e in un’altra vasta classe condannata alla schiavitù del salario, schiavitù praticamente ereditaria; un proletariato che, mentre cresce di continuo, nello stesso tempo costantemente sostituito da macchine economizzatrici di lavoro; in breve una società sospinta in un cul di sacco senza uscita, se non se ne rimodelli tutta la struttura economica fondamentale.

Fu da questo punto di vista che, quarant’anni fa, Marx si pronunciò in massima a favore del libero scambio, come il sistema più progressivo, come quello che spingerà più presto nel cul di sacco la società capitalista. Ma se fu per questo che Marx si pronunciò pel libero scambio quale misura rivoluzionaria, non dovrebbero dunque i sostenitori dell’ordine presente, i cittadini ben pensanti, dichiararsi pel protezionismo?

Se un paese oggi accetta il libero scambio non lo fa certo per compiacere i socialisti. Lo fa perché il libero scambio è diventato una necessità per i capitalisti delle sue industrie. Ma, quando pure adottasse il protezionismo onde eludere la catastrofe sociale attesa dai socialisti, farebbe pur sempre opera vana.

Il protezionismo, essendo una fabbrica artificiale di industriali, lo è anche di salariati. Quelli suppongono questi. Il salariato segue dovunque le orme dell’industriale; e somiglia al triste affanno d’Orazio che è seduto in groppa col cavaliere e che quest’ultimo non può levarsi d’accanto dovunque egli vada. Non ci è possibile sottrarci al destino; in altre parole non possiamo sottrarci alle conseguenze necessarie delle nostre proprie azioni. Un sistema di produzione, fondato sullo sfruttamento dei salariati ed in cui la ricchezza cresce in proporzione del numero di braccia impiegate e sfruttate, non può che accrescere la classe dei salariati, la classe cioè destinata a distruggere un giorno il sistema medesimo. Nel frattempo non v’è che fare: è necessità che voi continuiate a sviluppare il sistema capitalista, che voi acceleriate la produzione, l’accumulazione e l’accentrazione della ricchezza capitalistica ed insieme con ciò la formazione di una classe rivoluzionaria di lavoratori. Che voi vi gettiate nelle braccia del protezionismo o del libero scambio, ciò non produce in definitiva alcuna differenza, e ben poca nella lunghezza dell’intervallo che vi separa dal giorno della fine. Poiché assai prima di tal giorno il protezionismo sarà diventato una pastoia insopportabile a qualunque paese che aspiri, con qualche probabilità di successo, a tenere il suo posto nel mercato mondiale”.

 

 

 

Petrolio e politica-struttura, su scala planetaria: l’OPEC con la Russia e il prezzo del greggio.

In un suo interessante articolo intitolato “Il petrolio disegna nuove alleanze” (www.marx21.it) il ricercatore Demostenes Floros ha notato in modo lucido e correttamente che “la nascita dell’OPEC+ ha sancito la centralità della Russia come attore geopolitico ed energetico al fianco dell’Arabia Saudita, mentre cala il peso di Washington sull’Organizzazione. Sullo sfondo si rafforza l’alleanza tra Mosca e Pechino.

Nuovi tagli di produzione per limitare l’offerta di petrolio: lo hanno annunciato il 6 dicembre scorso i 24 paesi che compongono l’OPEC+. La coalizione tra il Cartello dei paesi esportatori di petrolio e i paesi non OPEC, a guida russa, ha inaspettatamente aumentato i tagli produttivi per un ammontare di 500.000 b/g, incrementandoli da 1.200.000 b/g a 1.700.000 b/g fino al 31 marzo 2020.

L’obiettivo dei produttori di petrolio è di ridurre l’eccesso di offerta attualmente presente nel mercato. In realtà, l’OPEC+ aveva già effettuato tagli per un importo superiore rispetto a quelli ufficialmente approvati il 30 novembre 2018 e implementati a partire dal primo gennaio 2019. Ad esempio, a novembre scorso, l’OPEC+ ha tagliato 242.000 b/g in più rispetto alle quote prestabilite. Questo è il motivo principale per cui i prezzi del barile non sono significativamente aumentati nei giorni seguenti la stipula dell’accordo. Di fatto, nel momento in cui scriviamo (12 dicembre), il Brent viene scambiato a 63,93 $/b, mentre il WTI a 58,91 $/ b, circa 1 $/b in più rispetto al 6 dicembre.

In conformità con le stime fornite dall’International Energy Agency (IEA) il 15 novembre scorso, le entrate lorde medie giornaliere della Federazione Russa sono risultate essere pari a 670 milioni di dollari nel corso dei primi dieci mesi dell’anno corrente, in aumento di 170 milioni di dollari rispetto allo stesso periodo del 2016, prima che la neo nata OPEC+ riducesse la produzione di 1.800.000 b/g il 30 novembre 2016. Al contempo, l’Arabia Saudita – che ha tagliato il proprio output di oltre 700.000 b/g tra gennaio-ottobre – ha incamerato entrate per 630 milioni di dollari al giorno, cioè 125 milioni di dollari aggiuntivi rispetto al medesimo periodo del 2016.

Durante l’ultimo meeting di Vienna, i produttori OPEC e la Russia sono riusciti a raggiungere un importante accordo grazie al fatto che i primi hanno accettato una precisa richiesta russa, consistente nell’escludere i gas condensati dal calcolo del proprio tetto produttivo. In precedenza, solamente i membri dell’OPEC godevano di tale diritto. Nonostante non sussista una definizione comune di gas condensati, secondo la terminologia utilizzata dalla IEA, per petrolio si intende la somma tra greggio, liquidi separati dal gas naturale (in inglese, NGL – Natural Gas Liquids) e gas condensati, cioè liquidi condensati dai gas naturali (Gas Condensate). Più precisamente, per liquidi associati, si intende la somma di liquidi separati e liquidi condensati. Grazie a questo nuovo metodo di calcolo, il quale è stato esteso a tutti i produttori non-OPEC, l’output russo è risultato inferiore rispetto a quello calcolato con il metodo precedente, conformandosi più agevolmente anche agli ultimi tagli decisi in sede OPEC+.

A tal riguardo, un secondo aspetto merita di essere approfondito.

La maggior parte dei giacimenti di gas naturale contiene una mescolanza di gas, tra cui anche i condensati, che vengono estratti contemporaneamente. Tenuto conto delle nuove norme decise il 6 dicembre, d’ora in poi, nel caso in cui la Federazione Russa (Gazprom, Lukoil, ecc.) desiderasse sfruttare nuovi giacimenti gasieri – ad esempio, in Siberia – al fine di soddisfare la domanda crescente di gas naturale della Cina, potrebbe farlo senza la preoccupazione di dovere limitare la produzione di condensati onde rispettare la propria quota estrattivo di petrolio. Per di più, il prezzo di mercato dei gas condensati è superiore rispetto a quello del gas naturale.

Dopo il colpo di Stato in Ucraina nel 2014, in virtù del quale si è giunti anche al referendum in Crimea, gli Stati Uniti d’America – così come l’Unione Europea – hanno imposto sanzioni nei confronti della Federazione Russa. A cinque anni di distanza da quegli eventi, l’influenza politica di Mosca sull’OPEC è un dato di fatto, mentre il peso statunitense sull’Organizzazione, la quale era sempre stata considerata una sorta di “giardino di casa di Washington” da parte delle élite americane, sta sensibilmente diminuendo come abbiamo avuto modo di anticipare sin dal nostro report di giugno 2019.

Al tempo, ponemmo in evidenza i seguenti tre aspetti politici fondamentali:

– L’istituzionalizzazione dell’OPEC+ sancisce la centralità della Federazione Russa, sia come principale esportatore di energia al mondo (a partire da petrolio e gas naturale) sia, come indispensabile attore geopolitico della nascente architettura internazionale multipolare;

– L’OPEC+ rafforza il coordinamento delle politiche dei produttori convenzionali dinnanzi alla sfida lanciata loro nel corso degli ultimi anni dai cosiddetti frackers, o produttori non convenzionali (le esportazioni di Russia e Arabia Saudita coprono il 25% circa dell’export globale di greggio);

– Storicamente, l’Arabia Saudita è considerata lo swing producer globale, nella misura in cui ha la capacità di limitare deliberatamente il proprio output nel tentativo di soddisfare le fluttuazioni della domanda del mercato, mantenendo offerta e domanda globali sostanzialmente in equilibrio. Negli ultimi anni, grazie all’implementazione della tecnica del fracking, alcuni analisti hanno ritenuto che gli Stati Uniti avrebbero sostituito, o perlomeno affiancato, l’Arabia Saudita in questo preciso ruolo. L’impressione è che con la nascita dell’OPEC+ e con la Cina frattanto divenuta il principale importatore di petrolio al mondo, i sauditi già condividono questa responsabilità con la Federazione Russa più che con gli USA.

Ora, tocca alla Cina fare la prossima mossa sullo scacchiere energetico globale.

Il 2 dicembre 2019, è stato lanciato il Power of Siberia, il quale rifornirà la Cina con gas naturale russo. Di conseguenza, nel medio periodo, esiste la concreta possibilità che l’oro blu siberiano possa sostituire parte delle esportazioni di gas naturale liquefatto USA (GNL) in quanto meno costoso rispetto al concorrente americano, ma anche in virtù del rafforzamento della cooperazione strategica tra le due super potenze eurasiatiche. Tuttavia, la decisione della Cina potrebbe potenzialmente influenzare anche l’esito dell’accordo commerciale tutt’ora in corso tra Pechino e Washington, come ha correttamente rilevato Oilprice.com il 2 dicembre 2019.

Ultimi dati e stime sull’oil & gas

Secondo le statistiche stilate dal Drilling Productivity Report divulgato dall’Energy Information Administration (IEA) il 18 novembre scorso, la produzione di greggio non convenzionale USA è prevista aumentare di 49.000 b/g, per complessivi 9.133.000 b/g, a dicembre 2019. L’output di greggio statunitense, dopo il precedente picco di 9.627.000 b/g raggiunto ad aprile 2015, è decresciuto fino al minimo di 8.428.000 b/g toccato il 1 luglio 2016. Dopodiché, esso ha ripreso ad aumentare fino al record stimato di 12.900.000 b/g toccato il 22 novembre scorso (stime settimanali).

Secondo le statistiche divulgate da Baker Hughes il 6 dicembre, le 799 trivelle attualmente attive negli Stati Uniti, di cui 633 (83,0%) sono petrolifere e 133 (16,6%), più 3 mista (0,4%), risultano essere 18 in meno rispetto a quelle rilevate il 6 novembre, il minimo dal 17 marzo 2017. Le statistiche sopra menzionate mostrano che l’industria statunitense del fracking, che è stata definita dal presidente russo, Vladimir Putin, come “barbarica”, ha raggiunto nuovi massimi nella produzione di petrolio, così come l’ennesimo trimestre di cash flow negativo. “Fino a quando le società di fracking non potranno dimostrare di essere in grado di produrre liquidità così come idrocarburi, gli investitori cauti sarebbero saggi nel considerare il settore come un’impresa speculativa con prospettive deboli e un modello di business non comprovato”, hanno scritto Clark Williams-Derry e Kathy Hipple nel rapporto IEEFA. Al terzo trimestre, 32 società operanti nell’oil & gas hanno presentato istanza di fallimento, secondo Haynes e Boone.

A settembre 2019, le importazioni di greggio da parte degli USA sono crollate di ben 466.000 b/g a 6.478.000 b/d. Quest’ultime erano state 6.944.000 b/d ad agosto 2019, 6.935.000 b/g a luglio, 7.141.000 b/g a giugno, 7.158.000 b/g a maggio, 7.025.000 b/g ad aprile, 6.759.000 b/g a marzo 2019, 6.652.000 b/g 2019 a febbraio 2019 e 7.520.000 b/g gennaio 2019. Nel corso del 2019, la media dell’import di greggio statunitense è stata di 7.017.000 b/g, in diminuzione rispetto ai 6.957.000 b/g nel 2018 e ai 7.969.000 b/g nel 2017. Secondo i dati delle dogane cinesi, il principale importatore di petrolio al mondo ha aumentato le proprie importazioni dell’11,5% rispetto allo stesso mese del 2018, per una media di 10.720.000 b/g.

Il trend petrolifero e valutario.

A novembre 2019, nonostante le scorte commerciali USA siano costantemente aumentate da 438.853.000 barili il 25 ottobre a 451.952.000 barili il 22 novembre, il prezzo del barile è aumentato di circa 2,5 $/b in virtù del crescente ottimismo in merito al superamento dell’attuale disputa commerciale tra gli Stati Uniti d’America e la Cina, il cui effetti stanno influenzando negativamente la crescita della domanda petrolifera. In particolare, la qualità Brent North Sea ha aperto le transazioni a 59,67 $/b e ha chiuso a 62,43 $/b, mentre il West Texas Intermediate ha iniziato scambiando a 54,34 $/b, per poi chiudere a 55,65 $/b”.[33]

[1] K. Phillips, “Ricchezza e democrazia”, p. 10, ed. Garzanti

[2] Op. cit. pp. 54-55

[3] Op. cit., pp. 57-58

[4] Op. cit., p. 87

[5] Op. cit., p. 92

[6] Op. cit. pp. 448-449

[7] Op. cit. p. 114

[8] I. Wallerstein, “Il capitalismo storico”, p. 34, ed. Einaudi

[9] P. Johnson,  “Storia degli ebrei”, p. 314, ed. TEA

[10] P. Phillips e Project Censored, “Censura 2007″, p. 339, ed. Nuovi Mondi Media

[11] N. Birnbaum, “Le Monde Diplomatique”, ottobre 2002

[12] S. Cingolani, “Guerre di mercato”, p. 461, ed. Laterza e W. Reymond, “Coca-Cola. L’inchiesta proibita”, p. 296, ed. Anteprima

[13] Amy Chua, “L’età dell’odio”, pp. 31/285, ed. Carocci

[14] I. Wallerstein, “Il capitalismo storico”, p. 34, ed. Einaudi

[15] G. Gabellini, “Le origini della Guerra Fredda e la nascita del complesso militar-industriale”, in http://www.sinistrainrete.info

[16] Francesco Piccioni, “L’incubo del Mes sul nostro prossimo futuro”, in http://www.sinistrainrete.info

[17] A. Baranes, “Dieci anni di crisi, ritorno al passato”, 14 settembre 2018, in sbilanciamoci.info

[18] A. P. Lancellotti, “Decreto Salva-Banche: la socializzazione delle perdite oltre la truffa”, in http://www.globalproject.info

[19] M. Bartolini, “Chiesa, 2 mila miliardi di immobili nel mondo”, 15 febbraio 2013 in ilsole24ore.com

[20] R. Mela, “Le ricchezze della chiesa cattolica”, in it.facebook.com

[21] R. Bodei, “Dominio e sottomissione”, p. 96, ed. Il Mulino

[22] M. A. Galdi, “L’illuminismo e la tratta atlantica degli schiavi”, in http://www.tesionline.it

[23]  “L’Arsenale di Venezia e i cantieri navali della marina”, in http://www.treccani.it

[24] G. Rastaldo, “La prima banca d’Italia, il Banco di San Giorgio”, in http://www.ilmugugnogenovese.it

[25] “Storia delle tasse – Le tasse nella storia”, in http://www.informagiovani-italia.com

[26] G. Cordasco, “Tasse, la classificazione dei paesi con la pressione fiscale più alta”, in http://www.panorama.it

[27] “Gli stati dove si pagano meno tasse. Classifica 2019”, in http://www.travel365.it

[28] “Dalla Lidia a Carlo Magno”, in http://www.met-economia.it

[29] S. Moiso, “Le false promesse del capitalismo di stato”, in http://www.carmillaonline.com

[30] M. Altenried, “Il container e l’algoritmo”, in http://www.sinistrainrete.info

[31] A. Alabisi, “Storia del Giappone”, p. 161, ed. Newotn e Compton

[32] G. Godels, “E’ solo tutto per il petrolio?”, in http://www.sinistreinrete.info

[33] D. Floros, “Il petrolio disegna nuove alleanze”, in  http://www.marx21.it

La “leva di Wallerstein”

Pubblichiamo un capitolo, intitolato “La leva di Wallerstein”, del nuovo libro che uscirà a fine gennaio 2020 e il cui titolo è “Politica-struttura, espressione concentrata dell’economia” scritto da Alessandro Pascale, Daniele Burgio, Massimo Leoni e Roberto Sidoli.

Buona lettura.

 

 

                                La “leva di Wallerstein”

 

Un’altra verifica e un ulteriore stress-test riguardo alla teoria della politica-struttura e del fatto che una sezione della sfera politica si rivela costantemente “espressione concentrata dell’economia” consiste nell’esperienza concreta e plurisecolare del capitalismo, la quale dimostra instancabilmente come proprio a fini economici e materiali di classe “il controllo del potere statale (o la sua conquista, quando era necessario) sia stato l’obiettivo strategico fondamentale di tutti i principali attori nella scena politica, lungo l’intero arco del capitalismo” (Wallerstein).[1]

Perché dunque risulta così importante, anche nelle formazioni economico-sociali capitalistiche contemporanee, “occupare” e controllare i gangli fondamentali del potere politico e degli apparati statali?

Perché impossessandosi totalmente/parzialmente dei diversi organi dell’apparato statale, in modo più o meno completo i nuclei politici vittoriosi escludono gli antagonisti dall’accesso al potere direzionale, di controllo e repressivo delle loro formazioni statali, potendo pertanto decidere sugli affari comuni della società in un senso sfavorevole agli interessi politico-materiali dei propri avversari/antagonisti e dei loro mandanti sociali, garantendosi allo stesso tempo una favorevole riproduzione materiale della loro esistenza come soggetto politico e – soprattutto – producendo scelte di priorità almeno particolarmente a vantaggio dei loro più diretti referenti sociali.

Una prima conferma “in negativo” della sovraesposta “teoria dell’occupazione” viene dall’esperienza plurimillenaria vissuta dall’élite economica del popolo ebraico e in particolare dalla sua profonda e costante vulnerabilità, in assenza forzata fino al 1947 di un suo controllo (almeno parziale) sui centri decisivi del potere politico e degli apparati statali delle nazioni nelle quali operava.

«In diversi periodi, nell’antichità, nei secoli bui e nell’Alto Medioevo, nel XVI secolo, gli ebrei avevano avuto commercianti e imprenditori brillanti, spesso di grande successo, ma il potere economico ebraico era estremamente vulnerabile, con ben scarsa tutela sul piano legale. Sia nella cristianità sia nell’islam i patrimoni degli ebrei erano esposti a sequestro arbitrario da un momento all’altro. Si potrebbe dire che l’assalto nazista alle attività ebraiche, tra il 1933 ed il 1939, o le confische di proprietà ebraiche da parte degli stati arabi negli anni 1948-50, sono stati soltanto gli ultimi più radicali di questi attacchi economici contro gli ebrei.»[2]

Il filosionista P. Johnson, ostile ai sacrosanti diritti del popolo palestinese, almeno ha intuito quasi per caso la reale importanza (economica) del controllo diretto-indiretto degli apparati statali per ogni classe e frazione di classe sfruttatrice: ma anche nella nostra epoca post-moderna vi sono innumerevoli segnali in questa direzione, a partire dalla vittoria nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2000 e del 2004 del repubblicano G. W. Bush.

Anche se la differenza reale tra i programmi di quest’ultimo e quelli dei democratici A. Gore e Kerry era inesistente su nodi politici centrali, quali la difesa a oltranza del sistema capitalistico americano o la priorità assoluta attribuita da tutti gli interessati alle esigenze planetarie dell’imperialismo statunitense, il successo riportato dal rampollo della dinastia Bush sui suoi rivali ha consentito per una certa fase la quasi completa affermazione della sfera dei bisogni e dell’opzione politico-materiale di alcune frazioni del monopolio statunitense operanti nel settore energetico e degli armamenti, tanto da consentire allo scrittore statunitense G. Vidal di affermare che “l’ex presidente Bush Senior rappresenta il Carlyle Group: petrolio. L’attuale presidente, George W. Bush, rappresenta la Harken Oil, che ha legami con l’Arabia Saudita. La bellissima Condoleeza Rice è stata per dieci anni una dirigente della Chevron: petrolio. Il ministro della Difesa Rumsfield, Occidental Oil: petrolio. Questi sono i grandi rappresentanti del governo” (Manifesto, dicembre 2002).

Detto in altri termini, tra il 2001 ed il 2008 i mandatari politici delle grandi multinazionali petrolifere e del complesso militare-industriale del paese hanno occupato le posizioni centrali della stanza dei bottoni di Washington, spostando con più decisione che in passato il baricentro politico dell’imperialismo USA a sostegno di posizioni iperaggressive rispetto ad aree “calde” ed importanti del pianeta quali l’Asia centrale, il Golfo Persico e l’Europa orientale, dando vita ed alimento alle guerre scatenate contro l’Afghanistan e l’Iraq nel periodo compreso tra il 2001 e il 2003 ed ottenendo dal loro successo politico enormi dividendi materiali per i loro diretti mandanti sociali: ad esempio la Lockeed Martin ha visto aumentare le sue vendite di armi al Pentagono più del 30% nel periodo compreso tra il 2001 ed il 2004.[3]

In modo sostanzialmente corretto Norman Birnbaum, docente all’Università di Georgetown di Washington, ha focalizzato l’attenzione sul cardine centrale dell’ideologia e della pratica politica di G. W. Bush e del suo clan, in cui la distinzione tra politica ed affari sostanzialmente svanisce, anche sotto l’aspetto formale e propagandistico.

«I democratici ridono del suo nepotismo, l’accusano di considerare la politica un business. Ma, in realtà, il giovane Bush ha capito un aspetto fondamentale del capitalismo: la sottomissione della sfera pubblica al mercato. I suoi soci in affari, esattamente come suo padre, sono presenti nel commercio delle armi, nei servizi finanziari, della petrolchimica e dell’alta tecnologia. E i loro rappresentanti sono stati quindi piazzati alla testa delle istituzioni e dei dipartimenti federali».[4]

Bush padre, Bush figlio, Silvio Berlusconi e Donald Trump costituiscono del resto quattro esempi concretissimi e ipermoderni di controllo e occupazione, diretta e plateale, del potere politico da parte di grandi miliardari e di sezioni, più o meno consistenti, dell’alta borghesia occidentale legate e connesse al quartetto in oggetto, il quale ha compreso perfettamente il ruolo giocato dalla “leva di Wallerstein”.

L’importanza di avere propri uomini e propri amici, ben “piazzati” nei gangli centrali degli apparati statali, risulta del resto perfettamente conosciuta dalla borghesia e si è manifestata chiaramente anche nei frequenti scontri creatisi tra i monopoli della stessa nazione o di diversa provenienza statale, lotte che hanno spesso segnato nell’ultimo secolo i processi economici all’interno delle metropoli del capitalismo di stato post-moderno e contemporaneo. Quando l’economista S. Cingolani ha analizzato minuziosamente le “guerre dei mercati” e le alleanze che hanno contraddistinto la storia delle multinazionali mondiali del settore dell’auto, dell’elettronica, delle finanze e dell’energia, dell’aviazione e dell’alimentazione a partire dall’inizio della seconda guerra mondiale e fino al 2000, sintetizzando i risultati complessivi del suo lavoro lo studioso italiano ha espresso un’interessante valutazione sul ruolo determinante giocato dalla sfera politica nelle guerre di mercato, con particolare riferimento al ventennio 1980-2000.

«Nel ventennio in cui lo stato ha mollato il ruolo di produttore di ricchezza, ha ridimensionato la sua funzione redistributrice (soprattutto di fronte all’esplodere dei mercati finanziari), ma molto spesso ha rinunciato anche a scendere in campo come arbitro, si sono verificate pesanti intromissioni dei governi nelle guerre di mercato per sostenere imprese (è avvenuto nella battaglia Boeing-Airbus) o interessi di gruppi organizzati (come i contadini in Europa e i produttori di auto negli Stati Uniti), operare salvataggi non tutti economicamente giustificati (l’acciaio in Europa, la Chrysler e le casse di risparmio negli USA). In modo diretto e indiretto il potere politico è sempre rimasto attivo, come abbiamo visto. Persino la Coca-Cola deve il suo primato al sostegno ottenuto dell’esercito americano durante la seconda guerra mondiale. Il dibattito sul ruolo del pubblico contrapposto al privato, dunque, dovrebbe tenere presente molto di più il concreto svolgimento del conflitto concorrenziale».[5]

Il ruolo del settore pubblico ha esercitato un enorme peso sia nel caso politico-giudiziario che ha coinvolto la Microsoft di Bill Gates nel 1997-2001 che nel processo di sostegno finanziario statale costantemente offerto, per decenni, al monopolio torinese della FIAT, passando negli ultimi decenni dalla vendita-regalo dell’Alfa Romeo fino agli aiuti economici forniti dai governi Prodi e Berlusconi alla famiglia Agnelli per “contrastare la concorrenza internazionale”: gli esempi si potrebbero facilmente moltiplicare proprio partendo dall’area italiana, visto che un certo Silvio Berlusconi è sicuramente a conoscenza da molti decenni del ruolo decisivo svolto dalla sfera politico-sociale nell’assicurare il successo/insuccesso economico di certi capitalisti, di determinati monopoli e di particolari tendenze politico-sociali della borghesia monopolistica, rispetto ai loro concorrenti economici ed avversari politici.

Un’ulteriore massa di prove empiriche a sostegno dell’importanza assunta ancora oggi, proprio nell’era post-moderna, dai processi di occupazione – totale/parziale – degli apparati statali e della sfera politica da parte delle diverse frazioni che compongono l’insieme dei gruppi sociali privilegiati proviene dalle concrete esperienze moderne e post moderne vissute da tutte quelle potenti “minoranze economicamente dominanti” nei loro stati di appartenenza, abitati in larga maggioranza da popolazioni di etnia/religione/lingua diversa dalla loro, le quali risultano di regola particolarmente vulnerabili ad attacchi politico-economici da parte dei loro concittadini, ivi comprese le lobby economiche più ricche e potenti di questi ultimi.

La studiosa americana Amy Choua ha notato correttamente che, tra il 1945 ed il 2002, «in tutti i paesi del Sud e del Sud-Est asiatico, dell’Africa, dei Caraibi e delle Indie occidentali, in quasi tutta l’America Latina e in alcune zone dell’Europa orientale e della ex Unione Sovietica, il libero mercato ha determinato una rapida accumulazione di ricchezze, tanto consistenti da risultare spesso sconvolgenti, nelle mani di una minoranza etnica “estranea” o “alloctona”»: secondo Choua tali minoranze dominanti sul piano economico si distinguono sia «per le loro origini, per il colore della pelle, per la religione, per la lingua o per legami di sangue dalle masse impoverite o dalle altre sezioni dei ceti benestanti che li circondano e che li considerano appartenenti a una diversa etnia o a un gruppo differente», che per il loro interesse vitale al mantenimento/acquisizione di un grado sufficiente di controllo sulla sfera politica e gli apparati statali.

Sempre secondo la studiosa «il dato di fondo è questo: la democrazia» (di matrice occidentale e liberal parlamentare) «può risultare avversa agli interessi delle minoranze economicamente dominanti. Gli indiani del Kenya e i bianchi del Sudafrica, dello Zimbabwe e degli Stati Uniti del Sud che per generazioni hanno opposto resistenza alla democratizzazione avevano ottime ragioni per farlo: le minoranze economicamente dominanti non aspirano mai alla democrazia, almeno non quando rischiano che il loro destino sia deciso da un vero governo di maggioranza.

Alcuni lettori solleveranno di certo molte obiezioni. Spesso sembra che diverse minoranze economicamente dominanti – i cinesi in Malaysia, tanto per fare un esempio, o gli ebrei in Russia e gli statunitensi in tutto il mondo – rappresentino i più accesi fautori della democrazia. Ma il concetto di “democrazia” è notoriamente controverso, e il suo significato varia secondo l’uso.

Quando una minoranza imprenditoriale ma politicamente vulnerabile, come i cinesi del Sud-Est asiatico, gli indiani dell’Africa orientale o gli ebrei russi, auspica la democrazia, quello che ha in mente è un sistema costituzionale di garanzia dei diritti umani e di tutela della proprietà delle minoranze. In altri termini, quando questi gruppi “estranei” rivendicano la democrazia, richiedono una protezione dalla “tirannia della maggioranza”.»

In altre parole, tali “gruppi estranei” richiedono almeno un controllo parziale sulla politica economica degli stati in cui operano, ed un’occupazione parziale del potere politico.

«In modo analogo, quando le élite di sangue europeo della Bolivia, dell’Ecuador o del Venezuela parlano di democratizzazione, fanno invariabilmente riferimento allo “Stato di diritto”. Ciò che di sicuro queste élite non vogliono dalla democrazia è che il diritto di proprietà e la politica economica finiscano improvvisamente nelle mani della maggioranza di sangue indio del paese, impoverita e scarsamente istruita. (Ne siano testimonianza l’orrore provato dall’élite venezuelana quando il leader populista Hugo Chavez è asceso al potere e i conseguenti tentativi di spodestarlo)».[6]

Tirando le conclusioni, ha acquisito un valore generale per tutte le società classiste (asiatiche, schiavistiche, ecc.) la tesi espressa dallo storico Wallerstein in riferimento al rapporto riprodottosi negli ultimi secoli tra potere politico ed interessi di classe/frazioni di classe della borghesia.

«In che modo la gente, i gruppi di persone hanno condotto le loro politiche nel capitalismo storico? La politica consiste nel cambiare i rapporti di potere in una direzione più favorevole agli interessi di qualcuno, e nel riorientare per conseguenza i processi sociali. Perseguirla con successo vuole dire trovare leve per il cambiamento che consentano il massimo vantaggio con il minimo sforzo… Non è un caso, perciò, che il controllo del potere statale (o la sua conquista, quando era necessario) sia stato l’obiettivo strategico fondamentale di tutti i principali attori nella scena politica, lungo l’intero arco del capitalismo moderno».[7]

“Controllo del potere statale” come “obiettivo strategico”, per “conseguire il massimo vantaggio” (economico, materiale) con “il minimo sforzo”: la “leva di Wallerstein” illumina la profonda matrice e il pesante ruolo socioproduttivo svolto dalla sfera politica borghese nell’ultimo millennio.

[1] I. Wallerstein, “Il capitalismo storico”, p. 34, ed. Einaudi

[2] P. Johnson, “Storia degli ebrei”, p. 314, ed. TEA

[3] P. Phillips e Project Censored, “Censura 2007″, p. 339, ed. Nuovi Mondi Media

[4] N. Birnbaum, “Le Monde Diplomatique”, ottobre 2002

[5] S. Cingolani, “Guerre di mercato”, p. 461, ed. Laterza e W. Reymond, “Coca-Cola. L’inchiesta proibita”, p. 296, ed. Anteprima

[6] Amy Chua, “L’età dell’odio”, pp. 31/285, ed. Carocci

[7] I. Wallerstein, “Il capitalismo storico”, p. 34, ed. Einaudi